Home » Off the Green »Rubriche » EU60: l’Europa vada a lezione dal Papa:

EU60: l’Europa vada a lezione dal Papa

marzo 27, 2017 Off the Green, Rubriche

Sono sempre stato e resterò un europeista convinto. Eppure è impossibile non notare quanto questa Europa sia ancora “fuori frequenza” con i cittadini se si affiancano le immagini di due eventi che “la Provvidenza” ha voluto far coincidere: la firma della “Dichiarazione di Roma“, con i leader dei 27 paesi blindati dentro il Quirinale, mentre la gente sfila fuori per le strade, e la visita pastorale di Papa Francesco a Milano, che va dentro a parlare e pranzare con i carcerati e poi fa una messa per 1 milione di persone.

I primi degustano, tra cristalli e arazzi antichi, risotto alle erbe con scampi, filetto di spigola e polpo croccante, sformatini di cimone, carciofi alla menta e patate al forno, semifreddo al limone e lamponi, accompagnati da vino bianco aromatico dell’Alto Adige. Il secondo condivide con i detenuti di San Vittore risotto alla milanese, cotoletta con patate e pannacotta, innaffiati da acqua minerale e aranciata.

I primi hanno sguardi distratti e di circostanza mentre ascoltano il soporifero discorso del Presidente Mattarella, pieno di formule che per il 90% dei cittadini assomigliano più alle supercazzole del Conte Mascetti che al concreto programma di “svolta” che vorrebbero sentir pronunciare, almeno una volta nella vita, da un politico: “Poc’anzi, in Campidoglio, avete adottato una Dichiarazione impegnativa che disegna il percorso da seguire per ridare slancio alla nostra Unione. Una Dichiarazione che ribadisce, senza infingimenti, come il nostro futuro si identifichi con il nostro essere, insieme, Europa e si muova nella direzione indicata dagli scenari più ambiziosi tracciati nel recente Libro Bianco della Commissione e nel segno dei valori più autentici alla base del percorso di integrazione.” Ah, gli infingimenti, ah il Libro Bianco della Commissione, che tutti noi teniamo sul comodino e leggiamo prima di andare a dormire, fiduciosi nel futuro…

Certo, come avrebbero fatto i leader UE a scendere per strada e parlare con la gente? Problemi di sicurezza e poi mica puoi parlare con tutti i rappresentanti dei taxisti, commercialisti, artigiani, imprenditori, albergatori, ristoratori, commercianti ecc. ecc. Sì, va bene, Papa Francesco ha voluto salutare e stringere la mano di persona a tutti, ma lui è il Papa, mica è un Capo di Stato (ah no, è anche un Capo di Stato in realtà): “ha salutato tutti personalmente – conferma il cappellano del carcere, don Marco Recalcatiquindi più di 850 persone, più la polizia, si è fermato, ha dato la mano, ha dato una parola, una carezza…”. “Tanti erano luminosi dalla gioia, qualcuno piangeva dalla gioia – racconta il cappellano – quasi stupefatti da una presenza così paterna, così semplice, così bella, così intensa. Potremmo dire che è quasi come se il Papa avesse sciolto le sbarre: in questa giornata, tutti eravamo lì, uomini e donne, accanto a un padre che ci ha dato speranza, ci ha dato forza”.

Ok, non spetta necessariamente ai politici parlare alle coscienze, ma se ogni leader UE – invece di farsi i selfie mossi nei musei della capitale – avesse scambiato due battute con qualche rappresentante delle associazioni professionali o dei consumatori, le celebrazioni UE si sarebbero trasformate in una maxi audizione pubblica per 22.950 persone! Una novità galattica, che avrebbe forse dato, agli altri 743 milioni di cittadini non auditi, una qualche speranza, prima o poi, di essere ascoltati e di poter rappresentare i propri problemi quotidiani, senza infingimenti e con buona pace del Libro Bianco della Commissione. Del resto la “Dichiarazione” firmata dai 27 recita: “Ci impegniamo a dare ascolto e risposte alle preoccupazioni espresse dai nostri cittadini”. Ecco, allora inizio io con la mia prima preoccupazione: che in tutto il testo l’ambiente appaia una sola volta di sfuggita e nella formula più generica e vaga possibile (“un’Unione in cui l’energia sia sicura e conveniente e l’ambiente pulito e protetto”), questo un po’, sinceramente, mi preoccupa...

Andrea Gandiglio


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende