Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Fondazione Stava 1985, per non dimenticare la difesa del territorio:

Fondazione Stava 1985, per non dimenticare la difesa del territorio

luglio 15, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Elaborare il lutto dopo una catastrofe ambientale, causata dall’uomo, che ha provocato 268 vittime e distrutto un intero paese, non è un’operazione semplice. Ci sono riusciti gli uomini e le donne della Fondazione Stava 1985, che dopo 30 anni  dalla tragedia – il 19 luglio 1985 – di cui quest’anno si celebra il trentennale, hanno coltivato la memoria storica, hanno trasformato dolore e rabbia in atteggiamenti costruttivi, per aumentare la consapevolezza sulla necessità della messa in sicurezza del territorio.  Per parlare dell’attività della Fondazione è necessario partire dal ricordo della tragedia, perché il disastro di Stava, a differenza del Vajont, è purtroppo sconosciuto alla gran parte degli italiani, una delle tante “rimozioni collettive” della nostra comunità nazionale.

Alle 12. 22′ 55”  del 19 luglio 1985,  nel paese di  Stava, in Trentino, cede l’argine del bacino superiore di una conca di decantazione di materiale minerario, che provoca ulteriori crolli  e libera una massa fangosa composta da sabbia, limi ed acqua  che scende a valle ad una velocità di quasi 90 chilometri orari e spazza via persone, alberi, abitazioni e tutto quanto incontra, fino a raggiungere la confluenza con il torrente Avisio. Muoiono 268 persone,  distrutti 3 alberghi, 53 case  e 6 capannoni; 8 ponti demoliti e uno strato di fango, tra 20 e 40 centimetri, che  ricopre un’area di 435.000 metri quadri circa per una lunghezza di 4,2 chilometri. Dieci persone sono state condannate per disastro colposo e il paese è stato ricostruito.

In questi 30 anni la Fondazione Stava ha lavorato per non dimenticare questa triste pagina di storia nazionale e soprattutto ha impostato un lavoro basato sulla ricerca e trasmissione di informazioni utili – è stato creato un centro di documentazione nel Comune di Tesero – per evitare che in futuro si ripetano simili tragedie.

Ne abbiamo parlato con Graziano Lucchi, presidente della Fondazione, che ci ha offerto una lucidissima analisi sulla comunicazione ambientale.”Si sa poco del disastro di Stava perché è difficile raccontare le cause, rispetto, per esempio, alla caduta di un ponte o al cedimento di una diga. Poi ha sicuramente inciso il coinvolgimento, tra i  responsabili, della Montedison che ha messo in campo il proprio peso mediatico perché la notizia dava fastidio,  poi le responsabilità della  Provincia  Autonoma di Trento. E’ difficile ammettere le colpe  quando si è conosciuti per le capacità di governo del territorio, sintetizzo  in una frase proprio noi che siamo così bravi. Atteggiamento anche inconscio, non è una critica, ma un’analisi. Poi siamo alla periferia dell’impero, lontano dalle redazioni di giornali e televisioni. Seveso è alla periferia di Milano e la vicenda ha avuto una grande attenzione’’.

Un problema di narrazione, dunque, in un contesto mediatico basato sull’esaltazione delle emozioni. “Non è una caratteristica solo di Stava – sottolinea Lucchi – Questi disastri, a parte il lavoro di Marco Paolini sul Vajont, vengono comunicati  sempre  esaltando gli aspetti emotivi: il dolore, la rabbia, il rancore, la disperazione; rispetto agli aspetti razionali. Noi preferiamo trasmettere  informazione  sul perché è successo e non doveva succedere, perché non debba succedere più. Naturalmente spendiamo 10 minuti nel cimitero delle vittime”. Eppure Lucchi, come tanti, quel giorno ha perso i  genitori, gli amici, la casa e il paese: “E’ stato ricostruito, ma il nostro Stava non c’è più, abbiamo perso la nostra Heimat (termine e concetto tedesco che non ha facile traduzione in italiano, si può leggere come il luogo natio degli affetti, ndr)”.

Questo approccio educativo, formativo, ad alto contenuto civile  si legge nel programma del trentennale del disastro che “sarà occasione per fare memoria ma soprattutto per diffondere conoscenza e fare formazione scientifica con lo scopo di contribuire a far in modo che non si ripetano disastri analoghi” . In concreto sono previsti diversi eventi formativi  della durata di tre giorni – organizzati con l’assistenza scientifica  dell’Associazione Geotecnica Italiana e dall’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Trento – rivolti  a professionisti, amministratori e tecnici delle autorità di controllo. Informazioni utili perché dopo il disastro di Stava “Si contano altri 55 incidenti rilevanti in discariche di miniera nel mondo, di cui 9 in Europa, fra questi anche l’incidente catastrofico dei fanghi rossi avvenuto il 4 ottobre 2010 in Ungheria”, conclude il presidente Lucchi. “L’ultimo incidente rilevante in discariche di miniera in Europa è avvenuto il 4 novembre 2012 in Finlandia con conseguenze disastrose per l’ambiente. Lo scorso anno sono stati 4”.  Insomma c’è ancora da tanto da lavorare per mettere in sicurezza il territorio, non solo in Italia, e oltre a ricordare doverosamente le vittime è necessario formare, informare ed agire.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

febbraio 20, 2017

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

Dopo il successo della prima edizione a Locarno, nel 2016, con circa 10.000 visitatori, Tisana, la ventennale fiera svizzera del benessere olistico, del vivere etico e della medicina naturale, torna al Palexpo Fevi dal 3 al 5 marzo 2017. In mostra le eccellenze del mercato internazionale in un percorso ispirato a 9 aree tematiche: Armonia, [...]

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

febbraio 14, 2017

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

Il Comitato Ecolabel Ecoaudit e l’ISPRA, in concomitanza con l’assegnazione dell’EMAS Award 2017 indetto dalla Commissione Europea, intendono dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS premiando quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e, soprattutto, raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con questo riconoscimento [...]

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

febbraio 14, 2017

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

E’ allarme rosso per la vaquita, la più piccola focena del mondo. L’SOS arriva dal Comitato Internazionale per il Recupero della Vaquita (che fa capo allo IUCN), secondo il quale ne resterebbero appena 30 individui in natura, visto che la già risicatissima popolazione stimata lo scorso anno è ormai dimezzata. Endemica del Nord del Golfo della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende