Home » Off the Green »Rubriche » Elezioni 2013: la grande caduta dal pero:

Elezioni 2013: la grande caduta dal pero

febbraio 26, 2013 Off the Green, Rubriche

Quello che mi stupisce di più dell’esito di queste elezioni è lo stupore di molti dirigenti di partito. Morgando, segretario Pd in Piemonte, si stupisce per “una tenuta così forte di Berlusconi” e ammette: “non abbiamo saputo intercettare la protesta”. “Né il centrosinistra, né il verde Bonelli (candidato con Ingroia che non raggiunge il 3%), né soprattutto il Movimento Liberi Pensanti – scrive Grazia Longo su La Stampa in merito all’esito elettorale a Taranto, dove il Movimento 5 Stelle è oggi primo partito con il 30% dei voti – riescono a farsi una ragione del responso delle urne”.

L’invito a “scendere dal pero“, si legge sul “Dizionario dei modi di dire” Hoepli, è solitamente rivolto a “persone superbe e presuntuose”, alle quali farebbe bene calarsi in una prospettiva pari ai propri simili, per riconsiderare e rivalutare, entro una nuova dimensione, quello che li circonda. Sono infatti costoro che “caduti dal pero“, devono ” prendere atto, in genere dolorosamente, di una data realtà“. Mai espressione idiomatica si è prestata meglio a descrivere il giorno dopo le elezioni.

Non serviva essere dei profeti per intuire l’esito elettorale (che personalmente mi preoccupa, ma non mi stupisce affatto), era sufficiente parlare con le persone per strada: imprenditori, professionisti, manager, casalinghe, operai, disoccupati, studenti, pensionati, il famoso “paese reale” che le grandi menti dei partiti, troppo assorte nei calcoli totalmente autoreferenziali dei “pesi interni“, continuano a ignorare o comunque non sono in grado di comprendere. Mentre loro stavano chiusi nelle sedi di partito a riunirsi tra loro, Grillo andava in piazza a Taranto e nel Sulcis – i luoghi dove gli altri rischiavano il linciaggio.

Concedetemi una rapida carrellata, per dimostrare la tesi con qualche immagine concreta: era credibile il successo di un Monti, trasformato (da quel sedicente genio di David Axelrod) da integerrimo professore di economia e civil servant a patetico promotore di se stesso con cagnolino in braccio? No. Era prevedibile che imprenditori e professionisti esasperati dalla pressione fiscale e dall’atteggiamento poliziesco di Equitalia avrebbero di nuovo votato Berlusconi? Certamente sì, che piaccia o no. Era pensabile che un Bonelli alleato con il giustizialista Ingroia (traghettatore di vetero-comunisti come Diliberto e Ferrero) avrebbe preso voti un centimetro al di là di quell’angusto (e anacronistico) perimetro? Ovviamente no (lo avevamo già scritto l’11 gennaio scorso, ben prima del voto).  Dunque, dove sta la sorpresa di questi risultati elettorali?

Gli elettori, come ampiamente previsto dagli osservatori più attenti e sintonizzati con il Paese (compresi i bookmakers inglesi, che su queste previsioni scommettono dei gran soldi), hanno premiato, a seconda delle proprie inclinazioni, l’unica vera rivoluzione, quella di Grillo, hanno confermato l’attesa “vittoria” del Pd – pur punendo il partito per la sua irriducibile hybris e l’incapacità di comprendere e delineare realmente una “nuova strada” – e si sono aggrappati, in numero ancora significativo, alla speranza tradita (ma pur sempre incarnata da Berlusconi) di trovare riscatto nei confronti di uno Stato ritenuto ingiusto, invasivo e scialacquatore. O, per lo meno, di tornare, irrazionalmente, a un passato che non c’è più, ma che faceva meno paura.

Ora, che fare? La situazione, complessivamente, non è certo facile, per il rischio di ingovernabilità, aggravato da meccanismi istituzionali che, come ha osservato il costituzionalista Michele Ainis, potrebbero generare uno stallo difficile da sbloccare. Ma, soprattutto – come ci domandiamo nella nostra vignetta di oggi – “ora che siamo al verde” e che non ci sono prospettive di un’imminente uscita dalla crisi (né politica né economica), “chi avrà davvero la forza di pensare verde?” e di applicare concretamente i programmi elettorali propagandati nelle settimane scorse? Chi, cioè, come hanno richiesto tutte le associazioni ambientaliste e di categoria, saprà farsi interprete della green economy in modo trasversale, dribblando le ideologie e gli interessi di bottega, per conquistare un risultato di interesse comune? E’ una domanda a cui oggi è decisamente troppo presto per rispondere, anche se una possibilità c’è e non riguarda i partiti né i leader carismatici, ma le persone. In questa legislatura, come mai prima d’ora, entreranno, infatti, a far parte del Parlamento tantissimi outsider della cosiddetta “società civile“, forse meno competenti in senso tecnico, ma anche, sicuramente, meno irregimentati dei vecchi onorevoli monocolore: se lo vorranno e se sapranno dare precedenza alla coscienza e alla lungimiranza, potrebbero diventare loro i protagonisti della svolta, di una silenziosa “rivoluzione verde” del Paese. Poiché il legislatore, non dimentichiamolo, rimane pur sempre il Parlamento e non il Governo.

Andrea Gandiglio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende