Home » Rubriche »Very Important Planet » Dolcenera, “Testimone della Terra” per l’Earth Day 2015:

Dolcenera, “Testimone della Terra” per l’Earth Day 2015

aprile 17, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Classe 1977, Dolcenera, alias Emanuela Trane, è uno dei volti noti della nuova musica italiana.  Quattro parteciapzioni al Festival di Sanremo fra le sue tante attività, la cantautrice è anche attrice e scrittrice. Trovando il tempo per impegnarsi con altrettanta passione a livello sociale. Ha partecipato a diversi eventi per l’orgoglio omosessuale, ha affiancato Emma Bonino nella campagna Somaly Man contro il turismo sessuale, ha cantato per i detenuti di diverse carceri. Quest’anno è il testimone della terra per l’Earth Day del 22 aprile prossimo, la campagna che celebra l’ambiente e la salvaguardia del Pianeta.

D) Dolcenera, perché hai deciso di fare il Testimone della Terra per questa iniziativa?

R) Perché mi piacciono le sfide impossibili. Viviamo un’epoca di decadimento in cui vengono sconvolti diritti civili. Siamo senza lavoro, senza opportunità di esprimere la propria personalità, con le difficoltà di mettere su casa e famiglia (le cose che un tempo erano così semplici e naturali). Con tutte queste difficoltà nel sentirsi realizzati, si perde il senso del rispetto, a partire da quello per se stessi, e non è facile mantenere l’animo sensibile per fare attenzione a una cosa semplice e naturale come l’ambiente che ci circonda. Non è facile avere coscienza del valore di un bene così scontatamente fruibile nel quotidiano, eppure così fragile. Una sfida personale che si deve trasformare in coscienza collettiva.

D) Cosa pensi di questa celebrazione, che da più di 30 anni festeggia il nostro pianeta?

R) È una goccia di splendore nell’oceano…

D) Che rapporto hai con l’ambiente e la natura?

R) Da agosto 2014 mi sono trasferita su una collina che guarda Firenze, tra pini, ulivi, alberi da frutto. Faccio tanto sport all’aperto. Per me è vitale, sopratutto per la mia condizione psicofisica, per il benessere di corpo e mente.

D) Quali sono le azioni quotidiane che compi per rispettarlo?

R) Il mio impegno è quello di cercare nel quotidiano il rispetto per le piccole cose, quei piccoli gesti che impercettibilmente cambiano il tuo stile di vita, un rispetto personale che insieme a quello di altri speri sempre possa estendersi a macchia d’olio.

D) Da sempre ti impegni in iniziative a carattere sociale: questa è la prima volta che ti dedichi all’ambiente? In quali altre iniziative ti sei impegnata in passato?

R) Non è la prima volta, ho collaborato con Legambiente per un progetto nel 2011 e ho cantato per l’Italia all’Expo di Saragozza del 2008, che aveva il tema dell’acqua come elemento di vita. Ricordo di aver suonato un fantastico pianoforte Fazioli di cristallo fatto a forma d’onda del mare.

D) Pensi che l’educazione ambientale possa passare anche attraverso la musica?

R) La musica è per animi sensibili ai quali è più facile percepire l’ambiente come un bene, un valore. L’educazione passa e deve passare da qualsiasi forma di linguaggio, deve farsi spazio, è destinata a urlare proprio perché impercettibile.

D) Se tu avessi la possibilità di intervenire in modo pratico nelle politiche ambientali, cosa cambieresti o cosa introdurresti in quella italiana?

R) Mi sembra che l’unica politica ambientale al momento sia quella prevista dal modello europeo… Invece il nostro territorio, così ricco di tanta bellezza, ha caratteristiche così particolari che ha bisogno di una seria programmazione di tutela. Per esempio, penso ai drammi delle alluvioni! Ma, come si dice, mancano i soldi e chi soffre è sempre quell’impercettibile che nel dramma, nel disastro, svela il suo valore.

D) Pensi che i nostri politici siano mediamente sensibili sulla questione ambientale o c’è ancora molto da fare?

R) La sensibilità è del momento, adesso penso e agisco in rispetto all’ambiente che vivo e un attimo dopo potrei tradirlo per miliardi di questioni. Vale anche per questi mediocri politici incastrati da loro stessi.

D) Hai mai pensato di scrivere musica a tema ambientale?

R) Gli elementi naturali ci sono sempre, per me sono “la bellezza delle cose che vivono di semplicità”. Su un problema ambientale no, forse perché pensare alla natura evoca gioia e non contrasto.

D) Al di là della tua condotta come donna, a livello professionale riesci a svolgere il tuo mestiere riducendo l’impatto ambientale?

R) “Il meglio che si può, si fa” e si lotta soprattutto quando non dipende solo da te. Richiede una conoscenza profonda del tema. Del resto la celebrazione di Earth Day serve a far conoscere e capire l’ambiente che ci circonda!

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

aprile 19, 2018

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

laF, il canale satellitare del gruppo editoriale Feltrinelli (Sky 139) dedica all’Earth Day di domenica 22 aprile una speciale rassegna a tema “green”, che accompagnerà l’intero daytime di programmazione. Alle 10.55 il documentario “Spira Mirabilis” di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, vincitore del Green Drop Award alla 73ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, esplora i concetti di immortalità e rigenerazione [...]

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

aprile 17, 2018

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

Al Politecnico di Torino arriva la settima edizione del Global Energy Prize Summit. Il 18 aprile scienziati di importanza mondiale, politici ed esperti del settore di otto nazioni si incontreranno all’Energy Center, dalle 9.30 alle 13.00, per discutere delle più urgenti questioni riguardanti energia e clima nella conferenza “Modelisation & simulation of energy mix in [...]

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

aprile 14, 2018

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

Vini biologici, biodinamici, artigianali, a Vinitaly 2018 – in programma dal 15 al 18 aprile – ogni espressione dell’enologia “ecologica” trova il suo spazio espositivo e commerciale. Anche quest’anno saranno due gli spazi speciali nel Padiglione 8 (quello più “green” del Salone Internazionale del Vino e dei Distillati): VinitalyBio e Vivit – Vite Vignoioli Terroir. A [...]

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

aprile 10, 2018

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

Una mobilità a emissioni zero, capace di garantire qualità dell’aria e salute, controllo del cambiamento climatico e in grado di innescare meccanismi virtuosi di green economy. Infrastrutture efficienti e mezzi sicuri per cittadini liberi di muoversi, tutti, più di oggi, anche se sempre meno “proprietari” del mezzo. Non è uno scenario futuribile, ma il domani alle [...]

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

aprile 4, 2018

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

Morini Rent – il gruppo italiano fondato a Torino, che opera dal 1949 nel settore del noleggio di auto, veicoli commerciali e isotermici – arricchisce da oggi la propria offerta allargando la flotta di 2.600 mezzi con i Van Ɛ-Morini Full Electric. Morini Rent metterà dunque a disposizione dei propri clienti i Van Citroën Berlingo [...]

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

aprile 3, 2018

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili – l’associazione di Confindustria che raggruppa le imprese costruttrici di componenti e impianti e quelle fornitrici di servizi di gestione e di manutenzione nei settori del fotovoltaico, eolico, biomasse, geotermoelettrico, idroelettrico e solare termodinamico – nei primi due mesi del 2018 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e [...]

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

marzo 27, 2018

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

Il finanziamento e l’attuazione di progetti per la riqualificazione e il riuso sociale, ambientale e culturale di circa 450 stazioni abbandonate e delle linee ferroviarie dismesse del network di Rete Ferroviaria Italiana. Questi i temi del Protocollo d’intesa firmato ieri a Milano da Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di FS Italiane e da [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende