Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Esosport: dalle scarpe da ginnastica il pavimento anticaduta per i parchi giochi:

Esosport: dalle scarpe da ginnastica il pavimento anticaduta per i parchi giochi

febbraio 25, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Cosa succede quando il titolare di un’azienda di riciclo dei rifiuti e maratoneta incontra un giornalista ex runner olimpico? Cosa può nascere quando si prova a unire profit e non profit, utilità ambientale e utilità sociale? Da questo mix di fattori diversi è nato il progetto Esosport, ideato da Nicolas Meletiou, managing director dell’azienda di smaltimento di rifiuti da ufficio ESO, per dare una seconda vita alle scarpe da corsa, che si trasformano così in pavimenti anti caduta per parchi giochi per bambini. Le scarpe vecchie vengono raccolte in negozi, scuole e palestre dei Comuni aderenti all’iniziativa, che pagando una somma di iscrizione e le spese di trasporto delle scarpe ricevono in cambio la pavimentazione per riqualificare parchi esistenti o crearne di nuovi.

Come spesso succede, il progetto nasce per caso. “Nel 2009 ero a Firenze dal mio allenatore Fulvio Massini: insieme chiamammo Marco Marchei, ex maratoneta olimpico e direttore di Runner’s World“. Sentendo che Nicolas si occupava per lavoro di rifiuti, Marchei lanciò subito la palla: “A casa ho 15 paia di scarpe da corsa ormai esauste, alcune le ho indossate durante gare importanti, ma non le butto perché so che finirebbero in discarica. Non c’è un modo riutilizzarle per ricavare qualcosa di utile?”, chiede. Quella domanda fa accendere la lampadina, anche se poi per passare dall’idea iniziale al progetto finale sono serviti due anni e mezzo di test e sperimentazioni. “Abbiamo subito assoldato degli ingegneri chimici per studiare come passare dalle suole al pavimento anticaduta e come tenere insieme la gomma triturata delle scarpe. Poi abbiamo studiato i box di raccolta e i meccanismi di funzionamento, contattato tutti i Comuni d’Italia e dato il via al progetto”, continua Meletiou.

Ma come avviene tecnicamente il riciclo delle scarpe? “Il processo si svolge tutto in Italia: la suola in gomma viene separata dalle parti in canapa o plastica, tutto poi viene triturato. I gommini, con l’aggiunta di agglomeranti, vengono poi pressati per produrre la pavimentazione, mentre il resto viene ceduto ad altre aziende, che lo utilizzano per riempire i palloni da volley e da basket”. Al momento, sul processo industriale sta lavorando un’azienda di Modena, ma l’obiettivo per il futuro è costruire un impianto ad hoc a Opera (Milano), dove ha sede la ESO, dando vita a uno specifico ramo d’azienda che lavori sul riciclo di attrezzature sportive e la produzione di pavimentazione con gomma riciclata dalle calzature. Nel frattempo, ESO sta anche lavorando per sottoporre la pavimentazione in gomma a una certificazione ISO.

Oggi Esosport coinvolge una quarantina di Comuni, dal Nord fino alla Campania: “Collaboriamo con grandi città come Roma, Firenze e Genova, ma anche con centri più piccoli come Crema o Faenza. Il meccanismo è semplice: quando nel comune sono state raccolte le scarpe sufficienti per l’area giochi, produciamo la pavimentazione e la cediamo gratuitamente alla città, che deve solo pagare una fee d’entrata nel progetto e le spese di ritiro delle scarpe”. L’unica condizione è che il parco, nuovo o riqualificato, si chiami “Il Giardino di Betty”: “E’ un omaggio a mia moglie Elisabetta, morta prematuramente quattro anni fa dopo una lunga malattia. Lei era direttore tecnico di ESO, e aveva lavorato in prima persona al progetto Esosport, che le stava molto a cuore”, continua Meletiou.

Ad oggi sono state raccolte quasi 100.000 paia di scarpe e i Comuni aderenti stanno aumentando – l’ultimo arrivato, a fine gennaio, è Saronno, in provincia di Varese -. I Giardini già aperti sono due, uno a Opera e uno a Firenze, mentre i prossimi saranno realizzati a Genova e a Roma. “Il nostro obiettivo – aggiunge Meletiou – è minimizzare l’accumulo dei rifiuti in discarica e innescare nelle persone la convinzione che è possibile riciclare, ottenendo materia prima seconda utilizzabile per altri scopi, anche in nicchie come quella delle scarpe da corsa”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

settembre 15, 2016

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

L’efficientamento energetico del Policlicnico militare del Celio a Roma, uno dei maggiori ospedali italiani, sarà il primo atto dell’accordo di collaborazione fra ENEA e Ministero della Difesa. Il protocollo d’intesa firmato l’altro ieri a Roma dal Presidente ENEA Federico Testa e dal Sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano prevede la riqualificazione e l’efficientamento energetico di edifici [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende