Home » Rubriche »Very Important Planet » Francesco Abate, un “amplificatore” di notizie che parlano di ambiente:

Francesco Abate, un “amplificatore” di notizie che parlano di ambiente

A soli 14 anni, fine anni Settanta, si diverte e si guadagna da vivere come Dj in radio. Ne frequenta diverse fino a fondare con altri RADIOX, una delle prime emittenti radiofoniche a trasmettere via web. Ancora giovane, a 22 anni, nel 1986,  inizia a scrivere per il quotidiano L’Unione Sarda dove oggi si occupa delle pagine culturali. Il passaggio alla “scrittura lunga” del cagliaritano Francesco Abate, alias“Frisco”, risale al 1998 con “Mister Dabolina” per Castelvecchi. L’inizio della carriera prosegue con “Il cattivo cronista”, “Ultima di campionato” Getsemani dove racconta  di un uliveto secolare che una lottizzazione selvaggia trasforma in un quartiere residenziale. Nel 2007 unisce la sua creatività con quella del romanziere Massimo Carlotto e partoriscono Mi fido di teun giallo dedicato alla sofisticazione alimentare,  e per Edizioni Ambiente L’albero dei microchip romanzo inchiesta o eco-noir sui traffici e l’inquinamento dei rifiuti elettronici. La  biografia di Abate è segnata da un trapianto di fegato, esperienza che trasporta e rielabora nel romanzo “Chiedo Scusa”, scritto a quattro mani con Saverio Mastrofranco, pseudonimo dell’attore Valerio Mastandrea. La sua ultima fatica è Mia madre e altre catastrofi sempre per Einaudi. Ecco cosa ci ha raccontato del suo lavoro e della sensibilità ai temi ambientali…

D) Francesco iniziamo dalla fine: il tuo ultimo romanzo “Mia madre e altre catastrofi”.  Una genesi particolare che nasce dalla tua pagina Facebook. Quando hai iniziato a scrivere quei post avevi già l’idea del libro?

R) E’ nato strada facendo, grazie agli stimoli dei lettori e per la curiosità della casa editrice, che mi hanno chiesto: “Perché non fai un narrazione?”. Ho provato ed è andata bene!

D) Scrivere a partire dai social e confrontandoti con i lettori. Siamo lontani dall’idea dello scrittore isolato dal mondo e chiuso nella sua stanza, lontano da tutti….

R) Non è più pensabile, anche volendo, se si vuole stare con i piedi ancorati al mercato. E’ sempre più difficile e pochi si possono permettere questa distanza con il pubblico. Inoltre  non mi interessa. La mia scrittura è finalizzata alla condivisione. Un difetto genetico che mi porto dietro da quando ho iniziato a fare il dj e dopo con il lavoro giornalistico. Se non sei a contatto con il mondo che ti circonda sei fregato…

D) La protagonista è la signora Mariella Pisano, in realtà tua madre, «maoista» ma credente, devota al marito ma abbonata al collettivo femminista. E’ così come la descrivi o hai romanzato il personaggio? Come ha preso questa esposizione pubblica?

R) E’ così come l’ho descritta… L’ha presa bene, ma ovviamente ho scritto previa sua autorizzazione!

D) La tua prossima opera, a cosa stai lavorando?

R) Sto preparando un romanzone di 400 pagine per Piemme edizioni. Rientra all’interno di un filone storico, uscirà verso l’autunno, un lavoro a quattro mani con l’avvocato Carlo Augusto Melis e utilizzando un nom de plume. Una sorta di marchio.

D) Con “Mi fido di te”, scritto insieme a Massimo Carlotto, ti sei immerso nel mondo della sofisticazione alimentare. Qualcuno che l’ha letto si è convertito al chilometro zero?

R) Più che chilometro zero, chilometro all’unghia perché dopo averlo letto la domanda è stata “ora cosa mangio? Le unghie?”. Il primo effetto l’ho sperimentato su di me, scriverlo è  stata una presa di coscienza personale. Abbiamo avuto molte richieste di partecipazione a convegni, dibattiti sul cibo, siamo stati invitati pure alla “Sagra della Lumaca di Gesico” (un piccolo paese della provincia di Cagliari, NdR). Partecipare è stato un modo per trasmettere conoscenza. Mi piace essere “amplificatore” di storie e di notizie. Le persone sono interessate a questi temi, quando si parla di aria, acqua, cibo parli della nostra linfa vitale. Solo gli stolti non capiscono…

D) Ma non è l’unico libro dove  scrivi  di ambiente….

R) Proprio recentemente è stato riedito “L’Albero di microchip”, scritto sempre con Massimo, nella svizzera tedesca. Una storia tra Italia e Africa dove  si parla di traffici di rifiuti elettronici e dell’inquinamento che provocano sull’ambiente.

D) Quali sono, secondo te, le urgenze ecologiche prioritarie nel nostro Pianeta?

R) L’inquinamento in ogni sua forma, che va dalla pessima coscienza  delle aziende più grandi al singolo che abbandona la spazzatura per strada. Se guardiamo al mare: dalle petroliere che sversano veleno  in acqua a chi dalla barchetta lancia  bottiglie. Tutto quello che rientra in questa gamma di azioni e comportamenti è una priorità.

D) Tu cosa fai di buono per l’ambiente?

R) Ho rinunciato alla macchina, una scelta consapevole…

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende