Home » Off the Green »Rubriche » Evasori ambientali: se Befera guadagnasse “solo” 5.000 euro al mese:

Evasori ambientali: se Befera guadagnasse “solo” 5.000 euro al mese

ottobre 10, 2013 Off the Green, Rubriche

L’evasore è un parassita della società“, ha dichiarato a Radio 24 il direttore dell’Agenzia delle Entrate e Presidente di Equitalia, Attilio Befera. Vero, ma un manager pubblico (pagato con i soldi dei contribuenti) che guadagna 294mila euro l’anno solo come direttore dell’Agenzia - più del Presidente degli Stati Uniti – e che arriva a 772mila euro l’anno come reddito complessivo (pensione compresa!), che cos’è?

Quanta prevenzione di dissesti idrogeologici, quante bonifiche, quanti progetti di mobilità sostenibile e piste ciclabili si potrebbero realizzare con 712mila euro, in tanti piccoli comuni italiani, se questo e altri signori fossero pagati “solo” 5.000 euro al mese?

Sono anche queste le forme che assume, in Italia, l’evasione ambientale dello Stato, soggetto a ben 29 procedure di infrazione dell’Unione Europea per inadempienza in materia ambientale, eppure irremovibile nello spreco di denaro pubblico, che viene drenato da stipendi incomprensibili e pensioni d’oro indecenti di questi “manager pubblici” pluri-incaricati e inamovibili, che fanno i conti in tasca e dettano le regole (e la morale) a noi tutti e si indignano quando si applica a loro lo stesso principio di trasparenza (Befera ha addirittura osato urlare “vergogna!” alla giornalista de La Gabbia che gli chiedeva conto del suo reddito…).

Ovviamente non è il solo Befera a drenare preziose risorse pubbliche – lui è il simbolo più eclatante, per il ruolo che ricopre – ma ci pensano anche il “collega” Presidente dell’INPS e vicepresidente di Equitalia, Antonio Mastrapasqua (265mila euro l’anno di stipendio e 1,2 milioni di euro di reddito racimolato in altri 24 – ventiquattro – incarichi) e il sempreverde Giuliano Amato, re delle pensioni d’oro (31mila euro al mese!) recentemente nominato giudice della Corte Costituzionale, per non farsi mancare nulla, dopo essere stato due volte Presidente del Consiglio, due volte Ministro del Tesoro, una Ministro dell’Interno, ecc.ecc. E tanti altri membri di questa casta, di cui non mi interessa nemmeno, in questo momento, elencare i nomi e i dati perché non reggerei al cumulo di disgusto.

Elenco invece, con maggiore piacere, alcuni semplici acquisti che potrebbero essere coperti, negli enti pubblici, tagliando i compensi a questi parassiti e generando, sicuramente, un maggior beneficio all’ambiente e alla collettività:

- 1.000 biciclette per bambini (139.950 euro a prezzo Decathlon)

- 1.000 metri di pista ciclabile (118.000 euro secondo i calcoli del Politecnico di Milano per VENTO)

- 1.000 adozioni di alberi (200.000 euro al prezzo della campagna torinese “Regala un albero alla tua città“)

- 1.000 tessere bike sharing (36.000 euro per il servizio BikeMI di Milano)

- 10 furgoncini elettrici (202.000 per i Renault Kangoo)

- 10.000 risme di carta da ufficio riciclata (42.800 euro, equivalenti a 5 milioni di fogli con certificazione FSC)…

Totale: 738.300 euro, ho sbagliato di poco il calcolo. Potrei continuare con tanti esempi di green public procurement, quegli “acquisti verdi” che spesso i Comuni non riescono a fare, per mancanza di risorse. E poi con giochi in legno per bimbi, aree verdi ecc. ecc. Loro continuerebbero a vivere comunque sereni e ben pagati, noi sicuramente meglio.

Andrea Gandiglio

#evasoriambientali

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Mutui verdi”: tassi d’interesse più bassi per i “green building”

giugno 15, 2018

“Mutui verdi”: tassi d’interesse più bassi per i “green building”

La rete europea del World Green Building Council (WorldGBC) e le principali banche europee hanno lanciato ieri un nuovo schema pilota di mutui per l’efficienza energetica. Un segnale importante da parte degli investitori, che dimostra come “l’edilizia sostenibile” stia diventando un mercato chiave per la crescita dell’Europa. Lo schema pilota è finalizzato alla sperimentazione di [...]

“Microinquinanti emergenti”: il lato oscuro delle sostanze chimiche quotidiane

giugno 14, 2018

“Microinquinanti emergenti”: il lato oscuro delle sostanze chimiche quotidiane

Si sono conclusi con una tavola rotonda al Politecnico di Milano i due giorni di convegno promossi da Lombardy Energy Cleantech Cluster (LE2C) sul tema “Microinquinanti emergenti”, che ha visto un’ampia partecipazione di rappresentanti delle imprese, degli enti pubblici e dell’università, attirati da un tema di grande importanza, ma ancora poco noto al pubblico e poco trattato [...]

Il roadshow sulle rinnovabili di Elettricità Futura parte da Pescara

giugno 14, 2018

Il roadshow sulle rinnovabili di Elettricità Futura parte da Pescara

E’ partita da Pescara la prima tappa del roadshow “Le opportunità di sviluppo delle fonti rinnovabili nel settore elettrico – Incontri con il territorio” organizzato da Elettricità Futura. Un’occasione di confronto tra istituzioni e aziende del settore elettrico con un particolare focus sullo sviluppo delle rinnovabili e le opportunità di finanziamento. Questa prima tappa, organizzata in [...]

“The Milk System”: Legambiente premia il documentario sulle storture della produzione del latte

giugno 6, 2018

“The Milk System”: Legambiente premia il documentario sulle storture della produzione del latte

Si è conclusa ieri, nella Giornata Mondiale dell’Ambiente, la XXI edizione di Cinemambiente, il Festival internazionale di cinema e cultura ambientale organizzato a Torino dall’omonima associazione, in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema. Legambiente, che con i propri educatori ambientali supporta Cinemambiente Junior, la sezione del Festival dedicata ai ragazzi, e che ogni anno assegna un riconoscimento [...]

PMI e cambiamenti climatici: a Torino un progetto di adattamento

giugno 5, 2018

PMI e cambiamenti climatici: a Torino un progetto di adattamento

Le città del mondo si attrezzano per affrontare i mutamenti climatici e Torino, tra le italiane, è una delle più attive nel percorso finalizzato alla predisposizione di un piano di adattamento. In particolare attraverso il progetto europeo Life DERRIS, nato tre anni fa per favorire la creazione di una partnership pubblico-privato nella definizione di una strategia [...]

Elettricità Futura e ANIE Rinnovabili: “bene la piattaforma GSE per monitorare la produzione fotovoltaica”

giugno 4, 2018

Elettricità Futura e ANIE Rinnovabili: “bene la piattaforma GSE per monitorare la produzione fotovoltaica”

La nuova Piattaforma per il monitoraggio degli impianti fotovoltaici di grande taglia rappresenta un primo passo del GSE per favorire il raggiungimento dell’obiettivo di 72 TWh di produzione fotovoltaica al 2030. Per proiettare il Paese verso la decarbonizzazione e garantire uno sviluppo che sia davvero sostenibile, sarà infatti importante non solo realizzare nuovi impianti FER, [...]

21° Cinemambiente: dall’arca di Anote al nulla di Iggy Pop

giugno 1, 2018

21° Cinemambiente: dall’arca di Anote al nulla di Iggy Pop

La 21°edizione del Festival Cinemambiente è stata inaugurata ufficialmente giovedì 31 maggio al Cinema Massimo di Torino, dove si è esibito dal vivo, in apertura, il meteorologo Luca Mercalli, nel suo ormai tradizionale appuntamento con “Il punto“, l’annuale rapporto  sullo stato del Pianeta stilato appositamente per il pubblico del Festival. Mercalli si è soffermato, in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende