Home » Bollettino Europa »Rubriche » Edifici pubblici e sprechi: mi rifaccio il Comune con i fondi europei (per l’efficienza energetica):

Edifici pubblici e sprechi: mi rifaccio il Comune con i fondi europei (per l’efficienza energetica)

febbraio 18, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

L’efficienza energetica mancata è nell’occhio del ciclone dopo l’accusa della Corte dei Conti Europea. Con la Relazione Speciale (Rs 21/2012), il Supremo organo UE, che ha indagato sui fondi messi a disposizione dal 2007 al 2013 svela, infatti, una amara verità: troppi soldi, spesi male e ripagati in tempi biblici. Come si legge in un recente comunicato, infatti, i soldi stanziati da Bruxelles per ridurre i consumi di elettricità, gas e combustibili nell’edilizia, sono finiti nel buco nero della cattiva gestione. Vale la pena ricordare che, dal 2000, sono stati spesi quasi cinque miliardi di euro per il cofinanziamento di misure di efficienza energetica negli Stati membri.

La Corte dei conti ha messo sotto esame tre Paesi in particolare (Repubblica Ceca, Italia e Lituania), quelli che avevano ricevuto i maggiori contributi dal Fondo di Coesione e dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale per il periodo 2007-2013 e che avevano anche stanziato gli importi più elevati per i progetti entro il 2009. Sono stati presi in considerazione quattro programmi operativi e un campione di ventiquattro progetti di investimento per l’efficienza energetica nell’edilizia pubblica.

In particolare la Corte ha cercato di appurare due questioni. La prima, se nelle fasi di programmazione e finanziamento siano state create le condizioni adeguate per rendere efficaci sotto il profilo dei costi/benefici gli investimenti nell’efficienza energetica. La seconda, se i progetti di efficienza energetica nell’edilizia pubblica siano stati efficaci sotto il profilo dei costi/benefici.

L’audit ha concluso che entrambe le domande hanno risposta negativa. Questo perché i programmi operativi esaminati non erano supportati da adeguate valutazioni del fabbisogno che individuassero i settori specifici in cui erano possibili risparmi energetici e le diverse opzioni per conseguirli in modo efficace dal punto di vista dei costi/benefici, giustificando così le misure scelte e il loro costo.

Ciò che è venuto alla luce è che gli Stati membri hanno fondamentalmente utilizzato questi fondi per rinnovare edifici pubblici, mentre il risparmio energetico era, nel migliore dei casi, una finalità secondaria. Tanto che gli investimenti si ripagheranno mediamente in 50 anni, nei casi peggiori addirittura 150, ben oltre la vita utile delle tecnologie utilizzate, che siano caldaie a condensazione, infissi isolanti o coibentazioni dei tetti.

«Anche se i progetti controllati hanno prodotto le realizzazioni fisiche previste, come la sostituzione di finestre e porte o l’isolamento di muri e tetti, il costo in relazione ai potenziali risparmi è stato troppo elevato. Più dell’efficienza energetica è stata valutata la necessità di rinnovare gli edifici pubblici». ha commentato Harald Wögerbauer, membro della Corte e responsabile della relazione.

Forse è anche per questo che l’Europa è tuttora vittima di un clamoroso ritardo nel conseguimento degli obiettivi di risparmio energetico. Per migliorare gli investimenti nell’efficienza, la Corte raccomanda dunque alla Commissione Europea di subordinare la concessione di questi finanziamenti a un’adeguata valutazione del fabbisogno, a un regolare monitoraggio, all’impiego di indicatori di performance omogenei, nonché all’uso di criteri trasparenti per la selezione dei progetti e a costi di investimento standard per unità di energia da risparmiare, con un periodo massimo accettabile di rimborso non attualizzato dell’investimento.

Bruxelles, sta quindi cercando di correre ai ripari, e lo fa usando il vecchio metodo del bastone e della carota. Da un lato ha aperto una procedura d’infrazione contro diciannove Paesi inadempienti sulla Direttiva Epbd (Energy performance of buildings directive). Tra questi c’è anche l’Italia. La Commissione Europea ha, infatti, inviato al nostro Governo e a quelli di Bulgaria, Grecia e Portogallo la richiesta di notificare entro due mesi le misure per il rispetto delle regole europee sull’efficienza e risparmio energetico negli edifici nuovi ed esistenti. La Direttiva, inoltre, impone di assicurare che, entro il 2021, tutti i nuovi edifici rientrino nella categoria dei cosiddetti “edifici a energia quasi zero“. Secondo l’Esecutivo di Bruxelles, i quattro Stati, oltre a non aver recepito la normativa nel diritto nazionale entro il 9 luglio 2012, non hanno rispettato ciò che questa impone. Secondo la Direttiva, gli Stati membri devono stabilire e attuare dei requisiti minimi di consumo energetico, assicurare la certificazione di tali consumi e prevedere ispezioni regolari agli impianti di riscaldamento e di condizionamento. I Paesi UE rischiano ora il rinvio di fronte alla Corte di Giustizia europea e conseguenti multe in caso di condanna.

Con l’altra mano, però, l’UE continua ad incentivare l’innovazione, per dare visibilità ai casi virtuosi. È aperto infatti il ManagEnergy Award, la competizione europea tra i migliori progetti che sviluppino l’efficienza energetica o sfruttino le energie rinnovabili. C’è tempo fino all’8 marzo per inviare le candidature. Le amministrazioni pubbliche regionali, locali e le agenzie dell’energia possono così riscattarsi e usufruire di questa opportunità per presentare, a livello europeo, progetti già attuati, che abbiano dato – in questo caso – buoni risultati.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende