Home » Rubriche »Very Important Planet » Faso, un basso per l’ambiente:

Faso, un basso per l’ambiente

maggio 15, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Uno dei bassisti più noti e virtuosi d’Italia, Faso – aka Nicola Fasani – presta la sua tecnica e abilità non solo a Elio e le storie tese, ma anche al trio Bobo e alla Biba Band. La musica tuttavia non è la sua unica passione. È conosciuto infatti anche come speaker radiofonico ed è il presidente della squadra Ares Milano Baseball. Il 2 giugno parteciperà al Torino Jazz Festival con il trio Bobo. A Greenews.info ha raccontato il suo punto di vista sull’ambiente. E non solo.

D) Faso, come definisci il tuo rapporto con l’ambiente?

R) È il rapporto di un cittadino che ha sempre vissuto in città, sempre circondato da cemento e che pertanto sa apprezzare la natura e la campagna. E infatti, quando sono in tour con il trio o con Elio e le storie tese, amo concedermi una pausa particolare: il pranzo in mezzo alla campagna. Piuttosto che andare in un ristorante, preferiamo comprarci della frutta o un buon prosciutto, ci inoltriamo in qualche stradina di campagna e facciamo un pic nic. E abbiamo realizzato che è davvero il top.

D) Come rispetti tutti i giorni la natura che ti circonda?

R) Quello che faccio con attenzione è evitare di buttare le carte per terra e se vedo qualcuno che lo fa lo riprendo, anche a costo di discutere. La città non è la nostra pattumiera, nessuno fa attenzione, è un peccato. Sarebbe necessario partire dall’asilo per educare a rispettare anche un ambiente di cemento, perché sempre ambiente è.

D) Quale problematica ambientale secondo te è più urgente e meriterebbe un intervento immediato?

R) L’acqua per me è un argomento delicatissimo. Ricordo con amarezza quando degli ignoti scaricarono delle cisterne di idrocarburi nelle acque del fiume vicino il nostro studio di registrazione. Penso che un’azione simile dovrebbe essere punita con sanzioni gravissime, invece noi con l’acqua siamo un paese scellerato. L’acqua è di tutti e prima di trattarla male o commercializzarla bisognerebbe pensarci bene. Abbiamo un paese meraviglioso, è ora di imparare a rispettarlo, basta con i casi come  la Liguria. Mi viene in mente di aver letto che Leonardo da Vinci, quando era stato incaricato dagli Sforza di creare armamenti per la difesa della regione, aveva presentato il progetto di una città del futuro dove l’elemento chiave era proprio l’acqua, perché secondo lui sarebbe diventata sempre più importante. Già allora Leonardo aveva intuito che l’acqua è un bene che non ci si può permettere di rovinare…

D) Secondo te, quanto la musica può servire come veicolo di educazione e coscienza culturale?

R) Può servire. Tant’è vero che nel tempo molti artisti si sono dedicati alla questione ambientale, ne cito uno per tutti, Peter Gabriel, uno dei miei miti personali. Lui ha composto una bellissima canzone per i titoli di coda del film di animazione Wall E, che tratta splendidamente il tema dell’inquinamento del Pianeta. Il brano di Gabriel si intitola Down to Earth e il messaggio che vuole comunicare è che noi umani desideriamo andare ovunque, esplorare ogni luogo, ma viviamo nel posto più bello che ci sia, con le montagne e il mare, e non dobbiamo permetterci di inquinarlo.

D) Quanto il senso dell’umorismo e dell’ironia possono diventare mezzo di comunicazione per contenuti importanti e di interesse pubblico?

R) Con Elio e le storie tese non abbiamo mai voluto fare il gruppo “impegnato”, è la nostra cifra stilistica, ma crediamo si possa anche parlare di temi seri. Cito il nostro brano Parco Sempione, che parla dello scempio attuato dall’amministrazione precedente sul bosco di Gioia per costruire il nuovo palazzo di Formigoni, quando invece c’era il Pirelli, uno dei primi grattacieli d’Italia,  in stato di semi abbandono che poteva essere ristrutturato. Ovviamente vincono gli appalti e le mazzette. La mia città è piena di edifici sfitti, ma si continua a costruire. Basterebbe ristrutturare, gli edifici che ci sono già sono più che sufficienti per soddisfare la domanda di case!

D) Secondo te è possibile fare musica a basso impatto?

R) In generale credo di sì. Se penso al trasporto, è un problema complesso da risolvere perché c’è bisogno di grandi tir per spostare l’attrezzatura, ma sono convinto che in percentuale siano pochissimi i camion usati a questo scopo rispetto, per esempio, ai tir che portano l’acqua confezionata dal sud al nord e viceversa, come ricordava tempo fa Beppe Grillo. Una soluzione semplice potrebbe essere che ogni luogo si attrezzi per avere il proprio palco. Per quanto riguarda l’energia, se fornita da pannelli solari o energie eolica, sarebbe un’alternativa davvero interessante.

D) Sei appassionato di baseball: quanto l’attività sportiva ti ha avvicinato all’ambiente?

R) Da quando alleno i ragazzi, mi sono accorto che arrivare al campo, spegnere il cellulare e godermi il verde mi fa sentire molto felice. D’altra parte tutto lo sport di base, ovvero quello praticato non da professionisti, invita a uscire di casa e a entrare in contatto con la natura. Anche solo andare al parco e palleggiare è sano, un’abitudine che esorto tutti a fare sempre più!

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende