Home » Bollettino Europa »Rubriche » Dopo due anni: i nuovi criteri UE sui perturbatori endocrini nei prodotti fitosanitari e biocidi:

Dopo due anni: i nuovi criteri UE sui perturbatori endocrini nei prodotti fitosanitari e biocidi

giugno 20, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

Ci sono voluti più di due anni affinché la Commissione Europea stabilisse e pubblicasse i criteri scientifici che identificano le sostanze considerate come perturbatori endocrini, eventualmente presenti nei prodotti fitosanitari (i pesticidi usati in agricoltura) e nei prodotti biocidi (disinfettanti) commercializzati e usati nell’UE.

Due anni e mezzo di ritardo rispetto all’obbligo che le era imposto dalla legislazione comunitaria stessa e che le sono costate una condanna della Corte UE di Giustizia e una recente durissima risoluzione dell’Europarlamento.

I criteri adottati oggi, in sostanza, costituiscono una “definizione operativa” che dovrebbe permettere di individuare e mettere al bando, o negare l’autorizzazione o la ri-autorizzazione nell’UE, di tutti i perturbatori endocrini, cioè tutte le sostanze che interferiscono con il sistema ormonale degli organismi, e rischiano di causare gravi danni alla salute dell’uomo e degli animali, nonché all’ambiente.

Sostanze che possono trovarsi sia nei prodotti di sintesi usati in agricoltura che nei biocidi, ossia in tutti i prodotti disinfettanti per l’igiene umana, animale, alimentare e ambientale, ma anche in quelli per preservare il deterioramento di materiali vari, per il controllo degli insetti nocivi, per la conservazione di liquidi (come sistemi di raffreddamento, impianti industriali, pitture e leganti, acquari) e contro le incrostazioni o le alghe.

Quello appena proposto dalla Commissione è “un pacchetto” che comprende una comunicazione inclusiva di una panoramica del contesto scientifico e normativo e una relazione sulla valutazione d’impatto, con lo stato attuale delle conoscenze scientifiche in merito ai criteri per la determinazione degli interferenti endocrini e fornisce informazioni sulle possibili conseguenze. La comunicazione prevede anche due progetti di atti legislativi, relativi rispettivamente alla legislazione sui biocidi e a quella sui prodotti fitosanitari, che stabiliscono, anche in questo caso, i criteri di identificazione degli interferenti endocrini. I criteri scientifici approvati oggi dalla Commissione si basano sulla definizione di interferente endocrino fornita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) – definizione sulla quale si registra un ampio consenso.

Vytenis Andriukaitis, Commissario responsabile per la Salute e la Sicurezza Alimentare, ha dichiarato: ”I criteri scientifici che la Commissione presenta oggi garantiscono la salvaguardia del livello elevato di protezione della salute umana e dell’ambiente previsto dalla nostra legislazione sui prodotti fitosanitari e sui biocidi, legislazione ritenuta una delle più rigorose al mondo per questi motivi: sistema dell’autorizzazione preventiva, requisiti dettagliati in materia di dati e approccio basato sul pericolo nel processo decisionale. La Commissione rafforza oggi il proprio impegno a tutela della salute della popolazione dell’Unione Europea”.

Tuttavia, contro la decisione della Commissione si sono schierati Ong ambientaliste, Verdi Europei e anche l’Endocrine Society, una organizzazione che promuove la divulgazione dei risultati della ricerca scientifica sul sistema ormonale e la tutela della salute umana in questo settore. Due in particolare le critiche. La prima rileva che i criteri “delimitano troppo la definizione delle proprietà di interferenza endocrina delle sostanze”, ponendo come condizione che causino “notoriamente effetti avversi” per la salute umana, e in particolare “modifiche alla morfologia, fisiologia, crescita, sviluppo e riproduzione”. Che succede, si chiedono gli scettici, se gli effetti avversi non sono ancora accertati per l’uomo, ma solo in test in vitro o sugli animali, o se non sono “noti”, ma vi sono dei sospetti che possano esserci (principio di precauzione)? Secondo questi parametri, il numero delle sostanze che probabilmente finiranno per essere proibite si limiterà ad appena 25-26, quando negli anni scorsi si era parlato di diverse centinaia.

La seconda critica riguarda invece le deroghe. Alcune sostanze potenzialmente corrispondenti alla definizione di interferente endocrino potranno sfuggire alla proibizione se presentano rischi “trascurabili”, in base a una valutazione da parte dall’Autorità UE di sicurezza Alimentare (EFSA) e dall’Agenzia per i Prodotti Chimici (ECHA), che terrà conto di due fattori: l’esposizione e la pericolosità intrinseca (“hazard”) della sostanza. Potrebbe quindi essere considerato “trascurabile” il rischio di un interferente endocrino presente in una sostanza a esposizione piuttosto alta, ma con pericolosità intrinseca bassa. Finora, invece, era il solo livello dell’esposizione che doveva essere “trascurabile” per poter ottenere una deroga.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende