Home » Rubriche »Very Important Planet » Fabiano Ventura: i ghiacciai di ieri e di oggi. Per vedere la differenza:

Fabiano Ventura: i ghiacciai di ieri e di oggi. Per vedere la differenza

febbraio 7, 2014 Rubriche, Very Important Planet

Fotografo e convinto ambientalista, Fabiano Ventura ha unito le sue due grandi passioni in un progetto ambizioso. È lui l’ideatore di Sulle tracce dei ghiacciai, un viaggio attraverso il mondo con gli occhi di oggi e di ieri. Fotografie attuali che, confrontate con immagini storiche degli stessi luoghi, ci aiutano a capire quali siano gli effetti dei cambiamenti climatici sull’ambiente.

D) Fabiano, in cosa consiste Sulle tracce dei ghiacciai?

R) È un progetto strutturato su 6 spedizioni, ha come obiettivo lo studio dell’effetto dei cambiamenti climatici sui ghiacciai più importanti della Terra. Le spedizioni vengono effettuate ad anni alterni, ne abbiamo già realizzate 3: Karakorum in Pakistan (2009), Caucaso in Georgia (2011), Alaska in Usa (2013). A seguito delle spedizioni organizziamo delle mostre fotografiche itineranti e dei documentari televisivi che stanno riscuotendo un buon successo. Il riscontro mediatico per noi è importante, ci fa capire che il lavoro che stiamo facendo trova un riscontro sociale. Perché obiettivo ultimo del progetto è creare una coscienza ambientale. Insieme alla valorizzazione della storia del territorio: le fotografie che scattiamo durante la spedizione vengono infatti affiancate a immagini che sono state realizzate a fini documentativi geografici a fine Ottocento inizio Novecento e che oggi assumono per noi valore scientifico. Cerchiamo di ricostruire lo stesso punto di vista, nello stesso periodo dell’anno, per confrontare come si sono arretrati i ghiacciai.

D) Qual è il tuo ruolo? quali partner hai a supporto?

R) Io sono l’ideatore del progetto, sono presidente dell’associazione Macro Micro. Ho scelto di comunicare attraverso la fotografia perché ritengo sia facilmente fruibile e adatta a trasmettere i valori che ritengo fondamentali per la vita. Ho avuto riscontro da molte aziende legate in qualche modo alla fotografia, alla montagna o alle energie rinnovabili, abbiamo patrocini istituzionali, di diverse città e province, di numerose università.

D) Come hai visto cambiare nell’arco di 10 anni i paesaggi naturali che hai visitato?

R) Ho viaggiato molto in tutto il mondo, ho visto molti paesaggi e alcuni li ho visti anche cambiare perché ci sono tornato a distanza di anni. L’Italia stessa è un paese pieno di contraddizioni ambientali, abbiamo perso il controllo: turismo, edilizia selvaggia, cementificazione, paesaggi deturpati. Per fare un solo esempio, in trent’anni è aumentato tantissimo l’inquinamento luminoso e oggi è molto raro riuscire a godersi un cielo stellato. I giovani non sanno più cos’è la Via Lattea…

D) Secondo te qual è l’intervento ambientale più urgente?

R) L’immissione dell’anidride carbonica sta aumentando sempre di più, è fra le maggiori cause del riscaldamento globale. Quello è il primo intervento, insieme al rinnovo di politiche più attente al tema ambientale. La gestione dei piani regolatori, per esempio, rappresenta un grosso problema: nei luoghi dove c’è una elevata concentrazione di popolazione si arriva allo sfruttamento esasperato dei territori, costruendo in zone di esondazione che poi non reggono all’urto delle inondazioni.

D) Quanto è cresciuta la cultura ambientale dell’Italia secondo te?

R) In Italia non c’è ancora una vera cultura ambientale: si pensa agli armamenti, alle chiese, all’edilizia selvaggia, ma non si ha un programma di smaltimento del traffico o di costruzione di nuove linee di mezzi pubblici. Siamo incapaci di gestire le cose più semplici, c’è molto spreco, quando invece basterebbero piccoli gesti quotidiani.

D) Come si traduce il tuo rispetto per l’ambiente nella vita di tutti i giorni?

R) Oltre ad avere abitudini come muovermi in scooter, fare la differenziata ed eliminare ogni sorta di sprechi, cerco di educare le mie figlie al rispetto per la natura. Faccio attenzione anche alle minime cose, per trasmettere loro il messaggio che è fondamentale avere dei comportamenti corretti, per creare un sistema rispettoso dell’ambiente che a lungo andare ha un effetto sui grandi numeri.

D) Come è nato il tuo legame con l’ambiente?

R) Ho avuto la fortuna di avere due genitori appassionati di viaggi. Ho sempre avuto interessi che mi hanno portato a contatto con la montagna. Vivere così vicino alla natura mi ha messo di fronte a problemi che sono stato costretto a risolvere, per me è stata una grande maestra di vita. Dovremmo comprendere che noi stessi siamo natura: sfruttare le risorse in modo non sostenibile ci si ritorce contro.

D) Quale consiglio potresti dare alle generazioni future?

R) Trovare l’opportunità per viaggiare il più possibile, per vivere la natura in prima persona, con tenda e sacco a pelo, abbandonando le comodità. Per capire che il telefonino nuovo o il tv più grande non sono le cose importanti della vita.

Daniela Falchero

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende