Home » Rubriche »Very Important Planet » Faso, un basso per l’ambiente:

Faso, un basso per l’ambiente

maggio 15, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Uno dei bassisti più noti e virtuosi d’Italia, Faso – aka Nicola Fasani – presta la sua tecnica e abilità non solo a Elio e le storie tese, ma anche al trio Bobo e alla Biba Band. La musica tuttavia non è la sua unica passione. È conosciuto infatti anche come speaker radiofonico ed è il presidente della squadra Ares Milano Baseball. Il 2 giugno parteciperà al Torino Jazz Festival con il trio Bobo. A Greenews.info ha raccontato il suo punto di vista sull’ambiente. E non solo.

D) Faso, come definisci il tuo rapporto con l’ambiente?

R) È il rapporto di un cittadino che ha sempre vissuto in città, sempre circondato da cemento e che pertanto sa apprezzare la natura e la campagna. E infatti, quando sono in tour con il trio o con Elio e le storie tese, amo concedermi una pausa particolare: il pranzo in mezzo alla campagna. Piuttosto che andare in un ristorante, preferiamo comprarci della frutta o un buon prosciutto, ci inoltriamo in qualche stradina di campagna e facciamo un pic nic. E abbiamo realizzato che è davvero il top.

D) Come rispetti tutti i giorni la natura che ti circonda?

R) Quello che faccio con attenzione è evitare di buttare le carte per terra e se vedo qualcuno che lo fa lo riprendo, anche a costo di discutere. La città non è la nostra pattumiera, nessuno fa attenzione, è un peccato. Sarebbe necessario partire dall’asilo per educare a rispettare anche un ambiente di cemento, perché sempre ambiente è.

D) Quale problematica ambientale secondo te è più urgente e meriterebbe un intervento immediato?

R) L’acqua per me è un argomento delicatissimo. Ricordo con amarezza quando degli ignoti scaricarono delle cisterne di idrocarburi nelle acque del fiume vicino il nostro studio di registrazione. Penso che un’azione simile dovrebbe essere punita con sanzioni gravissime, invece noi con l’acqua siamo un paese scellerato. L’acqua è di tutti e prima di trattarla male o commercializzarla bisognerebbe pensarci bene. Abbiamo un paese meraviglioso, è ora di imparare a rispettarlo, basta con i casi come  la Liguria. Mi viene in mente di aver letto che Leonardo da Vinci, quando era stato incaricato dagli Sforza di creare armamenti per la difesa della regione, aveva presentato il progetto di una città del futuro dove l’elemento chiave era proprio l’acqua, perché secondo lui sarebbe diventata sempre più importante. Già allora Leonardo aveva intuito che l’acqua è un bene che non ci si può permettere di rovinare…

D) Secondo te, quanto la musica può servire come veicolo di educazione e coscienza culturale?

R) Può servire. Tant’è vero che nel tempo molti artisti si sono dedicati alla questione ambientale, ne cito uno per tutti, Peter Gabriel, uno dei miei miti personali. Lui ha composto una bellissima canzone per i titoli di coda del film di animazione Wall E, che tratta splendidamente il tema dell’inquinamento del Pianeta. Il brano di Gabriel si intitola Down to Earth e il messaggio che vuole comunicare è che noi umani desideriamo andare ovunque, esplorare ogni luogo, ma viviamo nel posto più bello che ci sia, con le montagne e il mare, e non dobbiamo permetterci di inquinarlo.

D) Quanto il senso dell’umorismo e dell’ironia possono diventare mezzo di comunicazione per contenuti importanti e di interesse pubblico?

R) Con Elio e le storie tese non abbiamo mai voluto fare il gruppo “impegnato”, è la nostra cifra stilistica, ma crediamo si possa anche parlare di temi seri. Cito il nostro brano Parco Sempione, che parla dello scempio attuato dall’amministrazione precedente sul bosco di Gioia per costruire il nuovo palazzo di Formigoni, quando invece c’era il Pirelli, uno dei primi grattacieli d’Italia,  in stato di semi abbandono che poteva essere ristrutturato. Ovviamente vincono gli appalti e le mazzette. La mia città è piena di edifici sfitti, ma si continua a costruire. Basterebbe ristrutturare, gli edifici che ci sono già sono più che sufficienti per soddisfare la domanda di case!

D) Secondo te è possibile fare musica a basso impatto?

R) In generale credo di sì. Se penso al trasporto, è un problema complesso da risolvere perché c’è bisogno di grandi tir per spostare l’attrezzatura, ma sono convinto che in percentuale siano pochissimi i camion usati a questo scopo rispetto, per esempio, ai tir che portano l’acqua confezionata dal sud al nord e viceversa, come ricordava tempo fa Beppe Grillo. Una soluzione semplice potrebbe essere che ogni luogo si attrezzi per avere il proprio palco. Per quanto riguarda l’energia, se fornita da pannelli solari o energie eolica, sarebbe un’alternativa davvero interessante.

D) Sei appassionato di baseball: quanto l’attività sportiva ti ha avvicinato all’ambiente?

R) Da quando alleno i ragazzi, mi sono accorto che arrivare al campo, spegnere il cellulare e godermi il verde mi fa sentire molto felice. D’altra parte tutto lo sport di base, ovvero quello praticato non da professionisti, invita a uscire di casa e a entrare in contatto con la natura. Anche solo andare al parco e palleggiare è sano, un’abitudine che esorto tutti a fare sempre più!

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Blue Heart”, il film di Patagonia contro l’idroelettrico selvaggio da oggi in streaming

agosto 21, 2018

“Blue Heart”, il film di Patagonia contro l’idroelettrico selvaggio da oggi in streaming

Il film documentario di Patagonia, “Blue Heart” – disponibile a partire da oggi, 21 agosto 2018, in tutto il mondo, su piattaforme di streaming come iTunes, Amazon Video, Google Play e Sony PlayStation – racconta della lotta per proteggere gli ultimi fiumi incontaminati d’Europa e concentra l’attenzione internazionale sul potenziale disastro ambientale che potrebbe colpire l’Europa [...]

ARCA: nelle Marche rinasce un progetto visionario, tra biologico e agricoltura conservativa

agosto 20, 2018

ARCA: nelle Marche rinasce un progetto visionario, tra biologico e agricoltura conservativa

Cresce il numero di imprenditori agricoli che vogliono aderire al progetto promosso dalle aziende Garbini, Loccioni e Fileni con l’obiettivo di preservare la fertilità e la bellezza delle valli marchigiane recuperando antichi saperi, da unire a nuove tecnologie, per creare filiere sostenibili e un’economia circolare a vantaggio delle aziende, delle comunità locali e dei consumatori. La [...]

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende