Home » Rubriche »Very Important Planet » Dolcenera, “Testimone della Terra” per l’Earth Day 2015:

Dolcenera, “Testimone della Terra” per l’Earth Day 2015

aprile 17, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Classe 1977, Dolcenera, alias Emanuela Trane, è uno dei volti noti della nuova musica italiana.  Quattro parteciapzioni al Festival di Sanremo fra le sue tante attività, la cantautrice è anche attrice e scrittrice. Trovando il tempo per impegnarsi con altrettanta passione a livello sociale. Ha partecipato a diversi eventi per l’orgoglio omosessuale, ha affiancato Emma Bonino nella campagna Somaly Man contro il turismo sessuale, ha cantato per i detenuti di diverse carceri. Quest’anno è il testimone della terra per l’Earth Day del 22 aprile prossimo, la campagna che celebra l’ambiente e la salvaguardia del Pianeta.

D) Dolcenera, perché hai deciso di fare il Testimone della Terra per questa iniziativa?

R) Perché mi piacciono le sfide impossibili. Viviamo un’epoca di decadimento in cui vengono sconvolti diritti civili. Siamo senza lavoro, senza opportunità di esprimere la propria personalità, con le difficoltà di mettere su casa e famiglia (le cose che un tempo erano così semplici e naturali). Con tutte queste difficoltà nel sentirsi realizzati, si perde il senso del rispetto, a partire da quello per se stessi, e non è facile mantenere l’animo sensibile per fare attenzione a una cosa semplice e naturale come l’ambiente che ci circonda. Non è facile avere coscienza del valore di un bene così scontatamente fruibile nel quotidiano, eppure così fragile. Una sfida personale che si deve trasformare in coscienza collettiva.

D) Cosa pensi di questa celebrazione, che da più di 30 anni festeggia il nostro pianeta?

R) È una goccia di splendore nell’oceano…

D) Che rapporto hai con l’ambiente e la natura?

R) Da agosto 2014 mi sono trasferita su una collina che guarda Firenze, tra pini, ulivi, alberi da frutto. Faccio tanto sport all’aperto. Per me è vitale, sopratutto per la mia condizione psicofisica, per il benessere di corpo e mente.

D) Quali sono le azioni quotidiane che compi per rispettarlo?

R) Il mio impegno è quello di cercare nel quotidiano il rispetto per le piccole cose, quei piccoli gesti che impercettibilmente cambiano il tuo stile di vita, un rispetto personale che insieme a quello di altri speri sempre possa estendersi a macchia d’olio.

D) Da sempre ti impegni in iniziative a carattere sociale: questa è la prima volta che ti dedichi all’ambiente? In quali altre iniziative ti sei impegnata in passato?

R) Non è la prima volta, ho collaborato con Legambiente per un progetto nel 2011 e ho cantato per l’Italia all’Expo di Saragozza del 2008, che aveva il tema dell’acqua come elemento di vita. Ricordo di aver suonato un fantastico pianoforte Fazioli di cristallo fatto a forma d’onda del mare.

D) Pensi che l’educazione ambientale possa passare anche attraverso la musica?

R) La musica è per animi sensibili ai quali è più facile percepire l’ambiente come un bene, un valore. L’educazione passa e deve passare da qualsiasi forma di linguaggio, deve farsi spazio, è destinata a urlare proprio perché impercettibile.

D) Se tu avessi la possibilità di intervenire in modo pratico nelle politiche ambientali, cosa cambieresti o cosa introdurresti in quella italiana?

R) Mi sembra che l’unica politica ambientale al momento sia quella prevista dal modello europeo… Invece il nostro territorio, così ricco di tanta bellezza, ha caratteristiche così particolari che ha bisogno di una seria programmazione di tutela. Per esempio, penso ai drammi delle alluvioni! Ma, come si dice, mancano i soldi e chi soffre è sempre quell’impercettibile che nel dramma, nel disastro, svela il suo valore.

D) Pensi che i nostri politici siano mediamente sensibili sulla questione ambientale o c’è ancora molto da fare?

R) La sensibilità è del momento, adesso penso e agisco in rispetto all’ambiente che vivo e un attimo dopo potrei tradirlo per miliardi di questioni. Vale anche per questi mediocri politici incastrati da loro stessi.

D) Hai mai pensato di scrivere musica a tema ambientale?

R) Gli elementi naturali ci sono sempre, per me sono “la bellezza delle cose che vivono di semplicità”. Su un problema ambientale no, forse perché pensare alla natura evoca gioia e non contrasto.

D) Al di là della tua condotta come donna, a livello professionale riesci a svolgere il tuo mestiere riducendo l’impatto ambientale?

R) “Il meglio che si può, si fa” e si lotta soprattutto quando non dipende solo da te. Richiede una conoscenza profonda del tema. Del resto la celebrazione di Earth Day serve a far conoscere e capire l’ambiente che ci circonda!

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende