Home » Campioni d'Italia »Rubriche » “Famiglie senz’auto”: quando la privazione è scelta di vita:

“Famiglie senz’auto”: quando la privazione è scelta di vita

giugno 13, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Per alcuni la rimozione delle quattro ruote è iniziata con un incidente stradale, che ha lasciato ferite profonde nell’animo e nel portafoglio, per altri è il frutto casuale del regalo di una bicicletta, che ha aperto le porte di un mondo nuovo. Sono tante le storie di “Famiglie senz’auto“, un gruppo informale nato su Facebook e frequentato da un migliaio di persone, che la settimana scorsa ha dato vita al primo raduno nazionale a Bologna, attirando una certa attenzione da parte dei media.

E’bene premettere che non stiamo parlando di estremisti radicali animati dal furore antitecnologico, non sono i luddisti del XXI secolo che vogliono prendere a mazzate le carrozzerie. Il loro identikit si traccia nelle parole di Simona: “Noi siamo contro l’auto di proprietà. Usiamo per spostarci la bici, ma in caso di necessità si usa anche l’auto. Un veicolo però in condivisione“. C’è da far calare la presenza delle auto in Italia, spiega Simona, perché “abbiamo il più alto tasso di motorizzazione“.

Bene l’obiettivo generale di ridurre le auto in circolazione, bene anche la sharing economy della mobilità, ma resta il fatto che muoversi in una città metropolitana dotata di servizi di trasporto pubblico è ben diverso che farlo in un paesino di provincia. Nessuno nega questo stato di fatto, ma è ancora Simona – che nella vita lavora alla velostazione di Bologna -  a raccontarci l’interpretazione che il Gruppo fornisce di questa questione: “Dipende da noi. Se non ci organizziamo, non protestiamo, non chiediamo un servizio pubblico efficiente la situazione nei paesini non cambierà. E tanto si può fare. Mio padre a 65 anni ha acquistato una bici elettrica e così va a fare la spesa. Le soluzioni ci sono, basta cercarle. Per fare la spesa ci si può affidare anche ai gruppi di acquisto locale”. E naturalmente c’è anche il bicchiere mezzo pieno nell’accompagnare i figli a scuola: “Ci sono diverse modalità. Se ci si limita ad accompagnare il bimbo in auto il tragitto casa–scuola è un trasferimento, il bimbo scalpita ed è insofferente perché deve stare legato, mentre a piedi si scopre l’ambiente, si chiacchiera, si sta insieme. Si guadagna  un tempo utile per la relazione con i figli  e quando ci si abitua a questo rapporto è difficile tornare indietro“.

Un’altra “collega” che non ci pensa proprio a fare un passo indietro è Linda Maggiori, frequentatrice del Gruppo Facebook, che ha scritto anche un libro su questa sorta di format green dove non c’è televisione in casa, le merendine non sono confezionate e la colla si prepara  con farina, acqua e sale. Un bella pratica di vita che si può leggere nel suo libro “Impatto zero. Vademecum per famiglie a rifiuti zero”. Linda ha abbandonato l’auto dopo un incidente che ha reso inutilizzabile la macchina e si sono sommate questioni economiche ed ecologiche. Una privazione che alla fine ha portato ricchezza.

Ogni storia è personale, ma si trova un filo conduttore comune: “Io vengo dall’Appennino marchigiano – riprende Simona – ed ero abituata ad usare l’auto, poi quando sono andata a studiare a Milano mi è diventata nemica: parcheggio impossibile, rischio di incidente continuo, traffico con stress e frustrazione. Quando un’amica mi ha regalato la bici, mi si è aperto un mondo senza ingombro, senza problemi di spazi e che mi permette di restare in relazione con l’ambiente circostante. Incontro sempre delle persone durante il mio tragitto in bici. Impossibile in auto, dove si ha un conflitto costante, devi lottare per conquistare lo spazio che non è mai abbastanza, mai sufficiente“. Una riflessione interessante, che esplicita anche l’aspetto relazionale e “pacifico” di questo stile di vita, in contrapposizione alla conflittualità dell’ “automobilista incazzato” alla Gioele Dix.

Eppure non tutti possono permettersi di non utilizzare l’auto, che fare? “Noi suggeriamo una direzione – conclude Simona – poi ognuno la segue nel proprio ambito, anche attraverso la condivisione dell’auto, liberando così spazio e risparmiando risorse. Al giorno si spendono più di 10 euro, anche lasciandola ferma. Sono soldi che non usiamo per il nostro benessere. Noi non siamo dei perdigiorno, sia chiaro, abbiamo necessità di mobilità ma va ribaltato l’onere: è necessario che le amministrazioni investano in sistemi di trasporto alternativi all’auto“.

Il raduno (molto partecipato) dei giorni scorsi è stato utile a mettere in comune conoscenze su come vivere bene senza auto – o almeno senza auto di proprietà. Ora il movimento di opinione nato da questo gruppo informale si appresta a crescere e fare “massa critica”, per portare le proprie richieste sul tavolo dei decisori politici e amministrativi, così che, piano piano, il modello si diffonda e i mezzi pubblici riconquistino la centralità che, paradossalmente, avevano cento anni fa e che hanno progressivamente perso nell’”era dell’automobile”.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende