Home » Bollettino Europa »Rubriche » Emissioni da carbone: la timidezza UE potrebbe costare 71.000 morti e 52 miliardi di euro in più:

Emissioni da carbone: la timidezza UE potrebbe costare 71.000 morti e 52 miliardi di euro in più

maggio 25, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

Un nuovo rapporto commissionato da Greenpeace e dallo European Environmental Bureau mette in guardia l’Unione Europea sui rischi legati ai nuovi standard di emissione che Bruxelles sta pensando di adottare per le centrali a carbone. E che fisseranno le soglie per inquinanti quali biossidi di zolfo, ossidi di azoto, mercurio e particolato. Composti i cui danni alla salute umana sono comprovati e documentati da un’ampia letteratura scientifica.

Nel documento dal titolo “Health and economic implications of alternative emission limits for coal-fired power plants in the EU”, gli esperti considerano i limiti pensati dall’UE troppo deboli e per questo, pericolosi.

Lo studio ha utilizzato dati ufficiali dell’Unione Europea per produrre una stima dell’impatto sanitario che si avrebbe con l’applicazione della proposta. Ciò che emerge è che la scarsa ambizione dell’Esecutivo europeo potrebbe tradursi in un costo sanitario di 71 mila morti aggiuntive per inquinamento. Decessi dovuti all’aumento del rischio di insorgenza di patologie cardiache, infarto, asma e altre malattie connesse all’esposizione agli inquinanti generati dalla combustione del carbone. Uno scenario che tradotto in termini economici significa la perdita di 23 milioni di giorni di lavoro a causa dell’insorgenza di queste patologie che si trasformerebbe, inoltre, in un aggravio, per i contribuenti europei, di 52 miliardi di Euro tra il 2020 e il 2029.

La riforma tanto criticata riguarderebbe gli standard di emissione per i grandi siti industriali, tra cui le centrali termoelettriche a carbone e lignite. Una revisione che ci si aspetterebbe lungimirante e che invece prevederebbe tetti già in vigore per centrali attualmente operative nella stessa Europa, in Cina e negli Stati Uniti.

Gli effetti delle pallide decisioni dell’UE sono stati, inoltre, confrontati con quelli, molto inferiori, che deriverebbero dall’adozione di standard basati sulle migliori tecnologie disponibili (BAT).

Il costo sanitario, ambientale ed economico della soggezione dell’UE all’industria del carbone rischia di essere enorme e insostenibile”, ha dichiarato Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia. Che ha aggiunto: “Non esistono scusanti per i politici dell’UE che si rifiutano di applicare tecnologie esistenti che possono salvare migliaia di vite. Il carbone causa danni irreparabili ed è tempo per l’Unione di definire i tempi per il superamento di questa fonte energetica”.

Parole dure che sottolineano la miopia dell’Unione Europea. Ed evidenziano ancora di più la differenza tra quanto è possibile fare per difendere la salute dei cittadini europei e quello che l’Unione Europea vuole concedere per tutelare gli interessi dell’industria del carbone.

Un dato che emerge anche dall’iter di approvazione delle nuove regole. Per mettere a punto la proposta finale, che dovrebbe poi essere in vigore dal 2020 al 2029, un gruppo di esperti si riunirà, infatti, tra l’1 e il 9 di giugno. Per l’occasione, al tavolo dei negoziati, siederanno anche i rappresentanti delle industrie più inquinanti, essendo stati inclusi nelle delegazioni nazionali degli Stati Membri, come dimostrato da un precedente report di Greenpeace, “Smoke and Mirrors – I più grandi inquinatori d’Europa si dettano le regole”.

Tuttavia, l’appoggio quasi incondizionato di Bruxelles alle energie fossili, nonostante pagine e pagine di buone intenzioni targate UE sulle rinnovabili ed il loro relativo implemento, emerge anche da un nuovo studio del Fondo Monetario Internazionale. Che si interroga sul volume dei sussidi che i governi concedono alle compagnie che producono combustibili fossili. Svelando che questo tipo di industria è destinataria dell’equivalente di 10 milioni di dollari al minuto di sovvenzioni, pari a 5.300 miliardi di dollari l’anno. Al netto delle tasse e dei costi non pagati da chi inquina per bruciare carbone, olio e gas. La cifra annuale, definita “scioccante” dal FMI, nel 2015 supererà quella della spesa sanitaria di tutti i governi del mondo e rappresenterà il 6,5% del Pil mondiale.

Secondo lo studio, il combustibile che riceve le maggiori sovvenzioni, a causa degli alti danni ambientali che produce e per il fatto che nessun Paese metta in atto accise significative sul suo consumo, è il carbone, con poco più della metà del totale. Il petrolio, dato il suo grande uso per i trasporti, ottiene un terzo dei sussidi e il gas il resto. La Cina è il Paese che fornisce la maggior parte di queste sovvenzioni (2.300 miliardi di dollari), seguita da Usa (700 miliardi) e Russia (335 miliardi). L’Unione Europea riconosce invece sussidi per 330 miliardi.

Non servono ulteriori dati per capire come questo meccanismo scoraggi gli investimenti in efficienza energetica e rinnovabili.

Ma non servono neanche ulteriori e approfondite riflessioni per immaginare che l’impatto fiscale, ambientale e sul welfare di una ipotetica riforma del sistema di questi finanziamenti potrebbe essere enorme. Eliminare le sovvenzioni nel 2015, infatti, potrebbe aumentare le entrate dei governi di 2,9 miliardi di dollari (3,6% del Pil mondiale), tagliare le emissioni globali di carbonio di oltre il 20% e ridurre del 55% le morti premature legate all’inquinamento dell’aria salvando così 1,6 milioni di vite ogni anno. Scenario ipotetico, appunto. Perché, come d’abitudine, senza la volontà politica il sistema è destinato a perpetrarsi.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende