Home » Rubriche »Very Important Planet » Dolcenera, “Testimone della Terra” per l’Earth Day 2015:

Dolcenera, “Testimone della Terra” per l’Earth Day 2015

aprile 17, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Classe 1977, Dolcenera, alias Emanuela Trane, è uno dei volti noti della nuova musica italiana.  Quattro parteciapzioni al Festival di Sanremo fra le sue tante attività, la cantautrice è anche attrice e scrittrice. Trovando il tempo per impegnarsi con altrettanta passione a livello sociale. Ha partecipato a diversi eventi per l’orgoglio omosessuale, ha affiancato Emma Bonino nella campagna Somaly Man contro il turismo sessuale, ha cantato per i detenuti di diverse carceri. Quest’anno è il testimone della terra per l’Earth Day del 22 aprile prossimo, la campagna che celebra l’ambiente e la salvaguardia del Pianeta.

D) Dolcenera, perché hai deciso di fare il Testimone della Terra per questa iniziativa?

R) Perché mi piacciono le sfide impossibili. Viviamo un’epoca di decadimento in cui vengono sconvolti diritti civili. Siamo senza lavoro, senza opportunità di esprimere la propria personalità, con le difficoltà di mettere su casa e famiglia (le cose che un tempo erano così semplici e naturali). Con tutte queste difficoltà nel sentirsi realizzati, si perde il senso del rispetto, a partire da quello per se stessi, e non è facile mantenere l’animo sensibile per fare attenzione a una cosa semplice e naturale come l’ambiente che ci circonda. Non è facile avere coscienza del valore di un bene così scontatamente fruibile nel quotidiano, eppure così fragile. Una sfida personale che si deve trasformare in coscienza collettiva.

D) Cosa pensi di questa celebrazione, che da più di 30 anni festeggia il nostro pianeta?

R) È una goccia di splendore nell’oceano…

D) Che rapporto hai con l’ambiente e la natura?

R) Da agosto 2014 mi sono trasferita su una collina che guarda Firenze, tra pini, ulivi, alberi da frutto. Faccio tanto sport all’aperto. Per me è vitale, sopratutto per la mia condizione psicofisica, per il benessere di corpo e mente.

D) Quali sono le azioni quotidiane che compi per rispettarlo?

R) Il mio impegno è quello di cercare nel quotidiano il rispetto per le piccole cose, quei piccoli gesti che impercettibilmente cambiano il tuo stile di vita, un rispetto personale che insieme a quello di altri speri sempre possa estendersi a macchia d’olio.

D) Da sempre ti impegni in iniziative a carattere sociale: questa è la prima volta che ti dedichi all’ambiente? In quali altre iniziative ti sei impegnata in passato?

R) Non è la prima volta, ho collaborato con Legambiente per un progetto nel 2011 e ho cantato per l’Italia all’Expo di Saragozza del 2008, che aveva il tema dell’acqua come elemento di vita. Ricordo di aver suonato un fantastico pianoforte Fazioli di cristallo fatto a forma d’onda del mare.

D) Pensi che l’educazione ambientale possa passare anche attraverso la musica?

R) La musica è per animi sensibili ai quali è più facile percepire l’ambiente come un bene, un valore. L’educazione passa e deve passare da qualsiasi forma di linguaggio, deve farsi spazio, è destinata a urlare proprio perché impercettibile.

D) Se tu avessi la possibilità di intervenire in modo pratico nelle politiche ambientali, cosa cambieresti o cosa introdurresti in quella italiana?

R) Mi sembra che l’unica politica ambientale al momento sia quella prevista dal modello europeo… Invece il nostro territorio, così ricco di tanta bellezza, ha caratteristiche così particolari che ha bisogno di una seria programmazione di tutela. Per esempio, penso ai drammi delle alluvioni! Ma, come si dice, mancano i soldi e chi soffre è sempre quell’impercettibile che nel dramma, nel disastro, svela il suo valore.

D) Pensi che i nostri politici siano mediamente sensibili sulla questione ambientale o c’è ancora molto da fare?

R) La sensibilità è del momento, adesso penso e agisco in rispetto all’ambiente che vivo e un attimo dopo potrei tradirlo per miliardi di questioni. Vale anche per questi mediocri politici incastrati da loro stessi.

D) Hai mai pensato di scrivere musica a tema ambientale?

R) Gli elementi naturali ci sono sempre, per me sono “la bellezza delle cose che vivono di semplicità”. Su un problema ambientale no, forse perché pensare alla natura evoca gioia e non contrasto.

D) Al di là della tua condotta come donna, a livello professionale riesci a svolgere il tuo mestiere riducendo l’impatto ambientale?

R) “Il meglio che si può, si fa” e si lotta soprattutto quando non dipende solo da te. Richiede una conoscenza profonda del tema. Del resto la celebrazione di Earth Day serve a far conoscere e capire l’ambiente che ci circonda!

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende