Home » Rubriche »Very Important Planet » Faso, un basso per l’ambiente:

Faso, un basso per l’ambiente

maggio 15, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Uno dei bassisti più noti e virtuosi d’Italia, Faso – aka Nicola Fasani – presta la sua tecnica e abilità non solo a Elio e le storie tese, ma anche al trio Bobo e alla Biba Band. La musica tuttavia non è la sua unica passione. È conosciuto infatti anche come speaker radiofonico ed è il presidente della squadra Ares Milano Baseball. Il 2 giugno parteciperà al Torino Jazz Festival con il trio Bobo. A Greenews.info ha raccontato il suo punto di vista sull’ambiente. E non solo.

D) Faso, come definisci il tuo rapporto con l’ambiente?

R) È il rapporto di un cittadino che ha sempre vissuto in città, sempre circondato da cemento e che pertanto sa apprezzare la natura e la campagna. E infatti, quando sono in tour con il trio o con Elio e le storie tese, amo concedermi una pausa particolare: il pranzo in mezzo alla campagna. Piuttosto che andare in un ristorante, preferiamo comprarci della frutta o un buon prosciutto, ci inoltriamo in qualche stradina di campagna e facciamo un pic nic. E abbiamo realizzato che è davvero il top.

D) Come rispetti tutti i giorni la natura che ti circonda?

R) Quello che faccio con attenzione è evitare di buttare le carte per terra e se vedo qualcuno che lo fa lo riprendo, anche a costo di discutere. La città non è la nostra pattumiera, nessuno fa attenzione, è un peccato. Sarebbe necessario partire dall’asilo per educare a rispettare anche un ambiente di cemento, perché sempre ambiente è.

D) Quale problematica ambientale secondo te è più urgente e meriterebbe un intervento immediato?

R) L’acqua per me è un argomento delicatissimo. Ricordo con amarezza quando degli ignoti scaricarono delle cisterne di idrocarburi nelle acque del fiume vicino il nostro studio di registrazione. Penso che un’azione simile dovrebbe essere punita con sanzioni gravissime, invece noi con l’acqua siamo un paese scellerato. L’acqua è di tutti e prima di trattarla male o commercializzarla bisognerebbe pensarci bene. Abbiamo un paese meraviglioso, è ora di imparare a rispettarlo, basta con i casi come  la Liguria. Mi viene in mente di aver letto che Leonardo da Vinci, quando era stato incaricato dagli Sforza di creare armamenti per la difesa della regione, aveva presentato il progetto di una città del futuro dove l’elemento chiave era proprio l’acqua, perché secondo lui sarebbe diventata sempre più importante. Già allora Leonardo aveva intuito che l’acqua è un bene che non ci si può permettere di rovinare…

D) Secondo te, quanto la musica può servire come veicolo di educazione e coscienza culturale?

R) Può servire. Tant’è vero che nel tempo molti artisti si sono dedicati alla questione ambientale, ne cito uno per tutti, Peter Gabriel, uno dei miei miti personali. Lui ha composto una bellissima canzone per i titoli di coda del film di animazione Wall E, che tratta splendidamente il tema dell’inquinamento del Pianeta. Il brano di Gabriel si intitola Down to Earth e il messaggio che vuole comunicare è che noi umani desideriamo andare ovunque, esplorare ogni luogo, ma viviamo nel posto più bello che ci sia, con le montagne e il mare, e non dobbiamo permetterci di inquinarlo.

D) Quanto il senso dell’umorismo e dell’ironia possono diventare mezzo di comunicazione per contenuti importanti e di interesse pubblico?

R) Con Elio e le storie tese non abbiamo mai voluto fare il gruppo “impegnato”, è la nostra cifra stilistica, ma crediamo si possa anche parlare di temi seri. Cito il nostro brano Parco Sempione, che parla dello scempio attuato dall’amministrazione precedente sul bosco di Gioia per costruire il nuovo palazzo di Formigoni, quando invece c’era il Pirelli, uno dei primi grattacieli d’Italia,  in stato di semi abbandono che poteva essere ristrutturato. Ovviamente vincono gli appalti e le mazzette. La mia città è piena di edifici sfitti, ma si continua a costruire. Basterebbe ristrutturare, gli edifici che ci sono già sono più che sufficienti per soddisfare la domanda di case!

D) Secondo te è possibile fare musica a basso impatto?

R) In generale credo di sì. Se penso al trasporto, è un problema complesso da risolvere perché c’è bisogno di grandi tir per spostare l’attrezzatura, ma sono convinto che in percentuale siano pochissimi i camion usati a questo scopo rispetto, per esempio, ai tir che portano l’acqua confezionata dal sud al nord e viceversa, come ricordava tempo fa Beppe Grillo. Una soluzione semplice potrebbe essere che ogni luogo si attrezzi per avere il proprio palco. Per quanto riguarda l’energia, se fornita da pannelli solari o energie eolica, sarebbe un’alternativa davvero interessante.

D) Sei appassionato di baseball: quanto l’attività sportiva ti ha avvicinato all’ambiente?

R) Da quando alleno i ragazzi, mi sono accorto che arrivare al campo, spegnere il cellulare e godermi il verde mi fa sentire molto felice. D’altra parte tutto lo sport di base, ovvero quello praticato non da professionisti, invita a uscire di casa e a entrare in contatto con la natura. Anche solo andare al parco e palleggiare è sano, un’abitudine che esorto tutti a fare sempre più!

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende