Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Diserbare senza chimica. In Sardegna un nuovo metodo per usare vapore e scarti naturali:

Diserbare senza chimica. In Sardegna un nuovo metodo per usare vapore e scarti naturali

novembre 23, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Diserbare finalmente senza mascherina e con la massima sicurezza dell’operatore, senza disperdere in aria e sul terreno veleno chimico. E’ il progetto trasformato in prodotto di un team di studiosi e aziende sarde che vuole cancellare la chimica dai campi. L’idea è di Daniela Ducato – imprenditrice che da anni lavora e innova nel campo della green economy – e della sua azienda Essedi- Edizero in particolare di L’Ortolana, una linea specifica per agricoltura bio e Land Art. Ma hanno collaborato al lavoro anche Eugenio Cavalli e l’ingegnere Marco Cau, collaboratore nella sezione di ricerche e sviluppo di Essedi.

Cavalli, 38 anni, studi alla Facoltà di Economia e Commercio all’Università di Trieste abbandonati “per il richiamo della Sardegna e per continuare l’attività nell’azienda di famiglia”, la Cavalli e Cavalli, dove ha portato innovazione e fantasia creativa. “L’idea nasce due anni fa quando la MM, un’azienda di Mantova, ha brevettato un sistema di diserbo non chimico basato sul vapore“. In altri termini le erbe infestanti non vengono debellate con la chimica, ma tramite il calore che le ustiona e le brucia. C’è però una differenza tra la macchina brevettata a Mantova e quella Made in Sardegna: “la nostra intuizione è stata voler aggiungere al prodotto vapore altre sostanze. In concreto: scarti delle lavorazioni alimentari ed edili“.

Fondamentale, per il buon esito del progetto, l’incontro con Daniela Ducato: “Collaboriamo da anni con Daniela, che basa la sua filosofia aziendale sul recupero delle eccedenze. In questo caso gli scarti non solo vengono recuperati, ma svolgono un’azione utilissima” che Cavalli spiega in modo semplice “Queste sostanze aumentano la temperatura dell’acqua e allo stesso tempo nutrono il terreno. Un processo opposto a quello che si basa sulle sostanze chimiche”. I diserbanti tradizionali fanno cioè seccare e morire le piante, ma con enormi controindicazioni: “i prodotti chimici nel lungo periodo ammazzano la terra, la sterilizzano. Sul terreno restano le sostanze pericolose, noi lasciamo invece un nutrimento!”.

In particolare l’eco-diserbante si basa su idrolizzato di lana, su eccedenze della lavorazione dell’olivo poi miele e propoli. “In questo modo risolviamo il problema dello smaltimento, nessuna di queste sostanze viene da una raccolta mirata, solo dagli scarti. Oltre il lato ecologico – sottolinea l’imprenditore – c’è quello economico perché si abbattono i costi. Un ciclo integrato

Utilizzare sostanze naturali ha un risvolto anche sulla salute delle persone. Il diserbo si può fare in sicurezza sulle aree pubbliche perché non c’è dispersione nell’ambiente di agenti chimici.”In questo modo si tutelano i cittadini e gli operatori che non hanno più necessità di indossare la mascherina”. Un’evoluzione merito del lavoro dell’ingegner Cau che ha lavorato sulle sostanze, non pericolose e utili per dare nutrimento alla terra.

L’idea sta riscuotendo interesse oltre i confini nazionali. “Abbiamo ricevuto numerose richieste di informazioni. In particolare dal Nord Europa dove sono molto attenti alle azioni di diserbo nelle aree pubbliche per proteggere la salute dei cittadini”. Ma Cavalli ha fiducia anche nelle aziende private che vogliano avere “una macchina pulita”. “Il futuro – dice – è questo, l’alternativa è pessima”.

La sfida non è ancora totalmente vinta ed è complessa, in fase di applicazione, perché bisogna studiare le innovazioni meccaniche che permettano di utilizzare l’eco-diserbante anche in aree estese. Introdurre il diserbo ecologico nell’agricoltura industriale, dove l’impatto ambientale è maggiore, sarebbe la vera vittoria. Cavalli, nel frattempo, è fiero di lavorare con i piccoli contadini: “con i vecchi clienti ci impegniamo a tenere buono il terreno per i figli. Tutte le generazioni devono poter lavorare in quelle terre”.

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

dicembre 4, 2020

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

La sostenibilità e l’attenzione alle tematiche ambientali e sociali si sta confermando tema chiave per le aziende, in quanto strumento importante di competitività e di attrattività verso gli investitori e il mercato, come dimostra il sondaggio Ipsos sul tema dell’economia circolare, presentato all’EcoForum di Legambiente lo scorso ottobre, secondo il quale un’impresa su quattro investe [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende