Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Energy Way: algoritmi e big data per ridurre i consumi e fare educazione al risparmio:

Energy Way: algoritmi e big data per ridurre i consumi e fare educazione al risparmio

marzo 20, 2019 Campioni d'Italia, Rubriche

Numeri per fare i conti, ma anche per difendere l’ambiente. Merito degli algoritmi che fanno risparmiare sul prezzo della bolletta e sui consumi. Sono le formule matematiche ed ambientali proposte dalla Energy Way, azienda modenese con la missione di far risparmiare energia alle imprese e formare gli studenti con i programmi educativi di coding e analisi dati per la sostenibilità, come #alloraspengo.

A dir la verità non mancano, in ogni scuola di ordine e grado – e pure tra le attività di associazioni ed enti pubblici – le lezioni sul risparmio. Ma troppo spesso dominano l’eccessiva semplificazione e banalizzazione del problema. Quella dei giovani modenesi – cresciuti esponenzialmente, fino ad arrivare a 35 dipendenti e collaboratori, con più di 2 milioni di fatturato (che intendono far salire a 4 nel 2019) – raggiunge invece un livello di professionalità molto alto e piuttosto raro sul mercato.

Ne abbiamo parlato con Giovanni Anceschi, socio e direttore operativo dell’azienda, che segue il programma #alloraspengo: “Il nostro metodo ci porta a costruire in classe un quadro di efficienza attraverso una rappresentazione grafica molto diretta nella comunicazione e frutto dell’utilizzo di una grande mole di dati“. Poche chiacchiere e tanti numeri come sottolinea il manager: “Il progetto nasce dall’idea di mettere al centro i dati per perseguire un risultato di sostenibilità. Otteniamo la misura di calcolo dei consumi energetici e realizziamo un dispositivo basato sul sistema Arduino“.

Si scende così nell’operativo, nel learning by doing, visto che poi il dispositivo viene installato dagli studenti sul contatore della scuola. Viene programmato con codici “open source” e il dato di consumo diventa immediatamente disponibile. In tempo reale, così  ci si rende conto della quantità e da cosa è composto il dato di consumo. Se pensiamo alla difficoltà di lettura delle bollette diventano subito evidenti le potenzialità di uno strumento che permette di capire come correggere il tiro sul fronte dei consumi.

Ma i numeri vanno capiti, interpretati e spiegati perché significhino qualcosa e guidino l’azione. “E’ prevista anche una campagna di comunicazione con gli studenti – aggiunge Giovanni - Finora abbiamo ottenuto un risparmio del 30% dei consumi. Si agisce sul livello comportamentale: spegnere le luci e i dispositivi elettronici come lavagne e computer, quando non servono”. I numeri, quindi, servono per dare una dimensione tangibile all’azione e “fare proprio il fenomeno”.

Energy Way è in campo dal 2013 quando Fabio Ferrari, CEO e fondatore, ha iniziato a porre le basi di questa impresa innovativa che dialoga con grandi operatori del settore e con marchi che intendono perseguire la sostenibilità ambientale, a partire da quelli dell’Emilia Romagna: da COOP a Hera, da Bper a Technogym. ”Si è nati con l’idea di portare efficienza ed ottimizzare l’esistente più che puntare sui grandi investimenti. Aumentare l’efficienza per incrementare i ricavi”, spiega il direttore operativo. “Dall’efficienza energetica abbiamo poi diversificato in altri settori, applicando i nostri algoritmi al mondo della ceramica, dei servizi – addirittura della pallavolo, per migliorare l’esperienza sportiva dei tifosi! Siamo sicuramente trasversali…”. La matematica è la chiave, poi sviluppiamo gli algoritmi per ogni specifico settore – spiega Giovanni – Abbiamo, per esempio, lavorato sul funzionamento di un termovalorizzatore, migliorandone il rendimento, con benefici anche dal punto di vista ambientale, in quanto si riducono le emissioni inquinanti. Utilizziamo reti neurali che applichiamo in contesti molto diversi”.

Alle scuole Energy Way propone anche programmi dedicati alla mobilità sostenibile. “Ad iniziare dal car pooling“. Poi “utilizziamo gli strumenti open di Google per dimostrare il potenziale che uno studente potrebbe raggiungere in termini di risparmio energetico” sottolinea Anceschi. Alle aziende sono invece dedicati workshop ad hoc. “Utilizziamo Raspberry, un micro computer che costa 40 euro con tutte le caratteristiche open source, basato su Linus. Consente di programmare controlli automatici”.

In questa start up modenese che sta diventando grande c’è grande diversità di proposte e tanta voglia di crescere e far crescere: “Siamo sempre alla ricerca di menti: lavoriamo spesso con studenti che vengono poi qui a fare la tesi di laurea. Ora stiamo cercando profili più esperti, dediti alla data science“.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende