Home » Rubriche »Very Important Planet » Filippo Romano: istantanee dalla baraccopoli di Mathare, dove il riuso è necessità:

Filippo Romano: istantanee dalla baraccopoli di Mathare, dove il riuso è necessità

novembre 29, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Mathare è uno “slum” situato a circa 5 km dal centro di Nairobi. Con una popolazione di circa 500.000 abitanti è, per ordine di grandezza, la seconda baraccopoli della capitale keniota. In questa ex cava i residenti hanno sviluppato una strategia informale ma efficace di economia su piccola scala che si svolge per lo più in precarie case-bottega.

La Triennale di Milano ha accesso i riflettori su questo luogo con una mostra dal titoloMade in Slums – Mathare Nairobi”. La mostra – curata da Fulvio Irace – nasce dal lavoro svolto sul campo dall’ONG Liveinslums, impegnata da due anni in un progetto di cooperazione allo sviluppo che ha incoraggiato la costruzione di una scuola di strada e l’avviamento di un progetto agricolo comunitario nello slum di Mathare. Filippo Romano, fotografo, ha realizzato (insieme a Francesco Giusti) il reportage fotografico di  “Made in Slums – Mathare Nairobi”:

D) Come nasce l’idea della mostra?

R) La mostra nasce da uno degli ultimi viaggi a Nairobi, nel corso del quale Liveinslums ha coinvolto il giovane designer Francesco Faccin per la progettazione degli interni della scuola che l’organizzazione sta costruendo nello slum. Da questo breve soggiorno a Nairobi è nata l’idea di “fare l’elenco” degli oggetti di uso comune. Si tratta di oggetti interessanti dal punto di vista della realizzazione perché riutilizzano materiali di scarto. L’oggetto di “design povero” è diventato il modo per parlare di questo luogo. Ed è così che è nata la mostra ospitata dal Museo del Design di Milano, la quale si è arricchiata di materiali fotografici e video che Liveinslums aveva già realizzato. L’esposizione, inoltre, è stata recentemente prorogata fino a febbraio 2014.

D) In tema di riuso, cosa emerge dalle sue fotografie?

R) Ci sono parecchie storie e molti elementi sono legati al riuso. La raccolta dei rifiuti destinati al riutilizzo, ad esempio, è una delle attività degli abitanti dello slum. È il caso dei ragazzi che raccolgono le bottiglie di plastica: dopo averle raccolte, solitamente le portano da un artigiano che le fonde per creare altri oggetti. Pure i sacchetti di plastica hanno una nuova vita nello slum: nella mostra c’è infatti un pupazzo molto carino fatto con le buste. Ma non solo plastica: anche i materiali di metallo vengono fusi e riassemblati per essere riutilizzati per altri scopi.

D) E le scarpe?

R) Sono uno dei business della comunità Masai che vive all’interno dello slum. Loro sono dei bravissimi artigiani: utilizzano i copertoni e ne fanno delle scarpe. Questa ci può sembrare una cosa fuori dai nostri canoni, eppure qualcosa di analogo avveniva nell’Italia del secondo dopoguerra, ma forse lo abbiamo dimenticato…

D) Qual è la situazione ambientale della baraccopoli?

R) È molto pesante. Nonostante gli sforzi delle ONG, lo Stato keniota non fa molto. I grossi problemi sono legati alle fogne. Ci sono inoltre problemi legati alla qualità dell’aria, in particolare nelle altre baraccopoli a ridosso della gigantesca discarica di Dandora dove, di notte, vengono bruciati i rifiuti. Pare che tra la popolazione ci siano moltissimi problemi respiratori e diversi casi di cancro. Mathare ha invece un grosso problema di Aids, con un numero elevato di casi. C’è inoltre un’alta percentuale di tubercolosi e polmonite. Questo situazione sanitaria è causata da molte ragioni, ma credo soprattutto alla non facile vita tra le lamiere e alla precarietà delle fogne.

D) Qualche idea per il futuro? C’è da terminare la costruzione della scuola?

R) Il progetto Liveinslums continua. Siamo una piccola organizzazione e non abbiamo grosse cifre a disposizione. Quel poco tuttavia cerchiamo di farlo fruttare. Speriamo quindi di poter continuare gli interventi sul territorio di Mathare, in particolare in ambito educativo. L’educazione scolastica è un tema molto importante per Mathare. È uno dei fattori dell’esclusione. Lo Stato non garantisce in maniera continuativa l’educazione scolastica, quindi moltissimi bambini nel giro di poco tempo rimangono a casa. La nostra scuola è attualmente in funzione e nel frattempo è in corso l’ampliamento di un piano. Per questo progetto abbiamo realizzato un libro che servirà a raccogliere risorse economiche per costruire il secondo piano della scuola. Si tratta di un volume venduto nelle scuole di Milano che contiene le foto del sottoscritto e di Francesco Giusti, l’altro fotografo che lavora assieme a Liveinslums. Speriamo in questo modo di raccogliere una cifra sufficiente per terminare la costruzione della scuola.

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

aprile 27, 2017

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

“Fare i conti con l’ambiente” il festival formativo ravennate, che si terrà da mercoledì 17 a venerdì 19 maggio 2017, si appresta a tagliare il traguardo dei dieci anni con un programma ricco di iniziative. Grande spazio sarà previsto sulle tematiche connesse alla mobilità sostenibile con la presentazione di due progetti europei. Il primo, Low Carbon Transport [...]

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

aprile 27, 2017

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

Decongestionare il traffico, ottenere una maggiore efficienza energetica, ridurre le emissioni inquinanti: sono obiettivi sempre più stringenti che le amministrazioni locali devono perseguire per concorrere alla tutela ambientale e contrastare i cambiamenti climatici, in linea con le indicazioni dell’UE. Per questo il progetto europeo SIMPLA (Sustainable Integrated Multi-sector PLAnning) ha aperto un bando dedicato ai [...]

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende