Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Ecorete: i pc ricondizionati che costano l’80 per cento in meno:

Ecorete: i pc ricondizionati che costano l’80 per cento in meno

novembre 30, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Da qualche anno, anche in Italia le apparecchiature informatiche hanno una seconda vita. Chi non ha sentito parlare delle grandi discariche digitali della Cina dove approdano, quasi sempre illegalmente, i nostri rifiuti elettronici? L’innovazione è velocissima, e le aziende rinnovano il proprio parco informatico sempre più spesso. Ma perché mandare in discarica router, server, switch, e anche pc e notebook che ancora potrebbero funzionare bene?

Da questa domanda, nel 2008, è nata Eco-rete, costola della società di informatica Semantic, che si occupa di “revisionare” e reimmettere sul mercato apparecchiature informatiche, nella maggior parte dei casi di rete appunto, con conseguenze positive per l’ambiente e le tasche delle aziende e degli enti pubblici, a cui per ora il servizio è destinato.

Negli Stati Uniti e nel Nord Europa, realtà del genere esistono da un decennio. In Italia, Semantic è stata la prima impresa – e per ora probabilmente l’unica – a proporre questi servizi, con risultati positivi: «Nel biennio 2008-2010, il settore è cresciuto del 30%, nonostante il livello di riconversione delle apparecchiature sia ancora molto basso, intorno al 3%-5%», spiega Andrea Regonesi, responsabile Marketing e Social di Semantic.

Un’idea vincente, che favorisce la riduzione dei Raee (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche) e permette agli acquirenti di risparmiare fino all’80% sul prezzo di listino. «Nelle aziende – racconta Regonesi – uno dei problemi più importanti è quello relativo alla dismissione delle apparecchiature informatiche , non ritenute più idonee all’uso per il quale sono state progettate. Dopo il periodo di garanzia concesso dalle case produttrici, questi dispositivi sono ancora lontani dalla fine della loro vita, ma la maggior parte delle aziende, anche per la presenza di particolari politiche, sono costrette periodicamente alla sostituzione delle strumentazioni». Parliamo di router, switch, server e apparati di telefonia IP, tutti apparecchi necessari per mettere in rete i pc e i telefoni di un’azienda o un’amministrazione e archiviare grandi quantità di dati.

Questi prodotti una volta dismessi devono essere smaltiti dalle aziende. Il che genera due grandi problemi, uno di natura economica e l’altro di natura ecologica», continua Regonesi. Basti pensare che i Raee rappresentano circa il 2% dei rifiuti globali, percentuale destinata a crescere in maniera esponenziale. Si tratta di apparecchi che contengono sostanze altamente inquinanti e tossiche, che dovrebbero essere smaltiti secondo procedimenti particolari, non sempre rispettati. Per i quali le aziende, una volta dismesse queste strumentazioni, sono costrette a pagare somme consistenti. Eco-rete cerca di risolvere questi due problemi: «Invece di smaltire router e server, spesso abbastanza nuovi e ben funzionanti, le aziende possono vendere a noi le strumentazioni di rete dismesse, risolvendo in questo modo il problema dello smaltimento dei Raee ed abbattendo del 100% i relativi costi. Optando per la vendita , le aziende migliorano anche la loro immagine ambientale non immettendo nell’ambiente nuovi rifiuti informatici».

Così, diverse grandi imprese, insieme a Province, Comuni e qualche Ministero, vendono le vecchie apparecchiature alla società, che si occupa di revisionarle: «Il ricondizionamento avviene nei nostri laboratori. Le strumentazioni vengono sottoposte a test specifici per valutarne lo stato di conservazione. In base alle rilevazioni che vengono effettuate in questa prima fase, segue la dovuta procedura di rigenerazione ed il successivo collaudo per verificarne l’affidabilità». A questo punto, le macchine vengono rimesse in vendita con una garanzia di un anno, offrendo un risparmio fino all’80% rispetto ai prezzi di listino. Un router Cisco ricondizionato modello 1841, per esempio, spiega Regonesi, costa 363 euro, contro i 1.255,50 euro di prezzo di listino del prodotto nuovo.

«La crisi economica mondiale preme sempre più sulle attività produttive, e spinge le aziende a trovare soluzione nuove per poter rimanere competitive, continuando a possedere la migliore tecnologia possibile ma cercando di ottenere dove possibile risparmi economici». Per gli enti pubblici, è un’occasione di far quadrare i bilanci e promuovere il Green public procurement, ossia gli acquisti verdi, fortemente raccomandati dall’Unione Europea, che con i propri provvedimenti «sta incrementando l’utilizzo e le iniziative di Green IT (ovvero la information technology “verde”)». «Le Pubbliche Amministrazioni – continua Regonesi – sono il nostro primo interlocutore, soprattutto per il loro bisogno fondamentale di migliorare la propria struttura di rete informatica, rispettando nel contempo i vincoli di budget e di bilancio e riducendo il proprio impatto ambientale».

L’attività di Eco-rete si inserisce in un contesto più ampio di informatica verde: Semantic offre infatti soluzioni per limitare l’impatto ambientale delle tecnologie, realizzando anche sistemi per video-conferenze e collaborazioni su spazi virtuali, in modo da ridurre gli spostamenti e i consumi energetici. Prossimo progetto: un servizio di ricondizionamento dedicato ai consumatori: pc e notebook low cost che fanno risparmiare e riducono il carico sull’ambiente.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende