Home » Bollettino Europa »Rubriche » Efficienza energetica, l’UE bacchetta l’Italia:

Efficienza energetica, l’UE bacchetta l’Italia

ottobre 10, 2011 Bollettino Europa, Rubriche

 

Tirata d’orecchie per l’inefficienza energetica degli edifici: l’Italia è di nuovo nel mirino dell’esecutivo UE. La Commissione Europea ha chiesto formalmente al nostro Paese “di conformarsi all’integralità delle norme in materia di rendimento energetico dell’edilizia”, e ha deciso di inviare un parere motivato. Già nel novembre dello scorso anno, ricorda Bruxelles, la Commissione aveva informato il nostro Governo “circa l’inosservanza della normativa”. E, sebbene nel frattempo le autorità italiane abbiano preso misure supplementari, la Commissione ritiene che la nostra legislazione “non soddisfi completamente gli obblighi unionali”.

Attualmente agli edifici si deve il 36% delle emissioni di CO2 dell’Unione e il 40% del consumo di energia; la direttiva ha l’obiettivo di ridurre gli sprechi introducendo una serie di prassi che permettano di controllarne e migliorarne l’efficienza. In particolare, la legislazione vincola gli Stati membri a stabilire una metodologia per il calcolo delle performance energetiche degli edifici e una serie di requisiti minimi di rendimento, sia per gli immobili di nuova costruzione che per quelli esistenti, se di metratura superiore a 1.000 mq e sottoposti a ristrutturazioni significative. Ogni immobile, alla costruzione, ma anche in caso di compravendita o locazione, dovrebbe poi essere accompagnato da un certificato di rendimento energetico che informi il nuovo proprietario o inquilino circa i consumi dell’edificio. Tali attestati di certificazione energetica (ACE) devono essere rilasciati con l’intervento di esperti qualificati indipendenti e fornire indicazioni sui possibili metodi per ridurre i consumi.

La direttiva chiede infine ai Paesi membri di istituire un sistema di ispezioni periodiche per il loro controllo. Per questo l’UE critica la legislazione italiana, che autorizza invece i proprietari ad autocertificare il rendimento energetico dichiarando che il proprio edificio appartiene ad una classe di consumo inferiore (G). E, quando si tratta di affitto, prescrive questi attestati solo per i nuovi immobili, mentre non li considera obbligatori per quelli esistenti.

Ma l’Italia ha mancato anche nel varare misure adeguate per garantire controlli regolari degli impianti di condizionamento dell’aria. Se il nostro Paese non adotterà, entro due mesi, le misure opportune, la Commissione potrà dunque decidere di adire la Corte di Giustizia dell’Unione Europea.

Dal Governo intanto si fa sapere che il Decreto Sviluppo, che l’esecutivo sta mettendo a punto, dovrebbe contenere una proroga triennale delle attuali detrazioni fiscali del 55% per l’efficienza energetica. “La procedura dell’Europa contro l’Italia sul rendimento energetico degli edifici è uno stimolo in più a inserire la norma per la detrazione nel decreto sviluppo a cui stiamo lavorando”, ha confermato Stefano Saglia, sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico con delega all’Energia. “La proroga delle detrazioni del 55% – continua Saglia – è uno strumento anticiclico, perché consente di fare crescita economica ed è fondamentale estenderla per un periodo adeguato, così da stimolare anche investimenti più cospicui”. È questo infatti uno dei capitoli che compongono il pacchetto di proposte presentato dal Ministero dello Sviluppo Economico, al centro del confronto dei tavoli avviati tra esecutivo, imprese e banche. La proroga, si legge in una nota, “potrebbe essere accompagnata dall’introduzione di tetti di spesa specifica, prima non previsti e per alcuni interventi (finestre, piccole caldaie) si prevede la riduzione fin da subito al 41% della percentuale di detrazione”.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende