Home » Bollettino Europa »Rubriche » Dieselgate: risarciti i clienti USA ma l’Europa resta ad aspettare:

Dieselgate: risarciti i clienti USA ma l’Europa resta ad aspettare

ottobre 31, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

Quasi 5 miliardi di dollari. È quanto Volkswagen, ha accettato di patteggiare negli Stati Uniti per le 475.000 vetture coinvolte nello scandalo del dieselgate. I risarcimenti inizieranno già dai primi di novembre, man mano che i richiedenti e gli studi legali che seguono le class action compileranno gli appositi documenti online.

Dopo la sentenza di patteggiamento del giudice federale Charles Breyer, a San Francisco in California, infatti, i clienti Usa potranno chiedere il riacquisto della vettura da parte dell’azienda, la cessazione anticipata del leasing e persino il pagamento in contanti. Le vetture coinvolte sono Golf, Beetle, Jetta, Passat e Audi A3 col motore 2.0 TDI, prodotte tra il 2009 e il 2015. Ancora aperto resta il contenzioso sul V6 3.0 TDI. Tutte hanno subito lo stesso “trucchetto” sulle emissioni di ossidi di azoto (NOx).

Più in dettaglio, il gruppo tedesco spenderà più di 10 miliardi di dollari per ricomprare le auto e risarcire i proprietari, e 4,7 miliardi per i programmi volti ad abbattere le emissioni inquinanti. Volkswagen ha, infatti, concordato il versamento di 2,7 miliardi di dollari in tre anni a un fondo fiduciario ambientale, gestito da un amministratore nominato dalla Corte, per compensare le emissioni di ossido di azoto (NOx) in eccedenza dei veicoli 2.0 TDI, e l’investimento di 2 miliardi di dollari in 10 anni in infrastrutture per veicoli a emissioni zero e in iniziative di sensibilizzazione.

In Europa invece la situazione è molto diversa. Dalle nostre parti la casa automobilistica tedesca non intende mettere mani al portafoglio per rimborsare i clienti europei, anche se le automobili diesel messe sul mercato del Vecchio Continente con false attestazioni sulle loro emissioni nocive sono state ben 8,5 milioni.

Quello che manca in Europa – e che è invece storicamente presente negli Stati Uniti – è un serio meccanismo di compensazione dei consumatori, intesi come categoria unica. I consumatori dovrebbero potersi associare tra loro per presentare una richiesta di risarcimento collettiva ad un’azienda ritenuta responsabile. Ci sono anche nella UE delle “class action” nate in vari Paesi, ma niente di strutturato come negli USA, viste le diverse legislazioni degli Stati Membri. È, infatti, competenza nazionale applicare le regole UE se vengono violate in materia di protezione dei consumatori, ma gli approcci sono molti diversi tra i vari Paesi.

L’unica via per raggiungere qualche risultato, quindi, sarebbe passare per Bruxelles e lasciare che la Commissione assuma un ruolo di coordinamento ponendosi come facilitatore tra le autorità di protezione dei consumatori dei 28 sui reclami contro Volkswagen per il Dieselgate. La Commissaria alla giustizia Vera Jourova, aveva già incontrato a settembre alcuni gruppi di consumatori provenienti da tutto il Continente per valutare come far valere le ragioni dei clienti europei. Inoltre, Bruxelles ha inviato una lettera formale al gruppo Volkswagen per invitarlo a riparare e rimborsare gli automobilisti europei con modalità analoghe a quelle previste negli Stati Uniti.

La differenza tra i vari sistemi giudiziari gioca, naturalmente, a favore del colosso di Wolfsburg. Dietro la strategia della Volkswagen c’è un calcolo molto semplice: i veicoli diesel interessati dalle manipolazioni sono stati 11 milioni in tutto il mondo, di cui 2,4 milioni in Germania. Applicando alla sola Germania soluzioni come quella concordata si raggiungerebbero rapidamente cifre molto più alte di quelle che l’azienda dovrà sborsare negli Stati Uniti. L’accordo statunitense assorbe già quasi del tutto i 16 miliardi di euro accantonati dall’azienda per rimediare allo scandalo. Versare indennizzi anche ad altri milioni di clienti metterebbe la Volkswagen in ginocchio. Da non sottovalutare, quindi, anche la forza e l’influenza tedesca all’interno dell’Unione Europea nel difendere una grande azienda nazionale.

Nel momento in cui è diventato chiaro che la posizione di Volkswagen non sarebbe cambiata, l’obiettivo si è dunque ridimensionato in quello di assicurare che tutte le associazioni e autorità nazionali per la protezione dei consumatori agiscano con un approccio simile, garantendo a tutti i cittadini dei 28 un uguale trattamento (qualche che sia) nonostante le differenze tra i sistemi nazionali. Una scommessa pur sempre impegnativa che, tuttavia, per essere vinta necessita di tempi lunghissimi. La vicenda è dunque lontana da una facile risoluzione ed è destinata a proseguire nei tribunali di tutta Europa ancora per molti mesi – se non anni.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende