Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Ecoplan, storia di un’idea calabrese “impossibile”:

Ecoplan, storia di un’idea calabrese “impossibile”

febbraio 15, 2012 Campioni d'Italia, Rubriche

Vent’anni fa, produrre pannelli con sansa di olive esausta e plastica riciclata era solo un’idea. Di quelle a cui pochi avrebbero dato più di qualche minuto di vita. A maggior ragione perché l’imprenditore in questione era un giovane geometra calabrese, senza grossi mezzi, in un’epoca in cui nessuno parlava di riutilizzo e materie “prime seconde”.

Oggi Domenico Cristofaro ce l’ha fatta, o, almeno, è sulla buona strada. Dopo difficoltà di ogni genere e più di dieci anni di ricerche e sperimentazioni, quella suggestione ha preso forma a Polistena (Reggio Calabria) ed è diventata Ecoplan, un’azienda apprezzata, segnalata nel 2009 dal Premio per lo Sviluppo Sostenibile (settore rifiuti). Nel 2011, «per la sua coraggiosa attività imprenditoriale all’insegna dell’innovazione tecnologica orientata nel campo del riciclo dei rifiuti e della produzione di nuovi materiali, ecologici e di qualità», Cristofaro ha vinto il Premio Ambiente e Legalità di Libera e Legambiente. A conti fatti, dice, «rifarei tutto», definendosi «un visionario», un portatore di «sana utopia».

Ecoplan ha un know how e un processo produttivo unici al mondo. «Il ciclo di produzione si basa essenzialmente sull’estrusione a caldo (modellazione, Ndr) dei materiali che compongono la miscela, cioè plastica riciclata e sansa esausta, o altri scarti industriali, le cui tipologie e percentuali variano di volta in volta a seconda del prodotto finito che si è progettato insieme al cliente». In questo modo, da due tipi di scarti si ottiene un prodotto nuovo e di qualità: «Per quanto riguarda la plastica, cerchiamo di utilizzare il più possibile scarti industriali, per esempio della produzione di pannolini, o plastica raccolta post-consumo. La componente vegetale è spesso sansa esausta, che qui nella Piana di Gioia Tauro è disponibile in grande quantità, visto che ogni anno se ne producono 250.000 tonnellate». Ma è possibile utilizzare anche lolla di riso, fibra di canapa o di ginestra. Prima di Ecoplan, la plastica caricata di fibre si usava solo nel settore dell’auto, con spessori di massimo due o tre millimetri. I pannelli Ecomat, invece, hanno uno spessore variabile da 3 a 28 mm e sono larghi fino a 1,5 metri.

Pannelli ad alte prestazioni tecnologiche, validi sostituti delle lastre in materiali tradizionali. «Con la nostra produzione riusciamo ad ottenere un pannello alternativo a quello di legno, senza sfruttare e tagliare gli alberi, e a tutti quelli in plastica, utilizzando la plastica stessa in misura ridotta , anche oltre il 50% in meno, e per giunta proveniente dal riciclaggio». Le lastre Ecomat non contengono colle, e dunque non emettono formaldeide. Sono riciclabili al 100%: vengono semplicemente macinate e reimmesse nel ciclo produttivo, che è a basso impatto ambientale, visto che  il raffreddamento degli impianti avviene a ciclo chiuso, senza acque reflue, e gli scarti produzione vengono rimacinati, evitando così di creare rifiuti. Inoltre, Ecomat è antiurto, antiscivolo, antischeggia e idrorepellente, non è aggredibile da funghi, batteri e insetti, ha una fortissima resistenza agli agenti atmosferici e chimici e alla salsedine. Tutte caratteristiche che lo rendono adatto a essere utilizzato in diversi settori, dai trasporti all’edilizia, dalle strutture balneari agli allestimenti fieristici e dello spettacolo, fino all’arredamento, e all’arredo urbano.

L’avventura di Cristofaro, la mattina geometra in un Consorzio, presidente e AD di Ecoplan nel pomeriggio, è cominciata nei primi anni Novanta. «Volevo sfruttare i finanziamenti previsti dalla legge 44 del 1986 sull’imprenditorialità giovanile nel Mezzogiorno, per uscire dal luogo comune di vittimismo e assistenzialismo del Sud. Pensai a diversi tipi di impresa, fino a quando un professore di fisica che conoscevo mi suggerì di provare a fare qualcosa con la sansa esausta. Così, ho iniziato a girare, studiare, fare prove. Ci ho messo due anni a elaborare il progetto, altri tre sono serviti per la sua approvazione e dieci per collaudare gli impianti».  Una buona parte della sua vita investita in un’azienda «che mi ha fatto superare tanti momenti difficili. Più che a ricominciare, mi ha aiutato a non smettere mai». Caparbio e determinato, Cristofaro è andato avanti per la sua strada anche quando un’azienda piemontese, leader italiano ed europeo nella produzione di laminati, si è offerta di comprare l’impianto per trasferirlo al Nord. «Ho detto no, perché quest’azienda deve rimanere sul territorio. Siamo disponibili a collaborazioni e al trasferimento tecnologico, ma l’impianto deve restare qua a Polistena».

In questo momento, Ecoplan sta lavorando, in collaborazione con Legambiente e un’altra azienda calabrese, alla messa a punto di banchi 100% riciclabili e a zero emissioni di formaldeide, nell’ambito del progetto Scuola Verde. E anche Med in Italy, la casa ecosostenibile che rappresenterà l’Italia al Solar Decathlon Europe, una specie di Olimpiadi dell’architettura verde, avrà il patio e i marciapiedi esterni fatti con i pannelli Ecomat.

Negli ultimi anni, sono infine arrivate le soddisfazioni più grandi. A Pero, hinterland milanese, nella zona che ospiterà l’Expo 2015, i pannelli Ecomat sono stati usati per pavimentare i percorsi pedonali in un parco oggetto di riqualificazione. Nel 2010, Ecoplan ha realizzato invece i pavimenti e i mobili di arredamento per la prima Accademia Verde dei Parrucchieri L’Oreal a Madrid, curata dall’architetto Guido Matta. Un format da replicare in tutto le altre Accademie L’Oreal a livello mondiale (Barcellona, Amburgo Bruxelles, Monaco, Oporto).  E sempre nello stesso anno, l’azienda di Polistena si è aggiudicata la fornitura dei pannelli per l’allestimento del Salone del Gusto di Torino, cui concorreva anche la multinazionale che aveva tentato di inglobare Ecoplan. «E’ stata una bella rivincita. E tante altre ce le prenderemo in futuro», conclude sorridente Cristofaro.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende