Home » Rubriche »Very Important Planet » Elisa Longo Borghini, la campionessa delle Strade Bianche: “Il ciclismo aiuta a valorizzare la bellezza del territorio”:

Elisa Longo Borghini, la campionessa delle Strade Bianche: “Il ciclismo aiuta a valorizzare la bellezza del territorio”

La mamma, Guidina Dal Sasso, è stata sciatrice di fondo olimpionica, campionessa mondiale di skiroll ma anche seconda ai mondiali di corsa in montagna; il padre Ferdinando allenatore di sci nordico, il fratello Paolo ciclista professionista con un quarto posto al Tour de France del 2008. Elisa Longo Borghini è cresciuta a pane e sport tra le mura di casa. La ciclista, classe 1991, ha seguito le orme di famiglia e sulle due ruote  si è fatta valere in campo nazionale ed internazionale con una prestigiosa medaglia di bronzo conquistata nella specialità corsa in linea alle ultime Olimpiadi di Rio de Janeiro. L’ultimo traguardo è il podio allaStrade Bianche NamedSport nelle terre senesi…

D) Elisa hai tagliato vittoriosa il traguardo della “Strade Bianche” a Siena. Una gara non priva di brividi: sei caduta sullo sterrato quando davanti a te è scivolata Chloe Hoskings e non sei riuscita ad evitarla. Non ti sei persa d’animo, ti sei fatta prestare la bici dalla compagna di squadra Audrey Cordon, per poi prendere la tua di riserva e correre verso il podio… Una tempesta di emozioni?

R) Una vittoria travagliata. Ho avuto un po’ di problemi, ma siamo riusciti a venirne a capo. Abbiamo vinto. Un traguardo sudato, ma è il mio lavoro. Io ero la punta, la squadra ha lavorato per me e non potevo certo perdermi d’animo.

D) Hai detto che questa corsa è unica al mondo per il contesto culturale, artistico e paesaggistico in cui si svolge. Ti piace pedalare tra storia, arte e natura?

R) Io vengo da una provincia, quella del Verbano Cusio Ossola, in Piemonte, paesaggisticamente eccezionale perché abbiamo laghi, valli, montagne. Territorio ottimo per andare in bici, pedalare qui è veramente stupendo. Un bel paesaggio poi aiuta decisamente anche nella preparazione. Sempre dove abito io c’è ogni tipo di percorso: pianura salite lunghe, salite  corte e impegnative,  c’è vento e vedere un bel panorama fa sempre piacere.  Anche per noi che pedaliamo per lavoro…

D) “Strade Bianche” è una manifestazione che, secondo te, aiuta a valorizzare i beni ambientali e culturali?

R) Certo.Come, d’altronde, il ciclismo in generale. Sono pochi gli  sport che fanno risaltare le eccellenze di un territorio, in bici si attraversano dei posti per tanti chilometri e, quindi, vengono  inquadrati dei paesaggi e dei monumenti artistici e naturali. Spesso in mondovisione. Il ciclismo è un ottimo veicolo di promozione delle nostre bellezze!

D) Sei cresciuta a pane e sport, che peso ha avuto, nella tua carriere, la spinta dei genitori?

R) In realtà, per me e mio fratello, è stata una nostra scelta. Non ci hanno spinto a praticare  una determinata attività agonistica, siamo stati lasciati liberi di prendere la nostra strada, ma educati secondo valori sportivi.

D) Tra i tuoi numerosi successi sportivi qual è stato il podio più importante?

R) Finora le Olimpiadi di Rio perché sono uno degli obiettivi per cui si lavora tanto, a lungo termine. Per tanti sono un’occasione unica,  poi bisogna aspettare 4 anni e può succedere di tutto. Io auspico un’altra olimpiade, ma avere ottenuto il bronzo è già un grande traguardo.

D) Segui una dieta particolare?

R) Io mangio di tutto, anche se non tanto. Credo che fare scelte limitanti sia solo uno spreco di energie…

D) La bici è il mezzo di trasporto più ecologico, lo usi anche nella tua vita quotidiana?

R) No. Vado a piedi!

D) Quanto conta per te l’ambiente e quali sono i problemi ecologici che ritieni più importanti?

R) Penso soprattutto all’uso estremo dell’automobile, quando viene presa per qualsiasi spostamento…Un comportamento dannoso sia per l’ambiente che per la salute delle persone. Si dovrebbe andare di più a piedi, usare spesso la bici. Le persone sarebbero più contente!

D) Le pratiche ecologiche  nella tua vita quotidiana?

R) Onestamente sono  abbastanza “standard”. Cerco di non sprecare il cibo perché mi hanno insegnato così. In allenamento tendo – ed è normalissimo fare così (non sono una mosca bianca) – a tenermi la carta della barretta in tasca… Anche in gara, quando è possibile, o la butto nella green zone.

D) I ciclisti a questa domanda rispondono sempre con questo esempio, perché lo ritenete così significativo?

R) E’ semplice non buttare la carta, tenerla in tasca non è un grande sforzo. Si tratta di una goccia nell’oceano, ma a furia di gocce nell’oceano…

Gian Basilio Nieddu
Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

gennaio 22, 2018

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

Il dibattito sull’obbligo dei sacchetti biodegradabili per l’acquisto di frutta e verdura sfusa nei supermercati e nei negozi, scattato il 1° gennaio 2018, non si placa e cresce la confusione tra i consumatori. Per questo il laboratorio Food-Packaging-Materials di CSI, società del Gruppo IMQ, è voluto intervenire per fornire alcune informazioni tecniche, che spiegano, ad [...]

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende