Home » Bollettino Europa »Rubriche » Dieta mediterranea malsana? E’braccio di ferro tra Italia e Inghilterra sulle etichette alimentari:

Dieta mediterranea malsana? E’braccio di ferro tra Italia e Inghilterra sulle etichette alimentari

dicembre 16, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

Quando si è italiani e si vive all’estero tutto può essere messo in discussione del Belpaese, tranne il cibo. La difesa della dieta mediterranea e delle sue qualità, in termini di salute, sono, da sempre, temi attorno ai quali l’italiano fa fronte comune.

Ecco perché il nuovo sistema di etichettatura alimentare, che a breve entrerà in vigore nel Regno Unito, ha lasciato tutti molto perplessi. Sì perché eccellenze alimentari come il Parmigiano Reggiano o il Prosciutto di Parma campeggeranno sugli scaffali dei supermercati del Regno di Sua Maestà accompagnati da un bollino rosso in bella vista. Merito dell’introduzione del “semaforo” sulle confezioni dei cibi che saranno classificati come più o meno salutari in base ai contenuti di grassi, sale e zucchero ricevendo un contrassegno verde, giallo o rosso.

Ecco quindi che molti prodotti appartenenti alla dieta mediterranea e alla tradizione agroalimentare italiana sotto il diktat inglese saranno classificati, di per sè, come “malsani”.

È quindi partita l’offensiva dell’Italia, la quale, appoggiata da altri nove Stati membri: Francia, Spagna, Cipro, Portogallo, Grecia, Lussemburgo, Romania, Slovacchia e Slovenia, è decisa a dare battaglia in sede europea contro la decisione del Governo di Londra.

I problemi che verranno sollevati la prossima settimana, durante il Consiglio dei Ministri dell’Agricoltura, ma già accennati durante il Consiglio Salute, sono principalmente due. Il primo è di natura squisitamente commerciale. La misura può ostacolare la libera circolazione dei prodotti alimentari in Europa. È, inoltre, in contrasto con la normativa Ue sui prodotti Doc e Igp riconosciuti a livello UE come alimenti di alta qualità. Il Made in Italy rischia, così, di perdere un numero cospicuo di quote di mercato, danneggiando gli agricoltori e le aziende. Per quanto un prodotto possa essere conosciuto e rinomato, i consumatori saranno scoraggiati ad acquistare i prodotti etichettati con il codice rosso.

Su questo punto il rappresentante britannico ha già provveduto a rispondere che Londra non viola la normativa europea sull’etichettatura poiché questa non esclude forme di labelling alternative.

Il secondo riguarda invece la salute ed il benessere dei consumatori. L’olio  extravergine d’oliva, riconosciuto scientificamente per le sue qualità nutrizionale e di contrasto all’obesità e ad altre patologie anche gravi, rischia, per esempio di essere bollato con un’etichetta rossa per l’elevata presenza di grassi in 100 grammi di prodotto. Al contrario, l’olio di semi otterrà il bollino verde!

Una misura con ripercussioni profonde per il nostro Paese che insiste sul fatto che l’informazione data dal sistema del “semaforo” fuorviante e semplicistica. Non tiene, infatti, conto di come i diversi prodotti alimentari sono combinati in una dieta sana e neppure delle porzioni consumate. Senza contare che va del tutto in direzione contraria rispetto alla politica del labelling perseguita dall’UE. La quale mira a responsabilizzare il consumatore spingendolo a leggere attentamente le etichette che per questo devono essere le più chiare e complete possibili. A tal punto che, in sede comunitaria, un sistema come quello inglese era stato bocciato. Il Commissario alla sicurezza alimentare Tonio Borg ha detto che valuterà la situazione e vigilerà su eventuali violazioni delle norme del mercato unico.

Ma quello dell’etichettatura degli alimenti è un tema che sta molto a cuore al nostro Paese. Il quale da sempre preme sull’UE affinché venga garantita l’indicazione della provenienza delle materie prime dei cibi. Per meglio tutelare i produttori europei e permettere ai consumatori di fare scelte informate. Grazie alla battaglia italiana l’UE ha deciso di introdurre una nuova etichetta contenente la provenienza di carne fresche, refrigerate o congelate, di maiale, pecora, capra e pollame. Regola che attualmente è in vigore solo per la carne di manzo, a seguito della crisi della mucca pazza. Dal primo aprile 2015 sarà obbligatorio mettere nero su bianco il luogo dell’allevamento e della macellazione, mentre per l’origine potrà essere resa nota, su base volontaria, se la carne deriva da animali nati, allevati e macellati nello stesso Paese. Al riguardo, sono state stabilite una serie di norme per ogni tipo di produzione, per garantire che il luogo dell’allevamento corrisponda al luogo in cui l’animale ha trascorso una parte sostanziale della propria vita. È prevista, infine, una deroga per le carni macinate, per le quali dovrà essere indicato se sono state allevate e macellate nell’UE o in Paesi Terzi. Mancano, tuttavia, all’appello i piccoli animali come il coniglio.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende