Home » Rubriche »Very Important Planet » “Ecomoda non è solo riciclare abiti usati”. Intervista a Walter Dang:

“Ecomoda non è solo riciclare abiti usati”. Intervista a Walter Dang

novembre 26, 2010 Rubriche, Very Important Planet

2 lumiUnico, come i capi di moda che disegna, senza utilizzare cartamodelli o bozzetti. Walter Dang, lo stilista franco-ispano-vietnamita che, nonostante la timidezza nel raccontarsi, ha lavorato per anni nei più grandi atelier di alta sartoria parigina, è un visionario di stile e raffinatezza. E’ innamorato dell’Italia e oggi vive e lavora a Torino. Entrare nella sua elegante boutique nel centro della città è come mettere un piede nel mondo di Alice nel Paese delle meraviglie: capi, tessuti, colori, ogni pezzo è un’idea. Una filosofia rigorosa. Le sue collezioni sono espressione di un’etica, verso l’uomo e verso l’ambiente.


D) Cos’è per lei la moda?

R) E’ il mio equilibrio. Alla vita non chiedo altro che fare vestiti. Realizzo pezzi esclusivi per le mie clienti perché penso che dentro gli abiti la gente abbia bisogno di riconoscersi e di sentirsi protetta. I capi unici fanno tutto questo.

D) Il suo non è pret-à-porter, ma pret-à-couture. Che differenza c’è?

R) Sono stato per anni nel mondo dell’alta moda, ma ne sono uscito disgustato, nonostante amassi da impazzire il mio lavoro. E’ un ambiente superficiale, pura rappresentanza, mero apparire. Mi stavo perdendo. C’è un momento nella vita in cui bisogna fermarsi e ritrovarsi. Capire cosa si chiede a se stessi e dove si sta andando. Quando sono arrivato a Torino, volevo essere il sartino dietro l’angolo, non certo il grande stilista che viene da Parigi e vuole insegnare agli altri come si crea. Per questo non chiamo il mio negozio atelier. Volevo essere un artigiano. Si nota che i miei capi sono “couture”, ma non vogliono essere alta moda nel senso del mercato delle grandi case di moda. Ho un’etica anche nei prezzi: pezzi originali di sartoria a cifre abbordabili perché, a differenza che sulle passerelle, noi non dobbiamo pagare modelle e pubblicità come fanno i grandi stilisti.

D) Per presentare la sua ultima collezione, però, una sfilata l’ha organizzata. Com’è riuscito a realizzare una passerella “a impatto zero”?

R) Era un progetto realizzato con l’Environment Park di Torino, lo scorso aprile, per presentare i capi dell’inverno. Abbiamo voluto fare un evento a forte carattere di sostenibilità, una vera e propria sfilata di moda interamente alimentata da un generatore non inquinante. Penso che il mondo della moda dovrebbe muoversi sempre di più in questa direzione, ad esempio abbandonando le tinture chimiche o le stoffe sintetiche. Ci sono case che producono jeans da 220 euro e che utilizzano colori altamente inquinanti, te ne accorgi perché appena li metti addosso stingono. Ci sono anche realtà virtuose, come a Firenze, dove si sta sviluppando seriamente il discorso dell’eco moda e dell’eco design, che non è solo riciclare abiti usati, come credono in molti.

D) Voi state andando in questa direzione?

R) Lavoriamo sete vegetali, non provenienti dal baco, ma da piante orticacee. Non sopporto i proclami: tipo quelli dei politici, che non hanno alcuna competenza in tema di ambiente e quando siedono in Parlamento sono solo interessati al posto che occupano. Non capisco quelle attrici, tipo Brigitte Bardot, che sventolano ai quattro venti le campagne ambientaliste e poi si truccano con prodotti che, sappiamo tutti, sono testati sui sederi dei conigli.

D) Se avesse la bacchetta magica, avrebbe un suo sogno ambientalista da realizzare?

R) A cinquant’anni lascerò il lavoro nelle mani del mio giovane, ma preziosissimo collaboratore Pietro, e in quelle di Amleto, l’altro mio socio, e andrò a vivere in campagna.

D) Dove?

R) In Andalusia. Oppure in provincia di Torino. Vorrei diventare proprietario di un cascinale, stare tranquillo in mezzo alla natura e continuare a realizzare i miei capi per pura passione.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende