Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Eco-repair, lunga vita alla plastica (riparata):

Eco-repair, lunga vita alla plastica (riparata)

giugno 1, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Onofrio Totaro non l’ha fatto per soldi, o perché ci si è trovato in mezzo. La sua azienda l’ha fondata, dice lui con poche parole ben scandite, «perché sono un ambientalista convinto».

Il Centro Riparazione Materie Plastiche è nato a Pescara due anni fa, con lo scopo dichiarato di «contribuire alla riduzione dei rifiuti plastici». L’azienda si occupa infatti di riparare contenitori in politilene e polipropilene con un macchinario brevettato che permette di saldare la plastica. Dal 2008 ad oggi, sono stati recuperati circa 30.000 contenitori, soprattutto serbatoi, casse utilizzate dagli agricoltori e cassonetti per l’immondizia.

Per la sua attività, nel 2010 la Crmp ha vinto il Premio Innovazione Amica dell’Ambiente, creato da Legambiente e attribuito ogni anno a «a innovazioni di prodotto, di processo, di servizi, di sistema, tecnologiche e gestionali». Totaro ha vinto nella sezione Aziende del Sud, ma la sua società è un caso unico nel panorama mondiale. È la sola che invece di dedicarsi al riciclo della plastica si ferma a un passo dal momento in cui il contenitore diventa rifiuto, e propone un’alternativa: ripararlo. «Il premio è molto ambito, e poi c’è da dire che siamo l’unica azienda abruzzese ad averlo vinto», spiega Totaro soddisfatto.

L’avventura della Crmp non è nata per caso. «Lavoravo già da diverso tempo nel campo delle materie plastiche e la saldatura della plastica era un’idea che avevo in mente da molto. Il brevetto è il risultato di dieci anni di studi, investimenti personali, esperimenti».  Così, collaborando anche con aziende che si occupano della produzione di macchinari industriali, è nato Eco-repair, che «non è solo un marchio, è un programma» per prolungare il ciclo di vita di prodotti che spesso, prima, erano destinati, nel migliore dei casi, al riciclo. Non solo un macchinario brevettato, dunque, ma tutto un processo industriale progettato e pensato per il riuso, fatto di particolari miscele plastiche usate per la saldatura e di precisi processi per il trattamento dei manufatti. «In questo modo, si riusa un imballaggio senza avviarlo al riciclo, e quindi con un dispendio di risorse decisamente minore».

Non bisogna cioé recuperare la plastica e poi triturarla, riutilizzarla e reimmetterla sul mercato. Più semplicemente, si aggiusta. Un sutura fatta con la saldatura a caldo e tac, il cassonetto è pronto per tornare a fare il proprio lavoro!

I vantaggi dell’innovazione firmata Crmp sono diversi, a partire dal fatto che si tratta di un intervento duraturo: «La saldatura della plastica è un processo altamente innovativo che permette la “molecolarizzazione” delle parti da unire, garantendo una saldatura perfetta, resistente più del materiale stesso, durevole nel tempo e a qualsiasi sbalzo di temperatura». L’impatto ambientale della tecnologia è minimo: oltre a ridurre i rifiuti plastici e a consentire risparmi economici, infatti, «la procedura di saldatura produce scarti quasi inesistenti e i nostri macchinari consumano pochissimo, quanto un asciugacapelli».

Dall’inizio dell’attività, il Cmrp ha recuperato «oltre il 70% dei contenitori per l’agricoltura immessi al consumo nel territorio regionale, pari a più di 800 tonnellate di rifiuti plastici. In tal modo vengono evitati costi di smaltimento in discarica o costi di rigranulazione del materiale plastico per il riciclo, con il relativo risparmio di emissioni. E si evitano anche comportamenti scorretti nella fase di smaltimento degli imballaggi, a volte abbandonati nei campi o lungo le strade, interrati o bruciati abusivamente».

Le potenzialità di Eco-repair sono ampie: attualmente l’azienda si è concentrata su alcuni tipi di contenitori, ma presto sarà possibile anche riparare i paraurti delle auto, e tanti altri manufatti in plastica. «Studiamo continuamente anche altri materiali plastici, la nostra attività è in continua evoluzione».  In cantiere c’è anche la creazione di un network di eco-centri su tutto il territorio nazionale e anche oltre: «Abbiamo in progetto l’apertura di altre 23 sedi nazionali e 110 a livello europeo. Poi, ne apriremo altre anche fuori dall’Europa». Se infatti per l’acquisto di contenitori saldati e recuperati la clientela viene a Pescara da tutta Italia, per le semplici riparazioni le richieste arrivano dal territorio circostante, nel raggio di massimo 150 chilometri.

Veronica Ulivieri

Segnalato da Premio Innovazione Amica dell’Ambiente di Legambiente

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Cambiano come Montmartre”, artisti del riuso

settembre 15, 2018

“Cambiano come Montmartre”, artisti del riuso

Per il trentunesimo anno consecutivo, domenica 16 settembre torna a Cambiano, in provincia di Torino, la manifestazione “Cambiano come Montmartre“, un evento per stimolare la creatività dei cittadini con una serie di iniziative che quest’anno ruoteranno intorno al tema “Riuso, Riciclo Creativo e Sostenibilità”. Gli artisti, le associazioni del territorio, le scuole e i diversi attori [...]

Repower presenta la nuova barca “full electric” al Salone Nautico di Genova

settembre 4, 2018

Repower presenta la nuova barca “full electric” al Salone Nautico di Genova

Repower presenterà alla 58° edizione del Salone Nautico di Genova, dal 20 al 25 settembre prossimi, la sua nuova creazione, una delle prime barche nate “full electric”, ricaricabile anche attraverso sistemi di ricarica veloce del mondo e-cars. Con RepowerE, evoluzione cabinata della Reboat, una imbarcazione aperta attiva dal 2016 sul Lago di Garda, l’azienda svizzera – [...]

“Urbanpromo Green”: a Venezia la seconda edizione del convegno sull’urbanistica sostenibile

agosto 30, 2018

“Urbanpromo Green”: a Venezia la seconda edizione del convegno sull’urbanistica sostenibile

Due giorni incentrati sulle innovazioni che le politiche di sostenibilità generano nella pianificazione urbanistica e territoriale, nella progettazione urbana e architettonica, nelle tecniche costruttive e nella erogazione dei servizi urbani. Per il secondo anno consecutivo, il 20 e 21 settembre, si terrà a Palazzo Badoer, sede della Scuola di Dottorato dell’Università Iuav di Venezia, Urbanpromo [...]

Il valore dei fiumi: un report del WWF evidenzia i benefici nascosti

agosto 27, 2018

Il valore dei fiumi: un report del WWF evidenzia i benefici nascosti

In un periodo in cui inondazioni e siccità devastano comunità e paesi in tutto il mondo, il nuovo rapporto del WWF internazionale “Valuing Rivers” sottolinea la capacità che hanno i fiumi, quando sono in buono stato di salute, di mitigare i disastri naturali: benefici che potremmo perdere se si continua a sottovalutare e trascurare il vero valore dei [...]

Le considerazioni dei geologi ad un anno dal terremoto: “alla fine la prevenzione rimane una chimera”

agosto 24, 2018

Le considerazioni dei geologi ad un anno dal terremoto: “alla fine la prevenzione rimane una chimera”

Oggi ricorre il secondo anniversario di quel 24 agosto 2016, quando un terribile terremoto colpì un’ampia fascia appenninica dell’Italia centrale portando con sé lutti e distruzione. A due anni di distanza il Consiglio Nazionale dei Geologi ha fatto quindi il punto, ricordando innanzitutto chi non c’è più e a chi ha perduto tutto – dai propri [...]

GSE: premio da 3.000 euro per tesi di laurea sulla bio-economia circolare

agosto 22, 2018

GSE: premio da 3.000 euro per tesi di laurea sulla bio-economia circolare

GSE, il Gestore Servizi Energetici conferma il suo impegno nell’iniziativa “Premi di Laurea” del Comitato Leonardo, giunta quest’anno alla XXI edizione, mettendo in palio una borsa di studio del valore di 3.000 euro per la migliore tesi di laurea in grado di presentare lo “Sviluppo di sistemi energetici in ambito agro-alimentare per promuovere nuovi modelli di bio-economia [...]

“Blue Heart”, il film di Patagonia contro l’idroelettrico selvaggio da oggi in streaming

agosto 21, 2018

“Blue Heart”, il film di Patagonia contro l’idroelettrico selvaggio da oggi in streaming

Il film documentario di Patagonia, “Blue Heart” – disponibile a partire da oggi, 21 agosto 2018, in tutto il mondo, su piattaforme di streaming come iTunes, Amazon Video, Google Play e Sony PlayStation – racconta della lotta per proteggere gli ultimi fiumi incontaminati d’Europa e concentra l’attenzione internazionale sul potenziale disastro ambientale che potrebbe colpire l’Europa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende