Home » Off the Green »Rubriche » Dimissioni Ratzinger: dopo i Verdi abdica anche il Papa “ambientalista”:

Dimissioni Ratzinger: dopo i Verdi abdica anche il Papa “ambientalista”

febbraio 12, 2013 Off the Green, Rubriche

E’proprio vero che al peggio non c’è mai fine. Credevamo di aver visto tutto negli ultimi mesi, eppure ecco l’impensabile: anche il Papa si è dimesso, unico caso negli ultimi 600 anni della Chiesa. Ma non un Papa qualsiasi, bensì Joseph Ratzinger, il teologo più vicino alla sensibilità ambientalista, il pontefice che ”ha da sempre manifestato una particolare attenzione alle tematiche ambientali“, come ricordava ieri un’agenzia di Adnkronos. Nel 2007, ad esempio, a Loreto, quando invitò i giovani a impegnarsi attivamente per la “salvaguardia del creato“: “Alle nuove generazioni è affidato il futuro del pianeta, in cui sono evidenti i segni di uno sviluppo che non sempre ha saputo tutelare i delicati equilibri della natura”. “Prima che sia troppo tardi – esortava allora il Santo Padre – occorre adottare scelte coraggiose, che sappiano ricreare una forte alleanza tra l’uomo e la Terra.” E poi ancora nel 2008, a New Orleans, quando sollecitò i fedeli sul tema dell’ambiente nel corso della giornata di apertura del Simposio di “Religione Scienza e Ambiente“. E ancora nel 2010, nel messaggio inaugurale della 53° Giornata Mondiale della Pace, quando ricordò ai cristiani di “‘unirsi nell’offrire al mondo una testimonianza credibile della responsabilità per la salvaguardia del Creato e collaborare in ogni modo possibile per assicurare che la nostra Terra possa conservare intatto ciò che Dio le ha donato: grandezza, bellezza e generosità”. E infine, solo per citare i momenti salienti di un pensiero dominante e continuativo, quando si rivolse, nel novembre 2011, agli oltre settemila giovani partecipanti all’incontro della Fondazione Sorella Natura, con queste parole: ”E’ ormai evidente che non c’è un futuro buono per l’umanità sulla Terra se non ci educhiamo tutti ad uno stile di vita più responsabile nei confronti del creato”, secondo quello spirito ispirato a San Francesco, non a caso proclamato “patrono dell’ecologia” dal suo predecessore Giovanni Paolo II.

Oggi anche i non fedeli si pongono quindi una domanda: chi ispirerà la causa ambientalista in Italia? Per carità, la green economy e la tutela delle risorse naturali potrebbero benissimo procedere in autonomia, “dal basso”, senza necessità di una guida spirituale. O anche “dall’alto” del nuovo Parlamento, con iniziative legislative. Ma anche sul versante “profano” non sembra che la situazione sia migliore. Da chi dovrebbero essere promossi lo stile di vita e le politiche “green”? Da quegli stessi partiti che in campagna elettorale non ne stanno proprio parlando, troppo concentrati a raccattare voti “facili”? O dai Verdi italiani che – i cattolici ci scuseranno per il paragone blasfemo - hanno già da qualche tempo abdicato a rappresentare l’ambientalismo “universale” (con l’esito di confluire in un partito tanto innovativo da presentarsi alle elezioni 2013 con “L’avanzata del Quarto Stato” nel simbolo e poco più di una paginetta del programma dedicata all’ambiente)? O, ancora, dagli illustri “trombati” del Pd, esclusi dalle candidature perché forse credevano troppo nella causa? Curiosamente, nello stesso giorno delle dimissioni del papa “green”, a Roma si è costituito il Consiglio Nazionale della Green Economy e il Ministro (della Repubblica, non di culto) Clini auspica “grandi coalizioni trasversali” per la futura legislatura. Basterà questo?

Personalmente, da ambientalista non-credente, penso di poter trovare anche da solo lo stimolo a impegnarmi nella diffusione delle istanze ambientaliste. Ma non sottovaluto nemmeno, per il successo di una rivoluzione culturale, il ruolo che possono avere gli appelli dei leader spirituali e carismatici, in grado di influenzare, in pochi secondi, milioni di persone, magari con tre parole (salvaguardia-del-creato), come al sottoscritto non riuscirebbe di fare nemmeno con un milione di articoli in trent’anni.

Chi sarà il nuovo Papa è presto (e comunque impossibile) ipotizzarlo – anche se i nomi iniziano a circolare: Scola, Bagnasco, Betori? Oppure gli stranieri O’Malley, Bergoglio, Scherer, Ouellet? Non conosco questi porporati né, tantomeno, le loro gesta e l’eventuale vocazione ambientalista, anche se, a ben vedere, dovrebbe essere il requisito minimo di ogni religioso. Sì, penso che Ratzinger mi mancherà. E forse  lo rimpiangeremo.

Andrea Gandiglio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende