Home » Rubriche »Very Important Planet » Fabiano Ventura: i ghiacciai di ieri e di oggi. Per vedere la differenza:

Fabiano Ventura: i ghiacciai di ieri e di oggi. Per vedere la differenza

febbraio 7, 2014 Rubriche, Very Important Planet

Fotografo e convinto ambientalista, Fabiano Ventura ha unito le sue due grandi passioni in un progetto ambizioso. È lui l’ideatore di Sulle tracce dei ghiacciai, un viaggio attraverso il mondo con gli occhi di oggi e di ieri. Fotografie attuali che, confrontate con immagini storiche degli stessi luoghi, ci aiutano a capire quali siano gli effetti dei cambiamenti climatici sull’ambiente.

D) Fabiano, in cosa consiste Sulle tracce dei ghiacciai?

R) È un progetto strutturato su 6 spedizioni, ha come obiettivo lo studio dell’effetto dei cambiamenti climatici sui ghiacciai più importanti della Terra. Le spedizioni vengono effettuate ad anni alterni, ne abbiamo già realizzate 3: Karakorum in Pakistan (2009), Caucaso in Georgia (2011), Alaska in Usa (2013). A seguito delle spedizioni organizziamo delle mostre fotografiche itineranti e dei documentari televisivi che stanno riscuotendo un buon successo. Il riscontro mediatico per noi è importante, ci fa capire che il lavoro che stiamo facendo trova un riscontro sociale. Perché obiettivo ultimo del progetto è creare una coscienza ambientale. Insieme alla valorizzazione della storia del territorio: le fotografie che scattiamo durante la spedizione vengono infatti affiancate a immagini che sono state realizzate a fini documentativi geografici a fine Ottocento inizio Novecento e che oggi assumono per noi valore scientifico. Cerchiamo di ricostruire lo stesso punto di vista, nello stesso periodo dell’anno, per confrontare come si sono arretrati i ghiacciai.

D) Qual è il tuo ruolo? quali partner hai a supporto?

R) Io sono l’ideatore del progetto, sono presidente dell’associazione Macro Micro. Ho scelto di comunicare attraverso la fotografia perché ritengo sia facilmente fruibile e adatta a trasmettere i valori che ritengo fondamentali per la vita. Ho avuto riscontro da molte aziende legate in qualche modo alla fotografia, alla montagna o alle energie rinnovabili, abbiamo patrocini istituzionali, di diverse città e province, di numerose università.

D) Come hai visto cambiare nell’arco di 10 anni i paesaggi naturali che hai visitato?

R) Ho viaggiato molto in tutto il mondo, ho visto molti paesaggi e alcuni li ho visti anche cambiare perché ci sono tornato a distanza di anni. L’Italia stessa è un paese pieno di contraddizioni ambientali, abbiamo perso il controllo: turismo, edilizia selvaggia, cementificazione, paesaggi deturpati. Per fare un solo esempio, in trent’anni è aumentato tantissimo l’inquinamento luminoso e oggi è molto raro riuscire a godersi un cielo stellato. I giovani non sanno più cos’è la Via Lattea…

D) Secondo te qual è l’intervento ambientale più urgente?

R) L’immissione dell’anidride carbonica sta aumentando sempre di più, è fra le maggiori cause del riscaldamento globale. Quello è il primo intervento, insieme al rinnovo di politiche più attente al tema ambientale. La gestione dei piani regolatori, per esempio, rappresenta un grosso problema: nei luoghi dove c’è una elevata concentrazione di popolazione si arriva allo sfruttamento esasperato dei territori, costruendo in zone di esondazione che poi non reggono all’urto delle inondazioni.

D) Quanto è cresciuta la cultura ambientale dell’Italia secondo te?

R) In Italia non c’è ancora una vera cultura ambientale: si pensa agli armamenti, alle chiese, all’edilizia selvaggia, ma non si ha un programma di smaltimento del traffico o di costruzione di nuove linee di mezzi pubblici. Siamo incapaci di gestire le cose più semplici, c’è molto spreco, quando invece basterebbero piccoli gesti quotidiani.

D) Come si traduce il tuo rispetto per l’ambiente nella vita di tutti i giorni?

R) Oltre ad avere abitudini come muovermi in scooter, fare la differenziata ed eliminare ogni sorta di sprechi, cerco di educare le mie figlie al rispetto per la natura. Faccio attenzione anche alle minime cose, per trasmettere loro il messaggio che è fondamentale avere dei comportamenti corretti, per creare un sistema rispettoso dell’ambiente che a lungo andare ha un effetto sui grandi numeri.

D) Come è nato il tuo legame con l’ambiente?

R) Ho avuto la fortuna di avere due genitori appassionati di viaggi. Ho sempre avuto interessi che mi hanno portato a contatto con la montagna. Vivere così vicino alla natura mi ha messo di fronte a problemi che sono stato costretto a risolvere, per me è stata una grande maestra di vita. Dovremmo comprendere che noi stessi siamo natura: sfruttare le risorse in modo non sostenibile ci si ritorce contro.

D) Quale consiglio potresti dare alle generazioni future?

R) Trovare l’opportunità per viaggiare il più possibile, per vivere la natura in prima persona, con tenda e sacco a pelo, abbandonando le comodità. Per capire che il telefonino nuovo o il tv più grande non sono le cose importanti della vita.

Daniela Falchero

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

dicembre 4, 2020

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

La sostenibilità e l’attenzione alle tematiche ambientali e sociali si sta confermando tema chiave per le aziende, in quanto strumento importante di competitività e di attrattività verso gli investitori e il mercato, come dimostra il sondaggio Ipsos sul tema dell’economia circolare, presentato all’EcoForum di Legambiente lo scorso ottobre, secondo il quale un’impresa su quattro investe [...]

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

novembre 12, 2020

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

FCA Italy S.p.A., società interamente controllata dal gruppo Fiat Chrysler Automobiles N.V., ed ENGIE EPS, player tecnologico dell’energy storage e della mobilità elettrica, hanno stipulato un Memorandum d’Intesa per costituire una joint venture che dia vita ad un’azienda leader nel panorama europeo della e-Mobility e che potrà avvalersi delle risorse finanziarie e della consolidata esperienza [...]

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

ottobre 28, 2020

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

La salvaguardia dell’ambiente dagli elementi inquinanti è il tema del quarto appuntamento con “A qualcuno piace Green”, il viaggio in un’Italia sorprendentemente sensibile e innovativa sui temi ambientali con il biologo marino e divulgatore Raffaele Di Placido, in onda giovedì 29 ottobre alle ore 21.10 su laF (Sky 135, on Demand su Sky e su Sky Go). “Salute e benessere” [...]

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

ottobre 20, 2020

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

Pochi sanno che la parola “Ambiente” è stata utilizzata come sostantivo per la prima volta nel trattato “Il Saggiatore” di Galileo Galilei, pubblicato il 20 ottobre 1623. Nel dettaglio al cap. 21, pag. 98, riga 4 dell’edizione originale, come visibile dall’immagine della pagina qui accanto. Dobbiamo dunque al genio italiano, fondatore della scienza moderna, la paternità [...]

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

ottobre 15, 2020

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

“Green Talk”, seconda edizione del convegno firmato 1000 Miglia Green, torna mercoledì 21 ottobre 2020 alle 10.30, in collaborazione con Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che da diversi anni stila il rapporto italiano sulle eccellenze del settore e-mobility. Il Green Talk nasce allo scopo di approfondire le tematiche della sostenibilità, con particolare attenzione e riferimento [...]

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

ottobre 9, 2020

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

L’edizione 2020 di IMAG-E tour non poteva che prendere avvio dai messaggi per la “ripartenza” dopo l’onda lunga del lockdown: più attenzione alla salute e all’ambiente, transizione concreta alla green economy, solidarietà tra i vari settori produttivi e collaborazione tra il pubblico e il privato. Tutte missioni che oggi, grazie anche ai fondi europei previsti [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende