Home » Bollettino Europa »Rubriche » Fiabe ai bimbi, VIA ai grandi. La Commissione UE apre una consultazione sullo sviluppo sostenibile:

Fiabe ai bimbi, VIA ai grandi. La Commissione UE apre una consultazione sullo sviluppo sostenibile

novembre 5, 2012 Bollettino Europa, Rubriche

I tempi cambiano, e con questi anche la legislazione UE. La Direttiva sulla valutazione dell’impatto ambientale dei progetti edilizi (VIA) ha contribuito a garantire, negli ultimi 25 anni, l’integrazione delle tematiche ambientali nel processo decisionale previsto prima che l’autorità competente dello Stato membro decida in merito all’approvazione dei progetti. Ciò ne ha migliorato la sostenibilità, responsabilizzando al contempo i cittadini e garantendo loro di essere informati (e talvolta consultati) prima che le decisioni vengano adottate. La Direttiva è stata più volte modificata ma, a seguito di una recente consultazione delle parti interessate, la Commissione Europea ha deciso che è giunto il momento di procedere a una revisione globale per colmare alcune lacune, in particolare per quanto riguarda la qualità del processo di valutazione.

Lo scopo dell’esecutivo di Bruxelles è quello di alleggerire gli oneri amministrativi, rendendo più facile la valutazione del potenziale impatto dei grandi progetti, senza però indebolire le tutele ambientali, i cui livelli – pare – verranno rafforzati. Il processo di valutazione dovrà “guardare al futuro”: si terrà cioè conto delle sfide emergenti per l’UE, in settori quali l’efficienza delle risorse, i cambiamenti climatici, la biodiversità e la prevenzione delle catastrofi. Ma i cambiamenti introdotti consentiranno alle aziende di godere di un quadro normativo più armonizzato.

In primo luogo la Commissione rivedrà la procedura per stabilire se occorre una valutazione ambientale. Solo i progetti con ripercussioni ambientali significative saranno soggetti a controlli approfonditi. Quelli di “portata limitata” dovrebbero essere approvati più rapidamente e a costi ridotti, lasciando più tempo alle autorità per valutare gli altri. Al centro della riforma c’è poi il rafforzamento delle regole per garantire un miglioramento del processo decisionale e per evitare danni all’ambiente. Gli impatti legati a proposte alternative dovranno essere soggetti a un esame più sistematico e le autorità competenti dovranno motivare le proprie decisioni con maggiore chiarezza.  Al fine poi di razionalizzare le varie fasi della procedura di VIA, si prevede l’introduzione di scadenze e di un nuovo meccanismo che agevoli la procedura qualora siano richieste più valutazioni e siano coinvolte più autorità. Le azioni proposte dovranno ora essere prese in esame dal Parlamento Europeo e dal Consiglio per poi essere integrate nel diritto dell’UE.

Lo scorrere del tempo, però, non spinge solo a riformare gli strumenti legislativi dell’UE, ma anche ad adeguare alle nuove tecnologie i mezzi di sensibilizzazione rivolti ai cittadini. È il caso dell’educazione ambientale per i più piccoli che da oggi vede la nascita di una fiaba speciale. “Zoe va controcorrente” è, infatti, il titolo di un racconto digitale interattivo, fortemente voluto dalla Commissione Europea,  per i bambini dai 7 agli 11 anni. I protagonisti della storia sono due curiosi ragazzini, Pedro e Zoe, che scoprono l’importanza dell’acqua nella società sotto la guida del saggio Federico I Principe Ranocchio. Zoe, passando attraverso il rubinetto di una vasca da bagno, finisce in un acquitrino inquinato, qui incontra Pedro e il Principe che mette in guardia i bambini dalle conseguenze dell’inquinamento di questa preziosa risorsa e mostra loro come evitarlo. Divertenti animazioni ed elementi interattivi si alternano a parti più serie, a valenza educativa, in cui i bambini approfondiscono le proprie conoscenze sul ciclo idrologico e sul trattamento delle acque.La versione online del racconto è, inoltre,corredata di note didattiche per promuovere attività progettuali in classe con gli insegnanti. Esiste anche una versione per smartphone e tablet scaricabile gratuitamente per dispositive sia Apple che Android. Sia l’app che la versione online del racconto sono disponibili in inglese, francese, tedesco, spagnolo, italiano e polacco.

L’elaborazione di questi strumenti rientra in una serie di iniziative sul tema dell’acqua. A metà novembre la Commissione presenterà, infatti, un Piano per la salvaguardia delle risorse idriche europee, con l’intento di orientare i futuri sviluppi della politica UE in questo campo da qui fino al 2020 e di perfezionare la legislazione esistente colmandone le eventuali lacune.

LA Commissione Europea è infine impegnata, per quanto riguarda i temi ambientali, su fronti internazionali. Dopo il controverso vertice mondiale delle Nazioni Unite “Rio+20 tenutosi a Rio de Janeiro nel giugno del 2012, per garantire il seguito della conferenza, l’Esecutivo di Bruxelles ha deciso di aprire online, fino al 15 gennaio 2013, una consultazione pubblica, per raccogliere idee e pareri sul tema dello Sviluppo Sostenibile e sviluppare così azioni mirate e misure concrete. Possono partecipare tutti dando il proprio parere: cittadini, organizzazioni, pubbliche amministrazioni, imprese, associazioni.

Con questa iniziativa la Commissione intende collezionare informazioni sulla base di cinque temi principali. Il primo, pone l’accento sulle politiche per un’economia verde inclusiva come motore dello Sviluppo Sostenibile nell’Unione europea e nel mondo. Il secondo, ha l’obiettivo di stabilire i settori di azione prioritari di queste politiche, dalla lotta alla povertà, all’agricoltura, all’uso dell’acqua e di un’energia pulita. Altro pilastro del sondaggio online è la definizione di obiettivi concreti legati alla sostenibilità e le modalità per monitorare i progressi compiuti nel raggiungerli. Senza dimenticare le opzioni per una strategia efficace di finanziamento che incoraggi gli investimenti in questo campo anche attraverso l’impiego di risorse già esistenti. Infine, la consultazione intende interrogare i cittadini dell’Unione Europea circa il rafforzamento del quadro istituzionale legato allo Sviluppo Sostenibile, sia nel contesto del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) sia in quello del Forum politico ad alto livello (HLPF). Lo scopo è quello di migliorare la partecipazione dei soggetti interessati. ”Rio+20 – ha, infatti, spiegato il Commissario UE all’ambiente, Janez Potocnikha solo dato l’impulso, ora spetta a noi far diventare realtà lo sviluppo sostenibile. Vogliamo invitare tutti a partecipare al dibattito sulle misure che devono essere adottate”.

I risultati del maxisondaggio via web saranno poi inclusi in una Comunicazione, prevista per il primo trimestre 2013, nella quale la Commissione UE farà il punto su Rio+20. L’iniziativa della Commissione va dunque di pari passo con le Conclusioni adottate durante l’ultimo Consiglio Ambiente UE. Nel quale la Presidenza ha riconosciuto (si tratta della prima posizione ufficiale da parte del Consiglio circa i risultati della Conferenza), che Rio+20 costituisce una solida base su cui lavorare nel campo dello Sviluppo sostenibile.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

aprile 27, 2017

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

Decongestionare il traffico, ottenere una maggiore efficienza energetica, ridurre le emissioni inquinanti: sono obiettivi sempre più stringenti che le amministrazioni locali devono perseguire per concorrere alla tutela ambientale e contrastare i cambiamenti climatici, in linea con le indicazioni dell’UE. Per questo il progetto europeo SIMPLA (Sustainable Integrated Multi-sector PLAnning) ha aperto un bando dedicato ai [...]

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende