Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Esosport: dalle scarpe da ginnastica il pavimento anticaduta per i parchi giochi:

Esosport: dalle scarpe da ginnastica il pavimento anticaduta per i parchi giochi

febbraio 25, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Cosa succede quando il titolare di un’azienda di riciclo dei rifiuti e maratoneta incontra un giornalista ex runner olimpico? Cosa può nascere quando si prova a unire profit e non profit, utilità ambientale e utilità sociale? Da questo mix di fattori diversi è nato il progetto Esosport, ideato da Nicolas Meletiou, managing director dell’azienda di smaltimento di rifiuti da ufficio ESO, per dare una seconda vita alle scarpe da corsa, che si trasformano così in pavimenti anti caduta per parchi giochi per bambini. Le scarpe vecchie vengono raccolte in negozi, scuole e palestre dei Comuni aderenti all’iniziativa, che pagando una somma di iscrizione e le spese di trasporto delle scarpe ricevono in cambio la pavimentazione per riqualificare parchi esistenti o crearne di nuovi.

Come spesso succede, il progetto nasce per caso. “Nel 2009 ero a Firenze dal mio allenatore Fulvio Massini: insieme chiamammo Marco Marchei, ex maratoneta olimpico e direttore di Runner’s World“. Sentendo che Nicolas si occupava per lavoro di rifiuti, Marchei lanciò subito la palla: “A casa ho 15 paia di scarpe da corsa ormai esauste, alcune le ho indossate durante gare importanti, ma non le butto perché so che finirebbero in discarica. Non c’è un modo riutilizzarle per ricavare qualcosa di utile?”, chiede. Quella domanda fa accendere la lampadina, anche se poi per passare dall’idea iniziale al progetto finale sono serviti due anni e mezzo di test e sperimentazioni. “Abbiamo subito assoldato degli ingegneri chimici per studiare come passare dalle suole al pavimento anticaduta e come tenere insieme la gomma triturata delle scarpe. Poi abbiamo studiato i box di raccolta e i meccanismi di funzionamento, contattato tutti i Comuni d’Italia e dato il via al progetto”, continua Meletiou.

Ma come avviene tecnicamente il riciclo delle scarpe? “Il processo si svolge tutto in Italia: la suola in gomma viene separata dalle parti in canapa o plastica, tutto poi viene triturato. I gommini, con l’aggiunta di agglomeranti, vengono poi pressati per produrre la pavimentazione, mentre il resto viene ceduto ad altre aziende, che lo utilizzano per riempire i palloni da volley e da basket”. Al momento, sul processo industriale sta lavorando un’azienda di Modena, ma l’obiettivo per il futuro è costruire un impianto ad hoc a Opera (Milano), dove ha sede la ESO, dando vita a uno specifico ramo d’azienda che lavori sul riciclo di attrezzature sportive e la produzione di pavimentazione con gomma riciclata dalle calzature. Nel frattempo, ESO sta anche lavorando per sottoporre la pavimentazione in gomma a una certificazione ISO.

Oggi Esosport coinvolge una quarantina di Comuni, dal Nord fino alla Campania: “Collaboriamo con grandi città come Roma, Firenze e Genova, ma anche con centri più piccoli come Crema o Faenza. Il meccanismo è semplice: quando nel comune sono state raccolte le scarpe sufficienti per l’area giochi, produciamo la pavimentazione e la cediamo gratuitamente alla città, che deve solo pagare una fee d’entrata nel progetto e le spese di ritiro delle scarpe”. L’unica condizione è che il parco, nuovo o riqualificato, si chiami “Il Giardino di Betty”: “E’ un omaggio a mia moglie Elisabetta, morta prematuramente quattro anni fa dopo una lunga malattia. Lei era direttore tecnico di ESO, e aveva lavorato in prima persona al progetto Esosport, che le stava molto a cuore”, continua Meletiou.

Ad oggi sono state raccolte quasi 100.000 paia di scarpe e i Comuni aderenti stanno aumentando – l’ultimo arrivato, a fine gennaio, è Saronno, in provincia di Varese -. I Giardini già aperti sono due, uno a Opera e uno a Firenze, mentre i prossimi saranno realizzati a Genova e a Roma. “Il nostro obiettivo – aggiunge Meletiou – è minimizzare l’accumulo dei rifiuti in discarica e innescare nelle persone la convinzione che è possibile riciclare, ottenendo materia prima seconda utilizzabile per altri scopi, anche in nicchie come quella delle scarpe da corsa”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende