Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Far suonare il Po come uno “Stradivari”: il turismo lungo il fiume del Capitano Landini:

Far suonare il Po come uno “Stradivari”: il turismo lungo il fiume del Capitano Landini

gennaio 24, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Il fiume gli ha dato tanto: prima la pesca e il divertimento, da bambino, poi il lavoro, come dipendente all’agenzia AIPO, e la fama, con la vittoria di svariati campionati mondiali ed europei di motonautica. Per questo il capitano Giuliano Landini ha deciso di “ripagare” i doni del Po facendolo conoscere meglio e raccontandolo ai turisti di tutto il mondo, al timone della sua motonave Stradivari.

Landini crede nelle opportunità del “nuovo turismo”, attivo e responsabile, oltre che intermodale, dove magari si arriva sulle sponde del fiume in sella ad una bici – come potrebbe presto succedere grazie all’interazione con la ciclovia VenTo, che collegherà Venezia a Torino lungo l’asta del Po. “Qualcosa si sta muovendo in questa direzione – spiega il comandante – Io ho dato il mio contributo partecipando ad eventi istituzionali dove abbiamo spinto per l’uso promiscuo di bici e motonave perché c’è un buon bacino di utenti che richiede questa tipologia di turismo, ma bisogna metterlo a sistema, stringere relazioni, lavorare con le istituzioni. Sono convinto che ci sarà ed assisteremo ad una crescita esponenziale di questo genere di vacanze”.

Non bastano però le brochure e le benedizioni dei sindaci, servono emozioni e infrastrutture. Giuliano ha studiato bene la ricetta: “Bisogna saper raccontare la poesia del fiume, e poi assicurare, a chi fin qui deve arrivarci, una pedalata in totale sicurezza con una ciclabile lontano dal traffico e soprattutto dalle polvere sottili, sulle sponde limitrofe all’alveo”.

Un “pacchetto” turistico che sembrerebbe dal gusto molto straniero, in particolare dei nordici, che amano pedalare all’aria aperta e fruire del paesaggio e dell’enogastronomia. Eppure, ci racconta a sorpresa il Capitano, “al momento le richieste sono soprattutto da italiani, serve una piattaforma per promuovere il nostro fiume all’estero e garantire una pluralità di servizi. Ci sono già degli stranieri che si muovono per conto loro, ma è fondamentale intercettare agenzie e tour operator specializzati nel cicloturismo fluviale”.

Ma una volta parcheggiata la bici e saliti a bordo, come prosegue l’esperienza? “A bordo dello Stradivari facciamo toccare la natura con mano, intendiamo farla conoscerla dal di dentro, siamo sempre a contatto con l’acqua e io racconto questa situazione dinamica e non statica. Una conoscenza fermentata lungo tre generazioni, a partire da mio nonno. Sa, sono molto ‘gettonato’ perché come lo racconto io il fiume… con leggende, aneddoti, personaggi, i cambiamenti, la qualità dell’acqua, il riapparire della fauna autoctona!”. Non è presunzione, la passione di Landini la senti nella voce quando ti racconta il suo fiume, il Po come contenitore di eccellenze uniche, con i paesaggi, la storia, i monumenti, il cibo. Un patrimonio naturale, culturale ed economico enorme, che fino ad ora non siamo ancora stati in grado di valorizzare adeguatamente.

I tematismi, spesso collegati a singole nicchie turistiche, sarebbero infiniti, ma andrebbero tutti legati in una grande treccia. Il Capitano non si ferma però a sognare teorie di marketing territoriale in astratto, ha chiari gli esempi virtuosi a cui ispirarsi e le criticità da risolvere: “Il modello è quello del Danubio, dove c’è un marchio solo e regole uniche in uno spazio che tocca 14 Stati; da noi cambia la norma dove metti piede e sono interessate 4 regioni e 13 province“.  La frustrazione della burocrazia italiana non mina però la sua determinazione, che rimane salda: “Il Po mi ha dato tanto, ho girato il mondo grazie al fiume. Ora devo ricambiare portando fuori dagli argini la nostra cultura con la navigazione, la gastronomia locale e la bici“.

E se per raggiungere l’obiettivo serve qualche suggestione, anche romantica, ben venga. La motonave più grande del Po, grazie al suo ampio ristorante e a tutti i comfort di viaggio, a San Valentino 2018 inviterà gli innamorati a trascorrere un’originale serata sul fiume, al ritmo di jazz e con qualche ispirazione ai “cugini francesi” e al fascino dei bateaux mouches parigini degli anni ’40. Ma il menu parlerà, come sempre, italiano, con accento romagnolo: scaglie di grana all’aceto balsamico, fiocco di culatello, lasagnette, cosciotto di maialino e variante per vegetariani e celiaci.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

ottobre 15, 2018

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

A Torino dal 15 al 18 novembre 2018 il quartiere espositivo del Lingotto Fiere propone la trentunesima edizione di Restructura, il salone nazionale dedicato a riqualificazione, recupero e ristrutturazione in ambito edilizio allestito all’interno dei 20.000 mq del padiglione Oval. Restructura è la manifestazione fieristica B2B e B2C del Nord Ovest che riunisce annualmente i principali interpreti della filiera [...]

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

ottobre 13, 2018

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

Dal 14 al 16 ottobre, negli spazi della Fondazione FICO a Bologna,va in scena il festival che racconta il cibo “sostenibile”: Bologna Award Food Festival propone incontri, dialoghi, eventi e un percorso espositivo firmato da Altan. Fra i protagonisti ci saranno il “giardiniere di Versailles”, Giovanni Delù, che ogni giorno accudisce non solo il verde della Reggia del [...]

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

ottobre 12, 2018

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

Dopo due giornate di lavori al Castello del Valentino, riservate a studenti e ricercatori, la prima edizione della Biennale della Sostenibilità Territoriale di Torino apre al pubblico, con l’appuntamento di oggi alle ore 16,00 all’Environment Park (“Verso il 2020: sostenibilità territoriale tra bilancio e rilancio”). La nuova Biennale ha l’ambizione di diventare un luogo di [...]

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

ottobre 2, 2018

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

Imprese, università e associazioni di categoria del Veneto hanno deciso di unire le proprie forze per creare una rete votata all’innovazione nell’ambito dell’edilizia sostenibile. È questa la missione del neonato Venetian Green Building Cluster che riunisce gli operatori veneti della filiera dell’edilizia e delle costruzioni, nell’intento di accelerare la trasformazione “green” dell’intero settore, sostenendo processi di [...]

Future Mobility Week 2018. A Torino si immagina la “mobilità nuova”

ottobre 1, 2018

Future Mobility Week 2018. A Torino si immagina la “mobilità nuova”

Come sarà la mobilità di domani? È possibile sperimentarla già oggi? Future Mobility Week, dall’1 al 5 ottobre al Lingotto di Torino, cercherà di rispondere a queste domande attraverso una rassegna sull’hardware, il software e i servizi per la mobilità nuova, che cambia le abitudini, le infrastrutture, la città, la società e l’economia. Un occasione [...]

Pedalare in Sardegna. Un convegno a Nuoro fa il punto sul cicloturismo

settembre 28, 2018

Pedalare in Sardegna. Un convegno a Nuoro fa il punto sul cicloturismo

Nell’ambito della 17° edizione della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, l’associazione FIAB-Amicinbici organizza a Nuoro per  sabato 29 settembre 2018 un convegno dedicato a “Mobilità sostenibile in Sardegna – Cicloturismo e economia del territorio”. L’incontro, che si terrà  presso l’auditorium della Biblioteca Satta dalle ore 9, intende presentare un’ampia panoramica delle “buone pratiche” connesse all’utilizzo [...]

Aperta la “call for proposal” di Novamont per l’innovazione circolare

settembre 26, 2018

Aperta la “call for proposal” di Novamont per l’innovazione circolare

Oggi in Italia, quasi 1 kg di materia prima ogni 5 kg di materiali consumati viene dal riciclo. Il nostro Paese è al secondo posto in Europa nell’uso di materia proveniente da scarti: secondo l’indice di circolarità calcolato dalla Commissione Europea, l’Italia è a una percentuale del 18,5% contro il 26,7% del primo assoluto, l’Olanda, e si colloca [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende