Home » Bollettino Europa »Rubriche » Emissioni auto, la scandalosa decisione del Parlamento UE:

Emissioni auto, la scandalosa decisione del Parlamento UE

febbraio 8, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

Quanto è potente la lobby dell’industria dell’auto europea? La risposta sta tutta in ciò che è andato in scena la scorsa settimana al Parlamento Europeo. Dove, nonostante lo scandalo Volkswagen, con 323 voti contrari, 317 in favore e 61 astensioni, in sessione plenaria è stata bocciata la proposta di risoluzione della Commissione Ambiente dell’Europarlamento che mirava a ristabilire i limiti originariamente fissati dalle norme comunitarie per le emissioni inquinanti delle auto (Euro 6).

Si tratta della proposta che avrebbe dovuto annullare la decisione presa il 28 ottobre scorso dal Comitato tecnico permanente UE per i veicoli a motore – in cui siedono gli esperti rappresentanti dei governi insieme alla Commissione europea – nella quale i limiti riguardanti gli ossidi d’azoto (NOx) emessi dai motori diesel erano stati notevolmente innalzati. Più del doppio fino al 2020 rispetto ai livelli di 80 mg/km per i veicoli diesel fissati fin dal lontano 2007.

Secondo la Commissione Europea, infatti, l’aumento temporaneo dei limiti sarebbe giustificato dalla necessità di considerare i dubbi tecnici relativi all’uso dei nuovi dispositivi portatili di misurazione delle emissioni (PEMS), così come i limiti tecnici per il miglioramento – nel breve termine – della performance, in condizioni reali di guida, del rilevamento delle emissioni per le autovetture a diesel attualmente prodotte.

A nulla sono serviti i voti di Verdi, Socialisti e Democratici, Sinistra unitaria europea e della maggioranza dei Liberali. Per la co-presidente del Partito Verde Europeo Monica Frassoni, “Si tratta del primo provvedimento europeo dopo lo scandalo Dieselgate-Volkswagen. E la maggioranza degli europarlamentari ha fatto il gioco della parte più retriva dell’industria automobilistica, senza curarsi della salute dei cittadini che dovranno subire livelli di inquinamento sempre più alti e pericolosi”. Per Frassoni, poi, “è sorprendente che nella lista dei votanti a favore ci sia anche il presidente della commissione europarlamentare Ambiente – Giovanni La Via – la cui maggioranza si era schierata per il rifiuto della dilazione dei tempi e dei limiti stabiliti”. Da notare che La Via inizialmente aveva sostenuto l’iniziativa della censura contro il Comitato tecnico per poi votare compatto con tutto il suo gruppo politico di appartenenza, il Ppe. Ha poi osservato che “ora abbiamo impegni chiari presi dalla Commissione europea: una clausola di revisione, con un calendario preciso, al fine di abbattere i valori massimi di emissione ai livelli che sono stati concordati dai co-legislatori e, nel lungo termine, una proposta di riforma del regime di omologazione UE per le auto, così come richiesto dal Parlamento”.

Il “no” di Strasburgo al veto contro questa decisione scandalosa dimostra che l’UE non è affatto pioniera mondiale delle norme ambientali, non promuove la competitività e l’innovazione dell’industria – cioè delle imprese che riescono a ridurre le emissioni e a costruire auto per il futuro – e non difende neanche le condizioni di equa concorrenza, sono alla fine, infatti, penalizzati quelli che avevano rispettato le norme UE, e premiati quelli che le hanno infrante. Una bruttissima pagina per le istituzioni europee e una decisione che va solo a favore delle lobby automobilistiche e assolutamente contro l’ambiente e la salute dei cittadini. Vale la pena ricordare che, in Europa, l’inquinamento urbano, legato in parte al traffico, comporta mezzo milione di morti premature e un costo di mille miliardi di euro l’anno.

L’unico modo per mettere un freno alla politica europea sempre più chiaramente decisa a condonare lo scandalo del dieselgate è ora implementare al massimo l’utilizzo di auto ibride ed elettriche. Decisamente più virtuose sia sul versante climatico che su quello dell’inquinamento locale. Molte case automobilistiche, in ritardo, ci stanno pensando, evidentemente, con tempi troppo lunghi.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende