Home » Rubriche »Very Important Planet » Fabiano Ventura: i ghiacciai di ieri e di oggi. Per vedere la differenza:

Fabiano Ventura: i ghiacciai di ieri e di oggi. Per vedere la differenza

febbraio 7, 2014 Rubriche, Very Important Planet

Fotografo e convinto ambientalista, Fabiano Ventura ha unito le sue due grandi passioni in un progetto ambizioso. È lui l’ideatore di Sulle tracce dei ghiacciai, un viaggio attraverso il mondo con gli occhi di oggi e di ieri. Fotografie attuali che, confrontate con immagini storiche degli stessi luoghi, ci aiutano a capire quali siano gli effetti dei cambiamenti climatici sull’ambiente.

D) Fabiano, in cosa consiste Sulle tracce dei ghiacciai?

R) È un progetto strutturato su 6 spedizioni, ha come obiettivo lo studio dell’effetto dei cambiamenti climatici sui ghiacciai più importanti della Terra. Le spedizioni vengono effettuate ad anni alterni, ne abbiamo già realizzate 3: Karakorum in Pakistan (2009), Caucaso in Georgia (2011), Alaska in Usa (2013). A seguito delle spedizioni organizziamo delle mostre fotografiche itineranti e dei documentari televisivi che stanno riscuotendo un buon successo. Il riscontro mediatico per noi è importante, ci fa capire che il lavoro che stiamo facendo trova un riscontro sociale. Perché obiettivo ultimo del progetto è creare una coscienza ambientale. Insieme alla valorizzazione della storia del territorio: le fotografie che scattiamo durante la spedizione vengono infatti affiancate a immagini che sono state realizzate a fini documentativi geografici a fine Ottocento inizio Novecento e che oggi assumono per noi valore scientifico. Cerchiamo di ricostruire lo stesso punto di vista, nello stesso periodo dell’anno, per confrontare come si sono arretrati i ghiacciai.

D) Qual è il tuo ruolo? quali partner hai a supporto?

R) Io sono l’ideatore del progetto, sono presidente dell’associazione Macro Micro. Ho scelto di comunicare attraverso la fotografia perché ritengo sia facilmente fruibile e adatta a trasmettere i valori che ritengo fondamentali per la vita. Ho avuto riscontro da molte aziende legate in qualche modo alla fotografia, alla montagna o alle energie rinnovabili, abbiamo patrocini istituzionali, di diverse città e province, di numerose università.

D) Come hai visto cambiare nell’arco di 10 anni i paesaggi naturali che hai visitato?

R) Ho viaggiato molto in tutto il mondo, ho visto molti paesaggi e alcuni li ho visti anche cambiare perché ci sono tornato a distanza di anni. L’Italia stessa è un paese pieno di contraddizioni ambientali, abbiamo perso il controllo: turismo, edilizia selvaggia, cementificazione, paesaggi deturpati. Per fare un solo esempio, in trent’anni è aumentato tantissimo l’inquinamento luminoso e oggi è molto raro riuscire a godersi un cielo stellato. I giovani non sanno più cos’è la Via Lattea…

D) Secondo te qual è l’intervento ambientale più urgente?

R) L’immissione dell’anidride carbonica sta aumentando sempre di più, è fra le maggiori cause del riscaldamento globale. Quello è il primo intervento, insieme al rinnovo di politiche più attente al tema ambientale. La gestione dei piani regolatori, per esempio, rappresenta un grosso problema: nei luoghi dove c’è una elevata concentrazione di popolazione si arriva allo sfruttamento esasperato dei territori, costruendo in zone di esondazione che poi non reggono all’urto delle inondazioni.

D) Quanto è cresciuta la cultura ambientale dell’Italia secondo te?

R) In Italia non c’è ancora una vera cultura ambientale: si pensa agli armamenti, alle chiese, all’edilizia selvaggia, ma non si ha un programma di smaltimento del traffico o di costruzione di nuove linee di mezzi pubblici. Siamo incapaci di gestire le cose più semplici, c’è molto spreco, quando invece basterebbero piccoli gesti quotidiani.

D) Come si traduce il tuo rispetto per l’ambiente nella vita di tutti i giorni?

R) Oltre ad avere abitudini come muovermi in scooter, fare la differenziata ed eliminare ogni sorta di sprechi, cerco di educare le mie figlie al rispetto per la natura. Faccio attenzione anche alle minime cose, per trasmettere loro il messaggio che è fondamentale avere dei comportamenti corretti, per creare un sistema rispettoso dell’ambiente che a lungo andare ha un effetto sui grandi numeri.

D) Come è nato il tuo legame con l’ambiente?

R) Ho avuto la fortuna di avere due genitori appassionati di viaggi. Ho sempre avuto interessi che mi hanno portato a contatto con la montagna. Vivere così vicino alla natura mi ha messo di fronte a problemi che sono stato costretto a risolvere, per me è stata una grande maestra di vita. Dovremmo comprendere che noi stessi siamo natura: sfruttare le risorse in modo non sostenibile ci si ritorce contro.

D) Quale consiglio potresti dare alle generazioni future?

R) Trovare l’opportunità per viaggiare il più possibile, per vivere la natura in prima persona, con tenda e sacco a pelo, abbandonando le comodità. Per capire che il telefonino nuovo o il tv più grande non sono le cose importanti della vita.

Daniela Falchero

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende