Home » Rubriche »Very Important Planet » “Difendere la natura? Difendiamoci da lei!”. Intervista a Oliviero Toscani:

“Difendere la natura? Difendiamoci da lei!”. Intervista a Oliviero Toscani

giugno 29, 2012 Rubriche, Very Important Planet

Irriverente, come sempre. Oliviero Toscani, fotografo (non chiamatelo mai “pubblicitario”, lo considera un insulto), autore di alcuni degli scatti più discussi nella storia iconografica internazionale, ideatore delle storiche campagne di Benetton, fondatore di Fabrica e de “La Sterpaia“, una bottega di arte e comunicazione in stile rinascimentale, non ha bisogno di ulteriori presentazioni. Chiunque, in Italia, ha avuto almeno un’occasione di amarlo o di odiarlo. Quello che però non tutti colgono è che dietro i suoi paradossi e le sue provocazioni c’è sempre “sostanza”. “E’ pazzia, si, ma c’è del metodo…” diceva Polonio di Amleto. Toscani non è certo un ambientalista nel senso tradizionale del termine, ma le sue riflessioni sulla natura e il modo in cui l’uomo vi si rapporta sono tutto meno che folli.

D) Toscani, di lei come personaggio pubblico sappiamo già quasi tutto, mi racconti invece del suo rapporto con la natura…

R) Vivo in campagna, sono attorniato da animali, ho piantato migliaia di alberi (mi pare 15.000 in tutto, di cui 8.000 ulivi), quindi la mia parte l’ho fatta. Però detesto gli ambientalisti estremisti, quelli che chiamo i “green fanaticos“…

D) Intende l’ambientalismo ideologizzato anni ’70?

R) Macché anni 60-70, quello di adesso! Quelli che dicono no a tutto. mi stanno proprio sulle palle!

D) Lei è a favore del nucleare?

R) Io non sono a favore del petrolio. E allora, cosa devo fare? Sono a favore della ricerca. Il nucleare di per sé non è negativo, lo è solo perché non lo sappiamo gestire. Del resto non sappiamo gestire nemmeno l’acqua, ma non per questo uno è contro l’acqua.  Avrei molta paura comunque a dare in mano agli Italiani il nucleare…

D) La sua azienda agricola produce vino e olio da molti anni, ha mai pensato di dedicarsi all’agricoltura biologica?

R) Ma la mia è “agricoltura biologica”. Perché è tutto bio. Lei prende l’aspirina? Sì, e quella è bio? Appunto… Io non sono contrario alla chimica, perché anche la chimica è “bio”. Tutti questi bio-fondametalisti devono stare attenti, perché quando saranno malati cosa faranno? Forse non si cureranno, come fanno alcune sette?

D) Ci sono però produttori che usano l’omeopatia e altri rimedi naturali anche per curare le viti…

R) Sono fanatismi… Uno faccia quello che vuole, ma l’importante è non essere fanatici. Bisogna semmai stare attenti alla natura! Spesso siamo noi a doverci difendere dalla natura!

D) Eppure sul sito della sua azienda agricola lei scrive che “OT è il frutto della creatività di una natura che è stata particolarmente generosa con noi“: fin dove arriva la creatività della natura e dove il sapiente marketing di Oliviero Toscani?

R) La natura è indubbiamente una creatrice importante, ma va controllata. Basti pensare ai terremoti, agli tsunami ecc. Il cancro, ci pensi bene, è bio! Ma il cancro non si può combattere “biologicamente”. Come la mettiamo qui con i “fondamentalisti”? Ci sono alcuni movimenti estremisti che mi fanno veramente paura…

D) Mi parli invece del progetto “Nuovo Paesaggio Italiano” sviluppato insieme a Salvatore Settis…

R) Io è da trent’anni che sono impegnato in questo progetto contro le brutture e il degrado in Italia. Ultimamente ho chiesto l’aiuto anche a Settis, ma non abbiamo molta fortuna, perché non c’è nessuna istituzione, né amministrazione pubblica, né grande azienda che ci aiuti nel progetto: tutti hanno paura a metterci mano e criticare la situazione ambientale nazionale. Gli interessi economici in gioco sono enormi, i costruttori e il cemento sono molto potenti, quindi la partita è molto difficile. L’Italia è un Paese di mafiosi – non sto scherzando – è quindi è molto difficile proseguire. Adesso però vedremo di organizzarci meglio, anzi se mi trovate voi qualcuno che ci sponsorizzi io e Settis ve ne saremo grati!

D) Ma quanto il Toscani pubblicitario e comunicatore mette a disposizione la sua arte e notorietà per queste “giuste cause” e quanto ci crede veramente?

R) Innanzitutto io non sono un pubblicitario, ma sono un fotografo e le mie foto vengono, semmai, scelte anche per fare pubblicità. Ho comunque sempre fatto fotografie per cause interessanti, non penso di aver mai fatto fotografie per la vendita di prodotti e per il marketing. Quindi non mi si può certo accusare di non aver mai toccato dei temi che danno fastidio! Tutta la mia vita l’ho dedicata a questo, dalle foto sull’anoressia a tutto il resto… Regalo poi, a tutti gli amici, un libro che si intitola “L’uomo che piantava gli alberi“, di Jean Giono. Regalatelo anche voi se volete trasmettere un messaggio…

D) Cosa mi dice invece della sua scuola, “La Sterpaia”, fondata dentro il Parco di San Rossore?

R) Non è una scuola, è il mio laboratorio, il mio studio, dove, come in una bottega dell’arte, chi viene a lavorare viene anche a imparare.

D) Ma lei partecipa anche al cosiddetto “Gruppo di San Rossore” per la difesa dei parchi?

R) No, mi sono tolto anche da lì, perché la Toscana è peggio del regime di Castro, alla fine è irremovibile, non si riesce a fare nulla. E poi ci sono quelli che dovrebbero curare l’ambiente: un disastro… Pensano di salvare la natura non facendo niente. Secondo me invece il vero ambientalismo è costruire e fare bene.

D) Molti direttori di parco oggi però non hanno più questa visione “sacrale” della natura, ma si impegnano per favorire la fruizione delle aree protette…

R) Anche prima si vivevano e fruivano i parchi, ma era tutto fatto male, pensato male. Il problema non è cosa si fa, ma come lo si fa. Io avevo proposto questa bottega dell’arte e della comunicazione, che alla Regione andava bene e al Parco no. Quali altri consigli devo dare? Avevo fatto un progetto vero e proprio e il Parco di San Rossore non l’ha voluto.

D) Com’è andata invece la sua campagna da Assessore, nel Comune di Salemi, per vendere le case a 1 euro a testimonials in grado di ristrutturarle e valorizzare il paese?

R) Io non ho più alcun incarico a Salemi, ho dato le dimissioni. Comunque è impossibile in questo Paese fare qualcosa. C’è una cosa che si chiama mafia, ne ha mai sentito parlare? Ma la mafia è anche la burocrazia, che blocca qualsiasi progetto… E poi c’è la politica, che non fa nulla, sono tutte occasioni perdute.

D) A proposito di occasioni perdute, cosa ne pensa dell’esito del summit di Rio+20? Ho visto che Fabrica ha realizzato un video a supporto della campagna ONU “The future we want”…

R) Cos’è Rio+20? E cos’è Fabrica? Io non ho più niente a che fare e non so cosa fanno… Era una mia creazione, ma anche quella è diventata una macchina troppo burocratica. Hanno fallito…

D) Ci sarà pure un progetto ambientale che le viene in mente e che potrebbe funzionare!

R) “Nuovo Paesaggio Italiano” è un progetto fantastico, ma con le difficoltà che le ho spiegato. Per il resto ho altre due idee: trasferire il Vaticano da qualche altra parte, fuori d’Italia, e abolire la televisione!

D) Se non ci fosse la tv come si potrebbero trasmettere messaggi e informazione, anche ambientali, al grande pubblico? Ma soprattutto, crede veramente che queste due iniziative porterebbero, indirettamente, vantaggi di tipo ambientale?

R) Certo, è un problema di cultura, e ormai siamo tutti tele-idioti! E’ questo il vero problema. Per trasmettere informazione sono più che sufficienti i muri e i quotidiani, la tv non serve, se non a renderci più idioti e influenzare la politica. Cultura e coltura, i due termini hanno origine comune, non è casuale e non c’è in realtà contrapposizione come molti pensano. La natura è bella perchè è addomesticata. Pensi alla Toscana: perché piace ai turisti di tutto il mondo? Perché è tutta “costruita” dall’uomo, che è esso stesso parte della natura, non c’è nulla di selvaggio. La natura, se lasciata a se’ stessa è pericolosa e ce ne dobbiamo guardare. E anche alla natura, in fondo, piace essere “pettinata”, accudita e curata, ma nel modo giusto e intelligente, con cultura.

D) Lei teme la natura ma ci vive in mezzo, in campagna. Eppure un giornalista come David Owen, ha lanciato una provocazione – nel libro Green Metropolis - per cui è più ecologico vivere in città che in campagna, dove per andare a comprare il pane o a teatro devi fare, a volte, 30 chilometri in auto…

R) Ha ragione, lo condivido. Non dico infatti che tutte le città siano uguali, alcune sono progettate bene. Al contrario in campagna si trovano spesso, ormai, quelle schifezze da ricchi, come li chiamano… resort! Quelle cose finte, tutte uguali per giocare a golf ecc. che non hanno nulla di “green” se non nel nome…

D) Ha, in conclusione, almeno un messaggio positivo per chi si voglia occupare di migliorare la situazione ambientale senza preclusioni “ideologiche”?

R) Sì, quello di farlo, appunto, senza preclusioni ideologiche, senza essere dei “talebani”. Le voglio anche mandare un testo di Einstein sulla crisi che spiega molte cose…

Andrea Gandiglio


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende