Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Eco-Sistemi: il depuratore low cost che riusa i tappi di plastica:

Eco-Sistemi: il depuratore low cost che riusa i tappi di plastica

settembre 3, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Fino al 7 novembre è aperta la consultazione on line della Commissione europea sulle possibili misure per incoraggiare il riutilizzo di acque reflue trattate, via prioritaria per combattere le situazioni di siccità e carenza delle risorse idriche. Ma per raggiungere questo obiettivo, il primo nodo da sciogliere è quello della depurazione. “La direttiva quadro sull’acqua è in scadenza, ma i target di qualità sono stati raggiunti solo nelle grandi città, mentre nelle zone rurali si continua a non depurare. Nella prossima direttiva, la Commissione punterà a migliorare la qualità dei reflui anche in questi territori, e noi a quel punto saremo lì con la nostra tecnologia, già pronti per le sfide del futuro”. Dario Savini, biologo ed ex ricercatore dell’Università di Pavia, è l’amministratore delegato di Eco-Sistemi, start up che ha inventato un’innovativa macchina per la depurazione, efficace, ecologica e low cost.

RCBR, acronimo di Rotating Cell Biofilm Reactor, si basa infatti sulla tecnologia della “biomassa adesa” (batteri attaccati cioè a superfici in plastica), ma piuttosto che speciali dischi costosissimi, utilizza come sostrato per i batteri banali tappi in plastica di seconda mano. “Alcune grandi aziende hanno brevettato plastiche ingegnerizzate, vendute a prezzi molto alti, circa 5.000 euro a tonnellata. Ma visto che il materiale dei tappi è addirittura migliore, ci siamo chiesti perché i batteri non avrebbero dovuto aderirci”. E infatti, facendo dei test, il risultato è stato positivo: i tappi funzionano perfettamente allo scopo, costano 1 milione di volte meno e vengono acquistati dalle tante Ong che li raccolgono sul territorio piuttosto che da grandi multinazionali, abbinando al business aziendale anche un aspetto di responsabilità d’impresa. “Spesso non serve l’hi-tech per fare innovazione verde ma analizzare in maniera integrata il problema e valutare tecnologie esistenti e il loro LCA. Un tocco di ingegneria e il gioco è fatto”, sintetizza Savini, in questi giorni a Stoccolma per presentare la sua tecnologia alla prestigiosa World Water Week.

L’azienda ha progettato un cestello rotante in grado di contenere un elevato numero di tappi che, grazie al sistema innovativo di movimentazione, entrano alternativamente in contatto con l’aria atmosferica e con il refluo da trattare. “I tappi, a contatto con il refluo, sviluppano rapidamente una colonia batterica, in forma di film, che consente in primo luogo di degradare la sostanza organica e in secondo luogo di trasformare l’azoto ammoniacale contenuto in molti reflui in nitrati”. Con questo sistema, RCBR può depurare tutti i liquidi biodegradabili: i reflui urbani e quelli dell’industria alimentare. La gamma comprende otto misure diverse, in base alla quantità di acqua da depurare, ma le macchine sono modulari e possono essere integrate l’una con l’altra. La tecnologia è coperta da due brevetti, uno sulla macchina di depurazione e l’altro sull’utilizzo alternativo dei tappi.

Rispetto a un sistema tradizionali, ci sono diversi vantaggi economici: “In confronto a una tecnologia a fanghi attivi tradizionale, la nostra costa il 50% in meno in fase di costruzione e permette poi di risparmiare il 70-80% per la manutenzione, visto che quella necessaria è molto limitata. Inoltre, c’è un enorme risparmio per l’energia elettrica, visto che RCBR consuma il 90% in meno, ossia 1,2-1,4 kw all’ora”.  Non richiedendo opere in muratura, la macchina può essere smontata e spostata, oppure facilmente potenziata.

Nata nel 2012 come spin off dell’Università di Pavia, l’azienda ha cominciato dopo poco a camminare con le proprie gambe. “Dopo aver vinto la Start Cup a Milano, a gennaio 2013 abbiamo fondato l’azienda. Oggi siamo incubati nell’hub della green economy Progetto Manifattura, a Rovereto: ci siamo trasferiti qui dopo che l’incubatore ci ha contattato per invitarci. Oggi riceviamo un grosso supporto sia da Progetto Manifattura, sia dall’Agenzia provinciale Trentino Sviluppo”.

Un primo prototipo è in funzione nell’impianto di depurazione di Rovereto. Presso il Birrificio Hordeum di Novara sono state installate da qualche mese due macchine per la depurazione delle acque di scarto. “La macchina è assemblata da aziende metalmeccaniche italiane. Stiamo ricevendo molte richieste sia dall’Italia, sia dalla Germania. Stiamo lavorando adesso a una tecnologia in grado di depurare i reflui provenienti dalle centrali a biomasse. Si tratta di scarti liquidi biodegradabili, ma privi di carbonio: elemento che rende tutto un po’ più complesso. Ma insieme alle università di Vilnius e di Pavia stiamo pensando di avviare una ricerca per capire come rendere efficienti i batteri con reflui di questo tipo”.

Oggi nell’azienda lavorano i quattro soci (oltre a Dario Savini, il chimico Sergio Modenese, l’impiantista Aniello Esposito e la biologa Anna Occhipinti) e due giovani ingegneri chimici, Antonino Esposito e Alice Durazzi. Se la depurazione è il business principale di Eco-Sistemi,Eco-Sistemi è attiva anche nel settore delle piscine naturali, in cui l’azione antibatterica del cloro è sostituita dalla fitodepurazione. “Oggi le piscine naturali vengono progettate dagli architetti per un fine prima di tutto estetico. Noi abbiamo messo a punto un processo e un modello alla portata di tutti e con un alto livello di efficienza. Siamo partiti dall’aspetto biologico, creando un ecosistema di animali e piante in grado di garantire la salubrità dell’acqua. Il primo prototipo l’ho costruito a casa mia: dopo alcuni mesi, l’acqua del mio lago naturale conteneva meno nitrati di quella in bottiglia”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende