Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Far suonare il Po come uno “Stradivari”: il turismo lungo il fiume del Capitano Landini:

Far suonare il Po come uno “Stradivari”: il turismo lungo il fiume del Capitano Landini

gennaio 24, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Il fiume gli ha dato tanto: prima la pesca e il divertimento, da bambino, poi il lavoro, come dipendente all’agenzia AIPO, e la fama, con la vittoria di svariati campionati mondiali ed europei di motonautica. Per questo il capitano Giuliano Landini ha deciso di “ripagare” i doni del Po facendolo conoscere meglio e raccontandolo ai turisti di tutto il mondo, al timone della sua motonave Stradivari.

Landini crede nelle opportunità del “nuovo turismo”, attivo e responsabile, oltre che intermodale, dove magari si arriva sulle sponde del fiume in sella ad una bici – come potrebbe presto succedere grazie all’interazione con la ciclovia VenTo, che collegherà Venezia a Torino lungo l’asta del Po. “Qualcosa si sta muovendo in questa direzione – spiega il comandante – Io ho dato il mio contributo partecipando ad eventi istituzionali dove abbiamo spinto per l’uso promiscuo di bici e motonave perché c’è un buon bacino di utenti che richiede questa tipologia di turismo, ma bisogna metterlo a sistema, stringere relazioni, lavorare con le istituzioni. Sono convinto che ci sarà ed assisteremo ad una crescita esponenziale di questo genere di vacanze”.

Non bastano però le brochure e le benedizioni dei sindaci, servono emozioni e infrastrutture. Giuliano ha studiato bene la ricetta: “Bisogna saper raccontare la poesia del fiume, e poi assicurare, a chi fin qui deve arrivarci, una pedalata in totale sicurezza con una ciclabile lontano dal traffico e soprattutto dalle polvere sottili, sulle sponde limitrofe all’alveo”.

Un “pacchetto” turistico che sembrerebbe dal gusto molto straniero, in particolare dei nordici, che amano pedalare all’aria aperta e fruire del paesaggio e dell’enogastronomia. Eppure, ci racconta a sorpresa il Capitano, “al momento le richieste sono soprattutto da italiani, serve una piattaforma per promuovere il nostro fiume all’estero e garantire una pluralità di servizi. Ci sono già degli stranieri che si muovono per conto loro, ma è fondamentale intercettare agenzie e tour operator specializzati nel cicloturismo fluviale”.

Ma una volta parcheggiata la bici e saliti a bordo, come prosegue l’esperienza? “A bordo dello Stradivari facciamo toccare la natura con mano, intendiamo farla conoscerla dal di dentro, siamo sempre a contatto con l’acqua e io racconto questa situazione dinamica e non statica. Una conoscenza fermentata lungo tre generazioni, a partire da mio nonno. Sa, sono molto ‘gettonato’ perché come lo racconto io il fiume… con leggende, aneddoti, personaggi, i cambiamenti, la qualità dell’acqua, il riapparire della fauna autoctona!”. Non è presunzione, la passione di Landini la senti nella voce quando ti racconta il suo fiume, il Po come contenitore di eccellenze uniche, con i paesaggi, la storia, i monumenti, il cibo. Un patrimonio naturale, culturale ed economico enorme, che fino ad ora non siamo ancora stati in grado di valorizzare adeguatamente.

I tematismi, spesso collegati a singole nicchie turistiche, sarebbero infiniti, ma andrebbero tutti legati in una grande treccia. Il Capitano non si ferma però a sognare teorie di marketing territoriale in astratto, ha chiari gli esempi virtuosi a cui ispirarsi e le criticità da risolvere: “Il modello è quello del Danubio, dove c’è un marchio solo e regole uniche in uno spazio che tocca 14 Stati; da noi cambia la norma dove metti piede e sono interessate 4 regioni e 13 province“.  La frustrazione della burocrazia italiana non mina però la sua determinazione, che rimane salda: “Il Po mi ha dato tanto, ho girato il mondo grazie al fiume. Ora devo ricambiare portando fuori dagli argini la nostra cultura con la navigazione, la gastronomia locale e la bici“.

E se per raggiungere l’obiettivo serve qualche suggestione, anche romantica, ben venga. La motonave più grande del Po, grazie al suo ampio ristorante e a tutti i comfort di viaggio, a San Valentino 2018 inviterà gli innamorati a trascorrere un’originale serata sul fiume, al ritmo di jazz e con qualche ispirazione ai “cugini francesi” e al fascino dei bateaux mouches parigini degli anni ’40. Ma il menu parlerà, come sempre, italiano, con accento romagnolo: scaglie di grana all’aceto balsamico, fiocco di culatello, lasagnette, cosciotto di maialino e variante per vegetariani e celiaci.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

ottobre 28, 2020

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

La salvaguardia dell’ambiente dagli elementi inquinanti è il tema del quarto appuntamento con “A qualcuno piace Green”, il viaggio in un’Italia sorprendentemente sensibile e innovativa sui temi ambientali con il biologo marino e divulgatore Raffaele Di Placido, in onda giovedì 29 ottobre alle ore 21.10 su laF (Sky 135, on Demand su Sky e su Sky Go). “Salute e benessere” [...]

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

ottobre 20, 2020

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

Pochi sanno che la parola “Ambiente” è stata utilizzata come sostantivo per la prima volta nel trattato “Il Saggiatore” di Galileo Galilei, pubblicato il 20 ottobre 1623. Nel dettaglio al cap. 21, pag. 98, riga 4 dell’edizione originale, come visibile dall’immagine della pagina qui accanto. Dobbiamo dunque al genio italiano, fondatore della scienza moderna, la paternità [...]

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

ottobre 15, 2020

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

“Green Talk”, seconda edizione del convegno firmato 1000 Miglia Green, torna mercoledì 21 ottobre 2020 alle 10.30, in collaborazione con Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che da diversi anni stila il rapporto italiano sulle eccellenze del settore e-mobility. Il Green Talk nasce allo scopo di approfondire le tematiche della sostenibilità, con particolare attenzione e riferimento [...]

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

ottobre 9, 2020

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

L’edizione 2020 di IMAG-E tour non poteva che prendere avvio dai messaggi per la “ripartenza” dopo l’onda lunga del lockdown: più attenzione alla salute e all’ambiente, transizione concreta alla green economy, solidarietà tra i vari settori produttivi e collaborazione tra il pubblico e il privato. Tutte missioni che oggi, grazie anche ai fondi europei previsti [...]

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende