Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » Ecosostenibilità himalayana. Prima e dopo il passo:

Ecosostenibilità himalayana. Prima e dopo il passo

ottobre 31, 2011 Impressioni di viaggio, Rubriche

Vi ricordate l’”Ultimo viaggio nella burocrazia del fotovoltaico” del nostro corrispondente Carlo Taglia? Sembra già un ricordo lontano. Carlo l’8 ottobre scorso è partito per Kathmandu, con volo di sola andata per compiere un giro del mondo all’avventura, con mezzi di fortuna, e descrivere come viene vissuta la sostenibilità ambientale nei luoghi più remoti della terra. Ecco il suo primo racconto, dall’Himalaya. La prossima puntata a novembre!

La mia avventura di viaggio è iniziata dalla catena dell’Himalaya nepalese, punto di partenza imprescindibile per il fascino che evoca “la dimora delle nevi eterne“, (questo significa il termine in sanscrito). Per iniziare un’esperienza come il giro del mondo ero alla ricerca di un contatto forte con natura e spiritualità, per trovare le forze necessarie e il giusto approccio mentale per affrontare la sfida.

In questa regione si avverte una ricca presenza buddista. Gli abitanti sostengono che la vista dei monti himalayani – di questi pilastri del cielo che s’innalzano limpidi e poderosi dalle brume e dalle imperfezioni del mondo - evoca alla memoria il fiore di loto, simbolo della loro fede. Anche il fiore di loto affonda le sue radici nel fango, che è simile al Saṃsara, l’eterno ciclo delle nascite e delle morti. Quando sboccia, la sua corolla, ergendosi alta sullo stelo, si apre bianca ed immacolata per rappresentare la salvezza della coscienza e l’eterna serenità del nirvana.

La domanda che – per deformazione professionale - mi sono posto, prima di partire è però molto più “occidentale”: come affrontano il tema dell’ecosostenibilità, i nepalesi, tra le montagne che hanno fatto la loro storia e su cui si basa principalmente l’economia del paese?

Pochi giorni fa ho concluso uno dei trekking con il paesaggio naturale più spettacolare al mondo, grazie alla varietà dei suoi panorami: il circuito dell’Annapurna. Si inizia a Besi Sahir, con foreste tipiche del continente subtropicale, nella valle più profonda al mondo, a 800 metri. Risalendo tra ponti sospesi l’imponente fiume Marsyangdi si attraversano altopiani e canali nella Valle di Manang, fino al passo del Thorung La a 5.416 metri – uno dei passi più alti in assoluto senza necessità di scalata, con un rigido paesaggio alpino – per poi riscendere da Muktinath sacro tempio hindu, seguendo il fiume Kali Gandaki che percorre l’arida Valle del Mustang fino a Beni (1.000 metri). Trecento chilometri percorsi con i piedi, l’unico mezzo che la natura ci ha dato e di cui la nostra cultura si sta dimenticando. Quattordici giorni di fatica per vedere gli effetti dell’altitudine sul paesaggio e provarli direttamente, ad alte quote, anche sulla propria pelle.

Attraverso un pedaggio d’entrata di circa 20 euro, ho potuto accedere all’ ACA (Annapurna Conservation Area). Nel 1986 il progetto ACAP (dove la “P” finale indica appunto il progetto) fu varato per la conservazione della regione attorno all’Annapurna, un area di circa 7.600 mq. Questo ente, sovvenzionato dai trekker di tutto il mondo, si occupa principalmente di salvaguardia ambientale e favorisce lo sviluppo di una mentalità “ecosostenibile” tra i gestori di hotel e i proprietari degli alloggi nell’area. L’ACAP organizza corsi mirati su temi come l’educazione ecologica, lo sviluppo agricolo sostenibile, il ricorso a energie alternative, la conservazione della cultura locale, il turismo a basso impatto ambientale, la salute e la conservazione delle risorse naturali.

Questo a livello teorico (non ho infatti potuto verificare se ancora oggi esistano questi corsi), ma a livello pratico il problema rimane che nella prima parte del trekking viene favorito l’utilizzo del cherosene, mentre, man mano che si sale, si utilizza sempre più legna – in abbondanza. Il disboscamento selvaggio, in un paese dove il supporto energetico è basato almeno al 50 per cento sul legname, è indubbiamente una questione aperta.

Ci sono poi la gestione dei rifiuti e il traffico, che si è creato, in questi anni, nell’ultima valle. Gran parte dei villaggi prima del passo sono isolati dai mezzi quindi devono gestire i rifiuti ”autonomamente”, il che significa trovarne lungo il cammino, per strada e nei torrenti. Per questo è importante l’impegno almeno da parte dei trekkers, per gestire al meglio i propri rifiuti riducendoli il più possibile, a partire da una facile regola: evitare di comprare l’acqua in bottigliette di plastica (difficili da smaltire) e bere acqua bollita o utilizzare pastiglie per purificarla.

Nell’ultima parte della valle, poco dopo il passo del Thorung La, per via dell’accessibilità e dell’aumento del turismo si è creato un traffico di moto, fuoristrada, pullman – e aerei! Tutto ciò a discapito dell’escursionista che rischia di essere travolto da smog e nuvole di polvere sollevate dai mezzi. Su questo tema si sta muovendo anche la comunità internazionale, tanto che io stesso sono stato intervistato da un reporter inglese che si occupava di documentare l’impatto ambientale del traffico nella zona.

Prima del passo l’utilizzo di energie alternative sta prendendo timidamente piede, attraverso qualche pannello fotovoltaico installato su falda e piccoli impianti idroelettrici che sfruttano la corrente dei possenti fiumi che scorrono in questa regione. La più utilizzata è l’energia solare termica per scaldare l’acqua delle docce con pannelli solari e, in alcuni casi, anche con delle parabole a specchio per cucinare o scaldare oggetti. Dopo il passo, invece, si entra in un’area più sviluppata dotata di una vera e propria rete elettrica, ben collegata, e per scaldare l’acqua si utilizza il gas – a spese del turista.

Il Nepal dovrà sicuramente investire di più nelle fonti rinnovabili, soprattutto nel fotovoltaico e nell’idroelettrico, ma soprattutto dovrà limitare l’accesso motorizzato nelle aree di maggior traffico - non solo per preservare un paesaggio naturale unico al mondo, ma anche per meri interessi turistici:  se una volta infatti la maggior parte degli escursionisti terminava la parte di trekking a fondo valle, oggi lo termina appena dopo il passo, riducendo drasticamente il numero dei virtuosi che si spostano, per piacere e filosofia di viaggio, a
piedi. Un modesto suggerimento a breve termine sarebbe quello di creare un percorso alternativo per chi decida di proseguire a piedi dopo il passo.

Carlo Taglia

Le riflessioni di viaggio complete di Carlo Taglia, documentate da foto e video, sono disponibili sul suo blog: http://karl-girovagando.blogspot.com/

Cliccando il link è possibile ascoltare l’intervista di Claudio Vigolo di Radio Lifegate a Carlo Taglia dello scorso venerdi 11 novembre 2011.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

gennaio 17, 2017

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

“Giardini d’Autore“, la mostra di giardinaggio che accoglie i migliori vivaisti italiani rinnova l’appuntamento a Rimini, presso il Parco Federico Fellini, location dal fascino intramontabile, per l’edizione di primavera 2017, in programma dal 17 al 19 marzo. La manifestazione giunge al suo ottavo anno aprendo la stagione delle mostre di giardinaggio in Italia. Un appuntamento [...]

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

gennaio 17, 2017

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

Il Parco Regionale delle Alpi Apuane, in Toscana, è nato nel 1985 in seguito a una proposta di legge di iniziativa popolare per tutelare dagli scempi estrattivi una catena montuosa unica al mondo, impervia e affacciata sul mare, con una biodiversità eccezionale (vede la presenza del 50% delle specie vegetali riconosciute in Italia, 28 habitat [...]

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

gennaio 12, 2017

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

Un’edizione “ad alto grado di innovazione” per Klimahouse 2017, fiera di riferimento internazionale per l’efficienza energetica e il risanamento in edilizia, in programma a Fiera Bolzano dal 26 al 29 gennaio. Formula vincente di Klimahouse è l’ormai calibrato mix tra uno spazio espositivo, dedicato alle novità di prodotto proposte da 450 selezionate aziende di settore [...]

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

gennaio 12, 2017

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

La difesa di uno degli ultimi ambienti naturali non ancora sfruttati dall’uomo, il pericolo imminente del riscaldamento globale, la sensibilizzazione verso i temi della sostenibilità ambientale e del cambiamento climatico, la dialettica tra natura e civiltà. Sono questi gli argomenti attorno cui ruota la mostra “Artico. Ultima frontiera” in programma dal 15 gennaio al 2 aprile 2017 [...]

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

gennaio 11, 2017

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

Dal 1° gennaio 2017 le aziende pubbliche del servizio idrico lombardo, che nei mesi scorsi avevano emesso una gara congiunta per la fornitura di energia elettrica, si riforniscono solo più con energia prodotta da fonti rinnovabili. L’opzione “verde”, che impegna il fornitore a consegnare energia al 100% ottenuta da fonti rinnovabili certificate, consentirà di evitare l’immissione [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende