Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Diserbare senza chimica. In Sardegna un nuovo metodo per usare vapore e scarti naturali:

Diserbare senza chimica. In Sardegna un nuovo metodo per usare vapore e scarti naturali

novembre 23, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Diserbare finalmente senza mascherina e con la massima sicurezza dell’operatore, senza disperdere in aria e sul terreno veleno chimico. E’ il progetto trasformato in prodotto di un team di studiosi e aziende sarde che vuole cancellare la chimica dai campi. L’idea è di Daniela Ducato – imprenditrice che da anni lavora e innova nel campo della green economy – e della sua azienda Essedi- Edizero in particolare di L’Ortolana, una linea specifica per agricoltura bio e Land Art. Ma hanno collaborato al lavoro anche Eugenio Cavalli e l’ingegnere Marco Cau, collaboratore nella sezione di ricerche e sviluppo di Essedi.

Cavalli, 38 anni, studi alla Facoltà di Economia e Commercio all’Università di Trieste abbandonati “per il richiamo della Sardegna e per continuare l’attività nell’azienda di famiglia”, la Cavalli e Cavalli, dove ha portato innovazione e fantasia creativa. “L’idea nasce due anni fa quando la MM, un’azienda di Mantova, ha brevettato un sistema di diserbo non chimico basato sul vapore“. In altri termini le erbe infestanti non vengono debellate con la chimica, ma tramite il calore che le ustiona e le brucia. C’è però una differenza tra la macchina brevettata a Mantova e quella Made in Sardegna: “la nostra intuizione è stata voler aggiungere al prodotto vapore altre sostanze. In concreto: scarti delle lavorazioni alimentari ed edili“.

Fondamentale, per il buon esito del progetto, l’incontro con Daniela Ducato: “Collaboriamo da anni con Daniela, che basa la sua filosofia aziendale sul recupero delle eccedenze. In questo caso gli scarti non solo vengono recuperati, ma svolgono un’azione utilissima” che Cavalli spiega in modo semplice “Queste sostanze aumentano la temperatura dell’acqua e allo stesso tempo nutrono il terreno. Un processo opposto a quello che si basa sulle sostanze chimiche”. I diserbanti tradizionali fanno cioè seccare e morire le piante, ma con enormi controindicazioni: “i prodotti chimici nel lungo periodo ammazzano la terra, la sterilizzano. Sul terreno restano le sostanze pericolose, noi lasciamo invece un nutrimento!”.

In particolare l’eco-diserbante si basa su idrolizzato di lana, su eccedenze della lavorazione dell’olivo poi miele e propoli. “In questo modo risolviamo il problema dello smaltimento, nessuna di queste sostanze viene da una raccolta mirata, solo dagli scarti. Oltre il lato ecologico – sottolinea l’imprenditore – c’è quello economico perché si abbattono i costi. Un ciclo integrato

Utilizzare sostanze naturali ha un risvolto anche sulla salute delle persone. Il diserbo si può fare in sicurezza sulle aree pubbliche perché non c’è dispersione nell’ambiente di agenti chimici.”In questo modo si tutelano i cittadini e gli operatori che non hanno più necessità di indossare la mascherina”. Un’evoluzione merito del lavoro dell’ingegner Cau che ha lavorato sulle sostanze, non pericolose e utili per dare nutrimento alla terra.

L’idea sta riscuotendo interesse oltre i confini nazionali. “Abbiamo ricevuto numerose richieste di informazioni. In particolare dal Nord Europa dove sono molto attenti alle azioni di diserbo nelle aree pubbliche per proteggere la salute dei cittadini”. Ma Cavalli ha fiducia anche nelle aziende private che vogliano avere “una macchina pulita”. “Il futuro – dice – è questo, l’alternativa è pessima”.

La sfida non è ancora totalmente vinta ed è complessa, in fase di applicazione, perché bisogna studiare le innovazioni meccaniche che permettano di utilizzare l’eco-diserbante anche in aree estese. Introdurre il diserbo ecologico nell’agricoltura industriale, dove l’impatto ambientale è maggiore, sarebbe la vera vittoria. Cavalli, nel frattempo, è fiero di lavorare con i piccoli contadini: “con i vecchi clienti ci impegniamo a tenere buono il terreno per i figli. Tutte le generazioni devono poter lavorare in quelle terre”.

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende