Home » Bollettino Europa »Rubriche » Emissioni auto, la scandalosa decisione del Parlamento UE:

Emissioni auto, la scandalosa decisione del Parlamento UE

febbraio 8, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

Quanto è potente la lobby dell’industria dell’auto europea? La risposta sta tutta in ciò che è andato in scena la scorsa settimana al Parlamento Europeo. Dove, nonostante lo scandalo Volkswagen, con 323 voti contrari, 317 in favore e 61 astensioni, in sessione plenaria è stata bocciata la proposta di risoluzione della Commissione Ambiente dell’Europarlamento che mirava a ristabilire i limiti originariamente fissati dalle norme comunitarie per le emissioni inquinanti delle auto (Euro 6).

Si tratta della proposta che avrebbe dovuto annullare la decisione presa il 28 ottobre scorso dal Comitato tecnico permanente UE per i veicoli a motore – in cui siedono gli esperti rappresentanti dei governi insieme alla Commissione europea – nella quale i limiti riguardanti gli ossidi d’azoto (NOx) emessi dai motori diesel erano stati notevolmente innalzati. Più del doppio fino al 2020 rispetto ai livelli di 80 mg/km per i veicoli diesel fissati fin dal lontano 2007.

Secondo la Commissione Europea, infatti, l’aumento temporaneo dei limiti sarebbe giustificato dalla necessità di considerare i dubbi tecnici relativi all’uso dei nuovi dispositivi portatili di misurazione delle emissioni (PEMS), così come i limiti tecnici per il miglioramento – nel breve termine – della performance, in condizioni reali di guida, del rilevamento delle emissioni per le autovetture a diesel attualmente prodotte.

A nulla sono serviti i voti di Verdi, Socialisti e Democratici, Sinistra unitaria europea e della maggioranza dei Liberali. Per la co-presidente del Partito Verde Europeo Monica Frassoni, “Si tratta del primo provvedimento europeo dopo lo scandalo Dieselgate-Volkswagen. E la maggioranza degli europarlamentari ha fatto il gioco della parte più retriva dell’industria automobilistica, senza curarsi della salute dei cittadini che dovranno subire livelli di inquinamento sempre più alti e pericolosi”. Per Frassoni, poi, “è sorprendente che nella lista dei votanti a favore ci sia anche il presidente della commissione europarlamentare Ambiente – Giovanni La Via – la cui maggioranza si era schierata per il rifiuto della dilazione dei tempi e dei limiti stabiliti”. Da notare che La Via inizialmente aveva sostenuto l’iniziativa della censura contro il Comitato tecnico per poi votare compatto con tutto il suo gruppo politico di appartenenza, il Ppe. Ha poi osservato che “ora abbiamo impegni chiari presi dalla Commissione europea: una clausola di revisione, con un calendario preciso, al fine di abbattere i valori massimi di emissione ai livelli che sono stati concordati dai co-legislatori e, nel lungo termine, una proposta di riforma del regime di omologazione UE per le auto, così come richiesto dal Parlamento”.

Il “no” di Strasburgo al veto contro questa decisione scandalosa dimostra che l’UE non è affatto pioniera mondiale delle norme ambientali, non promuove la competitività e l’innovazione dell’industria – cioè delle imprese che riescono a ridurre le emissioni e a costruire auto per il futuro – e non difende neanche le condizioni di equa concorrenza, sono alla fine, infatti, penalizzati quelli che avevano rispettato le norme UE, e premiati quelli che le hanno infrante. Una bruttissima pagina per le istituzioni europee e una decisione che va solo a favore delle lobby automobilistiche e assolutamente contro l’ambiente e la salute dei cittadini. Vale la pena ricordare che, in Europa, l’inquinamento urbano, legato in parte al traffico, comporta mezzo milione di morti premature e un costo di mille miliardi di euro l’anno.

L’unico modo per mettere un freno alla politica europea sempre più chiaramente decisa a condonare lo scandalo del dieselgate è ora implementare al massimo l’utilizzo di auto ibride ed elettriche. Decisamente più virtuose sia sul versante climatico che su quello dell’inquinamento locale. Molte case automobilistiche, in ritardo, ci stanno pensando, evidentemente, con tempi troppo lunghi.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

dicembre 20, 2017

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

Filippo Camerlenghi, coordinatore delle Guide Ambientali Escursionistiche (GAE) della Lombardia è il nuovo Presidente Nazionale di AIGAE. Camerlenghi, 52 anni, laureato in Scienze della Terra presso l’Università Statale di Milano, è ideatore e promotore di importanti progetti di educazione ambientale e divulgazione scientifica e opera anche come guida europea in Francia, Spagna, Germania, Svizzera, Islanda, in [...]

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

dicembre 18, 2017

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

Debutta a Milano con AccorHotels la prima installazione del Living Farming Tree, l’innovativo orto verticale indoor firmato Hexagro Urban Farming, startup italiana composta da un team internazionale di ingegneri, designer industriali e gastronomi. In linea con gli obiettivi del proprio programma di sviluppo sostenibile Planet21 volto a promuovere un’ospitalità positiva e virtuosa, il gruppo leader mondiale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende