Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Eurven: Greeny, la raccolta differenziata con l’incentivo:

Eurven: Greeny, la raccolta differenziata con l’incentivo

febbraio 19, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Dare un premio a chi fa bene la raccolta differenziata: un ulteriore buon motivo per continuare a impegnarsi, un riconoscimento per la sua buona azione. Eurven, azienda veneta che dal 2009 produce riciclatori ad alta tecnologia, specifici per le diverse tipologie di rifiuto, è partita da questo principio. Le macchine Greeny sono in grado di riconoscere il tipo di rifiuto (oltre  a carta, vetro, plastica e lattine, ritirano anche batterie, oli esausti, lampadine e presto RAEE, i rifiuti elettrici ed elettronici) e ritirarlo se è corretto, comprimerlo per ridurne il volume e restituire all’utente un omaggio.

Abbiamo puntato su due leve: da una parte il vantaggio economico, perché secondo noi bisogna dare un motivo alla persone per fare la raccolta differenziata, e chi rispetta l’ambiente è giusto che sia incentivato; dall’altro lato abbiamo reso le nostre macchine belle e divertenti, in modo che alle persone piaccia usarle”, spiega il general manager Carlo Alberto Baesso.

Messa a punto l’idea, si è dovuto lavorare alla costruzione delle macchine, completamente Made in Italy utilizzando dove possibile plastica e alluminio riciclati. Eurven fa parte del gruppo Euromeccanica, che produce tecnologie di precisione per grandi multinazionali, dalla Mercedes alla Miele. “Abbiamo pensato di applicare la meccanica e l’elettronica di precisione alla raccolta differenziata, andando al di là del sistema del vuoto a rendere, su cui si concentrano invece i nostri concorrenti stranieri, ma che da noi non esiste. All’inizio abbiamo incontrato diversi problemi: l’Italia è un Paese in cui i rifiuti non sono visti come una risorsa, ma come un problema. Inoltre, il settore è molto complesso dal punto di vista burocratico, ogni Comune ha un sistema diverso di gestione dei rifiuti”. Superate le difficoltà, però, la tecnologia ha conquistato molti grandi clienti: dai marchi della grande distribuzione, come Conad, Pam, Ikea o Leroy Merlin, ad Autrogrill, Gardaland, Mirabilandia, Costa Crociere e, più di recente, anche molti Comuni e scuole.

I grandi marchi della GDO la utilizzano soprattutto come strumento di marketing: nei centri commerciali, Greeny in cambio dei rifiuti differenziati, per esempio le bottiglie di vetro, restituisce un buono sconto o carica dei punti omaggio sulla carta fedeltà dell’utente. I riciclatori la danno in comodato ai propri clienti finali”. E per gli enti locali con finanze ristrette che vorrebbero installarla, Eurven ha studiato una soluzione: “Proponiamo l’affitto a partire da 75 euro al mese. La spesa può essere coperta dalla vendita di spazi pubblicitari supereconomici ai negozi della zona, con la stessa logica applicata nella GDO: Greeny dà all’utente un coupon da utilizzare negli esercizi commerciali convenzionati, che con una cifra bassissima, circa 10 euro al mese, possono farsi pubblicità sul monitor di Greeny, mantenendone così l’affitto”. In un circolo virtuoso che fa guadagnare tutti e che permette di coniugare raccolta differenziata di qualità, incentivi per i cittadini e opportunità promozionali per i piccoli negozi, che in tempi di crisi non se la passano troppo bene. “Poniamo un unico vincolo: chiediamo ai Comuni la garanzia che i rifiuti raccolti tramite Greeny vengano avviati al riciclo. Basterebbe uno su mille che non lo fa, ed Eurven ci perderebbe la faccia”.

In circa cinque anni di attività, Eurven ha già installato 700 macchine, espandendosi anche in Brasile, Romania, Inghilterra e Paesi arabi. Oggi ha un fatturato di circa 1 milione di euro e una decina di persone che lavorano a tempo pieno su Greeny. Ha ottenuto diversi riconoscimento, dal Premio Città Impresa al premio Natura. In queste settimane, l’azienda sta facendo gli ultimi ritocchi a due diverse macchine per il recupero dei RAEE. Una è pensata per la raccolta di cellulari usati: in cambio del vecchio telefonino restituisce un buono sconto da spendere per l’acquisto di quello nuovo. L’altra è progettata per il ritiro di piccoli elettrodomestici: sarà in grado di riconoscere l’oggetto introdotto e darà all’utente un coupon da utilizzare all’interno del punto vendita dove è installata. E c’è già stata una sperimentazione per il recupero di cialde e capsule di caffè da avviare al riciclo. “In futuro – riflette Baesso – si riciclerà tutto. Basterà avere il motivo per farlo”.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende