Home » Bollettino Europa »Rubriche » Emissioni auto, la scandalosa decisione del Parlamento UE:

Emissioni auto, la scandalosa decisione del Parlamento UE

febbraio 8, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

Quanto è potente la lobby dell’industria dell’auto europea? La risposta sta tutta in ciò che è andato in scena la scorsa settimana al Parlamento Europeo. Dove, nonostante lo scandalo Volkswagen, con 323 voti contrari, 317 in favore e 61 astensioni, in sessione plenaria è stata bocciata la proposta di risoluzione della Commissione Ambiente dell’Europarlamento che mirava a ristabilire i limiti originariamente fissati dalle norme comunitarie per le emissioni inquinanti delle auto (Euro 6).

Si tratta della proposta che avrebbe dovuto annullare la decisione presa il 28 ottobre scorso dal Comitato tecnico permanente UE per i veicoli a motore – in cui siedono gli esperti rappresentanti dei governi insieme alla Commissione europea – nella quale i limiti riguardanti gli ossidi d’azoto (NOx) emessi dai motori diesel erano stati notevolmente innalzati. Più del doppio fino al 2020 rispetto ai livelli di 80 mg/km per i veicoli diesel fissati fin dal lontano 2007.

Secondo la Commissione Europea, infatti, l’aumento temporaneo dei limiti sarebbe giustificato dalla necessità di considerare i dubbi tecnici relativi all’uso dei nuovi dispositivi portatili di misurazione delle emissioni (PEMS), così come i limiti tecnici per il miglioramento – nel breve termine – della performance, in condizioni reali di guida, del rilevamento delle emissioni per le autovetture a diesel attualmente prodotte.

A nulla sono serviti i voti di Verdi, Socialisti e Democratici, Sinistra unitaria europea e della maggioranza dei Liberali. Per la co-presidente del Partito Verde Europeo Monica Frassoni, “Si tratta del primo provvedimento europeo dopo lo scandalo Dieselgate-Volkswagen. E la maggioranza degli europarlamentari ha fatto il gioco della parte più retriva dell’industria automobilistica, senza curarsi della salute dei cittadini che dovranno subire livelli di inquinamento sempre più alti e pericolosi”. Per Frassoni, poi, “è sorprendente che nella lista dei votanti a favore ci sia anche il presidente della commissione europarlamentare Ambiente – Giovanni La Via – la cui maggioranza si era schierata per il rifiuto della dilazione dei tempi e dei limiti stabiliti”. Da notare che La Via inizialmente aveva sostenuto l’iniziativa della censura contro il Comitato tecnico per poi votare compatto con tutto il suo gruppo politico di appartenenza, il Ppe. Ha poi osservato che “ora abbiamo impegni chiari presi dalla Commissione europea: una clausola di revisione, con un calendario preciso, al fine di abbattere i valori massimi di emissione ai livelli che sono stati concordati dai co-legislatori e, nel lungo termine, una proposta di riforma del regime di omologazione UE per le auto, così come richiesto dal Parlamento”.

Il “no” di Strasburgo al veto contro questa decisione scandalosa dimostra che l’UE non è affatto pioniera mondiale delle norme ambientali, non promuove la competitività e l’innovazione dell’industria – cioè delle imprese che riescono a ridurre le emissioni e a costruire auto per il futuro – e non difende neanche le condizioni di equa concorrenza, sono alla fine, infatti, penalizzati quelli che avevano rispettato le norme UE, e premiati quelli che le hanno infrante. Una bruttissima pagina per le istituzioni europee e una decisione che va solo a favore delle lobby automobilistiche e assolutamente contro l’ambiente e la salute dei cittadini. Vale la pena ricordare che, in Europa, l’inquinamento urbano, legato in parte al traffico, comporta mezzo milione di morti premature e un costo di mille miliardi di euro l’anno.

L’unico modo per mettere un freno alla politica europea sempre più chiaramente decisa a condonare lo scandalo del dieselgate è ora implementare al massimo l’utilizzo di auto ibride ed elettriche. Decisamente più virtuose sia sul versante climatico che su quello dell’inquinamento locale. Molte case automobilistiche, in ritardo, ci stanno pensando, evidentemente, con tempi troppo lunghi.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende