Home » Rubriche »Very Important Planet » Enzo Favata, paesaggio e natura attraverso le note di un sax:

Enzo Favata, paesaggio e natura attraverso le note di un sax

dicembre 16, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Ha scoperto il jazz da adolescente grazie ad un amico più grande che “spacciava” i dischi  comprati a Londra. Ascoltando quegli album in vinile è cresciuta la sua passione, diventata un mestiere. Enzo Favata, nato ad Alghero nel 1956, oggi è un affermato musicista internazionale che viaggia per tutti i continenti  in felice compagnia del suo sax.  La sua attività è variegata: compositore di colonne sonore per il cinema, il teatro, la radio e la televisione e  direttore del Festival Musica sulle Bocche. Appuntamento che si rinnova ogni anno in Sardegna, a Santa Teresa di Gallura,  dove sperimenta eventi ad alto tasso green.

D) Enzo iniziamo dai tuoi ultimi progetti musicali, quali sono i tuoi programmi per il 2017?

R) Sarà un anno abbastanza intenso con la pubblicazione di due dischi in primavera: uno in Italia e l’altro in Iran, dove sono stato anche recentemente. Ho un rapporto particolare con questo paese. E’ molto bella la loro musica classica, stiamo provando e registrando. Tanti concerti in giro per il mondo, non mancherà un passaggio nei paesi del Nord Europa di cui sono innamorato, poi Romania, Giappone, Germania.

D) Quanto ambiente c’è nel tuo impegno professionale?

R) Ho fatto uno spettacolo con il geologo Mario Tozzi. Una narrazione sulla Sardegna, le sue radici, la sua storia, le catastrofi, si parla del mito di Atlantide. Un racconto che presentiamo domani ad Iglesias, alla sala Argani del Pozzo Sella della miniera di Monteponi. Ci tengo a sottolineare che non sono un testimonial, lo faccio perché mi piace, perché ci credo…

D) Il Festival Musica sulle Bocche, l’appuntamento musicale che si tiene in agosto in Sardegna e di cui sei direttore artistico, è ricco di natura, non solo per le stupende location. Cosa fate per sensibilizzare il pubblico al rispetto dell’ambiente e del territorio?

R) Siamo stati tra i primi ad organizzare concerti all’alba e al tramonto. In questo modo si evita di utilizzare o si riduce al minimo l’utilizzo delle luci artificiali, non ci sono sedie, il palco è minimo formato da una pedanina o in alcuni casi direttamente per terra. Si riduce al minimo l’uso di camion e altri mezzi per l’allestimento della struttura. Inoltre si vede e quindi si apprezza il paesaggio che assume un aspetto magico con la luce naturale. E’ un modo per sensibilizzare le persone con la bellezza della natura. Viene spontanea la domanda: perché distruggere l’ambiente? Il messaggio passa in quel momento,  la musica è un mezzo di trasmissione da un”anima all’altra. Ci tengo molto a questo festival, negli altri mesi dell’anno giro il mondo, agosto è dedicato alla Sardegna.

D) Musica e paesaggio non solo nei concerti… Sappiamo che hai sviluppato una collaborazione con il Dipartimento di Architettura di Alghero. In cosa consiste questo progetto di contaminazione tra note, ambiente e architettura?

R) Abbiamo voluto ampliare l’idea di festival, legare musica e paesaggio. Il progetto nasce come scuola estiva dove i giovani iniziano a sviluppare idee di allestimenti a basso impatto acustico. Un work in progress. L’architetto fa magari delle belle cose, ha un animo artistico, però manca la cultura del suono, perché il paesaggio ha un suono, non solo una dimensione visiva e olfattiva. In concreto abbiamo fatto delle mappature sonore, in diverse fasce orarie, del paese. Un lavoro di ricerca per capire come il suono cambia al cambiare del paesaggio, come si trasforma in funzione dell’urbanizzazione degli spazi. Se vuoi pianificare devi calcolare l’impatto. Se, per esempio, vuoi costruire vicino a una zona umida è chiaro che si perderà il suono della zona umida. Quando si edifica davanti al mare o nella città antica cambiano i suoni, oggi sono scomparsi i suoni della cultura, i suoni dell”artigianato. Faccio ricerca in questa direzione e nella scuola si interpreta il paesaggio dal punto di vista acustico. I musicisti si confrontano con gli studenti.

D) Ti seguono tanti giovani, pensi che sia possibile trasmettere loro un messaggio ambientale attraverso gli strumenti della musica?

R) Nell’ambiente della musica non commerciale il pubblico sta invecchiando… Noi con queste iniziative che portiamo avanti nel Festival attiriamo le nuove generazioni e in questo modo i giovani sperimentano un nuovo modo di vivere, e quindi di apprezzare, la natura. Non servono i grandi messaggi o le dichiarazioni,   è importante avere la possibilità di vivere dei momenti immersi nella magia della natura…

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende