Home » Campioni d'Italia »Green Economy »Greeneria »Rubriche » Favini, la carta che parla di economia circolare:

Favini, la carta che parla di economia circolare

A volte bisogna cambiare l’immaginario collettivo per orientare la produzione industriale in senso sostenibile. La storia della cartiera Favini di Rossano Veneto280 anni di attività, oltre 150 milioni di euro di fatturato e 500 dipendenti – ne è un esempio concreto. Come quando, nel1991, rispose all’appello del Comune di Venezia per recuperare le alghe in eccesso dagli ambienti lagunari. Il progetto Favini fu l’unico a funzionare, come ci racconta il Brand Manager Michele Posocco: “Fu sviluppato con ENEACNR ed è stato l’unico di successo: fu commercializzato in tutto il mondo”. Non tagliarono invece il traguardo quelli relativi alla cosmesi o ai mangimi, perché l’alga puzza e gli animali non la mangiano.

Tutto ebbe inizi con “un’idea geniale e controcorrente” racconta Posocco: “ricavare cellulosa dalle alghe, come previsto, non era possibile a causa della percentuale troppo bassa di fibra, che nell’alga è sotto il 5%. Non era logico economicamente né ecologicamente, dunque si utilizzò la materia prima integralmente, con un processo meccanico”. Si ottenne così una polvere di alga che si legava bene con le fibre e andava a sostituire, in parte,  la cellulosa.

Fare carta con l’eccedenza delle alghe fu dunque un successo tecnologico e “di critica” e spinse il management a studiare nuovi prodotti a base di scarti dell’industria agroalimentare: “Già negli anni ’90 abbiamo messo a punto la tecnologia, ottenuto il brevetto e avviato la produzione con le bucce d’arancia e con il guscio della nocciola. Ma all’epoca non c’era mercato, le aziende non richiedevano materiali ecosostenibili”. “Il successo di Alga Carta fu dettato da fattori emotivi – sottolinea il manager – ma non si creò allora uno spazio commerciale. Dovemmo aspettare fino al 2010, quando le industrie e i consumatori furono pronti per acquistare questi prodotti. Vennero ripresi gli studi e lanciata Crush, ora posizionata in 30 paesi al mondo”.

In sostanza, per 20 anni, un capolavoro industriale come la carta ottenuta dagli scarti delle produzioni agricole è rimasta nel cassetto. Mancava il sentiment di mercato per poterla commercializzare. Un problema di zeitgeist con il quale la green economy deve spesso fare i conti.

Dal 2010, al contrario, si volta pagina e Favini riesce a valorizzare il suo capitale sociale di conoscenze, iniziando a sfornare una serie di prodotti che incontrano il favore del mercato. Stiamo parlando di soli sette anni fa eppure sembra un’altra “era geologica” (ne sappiamo qualcosa noi di Greenews.info, testata nata nel 2009). Si riparte poi nel 2012 con la nuova gamma di carte ecologiche Crush, realizzate conscarti di lavorazioni agro-industriali di mais, agrumi, kiwi, olive, mandorle, nocciole, caffè, lavanda, ciliegia e uva, che riescono a sostituire fino al 15% della cellulosa proveniente da albero (con gli sviluppi recenti della ricerca si sono scoperti materiali di scarto che arrivano a rimpiazzare fino al 30% della materia prima vegetale).In altri termini si risparmiano piante e lo scarto agro-industriale invece di essere utilizzato come filler in zootecnia, combustibile per la produzione di energia o eliminato in discarica rientra nel circolo produttivo ed economico.

Tra i tanti successi inanellati negli ultimi anni c’è la Carta Crusca - realizzata per Barilla nel 2013 – dove si usa quella non più idonea per il consumo alimentare. Nasce invece oltre i confini nazionali, nel 2015, la collaborazione con la maison dello champagne Veuve Clicquot e si ottiene una carta prodotta grazie ai sottoprodotti del processo di produzione del pregiato vino: dopo la spremitura dei grappoli, la buccia degli acini d’uva viene essiccata e micronizzata per diventare materia prima. Il risparmio è pari al 25% di fibre vergini. Nello stesso anno prende il via la produzione di Remake, una carta composta per il 25% di sottoprodotti della filiera della pelletteria, per il 30% di cellulosa di riciclo post consumo certificata FSC e per il 45% di fibre di cellulosa vergine certificata FSC. Una buona resa dal punto di vista della sostenibilità e dell’immagine per brochure, shopper, cartellini, packaging destinati al mondo della moda e del lusso. Tra le firme conquistate dalla carta Favini ci sono, in questo settore, Benetton, Louis Vuitton e Vivienne Westwood.

Una delle ultime creature  è Crush Lenticchia, che consente di risparmiare, per la sua produzione, il 15% di cellulosa proveniente da albero e di diminuire del 20% l’emissione di gas effetto serra. Il prodotto nasce dalla collaborazione con Pedon, azienda vicentina tra i protagonisti mondiali del settore dei cereali, legumi e semi. Interessante il processo produttivo: “durante la fase del controllo qualità di Pedon – spiegano i tecnici di Favini – le lenticchie non conformi agli standard qualitativi necessari vengono scartate: si tratta, ad esempio, di semi aggrediti da insetti, deteriorati, anneriti o comunque danneggiati. Tutti i semi non più idonei all’alimentazione umana vengono raccolti per essere successivamente purificati, micronizzati e introdotti all’interno del ciclo produttivo della carta, in parziale sostituzione della cellulosa”.

Alla Favini si può dire, senza temere la smentita, che sono stati tra i precursori dell’economia circolare, di cui oggi tanto si parla. Lo hanno capito anche a Bruxelles, dove la cartiera veneta ha ritirato lo European Paper Recycling Awards 2017.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende