Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Eco-Sistemi: il depuratore low cost che riusa i tappi di plastica:

Eco-Sistemi: il depuratore low cost che riusa i tappi di plastica

settembre 3, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Fino al 7 novembre è aperta la consultazione on line della Commissione europea sulle possibili misure per incoraggiare il riutilizzo di acque reflue trattate, via prioritaria per combattere le situazioni di siccità e carenza delle risorse idriche. Ma per raggiungere questo obiettivo, il primo nodo da sciogliere è quello della depurazione. “La direttiva quadro sull’acqua è in scadenza, ma i target di qualità sono stati raggiunti solo nelle grandi città, mentre nelle zone rurali si continua a non depurare. Nella prossima direttiva, la Commissione punterà a migliorare la qualità dei reflui anche in questi territori, e noi a quel punto saremo lì con la nostra tecnologia, già pronti per le sfide del futuro”. Dario Savini, biologo ed ex ricercatore dell’Università di Pavia, è l’amministratore delegato di Eco-Sistemi, start up che ha inventato un’innovativa macchina per la depurazione, efficace, ecologica e low cost.

RCBR, acronimo di Rotating Cell Biofilm Reactor, si basa infatti sulla tecnologia della “biomassa adesa” (batteri attaccati cioè a superfici in plastica), ma piuttosto che speciali dischi costosissimi, utilizza come sostrato per i batteri banali tappi in plastica di seconda mano. “Alcune grandi aziende hanno brevettato plastiche ingegnerizzate, vendute a prezzi molto alti, circa 5.000 euro a tonnellata. Ma visto che il materiale dei tappi è addirittura migliore, ci siamo chiesti perché i batteri non avrebbero dovuto aderirci”. E infatti, facendo dei test, il risultato è stato positivo: i tappi funzionano perfettamente allo scopo, costano 1 milione di volte meno e vengono acquistati dalle tante Ong che li raccolgono sul territorio piuttosto che da grandi multinazionali, abbinando al business aziendale anche un aspetto di responsabilità d’impresa. “Spesso non serve l’hi-tech per fare innovazione verde ma analizzare in maniera integrata il problema e valutare tecnologie esistenti e il loro LCA. Un tocco di ingegneria e il gioco è fatto”, sintetizza Savini, in questi giorni a Stoccolma per presentare la sua tecnologia alla prestigiosa World Water Week.

L’azienda ha progettato un cestello rotante in grado di contenere un elevato numero di tappi che, grazie al sistema innovativo di movimentazione, entrano alternativamente in contatto con l’aria atmosferica e con il refluo da trattare. “I tappi, a contatto con il refluo, sviluppano rapidamente una colonia batterica, in forma di film, che consente in primo luogo di degradare la sostanza organica e in secondo luogo di trasformare l’azoto ammoniacale contenuto in molti reflui in nitrati”. Con questo sistema, RCBR può depurare tutti i liquidi biodegradabili: i reflui urbani e quelli dell’industria alimentare. La gamma comprende otto misure diverse, in base alla quantità di acqua da depurare, ma le macchine sono modulari e possono essere integrate l’una con l’altra. La tecnologia è coperta da due brevetti, uno sulla macchina di depurazione e l’altro sull’utilizzo alternativo dei tappi.

Rispetto a un sistema tradizionali, ci sono diversi vantaggi economici: “In confronto a una tecnologia a fanghi attivi tradizionale, la nostra costa il 50% in meno in fase di costruzione e permette poi di risparmiare il 70-80% per la manutenzione, visto che quella necessaria è molto limitata. Inoltre, c’è un enorme risparmio per l’energia elettrica, visto che RCBR consuma il 90% in meno, ossia 1,2-1,4 kw all’ora”.  Non richiedendo opere in muratura, la macchina può essere smontata e spostata, oppure facilmente potenziata.

Nata nel 2012 come spin off dell’Università di Pavia, l’azienda ha cominciato dopo poco a camminare con le proprie gambe. “Dopo aver vinto la Start Cup a Milano, a gennaio 2013 abbiamo fondato l’azienda. Oggi siamo incubati nell’hub della green economy Progetto Manifattura, a Rovereto: ci siamo trasferiti qui dopo che l’incubatore ci ha contattato per invitarci. Oggi riceviamo un grosso supporto sia da Progetto Manifattura, sia dall’Agenzia provinciale Trentino Sviluppo”.

Un primo prototipo è in funzione nell’impianto di depurazione di Rovereto. Presso il Birrificio Hordeum di Novara sono state installate da qualche mese due macchine per la depurazione delle acque di scarto. “La macchina è assemblata da aziende metalmeccaniche italiane. Stiamo ricevendo molte richieste sia dall’Italia, sia dalla Germania. Stiamo lavorando adesso a una tecnologia in grado di depurare i reflui provenienti dalle centrali a biomasse. Si tratta di scarti liquidi biodegradabili, ma privi di carbonio: elemento che rende tutto un po’ più complesso. Ma insieme alle università di Vilnius e di Pavia stiamo pensando di avviare una ricerca per capire come rendere efficienti i batteri con reflui di questo tipo”.

Oggi nell’azienda lavorano i quattro soci (oltre a Dario Savini, il chimico Sergio Modenese, l’impiantista Aniello Esposito e la biologa Anna Occhipinti) e due giovani ingegneri chimici, Antonino Esposito e Alice Durazzi. Se la depurazione è il business principale di Eco-Sistemi,Eco-Sistemi è attiva anche nel settore delle piscine naturali, in cui l’azione antibatterica del cloro è sostituita dalla fitodepurazione. “Oggi le piscine naturali vengono progettate dagli architetti per un fine prima di tutto estetico. Noi abbiamo messo a punto un processo e un modello alla portata di tutti e con un alto livello di efficienza. Siamo partiti dall’aspetto biologico, creando un ecosistema di animali e piante in grado di garantire la salubrità dell’acqua. Il primo prototipo l’ho costruito a casa mia: dopo alcuni mesi, l’acqua del mio lago naturale conteneva meno nitrati di quella in bottiglia”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

TOBike: una caccia al tesoro urbana per festeggiare i 7 anni

giugno 1, 2017

TOBike: una caccia al tesoro urbana per festeggiare i 7 anni

Dopo i 20 anni di Cinemambiente, nella Torino “green” si celebra un altro compleanno: [TO]BIKE, il servizio di bike sharing cittadino, compie sette anni. Inaugurato nel 2010, dalla sua attivazione ad oggi ha registrato 27.500 abbonati annuali, che ogni anno percorrono sulle oltre 1.100 biciclette gialle circolanti in città circa 3.700.000 chilometri. Come già lo scorso anno l’intento [...]

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

maggio 31, 2017

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

La 20° edizione del Festival Cinemambiente è la prima che si tiene nell’Antropocene, la nuova epoca geologica segnata dalle attività umane, da poco formalmente riconosciuta dalla società scientifica internazionale. La coincidenza temporale sarà lo spunto ideale per “Il punto” di Luca Mercalli, che apre ufficialmente il cartellone degli appuntamenti (alle ore 21 di stasera al [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende