Home » Rubriche »Very Important Planet » Elisa Longo Borghini, la campionessa delle Strade Bianche: “Il ciclismo aiuta a valorizzare la bellezza del territorio”:

Elisa Longo Borghini, la campionessa delle Strade Bianche: “Il ciclismo aiuta a valorizzare la bellezza del territorio”

La mamma, Guidina Dal Sasso, è stata sciatrice di fondo olimpionica, campionessa mondiale di skiroll ma anche seconda ai mondiali di corsa in montagna; il padre Ferdinando allenatore di sci nordico, il fratello Paolo ciclista professionista con un quarto posto al Tour de France del 2008. Elisa Longo Borghini è cresciuta a pane e sport tra le mura di casa. La ciclista, classe 1991, ha seguito le orme di famiglia e sulle due ruote  si è fatta valere in campo nazionale ed internazionale con una prestigiosa medaglia di bronzo conquistata nella specialità corsa in linea alle ultime Olimpiadi di Rio de Janeiro. L’ultimo traguardo è il podio allaStrade Bianche NamedSport nelle terre senesi…

D) Elisa hai tagliato vittoriosa il traguardo della “Strade Bianche” a Siena. Una gara non priva di brividi: sei caduta sullo sterrato quando davanti a te è scivolata Chloe Hoskings e non sei riuscita ad evitarla. Non ti sei persa d’animo, ti sei fatta prestare la bici dalla compagna di squadra Audrey Cordon, per poi prendere la tua di riserva e correre verso il podio… Una tempesta di emozioni?

R) Una vittoria travagliata. Ho avuto un po’ di problemi, ma siamo riusciti a venirne a capo. Abbiamo vinto. Un traguardo sudato, ma è il mio lavoro. Io ero la punta, la squadra ha lavorato per me e non potevo certo perdermi d’animo.

D) Hai detto che questa corsa è unica al mondo per il contesto culturale, artistico e paesaggistico in cui si svolge. Ti piace pedalare tra storia, arte e natura?

R) Io vengo da una provincia, quella del Verbano Cusio Ossola, in Piemonte, paesaggisticamente eccezionale perché abbiamo laghi, valli, montagne. Territorio ottimo per andare in bici, pedalare qui è veramente stupendo. Un bel paesaggio poi aiuta decisamente anche nella preparazione. Sempre dove abito io c’è ogni tipo di percorso: pianura salite lunghe, salite  corte e impegnative,  c’è vento e vedere un bel panorama fa sempre piacere.  Anche per noi che pedaliamo per lavoro…

D) “Strade Bianche” è una manifestazione che, secondo te, aiuta a valorizzare i beni ambientali e culturali?

R) Certo.Come, d’altronde, il ciclismo in generale. Sono pochi gli  sport che fanno risaltare le eccellenze di un territorio, in bici si attraversano dei posti per tanti chilometri e, quindi, vengono  inquadrati dei paesaggi e dei monumenti artistici e naturali. Spesso in mondovisione. Il ciclismo è un ottimo veicolo di promozione delle nostre bellezze!

D) Sei cresciuta a pane e sport, che peso ha avuto, nella tua carriere, la spinta dei genitori?

R) In realtà, per me e mio fratello, è stata una nostra scelta. Non ci hanno spinto a praticare  una determinata attività agonistica, siamo stati lasciati liberi di prendere la nostra strada, ma educati secondo valori sportivi.

D) Tra i tuoi numerosi successi sportivi qual è stato il podio più importante?

R) Finora le Olimpiadi di Rio perché sono uno degli obiettivi per cui si lavora tanto, a lungo termine. Per tanti sono un’occasione unica,  poi bisogna aspettare 4 anni e può succedere di tutto. Io auspico un’altra olimpiade, ma avere ottenuto il bronzo è già un grande traguardo.

D) Segui una dieta particolare?

R) Io mangio di tutto, anche se non tanto. Credo che fare scelte limitanti sia solo uno spreco di energie…

D) La bici è il mezzo di trasporto più ecologico, lo usi anche nella tua vita quotidiana?

R) No. Vado a piedi!

D) Quanto conta per te l’ambiente e quali sono i problemi ecologici che ritieni più importanti?

R) Penso soprattutto all’uso estremo dell’automobile, quando viene presa per qualsiasi spostamento…Un comportamento dannoso sia per l’ambiente che per la salute delle persone. Si dovrebbe andare di più a piedi, usare spesso la bici. Le persone sarebbero più contente!

D) Le pratiche ecologiche  nella tua vita quotidiana?

R) Onestamente sono  abbastanza “standard”. Cerco di non sprecare il cibo perché mi hanno insegnato così. In allenamento tendo – ed è normalissimo fare così (non sono una mosca bianca) – a tenermi la carta della barretta in tasca… Anche in gara, quando è possibile, o la butto nella green zone.

D) I ciclisti a questa domanda rispondono sempre con questo esempio, perché lo ritenete così significativo?

R) E’ semplice non buttare la carta, tenerla in tasca non è un grande sforzo. Si tratta di una goccia nell’oceano, ma a furia di gocce nell’oceano…

Gian Basilio Nieddu
Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende