Home » Off the Green »Rubriche » Elezioni 2013: la grande caduta dal pero:

Elezioni 2013: la grande caduta dal pero

febbraio 26, 2013 Off the Green, Rubriche

Quello che mi stupisce di più dell’esito di queste elezioni è lo stupore di molti dirigenti di partito. Morgando, segretario Pd in Piemonte, si stupisce per “una tenuta così forte di Berlusconi” e ammette: “non abbiamo saputo intercettare la protesta”. “Né il centrosinistra, né il verde Bonelli (candidato con Ingroia che non raggiunge il 3%), né soprattutto il Movimento Liberi Pensanti – scrive Grazia Longo su La Stampa in merito all’esito elettorale a Taranto, dove il Movimento 5 Stelle è oggi primo partito con il 30% dei voti – riescono a farsi una ragione del responso delle urne”.

L’invito a “scendere dal pero“, si legge sul “Dizionario dei modi di dire” Hoepli, è solitamente rivolto a “persone superbe e presuntuose”, alle quali farebbe bene calarsi in una prospettiva pari ai propri simili, per riconsiderare e rivalutare, entro una nuova dimensione, quello che li circonda. Sono infatti costoro che “caduti dal pero“, devono ” prendere atto, in genere dolorosamente, di una data realtà“. Mai espressione idiomatica si è prestata meglio a descrivere il giorno dopo le elezioni.

Non serviva essere dei profeti per intuire l’esito elettorale (che personalmente mi preoccupa, ma non mi stupisce affatto), era sufficiente parlare con le persone per strada: imprenditori, professionisti, manager, casalinghe, operai, disoccupati, studenti, pensionati, il famoso “paese reale” che le grandi menti dei partiti, troppo assorte nei calcoli totalmente autoreferenziali dei “pesi interni“, continuano a ignorare o comunque non sono in grado di comprendere. Mentre loro stavano chiusi nelle sedi di partito a riunirsi tra loro, Grillo andava in piazza a Taranto e nel Sulcis – i luoghi dove gli altri rischiavano il linciaggio.

Concedetemi una rapida carrellata, per dimostrare la tesi con qualche immagine concreta: era credibile il successo di un Monti, trasformato (da quel sedicente genio di David Axelrod) da integerrimo professore di economia e civil servant a patetico promotore di se stesso con cagnolino in braccio? No. Era prevedibile che imprenditori e professionisti esasperati dalla pressione fiscale e dall’atteggiamento poliziesco di Equitalia avrebbero di nuovo votato Berlusconi? Certamente sì, che piaccia o no. Era pensabile che un Bonelli alleato con il giustizialista Ingroia (traghettatore di vetero-comunisti come Diliberto e Ferrero) avrebbe preso voti un centimetro al di là di quell’angusto (e anacronistico) perimetro? Ovviamente no (lo avevamo già scritto l’11 gennaio scorso, ben prima del voto).  Dunque, dove sta la sorpresa di questi risultati elettorali?

Gli elettori, come ampiamente previsto dagli osservatori più attenti e sintonizzati con il Paese (compresi i bookmakers inglesi, che su queste previsioni scommettono dei gran soldi), hanno premiato, a seconda delle proprie inclinazioni, l’unica vera rivoluzione, quella di Grillo, hanno confermato l’attesa “vittoria” del Pd – pur punendo il partito per la sua irriducibile hybris e l’incapacità di comprendere e delineare realmente una “nuova strada” – e si sono aggrappati, in numero ancora significativo, alla speranza tradita (ma pur sempre incarnata da Berlusconi) di trovare riscatto nei confronti di uno Stato ritenuto ingiusto, invasivo e scialacquatore. O, per lo meno, di tornare, irrazionalmente, a un passato che non c’è più, ma che faceva meno paura.

Ora, che fare? La situazione, complessivamente, non è certo facile, per il rischio di ingovernabilità, aggravato da meccanismi istituzionali che, come ha osservato il costituzionalista Michele Ainis, potrebbero generare uno stallo difficile da sbloccare. Ma, soprattutto – come ci domandiamo nella nostra vignetta di oggi – “ora che siamo al verde” e che non ci sono prospettive di un’imminente uscita dalla crisi (né politica né economica), “chi avrà davvero la forza di pensare verde?” e di applicare concretamente i programmi elettorali propagandati nelle settimane scorse? Chi, cioè, come hanno richiesto tutte le associazioni ambientaliste e di categoria, saprà farsi interprete della green economy in modo trasversale, dribblando le ideologie e gli interessi di bottega, per conquistare un risultato di interesse comune? E’ una domanda a cui oggi è decisamente troppo presto per rispondere, anche se una possibilità c’è e non riguarda i partiti né i leader carismatici, ma le persone. In questa legislatura, come mai prima d’ora, entreranno, infatti, a far parte del Parlamento tantissimi outsider della cosiddetta “società civile“, forse meno competenti in senso tecnico, ma anche, sicuramente, meno irregimentati dei vecchi onorevoli monocolore: se lo vorranno e se sapranno dare precedenza alla coscienza e alla lungimiranza, potrebbero diventare loro i protagonisti della svolta, di una silenziosa “rivoluzione verde” del Paese. Poiché il legislatore, non dimentichiamolo, rimane pur sempre il Parlamento e non il Governo.

Andrea Gandiglio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

aprile 19, 2018

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

laF, il canale satellitare del gruppo editoriale Feltrinelli (Sky 139) dedica all’Earth Day di domenica 22 aprile una speciale rassegna a tema “green”, che accompagnerà l’intero daytime di programmazione. Alle 10.55 il documentario “Spira Mirabilis” di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, vincitore del Green Drop Award alla 73ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, esplora i concetti di immortalità e rigenerazione [...]

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

aprile 17, 2018

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

Al Politecnico di Torino arriva la settima edizione del Global Energy Prize Summit. Il 18 aprile scienziati di importanza mondiale, politici ed esperti del settore di otto nazioni si incontreranno all’Energy Center, dalle 9.30 alle 13.00, per discutere delle più urgenti questioni riguardanti energia e clima nella conferenza “Modelisation & simulation of energy mix in [...]

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

aprile 14, 2018

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

Vini biologici, biodinamici, artigianali, a Vinitaly 2018 – in programma dal 15 al 18 aprile – ogni espressione dell’enologia “ecologica” trova il suo spazio espositivo e commerciale. Anche quest’anno saranno due gli spazi speciali nel Padiglione 8 (quello più “green” del Salone Internazionale del Vino e dei Distillati): VinitalyBio e Vivit – Vite Vignoioli Terroir. A [...]

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

aprile 10, 2018

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

Una mobilità a emissioni zero, capace di garantire qualità dell’aria e salute, controllo del cambiamento climatico e in grado di innescare meccanismi virtuosi di green economy. Infrastrutture efficienti e mezzi sicuri per cittadini liberi di muoversi, tutti, più di oggi, anche se sempre meno “proprietari” del mezzo. Non è uno scenario futuribile, ma il domani alle [...]

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

aprile 4, 2018

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

Morini Rent – il gruppo italiano fondato a Torino, che opera dal 1949 nel settore del noleggio di auto, veicoli commerciali e isotermici – arricchisce da oggi la propria offerta allargando la flotta di 2.600 mezzi con i Van Ɛ-Morini Full Electric. Morini Rent metterà dunque a disposizione dei propri clienti i Van Citroën Berlingo [...]

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

aprile 3, 2018

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili – l’associazione di Confindustria che raggruppa le imprese costruttrici di componenti e impianti e quelle fornitrici di servizi di gestione e di manutenzione nei settori del fotovoltaico, eolico, biomasse, geotermoelettrico, idroelettrico e solare termodinamico – nei primi due mesi del 2018 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e [...]

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

marzo 27, 2018

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

Il finanziamento e l’attuazione di progetti per la riqualificazione e il riuso sociale, ambientale e culturale di circa 450 stazioni abbandonate e delle linee ferroviarie dismesse del network di Rete Ferroviaria Italiana. Questi i temi del Protocollo d’intesa firmato ieri a Milano da Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di FS Italiane e da [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende