Home » Rubriche »Very Important Planet » Elisa Longo Borghini, la campionessa delle Strade Bianche: “Il ciclismo aiuta a valorizzare la bellezza del territorio”:

Elisa Longo Borghini, la campionessa delle Strade Bianche: “Il ciclismo aiuta a valorizzare la bellezza del territorio”

La mamma, Guidina Dal Sasso, è stata sciatrice di fondo olimpionica, campionessa mondiale di skiroll ma anche seconda ai mondiali di corsa in montagna; il padre Ferdinando allenatore di sci nordico, il fratello Paolo ciclista professionista con un quarto posto al Tour de France del 2008. Elisa Longo Borghini è cresciuta a pane e sport tra le mura di casa. La ciclista, classe 1991, ha seguito le orme di famiglia e sulle due ruote  si è fatta valere in campo nazionale ed internazionale con una prestigiosa medaglia di bronzo conquistata nella specialità corsa in linea alle ultime Olimpiadi di Rio de Janeiro. L’ultimo traguardo è il podio allaStrade Bianche NamedSport nelle terre senesi…

D) Elisa hai tagliato vittoriosa il traguardo della “Strade Bianche” a Siena. Una gara non priva di brividi: sei caduta sullo sterrato quando davanti a te è scivolata Chloe Hoskings e non sei riuscita ad evitarla. Non ti sei persa d’animo, ti sei fatta prestare la bici dalla compagna di squadra Audrey Cordon, per poi prendere la tua di riserva e correre verso il podio… Una tempesta di emozioni?

R) Una vittoria travagliata. Ho avuto un po’ di problemi, ma siamo riusciti a venirne a capo. Abbiamo vinto. Un traguardo sudato, ma è il mio lavoro. Io ero la punta, la squadra ha lavorato per me e non potevo certo perdermi d’animo.

D) Hai detto che questa corsa è unica al mondo per il contesto culturale, artistico e paesaggistico in cui si svolge. Ti piace pedalare tra storia, arte e natura?

R) Io vengo da una provincia, quella del Verbano Cusio Ossola, in Piemonte, paesaggisticamente eccezionale perché abbiamo laghi, valli, montagne. Territorio ottimo per andare in bici, pedalare qui è veramente stupendo. Un bel paesaggio poi aiuta decisamente anche nella preparazione. Sempre dove abito io c’è ogni tipo di percorso: pianura salite lunghe, salite  corte e impegnative,  c’è vento e vedere un bel panorama fa sempre piacere.  Anche per noi che pedaliamo per lavoro…

D) “Strade Bianche” è una manifestazione che, secondo te, aiuta a valorizzare i beni ambientali e culturali?

R) Certo.Come, d’altronde, il ciclismo in generale. Sono pochi gli  sport che fanno risaltare le eccellenze di un territorio, in bici si attraversano dei posti per tanti chilometri e, quindi, vengono  inquadrati dei paesaggi e dei monumenti artistici e naturali. Spesso in mondovisione. Il ciclismo è un ottimo veicolo di promozione delle nostre bellezze!

D) Sei cresciuta a pane e sport, che peso ha avuto, nella tua carriere, la spinta dei genitori?

R) In realtà, per me e mio fratello, è stata una nostra scelta. Non ci hanno spinto a praticare  una determinata attività agonistica, siamo stati lasciati liberi di prendere la nostra strada, ma educati secondo valori sportivi.

D) Tra i tuoi numerosi successi sportivi qual è stato il podio più importante?

R) Finora le Olimpiadi di Rio perché sono uno degli obiettivi per cui si lavora tanto, a lungo termine. Per tanti sono un’occasione unica,  poi bisogna aspettare 4 anni e può succedere di tutto. Io auspico un’altra olimpiade, ma avere ottenuto il bronzo è già un grande traguardo.

D) Segui una dieta particolare?

R) Io mangio di tutto, anche se non tanto. Credo che fare scelte limitanti sia solo uno spreco di energie…

D) La bici è il mezzo di trasporto più ecologico, lo usi anche nella tua vita quotidiana?

R) No. Vado a piedi!

D) Quanto conta per te l’ambiente e quali sono i problemi ecologici che ritieni più importanti?

R) Penso soprattutto all’uso estremo dell’automobile, quando viene presa per qualsiasi spostamento…Un comportamento dannoso sia per l’ambiente che per la salute delle persone. Si dovrebbe andare di più a piedi, usare spesso la bici. Le persone sarebbero più contente!

D) Le pratiche ecologiche  nella tua vita quotidiana?

R) Onestamente sono  abbastanza “standard”. Cerco di non sprecare il cibo perché mi hanno insegnato così. In allenamento tendo – ed è normalissimo fare così (non sono una mosca bianca) – a tenermi la carta della barretta in tasca… Anche in gara, quando è possibile, o la butto nella green zone.

D) I ciclisti a questa domanda rispondono sempre con questo esempio, perché lo ritenete così significativo?

R) E’ semplice non buttare la carta, tenerla in tasca non è un grande sforzo. Si tratta di una goccia nell’oceano, ma a furia di gocce nell’oceano…

Gian Basilio Nieddu
Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende