Home » Bollettino Europa »Rubriche » Dieta mediterranea malsana? E’braccio di ferro tra Italia e Inghilterra sulle etichette alimentari:

Dieta mediterranea malsana? E’braccio di ferro tra Italia e Inghilterra sulle etichette alimentari

dicembre 16, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

Quando si è italiani e si vive all’estero tutto può essere messo in discussione del Belpaese, tranne il cibo. La difesa della dieta mediterranea e delle sue qualità, in termini di salute, sono, da sempre, temi attorno ai quali l’italiano fa fronte comune.

Ecco perché il nuovo sistema di etichettatura alimentare, che a breve entrerà in vigore nel Regno Unito, ha lasciato tutti molto perplessi. Sì perché eccellenze alimentari come il Parmigiano Reggiano o il Prosciutto di Parma campeggeranno sugli scaffali dei supermercati del Regno di Sua Maestà accompagnati da un bollino rosso in bella vista. Merito dell’introduzione del “semaforo” sulle confezioni dei cibi che saranno classificati come più o meno salutari in base ai contenuti di grassi, sale e zucchero ricevendo un contrassegno verde, giallo o rosso.

Ecco quindi che molti prodotti appartenenti alla dieta mediterranea e alla tradizione agroalimentare italiana sotto il diktat inglese saranno classificati, di per sè, come “malsani”.

È quindi partita l’offensiva dell’Italia, la quale, appoggiata da altri nove Stati membri: Francia, Spagna, Cipro, Portogallo, Grecia, Lussemburgo, Romania, Slovacchia e Slovenia, è decisa a dare battaglia in sede europea contro la decisione del Governo di Londra.

I problemi che verranno sollevati la prossima settimana, durante il Consiglio dei Ministri dell’Agricoltura, ma già accennati durante il Consiglio Salute, sono principalmente due. Il primo è di natura squisitamente commerciale. La misura può ostacolare la libera circolazione dei prodotti alimentari in Europa. È, inoltre, in contrasto con la normativa Ue sui prodotti Doc e Igp riconosciuti a livello UE come alimenti di alta qualità. Il Made in Italy rischia, così, di perdere un numero cospicuo di quote di mercato, danneggiando gli agricoltori e le aziende. Per quanto un prodotto possa essere conosciuto e rinomato, i consumatori saranno scoraggiati ad acquistare i prodotti etichettati con il codice rosso.

Su questo punto il rappresentante britannico ha già provveduto a rispondere che Londra non viola la normativa europea sull’etichettatura poiché questa non esclude forme di labelling alternative.

Il secondo riguarda invece la salute ed il benessere dei consumatori. L’olio  extravergine d’oliva, riconosciuto scientificamente per le sue qualità nutrizionale e di contrasto all’obesità e ad altre patologie anche gravi, rischia, per esempio di essere bollato con un’etichetta rossa per l’elevata presenza di grassi in 100 grammi di prodotto. Al contrario, l’olio di semi otterrà il bollino verde!

Una misura con ripercussioni profonde per il nostro Paese che insiste sul fatto che l’informazione data dal sistema del “semaforo” fuorviante e semplicistica. Non tiene, infatti, conto di come i diversi prodotti alimentari sono combinati in una dieta sana e neppure delle porzioni consumate. Senza contare che va del tutto in direzione contraria rispetto alla politica del labelling perseguita dall’UE. La quale mira a responsabilizzare il consumatore spingendolo a leggere attentamente le etichette che per questo devono essere le più chiare e complete possibili. A tal punto che, in sede comunitaria, un sistema come quello inglese era stato bocciato. Il Commissario alla sicurezza alimentare Tonio Borg ha detto che valuterà la situazione e vigilerà su eventuali violazioni delle norme del mercato unico.

Ma quello dell’etichettatura degli alimenti è un tema che sta molto a cuore al nostro Paese. Il quale da sempre preme sull’UE affinché venga garantita l’indicazione della provenienza delle materie prime dei cibi. Per meglio tutelare i produttori europei e permettere ai consumatori di fare scelte informate. Grazie alla battaglia italiana l’UE ha deciso di introdurre una nuova etichetta contenente la provenienza di carne fresche, refrigerate o congelate, di maiale, pecora, capra e pollame. Regola che attualmente è in vigore solo per la carne di manzo, a seguito della crisi della mucca pazza. Dal primo aprile 2015 sarà obbligatorio mettere nero su bianco il luogo dell’allevamento e della macellazione, mentre per l’origine potrà essere resa nota, su base volontaria, se la carne deriva da animali nati, allevati e macellati nello stesso Paese. Al riguardo, sono state stabilite una serie di norme per ogni tipo di produzione, per garantire che il luogo dell’allevamento corrisponda al luogo in cui l’animale ha trascorso una parte sostanziale della propria vita. È prevista, infine, una deroga per le carni macinate, per le quali dovrà essere indicato se sono state allevate e macellate nell’UE o in Paesi Terzi. Mancano, tuttavia, all’appello i piccoli animali come il coniglio.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende