Home » Campioni d'Italia »Rubriche » “Famiglie senz’auto”: quando la privazione è scelta di vita:

“Famiglie senz’auto”: quando la privazione è scelta di vita

giugno 13, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Per alcuni la rimozione delle quattro ruote è iniziata con un incidente stradale, che ha lasciato ferite profonde nell’animo e nel portafoglio, per altri è il frutto casuale del regalo di una bicicletta, che ha aperto le porte di un mondo nuovo. Sono tante le storie di “Famiglie senz’auto“, un gruppo informale nato su Facebook e frequentato da un migliaio di persone, che la settimana scorsa ha dato vita al primo raduno nazionale a Bologna, attirando una certa attenzione da parte dei media.

E’bene premettere che non stiamo parlando di estremisti radicali animati dal furore antitecnologico, non sono i luddisti del XXI secolo che vogliono prendere a mazzate le carrozzerie. Il loro identikit si traccia nelle parole di Simona: “Noi siamo contro l’auto di proprietà. Usiamo per spostarci la bici, ma in caso di necessità si usa anche l’auto. Un veicolo però in condivisione“. C’è da far calare la presenza delle auto in Italia, spiega Simona, perché “abbiamo il più alto tasso di motorizzazione“.

Bene l’obiettivo generale di ridurre le auto in circolazione, bene anche la sharing economy della mobilità, ma resta il fatto che muoversi in una città metropolitana dotata di servizi di trasporto pubblico è ben diverso che farlo in un paesino di provincia. Nessuno nega questo stato di fatto, ma è ancora Simona – che nella vita lavora alla velostazione di Bologna -  a raccontarci l’interpretazione che il Gruppo fornisce di questa questione: “Dipende da noi. Se non ci organizziamo, non protestiamo, non chiediamo un servizio pubblico efficiente la situazione nei paesini non cambierà. E tanto si può fare. Mio padre a 65 anni ha acquistato una bici elettrica e così va a fare la spesa. Le soluzioni ci sono, basta cercarle. Per fare la spesa ci si può affidare anche ai gruppi di acquisto locale”. E naturalmente c’è anche il bicchiere mezzo pieno nell’accompagnare i figli a scuola: “Ci sono diverse modalità. Se ci si limita ad accompagnare il bimbo in auto il tragitto casa–scuola è un trasferimento, il bimbo scalpita ed è insofferente perché deve stare legato, mentre a piedi si scopre l’ambiente, si chiacchiera, si sta insieme. Si guadagna  un tempo utile per la relazione con i figli  e quando ci si abitua a questo rapporto è difficile tornare indietro“.

Un’altra “collega” che non ci pensa proprio a fare un passo indietro è Linda Maggiori, frequentatrice del Gruppo Facebook, che ha scritto anche un libro su questa sorta di format green dove non c’è televisione in casa, le merendine non sono confezionate e la colla si prepara  con farina, acqua e sale. Un bella pratica di vita che si può leggere nel suo libro “Impatto zero. Vademecum per famiglie a rifiuti zero”. Linda ha abbandonato l’auto dopo un incidente che ha reso inutilizzabile la macchina e si sono sommate questioni economiche ed ecologiche. Una privazione che alla fine ha portato ricchezza.

Ogni storia è personale, ma si trova un filo conduttore comune: “Io vengo dall’Appennino marchigiano – riprende Simona – ed ero abituata ad usare l’auto, poi quando sono andata a studiare a Milano mi è diventata nemica: parcheggio impossibile, rischio di incidente continuo, traffico con stress e frustrazione. Quando un’amica mi ha regalato la bici, mi si è aperto un mondo senza ingombro, senza problemi di spazi e che mi permette di restare in relazione con l’ambiente circostante. Incontro sempre delle persone durante il mio tragitto in bici. Impossibile in auto, dove si ha un conflitto costante, devi lottare per conquistare lo spazio che non è mai abbastanza, mai sufficiente“. Una riflessione interessante, che esplicita anche l’aspetto relazionale e “pacifico” di questo stile di vita, in contrapposizione alla conflittualità dell’ “automobilista incazzato” alla Gioele Dix.

Eppure non tutti possono permettersi di non utilizzare l’auto, che fare? “Noi suggeriamo una direzione – conclude Simona – poi ognuno la segue nel proprio ambito, anche attraverso la condivisione dell’auto, liberando così spazio e risparmiando risorse. Al giorno si spendono più di 10 euro, anche lasciandola ferma. Sono soldi che non usiamo per il nostro benessere. Noi non siamo dei perdigiorno, sia chiaro, abbiamo necessità di mobilità ma va ribaltato l’onere: è necessario che le amministrazioni investano in sistemi di trasporto alternativi all’auto“.

Il raduno (molto partecipato) dei giorni scorsi è stato utile a mettere in comune conoscenze su come vivere bene senza auto – o almeno senza auto di proprietà. Ora il movimento di opinione nato da questo gruppo informale si appresta a crescere e fare “massa critica”, per portare le proprie richieste sul tavolo dei decisori politici e amministrativi, così che, piano piano, il modello si diffonda e i mezzi pubblici riconquistino la centralità che, paradossalmente, avevano cento anni fa e che hanno progressivamente perso nell’”era dell’automobile”.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende