Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Far suonare il Po come uno “Stradivari”: il turismo lungo il fiume del Capitano Landini:

Far suonare il Po come uno “Stradivari”: il turismo lungo il fiume del Capitano Landini

gennaio 24, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Il fiume gli ha dato tanto: prima la pesca e il divertimento, da bambino, poi il lavoro, come dipendente all’agenzia AIPO, e la fama, con la vittoria di svariati campionati mondiali ed europei di motonautica. Per questo il capitano Giuliano Landini ha deciso di “ripagare” i doni del Po facendolo conoscere meglio e raccontandolo ai turisti di tutto il mondo, al timone della sua motonave Stradivari.

Landini crede nelle opportunità del “nuovo turismo”, attivo e responsabile, oltre che intermodale, dove magari si arriva sulle sponde del fiume in sella ad una bici – come potrebbe presto succedere grazie all’interazione con la ciclovia VenTo, che collegherà Venezia a Torino lungo l’asta del Po. “Qualcosa si sta muovendo in questa direzione – spiega il comandante – Io ho dato il mio contributo partecipando ad eventi istituzionali dove abbiamo spinto per l’uso promiscuo di bici e motonave perché c’è un buon bacino di utenti che richiede questa tipologia di turismo, ma bisogna metterlo a sistema, stringere relazioni, lavorare con le istituzioni. Sono convinto che ci sarà ed assisteremo ad una crescita esponenziale di questo genere di vacanze”.

Non bastano però le brochure e le benedizioni dei sindaci, servono emozioni e infrastrutture. Giuliano ha studiato bene la ricetta: “Bisogna saper raccontare la poesia del fiume, e poi assicurare, a chi fin qui deve arrivarci, una pedalata in totale sicurezza con una ciclabile lontano dal traffico e soprattutto dalle polvere sottili, sulle sponde limitrofe all’alveo”.

Un “pacchetto” turistico che sembrerebbe dal gusto molto straniero, in particolare dei nordici, che amano pedalare all’aria aperta e fruire del paesaggio e dell’enogastronomia. Eppure, ci racconta a sorpresa il Capitano, “al momento le richieste sono soprattutto da italiani, serve una piattaforma per promuovere il nostro fiume all’estero e garantire una pluralità di servizi. Ci sono già degli stranieri che si muovono per conto loro, ma è fondamentale intercettare agenzie e tour operator specializzati nel cicloturismo fluviale”.

Ma una volta parcheggiata la bici e saliti a bordo, come prosegue l’esperienza? “A bordo dello Stradivari facciamo toccare la natura con mano, intendiamo farla conoscerla dal di dentro, siamo sempre a contatto con l’acqua e io racconto questa situazione dinamica e non statica. Una conoscenza fermentata lungo tre generazioni, a partire da mio nonno. Sa, sono molto ‘gettonato’ perché come lo racconto io il fiume… con leggende, aneddoti, personaggi, i cambiamenti, la qualità dell’acqua, il riapparire della fauna autoctona!”. Non è presunzione, la passione di Landini la senti nella voce quando ti racconta il suo fiume, il Po come contenitore di eccellenze uniche, con i paesaggi, la storia, i monumenti, il cibo. Un patrimonio naturale, culturale ed economico enorme, che fino ad ora non siamo ancora stati in grado di valorizzare adeguatamente.

I tematismi, spesso collegati a singole nicchie turistiche, sarebbero infiniti, ma andrebbero tutti legati in una grande treccia. Il Capitano non si ferma però a sognare teorie di marketing territoriale in astratto, ha chiari gli esempi virtuosi a cui ispirarsi e le criticità da risolvere: “Il modello è quello del Danubio, dove c’è un marchio solo e regole uniche in uno spazio che tocca 14 Stati; da noi cambia la norma dove metti piede e sono interessate 4 regioni e 13 province“.  La frustrazione della burocrazia italiana non mina però la sua determinazione, che rimane salda: “Il Po mi ha dato tanto, ho girato il mondo grazie al fiume. Ora devo ricambiare portando fuori dagli argini la nostra cultura con la navigazione, la gastronomia locale e la bici“.

E se per raggiungere l’obiettivo serve qualche suggestione, anche romantica, ben venga. La motonave più grande del Po, grazie al suo ampio ristorante e a tutti i comfort di viaggio, a San Valentino 2018 inviterà gli innamorati a trascorrere un’originale serata sul fiume, al ritmo di jazz e con qualche ispirazione ai “cugini francesi” e al fascino dei bateaux mouches parigini degli anni ’40. Ma il menu parlerà, come sempre, italiano, con accento romagnolo: scaglie di grana all’aceto balsamico, fiocco di culatello, lasagnette, cosciotto di maialino e variante per vegetariani e celiaci.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende