Home » Rubriche »Very Important Planet » Francesco Abate, un “amplificatore” di notizie che parlano di ambiente:

Francesco Abate, un “amplificatore” di notizie che parlano di ambiente

A soli 14 anni, fine anni Settanta, si diverte e si guadagna da vivere come Dj in radio. Ne frequenta diverse fino a fondare con altri RADIOX, una delle prime emittenti radiofoniche a trasmettere via web. Ancora giovane, a 22 anni, nel 1986,  inizia a scrivere per il quotidiano L’Unione Sarda dove oggi si occupa delle pagine culturali. Il passaggio alla “scrittura lunga” del cagliaritano Francesco Abate, alias“Frisco”, risale al 1998 con “Mister Dabolina” per Castelvecchi. L’inizio della carriera prosegue con “Il cattivo cronista”, “Ultima di campionato” Getsemani dove racconta  di un uliveto secolare che una lottizzazione selvaggia trasforma in un quartiere residenziale. Nel 2007 unisce la sua creatività con quella del romanziere Massimo Carlotto e partoriscono Mi fido di teun giallo dedicato alla sofisticazione alimentare,  e per Edizioni Ambiente L’albero dei microchip romanzo inchiesta o eco-noir sui traffici e l’inquinamento dei rifiuti elettronici. La  biografia di Abate è segnata da un trapianto di fegato, esperienza che trasporta e rielabora nel romanzo “Chiedo Scusa”, scritto a quattro mani con Saverio Mastrofranco, pseudonimo dell’attore Valerio Mastandrea. La sua ultima fatica è Mia madre e altre catastrofi sempre per Einaudi. Ecco cosa ci ha raccontato del suo lavoro e della sensibilità ai temi ambientali…

D) Francesco iniziamo dalla fine: il tuo ultimo romanzo “Mia madre e altre catastrofi”.  Una genesi particolare che nasce dalla tua pagina Facebook. Quando hai iniziato a scrivere quei post avevi già l’idea del libro?

R) E’ nato strada facendo, grazie agli stimoli dei lettori e per la curiosità della casa editrice, che mi hanno chiesto: “Perché non fai un narrazione?”. Ho provato ed è andata bene!

D) Scrivere a partire dai social e confrontandoti con i lettori. Siamo lontani dall’idea dello scrittore isolato dal mondo e chiuso nella sua stanza, lontano da tutti….

R) Non è più pensabile, anche volendo, se si vuole stare con i piedi ancorati al mercato. E’ sempre più difficile e pochi si possono permettere questa distanza con il pubblico. Inoltre  non mi interessa. La mia scrittura è finalizzata alla condivisione. Un difetto genetico che mi porto dietro da quando ho iniziato a fare il dj e dopo con il lavoro giornalistico. Se non sei a contatto con il mondo che ti circonda sei fregato…

D) La protagonista è la signora Mariella Pisano, in realtà tua madre, «maoista» ma credente, devota al marito ma abbonata al collettivo femminista. E’ così come la descrivi o hai romanzato il personaggio? Come ha preso questa esposizione pubblica?

R) E’ così come l’ho descritta… L’ha presa bene, ma ovviamente ho scritto previa sua autorizzazione!

D) La tua prossima opera, a cosa stai lavorando?

R) Sto preparando un romanzone di 400 pagine per Piemme edizioni. Rientra all’interno di un filone storico, uscirà verso l’autunno, un lavoro a quattro mani con l’avvocato Carlo Augusto Melis e utilizzando un nom de plume. Una sorta di marchio.

D) Con “Mi fido di te”, scritto insieme a Massimo Carlotto, ti sei immerso nel mondo della sofisticazione alimentare. Qualcuno che l’ha letto si è convertito al chilometro zero?

R) Più che chilometro zero, chilometro all’unghia perché dopo averlo letto la domanda è stata “ora cosa mangio? Le unghie?”. Il primo effetto l’ho sperimentato su di me, scriverlo è  stata una presa di coscienza personale. Abbiamo avuto molte richieste di partecipazione a convegni, dibattiti sul cibo, siamo stati invitati pure alla “Sagra della Lumaca di Gesico” (un piccolo paese della provincia di Cagliari, NdR). Partecipare è stato un modo per trasmettere conoscenza. Mi piace essere “amplificatore” di storie e di notizie. Le persone sono interessate a questi temi, quando si parla di aria, acqua, cibo parli della nostra linfa vitale. Solo gli stolti non capiscono…

D) Ma non è l’unico libro dove  scrivi  di ambiente….

R) Proprio recentemente è stato riedito “L’Albero di microchip”, scritto sempre con Massimo, nella svizzera tedesca. Una storia tra Italia e Africa dove  si parla di traffici di rifiuti elettronici e dell’inquinamento che provocano sull’ambiente.

D) Quali sono, secondo te, le urgenze ecologiche prioritarie nel nostro Pianeta?

R) L’inquinamento in ogni sua forma, che va dalla pessima coscienza  delle aziende più grandi al singolo che abbandona la spazzatura per strada. Se guardiamo al mare: dalle petroliere che sversano veleno  in acqua a chi dalla barchetta lancia  bottiglie. Tutto quello che rientra in questa gamma di azioni e comportamenti è una priorità.

D) Tu cosa fai di buono per l’ambiente?

R) Ho rinunciato alla macchina, una scelta consapevole…

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

maggio 30, 2017

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

“In Italia invece di valorizzare le figure che tutelano il territorio, si pensa ad affossarle. Alla Camera si sta consumando un vero attentato alla sopravvivenza dei Parchi, delle Aree Naturali, del Turismo Ambientale. I toni trionfalistici di alcuni deputati del PD non li comprendiamo dal momento in cui non ci sarà nulla da festeggiare qualora [...]

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende