Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Far suonare il Po come uno “Stradivari”: il turismo lungo il fiume del Capitano Landini:

Far suonare il Po come uno “Stradivari”: il turismo lungo il fiume del Capitano Landini

gennaio 24, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Il fiume gli ha dato tanto: prima la pesca e il divertimento, da bambino, poi il lavoro, come dipendente all’agenzia AIPO, e la fama, con la vittoria di svariati campionati mondiali ed europei di motonautica. Per questo il capitano Giuliano Landini ha deciso di “ripagare” i doni del Po facendolo conoscere meglio e raccontandolo ai turisti di tutto il mondo, al timone della sua motonave Stradivari.

Landini crede nelle opportunità del “nuovo turismo”, attivo e responsabile, oltre che intermodale, dove magari si arriva sulle sponde del fiume in sella ad una bici – come potrebbe presto succedere grazie all’interazione con la ciclovia VenTo, che collegherà Venezia a Torino lungo l’asta del Po. “Qualcosa si sta muovendo in questa direzione – spiega il comandante – Io ho dato il mio contributo partecipando ad eventi istituzionali dove abbiamo spinto per l’uso promiscuo di bici e motonave perché c’è un buon bacino di utenti che richiede questa tipologia di turismo, ma bisogna metterlo a sistema, stringere relazioni, lavorare con le istituzioni. Sono convinto che ci sarà ed assisteremo ad una crescita esponenziale di questo genere di vacanze”.

Non bastano però le brochure e le benedizioni dei sindaci, servono emozioni e infrastrutture. Giuliano ha studiato bene la ricetta: “Bisogna saper raccontare la poesia del fiume, e poi assicurare, a chi fin qui deve arrivarci, una pedalata in totale sicurezza con una ciclabile lontano dal traffico e soprattutto dalle polvere sottili, sulle sponde limitrofe all’alveo”.

Un “pacchetto” turistico che sembrerebbe dal gusto molto straniero, in particolare dei nordici, che amano pedalare all’aria aperta e fruire del paesaggio e dell’enogastronomia. Eppure, ci racconta a sorpresa il Capitano, “al momento le richieste sono soprattutto da italiani, serve una piattaforma per promuovere il nostro fiume all’estero e garantire una pluralità di servizi. Ci sono già degli stranieri che si muovono per conto loro, ma è fondamentale intercettare agenzie e tour operator specializzati nel cicloturismo fluviale”.

Ma una volta parcheggiata la bici e saliti a bordo, come prosegue l’esperienza? “A bordo dello Stradivari facciamo toccare la natura con mano, intendiamo farla conoscerla dal di dentro, siamo sempre a contatto con l’acqua e io racconto questa situazione dinamica e non statica. Una conoscenza fermentata lungo tre generazioni, a partire da mio nonno. Sa, sono molto ‘gettonato’ perché come lo racconto io il fiume… con leggende, aneddoti, personaggi, i cambiamenti, la qualità dell’acqua, il riapparire della fauna autoctona!”. Non è presunzione, la passione di Landini la senti nella voce quando ti racconta il suo fiume, il Po come contenitore di eccellenze uniche, con i paesaggi, la storia, i monumenti, il cibo. Un patrimonio naturale, culturale ed economico enorme, che fino ad ora non siamo ancora stati in grado di valorizzare adeguatamente.

I tematismi, spesso collegati a singole nicchie turistiche, sarebbero infiniti, ma andrebbero tutti legati in una grande treccia. Il Capitano non si ferma però a sognare teorie di marketing territoriale in astratto, ha chiari gli esempi virtuosi a cui ispirarsi e le criticità da risolvere: “Il modello è quello del Danubio, dove c’è un marchio solo e regole uniche in uno spazio che tocca 14 Stati; da noi cambia la norma dove metti piede e sono interessate 4 regioni e 13 province“.  La frustrazione della burocrazia italiana non mina però la sua determinazione, che rimane salda: “Il Po mi ha dato tanto, ho girato il mondo grazie al fiume. Ora devo ricambiare portando fuori dagli argini la nostra cultura con la navigazione, la gastronomia locale e la bici“.

E se per raggiungere l’obiettivo serve qualche suggestione, anche romantica, ben venga. La motonave più grande del Po, grazie al suo ampio ristorante e a tutti i comfort di viaggio, a San Valentino 2018 inviterà gli innamorati a trascorrere un’originale serata sul fiume, al ritmo di jazz e con qualche ispirazione ai “cugini francesi” e al fascino dei bateaux mouches parigini degli anni ’40. Ma il menu parlerà, come sempre, italiano, con accento romagnolo: scaglie di grana all’aceto balsamico, fiocco di culatello, lasagnette, cosciotto di maialino e variante per vegetariani e celiaci.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

dicembre 5, 2019

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

Quali sono le 100 professioni più richieste, oggi, in Italia? La risposta è nella nuovissima guida “100 green jobs per trovare lavoro”, firmata da Tessa Gelisio e Marco Gisotti – già autori nel 2008 della “Guida ai Green Jobs” – per Edizioni Ambiente (384 pagg. 18 euro), disponibile nelle librerie fisiche e digitali dal 21 novembre 2019: un vademecum per [...]

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

novembre 26, 2019

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

Il cambiamento climatico irrompe al primo posto in cima alla lista dei temi prioritari per gli italiani. È “il problema” per tre italiani su quattro, che pensano che abbia un impatto diretto sulla propria salute e che si tratti di una sfida collettiva con impatti sulla loro vita, a livello personale. Sono alcune delle principali evidenze [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende