Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Econviene, l’e-commerce padovano che salva parafarmaci e cosmetici dalla discarica:

Econviene, l’e-commerce padovano che salva parafarmaci e cosmetici dalla discarica

novembre 21, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

La logica è simile a quella del Last Minute Market, ma invece del cibo qui si salvano dallo smaltimento integratori alimentari, parafarmaci e cosmetici, messi in vendita con un forte sconto pur di salvarli dallo spreco. Stiamo infatti parlando di prodotti altrimenti destinati al macero, perché con data di scadenza inferiore a sei mesi, oppure con confezione danneggiata o a fine stock. Tutto quello che gli operatori del settore farmaceutico (farmacie, parafarmacie, grossisti ecc.) solitamente dismettono per motivi commerciali.

“L’idea nasce da quel modello di intercettazione dello spreco, che ha anche una valenza sociale – ci spiega Giuliano Filippi – ma noi siamo un’azienda e abbiamo dovuto individuare un’operazione che convenisse a tutti: alle aziende produttrici, a noi, al cliente finale e all’ambiente“. Una vision, dunque, basata sul principio win-win: vincono tutti nel modello di business di Econviene, la startup di Padova formata da quattro imprenditori: il direttore tecnico Alberto Monico, farmacista, Diego Zancarini e Giuliano Filippi - che si occupano della parte commerciale – e l’informatico Federico Zancarini. Il team che ha permesso i primi passi del portale e-commerce nato a maggio 2018 e che già oggi, a pochi mesi, conta 18.500 utenti unici al mese, circa 600 al giorno, con l’obiettivo di toccare un fatturato di circa 1,5 milioni di euro, entro fine 2019.

Numeri che confermano la fattibilità di questo progetto di “new economy”, dove oltre la sostenibilità economica si contribuisce a quella ambientale, con anche un po’di educazione civica contro lo spreco: “La nostra è anche un’operazione culturale che promuove un consumo attento e consapevole”, dicono i fondatori.

La scommessa non è facile, visto che si tratta di beni legati all’idea di “benessere” e molto regolamentati dalla legge italiana, come ci spiega Alberto Monico – veterano del settore Salute, con esperienza pluridecennale nella logistica e commercializzazione di prodotti farmaceutici e cosmetici: “Tutti i prodotti presenti e commercializzati attraverso il nostro sito provengono da fornitori ufficiali e sono immagazzinati e conservati secondo le normative vigenti: sono perfettamente integri dal punto di vista delle proprietà chimico-fisiche e sono garantiti fino alla loro naturale scadenza, se correttamente conservati anche dall’utilizzatore finale”. La sicurezza è fondamentale: “Ogni prodotto che commercializziamo viene controllato dal team di Econviene per garantire al consumatore il rispetto degli standard. Nel caso di confezione danneggiata, viene verificata l’integrità del prodotto all’interno e quindi applicato un sigillo di qualità”.

Ma il consumatore, gli chiediamo, nella sua scelta è guidato più da un fattore ambientale o da mera convenienza economica? “Stiamo cercando di capire il fenomeno fin da quando siamo partiti. Siamo convinti che valgano entrambe le filosofie, c’è chi guarda più lo sconto e chi l’aspetto ambientale – commenta Giuliano Filippi, l’esperto aziendale di marketing – Ma l’elemento vincente è comunque l’unione delle due tendenze: si risparmia e non si spreca, quindi vi è una gratificazione economica e di utilità sociale ed ambientale“. Accanto ad una serie di prodotti con uno sconto fisso del 20% sul listino Econviene applica uno sconto minimo del 50% sui prodotti “Zero spreco”, con scadenza ravvicinata o fine stock o con il packaging danneggiato.

Econviene ha già avuto un buon successo iniziale nel Triveneto e in Lombardia, la regione autonoma Friuli Venezia Giulia l’ha anche promosso (visto che la sede legale è a Udine), ma i soci sono già impazienti di varcare i confini nazionali: ” Qui abbiamo giocato in casa, c’è stata una forte attenzione dei media locali che ci ha aiutati nel farci conoscere ma possiamo coprire tutto il mercato nazionale – prosegue Filippi – Guardiamo all’estero, ci interesserebbe avere relazioni in Germania, Austria e nel Nord Europa. Abbiamo verificato che in Austria le regole del parafarmaco sono simili alle nostre”. Il messaggio ai potenziali partner è chiaro: il modello potrebbe essere facilmente replicabile all’estero. Econviene è infatti già pensato in formato internazionale e sicuramente l’impatto ecologico derivante dalla distruzione di grandi quantità di confezioni di parafarmaci può essere tanto più ridotto quanto il modello della Aldigiù Srl (questo il nome della società) si espande.

Tra le motivazioni che hanno spinto alla creazione di Econviene c’è, come spesso succede, il tentativo di risolvere un problema. In questo caso quello interno alla filiera produttiva: “– conclude Filippi – Tutto parte dall’eccessiva produzione da parte di chi sta a monte della filiera, ma è tutto il canale che poi se ne rende compartecipe,

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

gennaio 20, 2020

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato, il 15 gennaio 2020, una sanzione di 5 milioni di euro all’Eni per la diffusione di messaggi pubblicitari ingannevoli utilizzati nella campagna promozionale che ha riguardato il carburante Eni Diesel+, sia relativamente all’affermazione del “positivo impatto ambientale” connesso al suo utilizzo, che alle asserite caratteristiche di quel carburante in [...]

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

gennaio 20, 2020

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

Partenza da Sondrio per attraversare le Alpi con gli sci e andare a protestare al World Economic Forum in apertura domani a Davos, contro chi pratica il greenwashing e parla di “sostenibilità” nel cuore di un ecosistema che viene distrutto a scopo di lucro. 80 km. nella neve e 3.500 metri di dislivello – fino a raggiungere i 3.000 [...]

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende