Home » Campioni d'Italia »Rubriche » ElectroSelf: la “fuel cell” che si produce l’idrogeno da sola:

ElectroSelf: la “fuel cell” che si produce l’idrogeno da sola

settembre 28, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Una macchina che produce energia combinando idrogeno e ossigeno. Unica emissione: l’acqua. Ma ElectroSelf, il gioiello dell’azienda torinese Electro Power System, non si ferma qui. A distinguerla da tutte le tecnologie concorrenti, sono due caratteristiche uniche: per prima cosa, si produce da sola la materia prima, cioè l’idrogeno, partendo dall’acqua e scindendolo dall’ossigeno; in secondo luogo, ElectroSelf è anche in grado di immagazzinare energia rinnovabile sottoforma di idrogeno, che poi verrà combinato con l’ossigeno e ritrasformato in energia elettrica al momento del bisogno. Insomma, una valida soluzione al problema dello stoccaggio dell’energia, soprattutto se legato alle fonti rinnovabili, per loro natura discontinue e impossibili da prevedere e programmare in base alla richiesta. L’inizio di una rivoluzione, che ha fatto vincere all’azienda diversi premi. L’ultimo solo qualche settimana fa, quando la EPS è stata nominata Technology Pioneer 2012 dal World Economic Forum, celebre per il suo meeting annuale di Davos, in Svizzera. Un riconoscimento importante, per la prima volta riservato ad una impresa italiana, che premia, ogni anno, quelle aziende che, con la propria vision e tecnologia, sono in grado di contribuire alla trasformazione della società e del mondo del business.

Electro Power System nasce a Torino nel 2005 e inizia subito a fare ricerca nell’ambito delle fuel cell, le pile a combustibile: «Si tratta di una tecnologia vecchia, ma che solo recentemente è diventata oggetto di ricerche e investimenti del settore privato. Il funzionamento è semplice: nella fuel cell entra l’idrogeno, che si combina con l’ossigeno presente nell’aria e produce energia elettrica e acqua. Nessuna emissione di CO2», spiega l’amministratore delegato Adriano Marconetto.

La EPS non è sola sulla strada che combina energia e idrogeno: altre aziende, soprattutto statunitensi, stanno andando nella stessa direzione. La svolta arriva però nel 2008, «quando abbiamo avuto l’idea di sviluppare una tecnologia che fosse in grado anche di prodursi l’idrogeno da sola. Per svilupparla, ci è voluto un anno e mezzo: nel 2009 abbiamo presentato la prima versione, nel 2010 la seconda e a febbraio 2012 presenteremo la terza versione al Mobile World Congress di Barcellona». 

ElectroSelf si rivela ben presto l’idea vincente, quella che fa la differenza rispetto agli altri concorrenti: «Come dico sempre con una battuta, delle due parole gli americani hanno privilegiato le cell, mentre noi ci siamo concentrati sul fuel, cioè sul combustibile». Risultato: rispetto ai concorrenti d’Oltreoceano, oggi la maggior parte dei clienti del gruppo torinese sono aziende di Paesi emergenti, in cui i black out sono frequenti, e necessitano di una tecnologia economica e che non rimanga mai “a secco” di idrogeno.

Oggi l’azienda ha due sedi, a Torino e ad Aosta, e conta una cinquantina di dipendenti, di cui cinque stabilmente in Asia e venti che lavorano in ricerca. Nell’ultimo anno, il business è cambiato totalmente: «Mentre l’anno scorso il 70% del nostro business era in Italia, quest’anno quel 70% si è spostato nelle economie emergenti, in Asia e in Africa». I clienti, continua Marconetto, «sono soprattutto società che gestiscono reti con centinaia di centraline o antenne, come le aziende di telecomunicazioni, e hanno bisogno di una tecnologia che assicuri energia in caso di black out. In questo caso, ElectroSelf viene utilizzato al posto di batterie al piombo e gruppi di continuità a gasolio. A queste si aggiungono imprese che sono fuori dalla rete elettrica e usano ES per lo stoccaggio di energia elettrica prodotta con impianti eolici o fotovoltaici, in modo da avere energia verde 24 ore su 24».

Marconetto definisce ElectroSelf «una banca dell’energia, dove questa viene depositata e poi prelevata al momento del bisogno». Niente a che vedere, ci tiene a precisare l’AD, con le fonti di energia: «L’idrogeno non è una fonte primaria, non si può sostituire all’eolico e al fotovoltaico, ma può aiutare le rinnovabili a svilupparsi». E con il cambiamento dei modelli di consumo energetico, l’idrogeno diventerà sempre più importante: «Oggi il nostro sistema è ancora basato su grandi centrali che producono energia per i cittadini, che pagano la bolletta. Ma con il diffondersi delle energie rinnovabili, che permetteranno a ognuno da farsi l’energia autonomamente, si diffonderà il problema dello stoccaggio. Nel lungo periodo, anche le abitazioni potrebbero impiegare ElectroSelf per immagazzinare elettricità».

Sulle prospettive per il futuro, Marconetto non ha dubbi: «Siamo un’azienda molto focalizzata sulle fuel cell, vogliamo farne un prodotto sempre più efficace e più semplice. Per il futuro, punteremo sull’internazionalizzazione, lo sviluppo internazionale attraverso accordi mirati con realtà extraeuropee importanti». E in Italia? Il CEO ha la risposta pronta: «Se l’Italia rimanesse una fetta importante del nostro business, significherebbe che non siamo stati abbastanza bravi a portare la nostra idea in giro per il mondo».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

giugno 27, 2017

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

Bellezze naturali e attrazioni turistiche: sono numerosi i punti di interesse che anche quest’anno cicloturisti e trekker potranno raggiungere grazie al TrenoBus delle Dolomiti, il servizio intermodale che offre ai ciclisti e agli amanti del trekking la possibilità di percorrere le piste ciclabili dell’intero anello dolomitico e di passeggiare nel cuore dei numerosi punti di [...]

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

I premi del 20° Cinemambiente. Vince l’angoscia per la plastica

giugno 6, 2017

I premi del 20° Cinemambiente. Vince l’angoscia per la plastica

Il 20° Festival CinemAmbiente si è concluso nella Giornata Mondiale dell’Ambiente con la cerimonia di premiazione, al Cinema Massimo di Torino, e la proiezione del film La Vallée des loups di Jean-Michel Bertrand (Premio “Movies Save the Planet”). Pur in assenza degli eventi “di piazza” in cartellone nell’edizione 2016, anche quest’anno il Festival ha registrato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende