Home » Off the Green »Rubriche » EU60: l’Europa vada a lezione dal Papa:

EU60: l’Europa vada a lezione dal Papa

marzo 27, 2017 Off the Green, Rubriche

Sono sempre stato e resterò un europeista convinto. Eppure è impossibile non notare quanto questa Europa sia ancora “fuori frequenza” con i cittadini se si affiancano le immagini di due eventi che “la Provvidenza” ha voluto far coincidere: la firma della “Dichiarazione di Roma“, con i leader dei 27 paesi blindati dentro il Quirinale, mentre la gente sfila fuori per le strade, e la visita pastorale di Papa Francesco a Milano, che va dentro a parlare e pranzare con i carcerati e poi fa una messa per 1 milione di persone.

I primi degustano, tra cristalli e arazzi antichi, risotto alle erbe con scampi, filetto di spigola e polpo croccante, sformatini di cimone, carciofi alla menta e patate al forno, semifreddo al limone e lamponi, accompagnati da vino bianco aromatico dell’Alto Adige. Il secondo condivide con i detenuti di San Vittore risotto alla milanese, cotoletta con patate e pannacotta, innaffiati da acqua minerale e aranciata.

I primi hanno sguardi distratti e di circostanza mentre ascoltano il soporifero discorso del Presidente Mattarella, pieno di formule che per il 90% dei cittadini assomigliano più alle supercazzole del Conte Mascetti che al concreto programma di “svolta” che vorrebbero sentir pronunciare, almeno una volta nella vita, da un politico: “Poc’anzi, in Campidoglio, avete adottato una Dichiarazione impegnativa che disegna il percorso da seguire per ridare slancio alla nostra Unione. Una Dichiarazione che ribadisce, senza infingimenti, come il nostro futuro si identifichi con il nostro essere, insieme, Europa e si muova nella direzione indicata dagli scenari più ambiziosi tracciati nel recente Libro Bianco della Commissione e nel segno dei valori più autentici alla base del percorso di integrazione.” Ah, gli infingimenti, ah il Libro Bianco della Commissione, che tutti noi teniamo sul comodino e leggiamo prima di andare a dormire, fiduciosi nel futuro…

Certo, come avrebbero fatto i leader UE a scendere per strada e parlare con la gente? Problemi di sicurezza e poi mica puoi parlare con tutti i rappresentanti dei taxisti, commercialisti, artigiani, imprenditori, albergatori, ristoratori, commercianti ecc. ecc. Sì, va bene, Papa Francesco ha voluto salutare e stringere la mano di persona a tutti, ma lui è il Papa, mica è un Capo di Stato (ah no, è anche un Capo di Stato in realtà): “ha salutato tutti personalmente – conferma il cappellano del carcere, don Marco Recalcatiquindi più di 850 persone, più la polizia, si è fermato, ha dato la mano, ha dato una parola, una carezza…”. “Tanti erano luminosi dalla gioia, qualcuno piangeva dalla gioia – racconta il cappellano – quasi stupefatti da una presenza così paterna, così semplice, così bella, così intensa. Potremmo dire che è quasi come se il Papa avesse sciolto le sbarre: in questa giornata, tutti eravamo lì, uomini e donne, accanto a un padre che ci ha dato speranza, ci ha dato forza”.

Ok, non spetta necessariamente ai politici parlare alle coscienze, ma se ogni leader UE – invece di farsi i selfie mossi nei musei della capitale – avesse scambiato due battute con qualche rappresentante delle associazioni professionali o dei consumatori, le celebrazioni UE si sarebbero trasformate in una maxi audizione pubblica per 22.950 persone! Una novità galattica, che avrebbe forse dato, agli altri 743 milioni di cittadini non auditi, una qualche speranza, prima o poi, di essere ascoltati e di poter rappresentare i propri problemi quotidiani, senza infingimenti e con buona pace del Libro Bianco della Commissione. Del resto la “Dichiarazione” firmata dai 27 recita: “Ci impegniamo a dare ascolto e risposte alle preoccupazioni espresse dai nostri cittadini”. Ecco, allora inizio io con la mia prima preoccupazione: che in tutto il testo l’ambiente appaia una sola volta di sfuggita e nella formula più generica e vaga possibile (“un’Unione in cui l’energia sia sicura e conveniente e l’ambiente pulito e protetto”), questo un po’, sinceramente, mi preoccupa...

Andrea Gandiglio


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende