Home » Campioni d'Italia »Rubriche » “Famiglie senz’auto”: quando la privazione è scelta di vita:

“Famiglie senz’auto”: quando la privazione è scelta di vita

giugno 13, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Per alcuni la rimozione delle quattro ruote è iniziata con un incidente stradale, che ha lasciato ferite profonde nell’animo e nel portafoglio, per altri è il frutto casuale del regalo di una bicicletta, che ha aperto le porte di un mondo nuovo. Sono tante le storie di “Famiglie senz’auto“, un gruppo informale nato su Facebook e frequentato da un migliaio di persone, che la settimana scorsa ha dato vita al primo raduno nazionale a Bologna, attirando una certa attenzione da parte dei media.

E’bene premettere che non stiamo parlando di estremisti radicali animati dal furore antitecnologico, non sono i luddisti del XXI secolo che vogliono prendere a mazzate le carrozzerie. Il loro identikit si traccia nelle parole di Simona: “Noi siamo contro l’auto di proprietà. Usiamo per spostarci la bici, ma in caso di necessità si usa anche l’auto. Un veicolo però in condivisione“. C’è da far calare la presenza delle auto in Italia, spiega Simona, perché “abbiamo il più alto tasso di motorizzazione“.

Bene l’obiettivo generale di ridurre le auto in circolazione, bene anche la sharing economy della mobilità, ma resta il fatto che muoversi in una città metropolitana dotata di servizi di trasporto pubblico è ben diverso che farlo in un paesino di provincia. Nessuno nega questo stato di fatto, ma è ancora Simona – che nella vita lavora alla velostazione di Bologna -  a raccontarci l’interpretazione che il Gruppo fornisce di questa questione: “Dipende da noi. Se non ci organizziamo, non protestiamo, non chiediamo un servizio pubblico efficiente la situazione nei paesini non cambierà. E tanto si può fare. Mio padre a 65 anni ha acquistato una bici elettrica e così va a fare la spesa. Le soluzioni ci sono, basta cercarle. Per fare la spesa ci si può affidare anche ai gruppi di acquisto locale”. E naturalmente c’è anche il bicchiere mezzo pieno nell’accompagnare i figli a scuola: “Ci sono diverse modalità. Se ci si limita ad accompagnare il bimbo in auto il tragitto casa–scuola è un trasferimento, il bimbo scalpita ed è insofferente perché deve stare legato, mentre a piedi si scopre l’ambiente, si chiacchiera, si sta insieme. Si guadagna  un tempo utile per la relazione con i figli  e quando ci si abitua a questo rapporto è difficile tornare indietro“.

Un’altra “collega” che non ci pensa proprio a fare un passo indietro è Linda Maggiori, frequentatrice del Gruppo Facebook, che ha scritto anche un libro su questa sorta di format green dove non c’è televisione in casa, le merendine non sono confezionate e la colla si prepara  con farina, acqua e sale. Un bella pratica di vita che si può leggere nel suo libro “Impatto zero. Vademecum per famiglie a rifiuti zero”. Linda ha abbandonato l’auto dopo un incidente che ha reso inutilizzabile la macchina e si sono sommate questioni economiche ed ecologiche. Una privazione che alla fine ha portato ricchezza.

Ogni storia è personale, ma si trova un filo conduttore comune: “Io vengo dall’Appennino marchigiano – riprende Simona – ed ero abituata ad usare l’auto, poi quando sono andata a studiare a Milano mi è diventata nemica: parcheggio impossibile, rischio di incidente continuo, traffico con stress e frustrazione. Quando un’amica mi ha regalato la bici, mi si è aperto un mondo senza ingombro, senza problemi di spazi e che mi permette di restare in relazione con l’ambiente circostante. Incontro sempre delle persone durante il mio tragitto in bici. Impossibile in auto, dove si ha un conflitto costante, devi lottare per conquistare lo spazio che non è mai abbastanza, mai sufficiente“. Una riflessione interessante, che esplicita anche l’aspetto relazionale e “pacifico” di questo stile di vita, in contrapposizione alla conflittualità dell’ “automobilista incazzato” alla Gioele Dix.

Eppure non tutti possono permettersi di non utilizzare l’auto, che fare? “Noi suggeriamo una direzione – conclude Simona – poi ognuno la segue nel proprio ambito, anche attraverso la condivisione dell’auto, liberando così spazio e risparmiando risorse. Al giorno si spendono più di 10 euro, anche lasciandola ferma. Sono soldi che non usiamo per il nostro benessere. Noi non siamo dei perdigiorno, sia chiaro, abbiamo necessità di mobilità ma va ribaltato l’onere: è necessario che le amministrazioni investano in sistemi di trasporto alternativi all’auto“.

Il raduno (molto partecipato) dei giorni scorsi è stato utile a mettere in comune conoscenze su come vivere bene senza auto – o almeno senza auto di proprietà. Ora il movimento di opinione nato da questo gruppo informale si appresta a crescere e fare “massa critica”, per portare le proprie richieste sul tavolo dei decisori politici e amministrativi, così che, piano piano, il modello si diffonda e i mezzi pubblici riconquistino la centralità che, paradossalmente, avevano cento anni fa e che hanno progressivamente perso nell’”era dell’automobile”.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende