Home » Rubriche »Very Important Planet » Enzo Favata, paesaggio e natura attraverso le note di un sax:

Enzo Favata, paesaggio e natura attraverso le note di un sax

dicembre 16, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Ha scoperto il jazz da adolescente grazie ad un amico più grande che “spacciava” i dischi  comprati a Londra. Ascoltando quegli album in vinile è cresciuta la sua passione, diventata un mestiere. Enzo Favata, nato ad Alghero nel 1956, oggi è un affermato musicista internazionale che viaggia per tutti i continenti  in felice compagnia del suo sax.  La sua attività è variegata: compositore di colonne sonore per il cinema, il teatro, la radio e la televisione e  direttore del Festival Musica sulle Bocche. Appuntamento che si rinnova ogni anno in Sardegna, a Santa Teresa di Gallura,  dove sperimenta eventi ad alto tasso green.

D) Enzo iniziamo dai tuoi ultimi progetti musicali, quali sono i tuoi programmi per il 2017?

R) Sarà un anno abbastanza intenso con la pubblicazione di due dischi in primavera: uno in Italia e l’altro in Iran, dove sono stato anche recentemente. Ho un rapporto particolare con questo paese. E’ molto bella la loro musica classica, stiamo provando e registrando. Tanti concerti in giro per il mondo, non mancherà un passaggio nei paesi del Nord Europa di cui sono innamorato, poi Romania, Giappone, Germania.

D) Quanto ambiente c’è nel tuo impegno professionale?

R) Ho fatto uno spettacolo con il geologo Mario Tozzi. Una narrazione sulla Sardegna, le sue radici, la sua storia, le catastrofi, si parla del mito di Atlantide. Un racconto che presentiamo domani ad Iglesias, alla sala Argani del Pozzo Sella della miniera di Monteponi. Ci tengo a sottolineare che non sono un testimonial, lo faccio perché mi piace, perché ci credo…

D) Il Festival Musica sulle Bocche, l’appuntamento musicale che si tiene in agosto in Sardegna e di cui sei direttore artistico, è ricco di natura, non solo per le stupende location. Cosa fate per sensibilizzare il pubblico al rispetto dell’ambiente e del territorio?

R) Siamo stati tra i primi ad organizzare concerti all’alba e al tramonto. In questo modo si evita di utilizzare o si riduce al minimo l’utilizzo delle luci artificiali, non ci sono sedie, il palco è minimo formato da una pedanina o in alcuni casi direttamente per terra. Si riduce al minimo l’uso di camion e altri mezzi per l’allestimento della struttura. Inoltre si vede e quindi si apprezza il paesaggio che assume un aspetto magico con la luce naturale. E’ un modo per sensibilizzare le persone con la bellezza della natura. Viene spontanea la domanda: perché distruggere l’ambiente? Il messaggio passa in quel momento,  la musica è un mezzo di trasmissione da un”anima all’altra. Ci tengo molto a questo festival, negli altri mesi dell’anno giro il mondo, agosto è dedicato alla Sardegna.

D) Musica e paesaggio non solo nei concerti… Sappiamo che hai sviluppato una collaborazione con il Dipartimento di Architettura di Alghero. In cosa consiste questo progetto di contaminazione tra note, ambiente e architettura?

R) Abbiamo voluto ampliare l’idea di festival, legare musica e paesaggio. Il progetto nasce come scuola estiva dove i giovani iniziano a sviluppare idee di allestimenti a basso impatto acustico. Un work in progress. L’architetto fa magari delle belle cose, ha un animo artistico, però manca la cultura del suono, perché il paesaggio ha un suono, non solo una dimensione visiva e olfattiva. In concreto abbiamo fatto delle mappature sonore, in diverse fasce orarie, del paese. Un lavoro di ricerca per capire come il suono cambia al cambiare del paesaggio, come si trasforma in funzione dell’urbanizzazione degli spazi. Se vuoi pianificare devi calcolare l’impatto. Se, per esempio, vuoi costruire vicino a una zona umida è chiaro che si perderà il suono della zona umida. Quando si edifica davanti al mare o nella città antica cambiano i suoni, oggi sono scomparsi i suoni della cultura, i suoni dell”artigianato. Faccio ricerca in questa direzione e nella scuola si interpreta il paesaggio dal punto di vista acustico. I musicisti si confrontano con gli studenti.

D) Ti seguono tanti giovani, pensi che sia possibile trasmettere loro un messaggio ambientale attraverso gli strumenti della musica?

R) Nell’ambiente della musica non commerciale il pubblico sta invecchiando… Noi con queste iniziative che portiamo avanti nel Festival attiriamo le nuove generazioni e in questo modo i giovani sperimentano un nuovo modo di vivere, e quindi di apprezzare, la natura. Non servono i grandi messaggi o le dichiarazioni,   è importante avere la possibilità di vivere dei momenti immersi nella magia della natura…

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ecotessitrici della Sardegna, un filo che arriva fino all’arcipelago giapponese di Okinawa

giugno 28, 2017

Ecotessitrici della Sardegna, un filo che arriva fino all’arcipelago giapponese di Okinawa

Un legame stretto, nonostante 10 mila chilometri di distanza, tra la Sardegna e l’arcipelago di Okinawa in Giappone. Isole che condividono la lunga aspettativa di vita, sono tra le popolazioni  più longeve del mondo. Merito di uno stile di vita semplice e sano. Ma un altro filo che unisce  è la custodia di antiche tradizioni, come  la [...]

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

giugno 27, 2017

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

Bellezze naturali e attrazioni turistiche: sono numerosi i punti di interesse che anche quest’anno cicloturisti e trekker potranno raggiungere grazie al TrenoBus delle Dolomiti, il servizio intermodale che offre ai ciclisti e agli amanti del trekking la possibilità di percorrere le piste ciclabili dell’intero anello dolomitico e di passeggiare nel cuore dei numerosi punti di [...]

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende