Home » Rubriche »Very Important Planet » Fabio Geda: “fallo per te, non per il Pianeta”:

Fabio Geda: “fallo per te, non per il Pianeta”

settembre 19, 2014 Rubriche, Very Important Planet

Classe 1972, Fabio Geda è uno dei “giovani” scrittori italiani più interessanti degli ultimi anni. Ha esordito nel 2007 con Per il resto del viaggio ho sparato agli indiani (Instar) e si è velocemente guadagnato l’attenzione del pubblico oltre che della critica. La sua opera è stata infatti riconosciuta con numerosi premi e successi. L’ultimo suo libro è Se la vita che salvi è la tua, uscito a maggio per Einaudi. Fra una tappa e l’altra del suo tour di presentazione, Fabio ha recentemente partecipato anche al Festival Torino e le Alpi, una rassegna che ha voluto offrire una prospettiva contemporanea sulla montagna, per rafforzare il rapporto tra la città e le sue cime, a beneficio di entrambi.

D) Fabio, perché hai scelto di partecipare al Festival Torino e le Alpi?

R) Amo la montagna: da sempre, da quando sono nato. Qualunque cosa abbia a che fare con i monti mi trasmette immediatamente un’ondata di energia positiva. E poi ovviamente mi piace la montagna in letteratura: Aria sottile di Jon Krakauer è uno dei miei libri preferiti in assoluto. E per finire, io scrivo romanzi, e scrivere un romanzo è un po’ come scalare una montagna: arrivi in cima passo passo, tappa dopo tappa, devi saper gestire il fiato, devi aver messo nello zaino tutto quello che ti serve.

D) Che tipo di rapporto hai con la montagna e le Alpi in particolare?

R) Direi più che altro contemplativo. Amo soprattutto camminare, ma non ho bisogno di fare grandi cose, di conquistare cime inviolate o altro. A me piace guardarla, la montagna. Camminare su un qualunque sentiero e guardarla. Non chiedo altro.

D) Quanto ti senti legato all’ambiente?

R) Non è che mi sento legato all’ambiente, è che sono conscio di dipendere dall’ambiente. Trovare un equilibrio sostenibile tra l’uomo e il pianeta che lo ospita è fondamentale. Ed è fondamentale non tanto per la Terra quanto per l’uomo. Avete presente quel grandioso monologo di George Carlin, quello in cui dice: “C’è tutta questa gente che va in giro a ripetere che stiamo distruggendo il pianeta e non capisce che il pianeta sta benissimo, sono gli esseri umani a essere fottuti”.

D) Quali sono le azioni quotidiane che compi per rispettare il Pianeta? E dunque te stesso, seguendo il ragionamento…

R) Be’, ad esempio non ho una macchina: vado in giro solo in bicicletta e con i mezzi pubblici. Riciclo quello che riesco a riciclare. Tento di fare la spesa in modo intelligente, magari a chilometri zero. Piccole cose di grande importanza.

D) Che ruolo ha secondo te la memoria nel rapporto con il territorio e più in generale con l’ambiente?

R) Dipende da cosa si ricorda, direi. Se senti i racconti di chi lavorava la terra cinquant’anni fa ringrazi il cielo ogni giorno di andare a comprarti le pere al mercato: il rapporto con la natura non è certo solo tramonti e nuvole, è anche fatica e disagio. Ma poi ti rendi conto del rapporto intimo che c’era tra quelle persone e il territorio in cui abitavano, quale rispetto reciproco li unisse, e allora c’è da averne nostalgia. O per lo meno c’è da recuperare un po’ di quella intensità.

D) Torino è la città in cui vivi: quanto pensi sia ecofriendly?

R) Dire che si può fare di più è una banalità… Si è fatto e si sta facendo molto, questo è certo, ma i margini di miglioramento sono ancora ampi.

D) In qualità di scrittore e personaggio pubblico, pensi di poter contribuire a sensibilizzare l’opinione pubblica verso una cultura ambientale più evoluta?

R) Ognuno di noi può contribuire con un verso, come diceva Walt Whitman

D) Tre aggettivi che useresti per raccontare l’ambiente e perché?

R) Necessario: per tutto il discorso fatto prima. Bello: perché la bellezza è un valore, e anche se non credo che la bellezza salverà il mondo penso che possa indicare la direzione perché siano gli uomini a farlo. Violento: e faremmo bene a ricordarcene.

D) Su wikipedia si legge che adori le torte salate: che tipo di alimentazione segui?

R) Non mangio carne, ma mangio molto pesce. A colazione yogurt e cereali. Non bevo superalcolici, ma quando sono in compagnia il vino è il mio migliore amico. Non so che tipo di alimentazione sia, questa. Ma per ora funziona.

D) Credi possa nascere un vero e proprio genere letterario da definire “ambientale” o invece sarebbe più auspicabile parlare di ambiente come sfondo a tutti i generi, senza distinzione?

R) Non amo le categorie e i generi: un buon libro, per me, è un buon libro, di qualunque cosa parli, qualunque argomento tratti. L’ambiente è un argomento di cui senza dubbio è necessario scrivere, su cui è necessario riflettere e far riflettere. Libri che parlano di ambiente non ce ne sono mai abbastanza…

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende