Home » Rubriche »Very Important Planet » Francesco Abate, un “amplificatore” di notizie che parlano di ambiente:

Francesco Abate, un “amplificatore” di notizie che parlano di ambiente

A soli 14 anni, fine anni Settanta, si diverte e si guadagna da vivere come Dj in radio. Ne frequenta diverse fino a fondare con altri RADIOX, una delle prime emittenti radiofoniche a trasmettere via web. Ancora giovane, a 22 anni, nel 1986,  inizia a scrivere per il quotidiano L’Unione Sarda dove oggi si occupa delle pagine culturali. Il passaggio alla “scrittura lunga” del cagliaritano Francesco Abate, alias“Frisco”, risale al 1998 con “Mister Dabolina” per Castelvecchi. L’inizio della carriera prosegue con “Il cattivo cronista”, “Ultima di campionato” Getsemani dove racconta  di un uliveto secolare che una lottizzazione selvaggia trasforma in un quartiere residenziale. Nel 2007 unisce la sua creatività con quella del romanziere Massimo Carlotto e partoriscono Mi fido di teun giallo dedicato alla sofisticazione alimentare,  e per Edizioni Ambiente L’albero dei microchip romanzo inchiesta o eco-noir sui traffici e l’inquinamento dei rifiuti elettronici. La  biografia di Abate è segnata da un trapianto di fegato, esperienza che trasporta e rielabora nel romanzo “Chiedo Scusa”, scritto a quattro mani con Saverio Mastrofranco, pseudonimo dell’attore Valerio Mastandrea. La sua ultima fatica è Mia madre e altre catastrofi sempre per Einaudi. Ecco cosa ci ha raccontato del suo lavoro e della sensibilità ai temi ambientali…

D) Francesco iniziamo dalla fine: il tuo ultimo romanzo “Mia madre e altre catastrofi”.  Una genesi particolare che nasce dalla tua pagina Facebook. Quando hai iniziato a scrivere quei post avevi già l’idea del libro?

R) E’ nato strada facendo, grazie agli stimoli dei lettori e per la curiosità della casa editrice, che mi hanno chiesto: “Perché non fai un narrazione?”. Ho provato ed è andata bene!

D) Scrivere a partire dai social e confrontandoti con i lettori. Siamo lontani dall’idea dello scrittore isolato dal mondo e chiuso nella sua stanza, lontano da tutti….

R) Non è più pensabile, anche volendo, se si vuole stare con i piedi ancorati al mercato. E’ sempre più difficile e pochi si possono permettere questa distanza con il pubblico. Inoltre  non mi interessa. La mia scrittura è finalizzata alla condivisione. Un difetto genetico che mi porto dietro da quando ho iniziato a fare il dj e dopo con il lavoro giornalistico. Se non sei a contatto con il mondo che ti circonda sei fregato…

D) La protagonista è la signora Mariella Pisano, in realtà tua madre, «maoista» ma credente, devota al marito ma abbonata al collettivo femminista. E’ così come la descrivi o hai romanzato il personaggio? Come ha preso questa esposizione pubblica?

R) E’ così come l’ho descritta… L’ha presa bene, ma ovviamente ho scritto previa sua autorizzazione!

D) La tua prossima opera, a cosa stai lavorando?

R) Sto preparando un romanzone di 400 pagine per Piemme edizioni. Rientra all’interno di un filone storico, uscirà verso l’autunno, un lavoro a quattro mani con l’avvocato Carlo Augusto Melis e utilizzando un nom de plume. Una sorta di marchio.

D) Con “Mi fido di te”, scritto insieme a Massimo Carlotto, ti sei immerso nel mondo della sofisticazione alimentare. Qualcuno che l’ha letto si è convertito al chilometro zero?

R) Più che chilometro zero, chilometro all’unghia perché dopo averlo letto la domanda è stata “ora cosa mangio? Le unghie?”. Il primo effetto l’ho sperimentato su di me, scriverlo è  stata una presa di coscienza personale. Abbiamo avuto molte richieste di partecipazione a convegni, dibattiti sul cibo, siamo stati invitati pure alla “Sagra della Lumaca di Gesico” (un piccolo paese della provincia di Cagliari, NdR). Partecipare è stato un modo per trasmettere conoscenza. Mi piace essere “amplificatore” di storie e di notizie. Le persone sono interessate a questi temi, quando si parla di aria, acqua, cibo parli della nostra linfa vitale. Solo gli stolti non capiscono…

D) Ma non è l’unico libro dove  scrivi  di ambiente….

R) Proprio recentemente è stato riedito “L’Albero di microchip”, scritto sempre con Massimo, nella svizzera tedesca. Una storia tra Italia e Africa dove  si parla di traffici di rifiuti elettronici e dell’inquinamento che provocano sull’ambiente.

D) Quali sono, secondo te, le urgenze ecologiche prioritarie nel nostro Pianeta?

R) L’inquinamento in ogni sua forma, che va dalla pessima coscienza  delle aziende più grandi al singolo che abbandona la spazzatura per strada. Se guardiamo al mare: dalle petroliere che sversano veleno  in acqua a chi dalla barchetta lancia  bottiglie. Tutto quello che rientra in questa gamma di azioni e comportamenti è una priorità.

D) Tu cosa fai di buono per l’ambiente?

R) Ho rinunciato alla macchina, una scelta consapevole…

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

ottobre 20, 2020

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

Pochi sanno che la parola “Ambiente” è stata utilizzata come sostantivo per la prima volta nel trattato “Il Saggiatore” di Galileo Galilei, pubblicato il 20 ottobre 1623. Nel dettaglio al cap. 21, pag. 98, riga 4 dell’edizione originale, come visibile dall’immagine della pagina qui accanto. Dobbiamo dunque al genio italiano, fondatore della scienza moderna, la paternità [...]

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

ottobre 15, 2020

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

“Green Talk”, seconda edizione del convegno firmato 1000 Miglia Green, torna mercoledì 21 ottobre 2020 alle 10.30, in collaborazione con Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che da diversi anni stila il rapporto italiano sulle eccellenze del settore e-mobility. Il Green Talk nasce allo scopo di approfondire le tematiche della sostenibilità, con particolare attenzione e riferimento [...]

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

ottobre 9, 2020

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

L’edizione 2020 di IMAG-E tour non poteva che prendere avvio dai messaggi per la “ripartenza” dopo l’onda lunga del lockdown: più attenzione alla salute e all’ambiente, transizione concreta alla green economy, solidarietà tra i vari settori produttivi e collaborazione tra il pubblico e il privato. Tutte missioni che oggi, grazie anche ai fondi europei previsti [...]

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende