Home » Off the Green »Rubriche » Elezioni 2013: la grande caduta dal pero:

Elezioni 2013: la grande caduta dal pero

febbraio 26, 2013 Off the Green, Rubriche

Quello che mi stupisce di più dell’esito di queste elezioni è lo stupore di molti dirigenti di partito. Morgando, segretario Pd in Piemonte, si stupisce per “una tenuta così forte di Berlusconi” e ammette: “non abbiamo saputo intercettare la protesta”. “Né il centrosinistra, né il verde Bonelli (candidato con Ingroia che non raggiunge il 3%), né soprattutto il Movimento Liberi Pensanti – scrive Grazia Longo su La Stampa in merito all’esito elettorale a Taranto, dove il Movimento 5 Stelle è oggi primo partito con il 30% dei voti – riescono a farsi una ragione del responso delle urne”.

L’invito a “scendere dal pero“, si legge sul “Dizionario dei modi di dire” Hoepli, è solitamente rivolto a “persone superbe e presuntuose”, alle quali farebbe bene calarsi in una prospettiva pari ai propri simili, per riconsiderare e rivalutare, entro una nuova dimensione, quello che li circonda. Sono infatti costoro che “caduti dal pero“, devono ” prendere atto, in genere dolorosamente, di una data realtà“. Mai espressione idiomatica si è prestata meglio a descrivere il giorno dopo le elezioni.

Non serviva essere dei profeti per intuire l’esito elettorale (che personalmente mi preoccupa, ma non mi stupisce affatto), era sufficiente parlare con le persone per strada: imprenditori, professionisti, manager, casalinghe, operai, disoccupati, studenti, pensionati, il famoso “paese reale” che le grandi menti dei partiti, troppo assorte nei calcoli totalmente autoreferenziali dei “pesi interni“, continuano a ignorare o comunque non sono in grado di comprendere. Mentre loro stavano chiusi nelle sedi di partito a riunirsi tra loro, Grillo andava in piazza a Taranto e nel Sulcis – i luoghi dove gli altri rischiavano il linciaggio.

Concedetemi una rapida carrellata, per dimostrare la tesi con qualche immagine concreta: era credibile il successo di un Monti, trasformato (da quel sedicente genio di David Axelrod) da integerrimo professore di economia e civil servant a patetico promotore di se stesso con cagnolino in braccio? No. Era prevedibile che imprenditori e professionisti esasperati dalla pressione fiscale e dall’atteggiamento poliziesco di Equitalia avrebbero di nuovo votato Berlusconi? Certamente sì, che piaccia o no. Era pensabile che un Bonelli alleato con il giustizialista Ingroia (traghettatore di vetero-comunisti come Diliberto e Ferrero) avrebbe preso voti un centimetro al di là di quell’angusto (e anacronistico) perimetro? Ovviamente no (lo avevamo già scritto l’11 gennaio scorso, ben prima del voto).  Dunque, dove sta la sorpresa di questi risultati elettorali?

Gli elettori, come ampiamente previsto dagli osservatori più attenti e sintonizzati con il Paese (compresi i bookmakers inglesi, che su queste previsioni scommettono dei gran soldi), hanno premiato, a seconda delle proprie inclinazioni, l’unica vera rivoluzione, quella di Grillo, hanno confermato l’attesa “vittoria” del Pd – pur punendo il partito per la sua irriducibile hybris e l’incapacità di comprendere e delineare realmente una “nuova strada” – e si sono aggrappati, in numero ancora significativo, alla speranza tradita (ma pur sempre incarnata da Berlusconi) di trovare riscatto nei confronti di uno Stato ritenuto ingiusto, invasivo e scialacquatore. O, per lo meno, di tornare, irrazionalmente, a un passato che non c’è più, ma che faceva meno paura.

Ora, che fare? La situazione, complessivamente, non è certo facile, per il rischio di ingovernabilità, aggravato da meccanismi istituzionali che, come ha osservato il costituzionalista Michele Ainis, potrebbero generare uno stallo difficile da sbloccare. Ma, soprattutto – come ci domandiamo nella nostra vignetta di oggi – “ora che siamo al verde” e che non ci sono prospettive di un’imminente uscita dalla crisi (né politica né economica), “chi avrà davvero la forza di pensare verde?” e di applicare concretamente i programmi elettorali propagandati nelle settimane scorse? Chi, cioè, come hanno richiesto tutte le associazioni ambientaliste e di categoria, saprà farsi interprete della green economy in modo trasversale, dribblando le ideologie e gli interessi di bottega, per conquistare un risultato di interesse comune? E’ una domanda a cui oggi è decisamente troppo presto per rispondere, anche se una possibilità c’è e non riguarda i partiti né i leader carismatici, ma le persone. In questa legislatura, come mai prima d’ora, entreranno, infatti, a far parte del Parlamento tantissimi outsider della cosiddetta “società civile“, forse meno competenti in senso tecnico, ma anche, sicuramente, meno irregimentati dei vecchi onorevoli monocolore: se lo vorranno e se sapranno dare precedenza alla coscienza e alla lungimiranza, potrebbero diventare loro i protagonisti della svolta, di una silenziosa “rivoluzione verde” del Paese. Poiché il legislatore, non dimentichiamolo, rimane pur sempre il Parlamento e non il Governo.

Andrea Gandiglio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende