Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Fornace Carena: solo mattoni naturali a “km. 0″ per rilanciare l’edilizia:

Fornace Carena: solo mattoni naturali a “km. 0″ per rilanciare l’edilizia

luglio 2, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

L’argilla non è una risorsa rinnovabile, ma a parte le costruzioni in legno, non esiste una valida alternativa naturale ai mattoni. Fornace Carena, produce laterizi dal 1907 a Cambiano, in provincia di Torino. Con 28 dipendenti e un fatturato di 4 milioni di euro, l’azienda ha sviluppato negli anni un’attenzione alla sostenibilità ambientale che parte dalle materie prime utilizzate e arriva fino alla riqualificazione della cava e del vecchio stabilimento, passando per un impianto fotovoltaico realizzato con un investimento di circa 2,4 milioni di euro per coprire il fabbisogno energetico aziendale.

L’utilizzo di materie prime naturali, senza nessun additivo chimico, – spiega l’amministratore delegato Pierluigi Carena – è la nostra filosofia da vent’anni. In passato, mischiato all’argilla, abbiamo utilizzato per l’impasto anche coke di petrolio, che accelera la fusione e quindi la cottura. Ma il coke contiene zolfo, e causa le piogge acide: per questo abbiamo deciso di abbandonarlo. Tutt’ora ci sono aziende che utilizzano – perché la legge lo permette – anche fanghi di cantiere e di fonderia. Una pratica che permette di risparmiare, perché si usa meno argilla e le imprese che ti forniscono i fanghi ti pagano pure, ma noi non l’abbiamo mai fatto”.

Qualche anno fa, accanto ai mattoni tradizionali è nato BIOPOR, adatto anche alle costruzioni in bioedilizia: “Volevamo fare un mattone porizzato, ossia dotato di tante piccole cavità che ne migliorassero la performance termica. Molte fornaci usavano il polistirolo, di nuovo un derivato del petrolio che non ci convinceva. Così abbiamo scelto la farina di legno vergine, e poi la lolla di riso, di cui il nostro territorio è molto ricco”. Una scelta di filiera corta che continua anche nella commercializzazione: “Negli ultimi anni abbiamo capito che era necessario puntare sempre di più sul chilometro zero: vedevamo che i nostri migliori clienti ci apprezzavano perché ci conoscevano direttamente. Inoltre, ci sembra assurdo trasportare mattoni dal Nord al Sud Italia, visto che di solito in ogni provincia c’è una fornace. E poi, ci piace l’idea che le case di qui vengano fatte con i mattoni prodotti sul territorio usando argilla locale”.

Negli ultimi anni, nonostante la crisi dell’edilizia che ha avuto inesorabilmente ripercussioni anche sulle imprese di laterizi, Fornace Carena ha fatto un grosso investimento per dotarsi di pannelli fotovoltaici: “Tra il 2008 e il 2010 abbiamo realizzato tre impianti sul tetto dei capannoni, per un investimento totale di 2,4 milioni di euro. Oggi dal sole arriva circa il 10% dell’energia necessaria per impastare l’argilla e far girare la ventola dell’essiccatoio. E’ un investimento a lungo termine, ma ci abbiamo creduto fortemente, perché ci sembrava giusto sfruttare una fonte di energia gratuita e non inquinante”.  E che può generare anche una piccola integrazione del reddito quando la domanda è più bassa e la produzione si ferma: “Nei momenti in cui non produciamo, cediamo tutta l’energia a Enel”.

Accanto alle attività produttive, Carena è anche impegnata nella gestione in chiave sostenibile della vecchia cava, riqualificata e trasformata in un parco. “Il processo è iniziato dopo l’emanazione, nel 1978, della legge regionale 69 sulle cave, che ha imposto l’obbligo di riqualificazione al momento dell’abbandono di un sito estrattivo. Abbiamo lasciato fare molto alla natura: dove prima c’erano gli scavi, si sono formati laghetti, dove è tornata una fauna prima scomparsa dal territorio. Abbiamo piantato boschetti e creato sentieri, dando vita a un’oasi selvaggia in mezzo a una campagna altamente sfruttata per le coltivazioni di mais. Oggi, per la gestione, spendiamo qualche migliaio di euro all’anno. Per visitarlo, basta prenotarsi”.

Una ventina di anni fa, nei vecchi capannoni ristrutturati è nato anche l’Ecomuseo dell’Argilla, istituito grazie a un contributo della Regione Piemonte: “Le scuole vengono spesso a visitarlo, per conoscere la storia della terracotta e vedere come lavora oggi una fornace”. E sempre qui nasce il suggestivo “Spazio Hoffmann“, destinato a ospitare eventi, come la recente serata di beneficenza “a tema” organizzata da Edilcantiere con Marco Berry: 53.334 mattoni per costruire l’ospedale per bambini Mohamed Aden Sheikh Children Teaching Hospital in Somalia.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Torino i veicoli elettrici ora entrano gratis nella ZTL

giugno 29, 2017

A Torino i veicoli elettrici ora entrano gratis nella ZTL

A Torino, i possessori di veicoli dotati di alimentazione elettrica pura potranno richiedere e ottenere il permesso ZTL Blu-A a titolo gratuito, anche se non rientrano nelle categorie attualmente autorizzate. Sono i frutti di un “provvedimento ponte” approvato martedì 27 giugno dalla giunta di Chiara Appendino, nel quadro di una revisione generale delle modalità di accesso alla ZTL [...]

Ecotessitrici della Sardegna, un filo che arriva fino all’arcipelago giapponese di Okinawa

giugno 28, 2017

Ecotessitrici della Sardegna, un filo che arriva fino all’arcipelago giapponese di Okinawa

Un legame stretto, nonostante 10 mila chilometri di distanza, tra la Sardegna e l’arcipelago di Okinawa in Giappone. Isole che condividono la lunga aspettativa di vita, sono tra le popolazioni  più longeve del mondo. Merito di uno stile di vita semplice e sano. Ma un altro filo che unisce  è la custodia di antiche tradizioni, come  la [...]

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

giugno 27, 2017

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

Bellezze naturali e attrazioni turistiche: sono numerosi i punti di interesse che anche quest’anno cicloturisti e trekker potranno raggiungere grazie al TrenoBus delle Dolomiti, il servizio intermodale che offre ai ciclisti e agli amanti del trekking la possibilità di percorrere le piste ciclabili dell’intero anello dolomitico e di passeggiare nel cuore dei numerosi punti di [...]

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende