Home » Rubriche »Very Important Planet » Fausto De Stefani, l’alpinista degli 8.000 che insegna l’ecologia ai bambini:

Fausto De Stefani, l’alpinista degli 8.000 che insegna l’ecologia ai bambini

febbraio 2, 2018 Rubriche, Very Important Planet

E’ cresciuto in pianura, gestisce un’area naturale in collina ed è tra i pochi al mondo che ha conquistato le maggiori vette oltre gli 8.000 metri. L’identikit altimetrico è  di Fausto De Stefani, alpinista dagli anni ’70, quando iniziò la sua attività sportiva. Nel 1981 dalle Alpi “salta” nelle catene dell’Himalaya e del Karakorum, nel 1983 conquista i suoi primi 8.000 con la scalata del K2. Nel 1988 il suo amore per la montagna e la natura lo porta ad essere tra i soci fondatori di Mountain Wilderness con cui ha organizzato “Free K2” ovvero una spedizione per ripulire la vetta dai rifiuti. Alla carriera sportiva ha affiancato negli anni l’organizzazione di attività umanitarie in Nepal puntando sulla scuola. E sempre sull’educazione scommette anche nella sua collina vicino a Desenzano dove accoglie scolaresche e studenti. Tanti bambini ospiti di Fausto, maestro senza cattedra con il registro delle prenotazioni chiuso fino al 2019.

D) Fausto hai scalato le vette più alte al mondo e ora vivi in collina?

R) E sono cresciuto in pianura! Ma a me affascina tutto quello che è natura… Sono nato in campagna, in cascina, a contatto diretto con l’ambiente.

D) Cosa ci fai in questo pezzo di terra?

R) Gestisco 20 ettari, sono a sei chilometri dal casello di Desenzano. Sono partito dalla delusione su quello che sta succedendo alla natura e ho pensato che l’unico modo per aumentare la sensibilità ecologica è puntare sulla meraviglia dell’infanzia. C’è tanta teoria, ma pochi si sporcano le mani e dedicano tempo ai bambini. Ma è questo il punto di partenza, forse è un’utopia ma bisogna crederci, essere grandi sognatori e sognare in grande. Che facciamo altrimenti? Io ho 66 anni, ma continuo ad andare in montagna, una cosa inutile ma è bello e le cose belle vanno fatte. Se l’individuo vuol dare senso alla sua vita deve allargare gli orizzonti…

D) Vedi dei risultati del tuo lavoro didattico con i bambini? Funziona?

R) Vedo e tocco i risultati da 30 anni. Prima andavo nelle scuole materne perché i piccoli sono più liberi di testa. Si stupiscono e si meravigliano con poco, non hanno bisogno di chissà cosa. Facevo vedere la metamorfosi di una libellula con una semplice lente d’ingrandimento e conosco trentenni e quarantenni di oggi che si ricordano ancora di queste cose. Quello che “si mette dentro” durante l’infanzia rimane fino all’ultimo respiro, anche se a volte, per qualche anno, ci si dimentica. I miei figli sono andati in discoteca per un periodo, poi sono tornati alla natura…

D) Ma cosa fai, in particolare, alla “Collina di Lorenzo” a Castiglione delle Stiviere, siamo curiosi…

R) E’ un luogo didattico per bambini dai 3 ai 100 anni, per chi ha il desiderio di sognare. C’è la casetta di Jack London, tale e quale a quella dove si rifugiò per un anno per scrivere “Il richiamo della foresta“: ha una piccola libreria che gestisce un ragazzino da 13 anni (ha iniziato quando ne aveva 10). E’ aperta giorno e notte a chiunque e dentro ci trova i libri di London. Vicino c’è quella di Salgari e accanto il galeone dei pirati. Sono luoghi che ripercorrono la mia adolescenza. Le scolaresche visitano, animano e dormano nei tepee, le capanne degli indiani, perché io ho sempre fatto il tifo per i nativi.

D) Altre chicche interessanti della tua collina?

R) Ho conosciuto tempo fa un vecchio che mi ha parlato di una torbiera… L’ho ripristinata ed ora è uno dei luoghi più vivi con rane, raganelle, aironi, folaghe…

D) Ma il tuo impegno ambientale non si è limitato all’educazione dei bambini, hai fatto parto della spedizione ecologica “Free K2″, giusto?

R) In quell’occasione abbiamo portato giù migliaia di km di corde e 4/5 tonnellate di materiale. Gli alpinisti dovrebbero essere rispettosi dell’ambiente, non possono andare così alla carlona! E’ lo specchio della nostra società che è malata ed è difficile trovare delle medicine per guarirla. Io ho subito tante sconfitte e posso contare su poche vittorie – per questo mi sono messo ad ascoltare i bambini…

D) In Nepal hai contributo anche a costruire una scuola…

R) Precisamente sono sei scuole… Frequentate da mille ragazzi: dalla scuola materna a 18 anni. In particolare mi piace ricordare la scuola di formazione ed istruzione per le guide eco-ambientali. Studiano botanica, ornitologia, biologia, hanno a disposizione 3 laboratori di chimica, ci sono 140 computer e 20 lavagne multimediali. Una scuola bellissima perché le scuole devono essere belle. Sono un sostegno alla comunità perché così i bambini crescono con valori normali, non servono persone straordinarie, la normalità è già straordinaria.

D) Mi puoi indicare il pericolo ambientale maggiore per il pianeta?

R) Sul tema ognuno dice la sua. Io i mutamenti climatici li vedo in Himalaya, in Africa e nelle colline dove vivo. L’uomo non è esente da responsabilità su quello che sta accadendo, pensiamo alla Pianura Padana diventato uno degli ambienti più inquinati. Abbiamo esagerato. L’uomo non si accontenta, ha addomesticato in modo esagerato, creato dei danni incredibili e oggi abbiamo ciò che meritiamo. Quando ero ragazzino abitavo in campagna, quella più piatta, e andavo con mio padre a prendere il pesce (che rappresentava il 60% del nostro cibo): l’acqua scorreva dappertutto ed era acqua quasi da bere, ora sembra che sia arrivata una pestilenza, non si trova più l’acqua da bere. Non siamo riusciti a trovare un equilibrio con madre terra. Consiglio di coltivarla perché è una terapia che porta all’armonia. Arrivi a sera stanco e hai creato qualcosa di concreto…

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

maggio 4, 2019

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

Per la prima volta dalla nascita di questa competizione sportiva, uno speciale progetto di salvaguardia ambientale, accompagnerà la Red Bull Cliff Diving World Series, il campionato mondiale di tuffo da scogliere naturali, per lanciare un forte messaggio in difesa degli oceani, grazie alla volontà e tenacia di due giovanissimi campioni: Eleanor Townsend Smart, high diver americana, e Owen Weymouth, [...]

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

aprile 29, 2019

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

Domenica 28 aprile si è celebrata la “Giornata Mondiale delle Vittime dell’Amianto”, una ricorrenza per ricordare che, ancora oggi, sono circa 125 milioni i lavoratori esposti alla fibra killer, che provoca non meno di 107.000 decessi ogni anno (secondo le stime OMS), di cui circa 6.000 solo in Italia. Una guerra al “killer silenzioso” che non può essere vinta [...]

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende