Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Due passi nella Grande Guerra: Orlando al Parco della Rimembranza di Torino:

Due passi nella Grande Guerra: Orlando al Parco della Rimembranza di Torino

giugno 17, 2014 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Dormono sulla collina: 4.787 caduti torinesi della Prima Guerra Mondiale, mentre intorno si cammina, si pedala, si gioca, si legge un libro o si fa all’amore.
E il confine che separa i caduti dai vivi è un parco per tutti - il Parco della Rimembranza – che riesce a un tempo nel servizio di area verde per la collettività e di parco della Memoria della Prima Guerra Mondiale.

Nel mese di Giugno 2014 in tutta Europa inizieranno le commemorazioni di quella Grande Guerra che, a partire da due famigerati colpi di pistola esplosi a Sarajevo il 28 Giugno 1914, arroventò in modo indelebile la Storia.
Oltre il sangue e le macerie, un piccolo pezzetto di storia si placa qui tra le colline torinesi, alla Rimembranza, presso il Colle o Bric della Maddalena, rilievo più alto della città (716 metri).

Quante volte ci sono andato alla Maddalena, per brevi ma intensi allenamenti preparatori alle vacanze in bici o, semplicemente, per “staccare il cervello” a due passi dal mondo frenetico .Oggi invece è diverso. Ci devo andare per commemorare, con i piedi che  battono il tamburo del passato e setacciano la Storia e la chitarra, inseparabile strumento di baratto spirituale. Insomma la mia “solita-insolita” mise di green journalist.

Parto deciso come un soldato di fanteria e seguo il lungo fiume. La chitarra è il mio fucile.
Lungo i Murazzi del Po aleggia un’effervescente atmosfera da fine impero: la serrata dei locali di questa leggendaria zona di movida volge al termine. Per il momento, una battaglia si è conclusa e procedono i lavori per la riapertura, fissata per il mese di Luglio.

Una volta attraversato il Ponte Balbis, la direzione è Sud, lasciando alla destra il Po e i suoi imbarcaderi.
Proseguo dritto su Corso Moncalieri, tra alimentari che vendono a prezzi di gioielleria e riserve indiane per il parcheggio di roulotte e caravan. Qui invece continua una guerra di posizione.

Il punto in cui dare il via all’ascesa alla collina è proprio là dove Torino abbraccia Moncalieri, col battesimo della chiesa del Fioccardo.
Da qui parte il sentiero escursionistico (numero 10) che, attraverso la Val Sappone, conduce al Colle della Maddalena.

Proprio davanti alla chiesa, oltre uno scrigno di cinta e una cancellata, giace spiaggiato nel bosco un meraviglioso cetaceo industriale: la Manifattura Tessile di Moncalieri, progettata nel 1951 dagli architetti Mario Passanti e Paolo Perona – da cui il nomignolo “il cubo di Passanti”.

Da Strada del Fioccardo, ancora poche centinaia di metri di asfalto, e si passa al sentiero che si inoltra nel bosco verso la testata della Val Sappone.
Procedo per un po’ a mezza costa, in mezzo alla vegetazione degradata tipica della collina torinese, tra sambuchi e arbusti, ma (almeno) col favore dell’ombra.
Il bosco che è come un fondale marino: più ci si inoltra e più strati si attraversano. Così, si presentano castagni, querce, carpini, aceri e faggi, fino alla fonte del rio Sappone .

L’ultimo tratto della valle è pesantemente antropizzata e spelacchiata,  tra abitati vari, muretti e recinzioni.
Poi un nuovo tratto di asfalto. E’ la strada della Maddalena. Segno che ci siamo. Sono passate un paio d’ore dall’imbocco del sentiero.

Alcune centinaia di metri e si arriva all’ingresso inferiore del Parco della Rimembranza.
Nessun altro riferimento esplicito a Giacomo Leopardi, anche se l’operazione simbolica che il parco mette in atto pare tutta leopardiana: 5000 alberi di 400 diverse specie botaniche (ricordate quanti furono i caduti torinesi?) a comporre l’esercito dell’Arboretum Taurinense – immaginatevi un faggio Maggiore, un castagno Tenente, un pino Soldato o un leccio Generale. Sì perché ogni albero è accompagnato dalla targa di un caduto: cognome, nome e grado (riguardo il mio bloc notes e vedo appuntato “Vado Natale, Soldato”).
Un esercito fantasma che si toglie la soddisfazione di vincere la morte, mettendo radici.

Sulla sommità del colle della Maddalena, a un passo dai ripetitori radio televisivi, causa di pericoloso inquinamento elettromagnetico (stando a recenti rilievi dell’Arpa), campeggia l’enorme Faro della Vittoria.
Commissionato nel 1928 dal senatore Giovanni Agnelli come dono alla città, fu progettato e costruito dallo scultore torinese Edoardo Rubino, che non badò ad altezza (18,5 metri) e a peso (25 tonnellate).
Dovettero addirittura spianare la cima della Maddalena per farci stare il basamento su cui poggia la statua.
Non si risparmiò neanche in retorica, affidando l’iscrizione alla prosa fluente del vate Gabriele D’Annunzio.
Tutt’altra sensazione rispetto alla contemplazione leopardiana.

Dopo uno timido tentativo di vincere la foschia che copre la vista alle Alpi Cozie e Graie, m’incammino di ritorno verso l’uscita della Rimembranza.
Ogni sentiero del parco porta il nome di un luogo della memoria della Prima Guerra. Tra alberi, targhe e panchine, ci si può perdere in Viale Piave, viale Rombon, salita Monfenera,ecc.
E il naufragar ci è dolce in questo mare.

Orlando Manfredi

 


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende