Home » Rubriche »Very Important Planet » Francesco Abate, un “amplificatore” di notizie che parlano di ambiente:

Francesco Abate, un “amplificatore” di notizie che parlano di ambiente

A soli 14 anni, fine anni Settanta, si diverte e si guadagna da vivere come Dj in radio. Ne frequenta diverse fino a fondare con altri RADIOX, una delle prime emittenti radiofoniche a trasmettere via web. Ancora giovane, a 22 anni, nel 1986,  inizia a scrivere per il quotidiano L’Unione Sarda dove oggi si occupa delle pagine culturali. Il passaggio alla “scrittura lunga” del cagliaritano Francesco Abate, alias“Frisco”, risale al 1998 con “Mister Dabolina” per Castelvecchi. L’inizio della carriera prosegue con “Il cattivo cronista”, “Ultima di campionato” Getsemani dove racconta  di un uliveto secolare che una lottizzazione selvaggia trasforma in un quartiere residenziale. Nel 2007 unisce la sua creatività con quella del romanziere Massimo Carlotto e partoriscono Mi fido di teun giallo dedicato alla sofisticazione alimentare,  e per Edizioni Ambiente L’albero dei microchip romanzo inchiesta o eco-noir sui traffici e l’inquinamento dei rifiuti elettronici. La  biografia di Abate è segnata da un trapianto di fegato, esperienza che trasporta e rielabora nel romanzo “Chiedo Scusa”, scritto a quattro mani con Saverio Mastrofranco, pseudonimo dell’attore Valerio Mastandrea. La sua ultima fatica è Mia madre e altre catastrofi sempre per Einaudi. Ecco cosa ci ha raccontato del suo lavoro e della sensibilità ai temi ambientali…

D) Francesco iniziamo dalla fine: il tuo ultimo romanzo “Mia madre e altre catastrofi”.  Una genesi particolare che nasce dalla tua pagina Facebook. Quando hai iniziato a scrivere quei post avevi già l’idea del libro?

R) E’ nato strada facendo, grazie agli stimoli dei lettori e per la curiosità della casa editrice, che mi hanno chiesto: “Perché non fai un narrazione?”. Ho provato ed è andata bene!

D) Scrivere a partire dai social e confrontandoti con i lettori. Siamo lontani dall’idea dello scrittore isolato dal mondo e chiuso nella sua stanza, lontano da tutti….

R) Non è più pensabile, anche volendo, se si vuole stare con i piedi ancorati al mercato. E’ sempre più difficile e pochi si possono permettere questa distanza con il pubblico. Inoltre  non mi interessa. La mia scrittura è finalizzata alla condivisione. Un difetto genetico che mi porto dietro da quando ho iniziato a fare il dj e dopo con il lavoro giornalistico. Se non sei a contatto con il mondo che ti circonda sei fregato…

D) La protagonista è la signora Mariella Pisano, in realtà tua madre, «maoista» ma credente, devota al marito ma abbonata al collettivo femminista. E’ così come la descrivi o hai romanzato il personaggio? Come ha preso questa esposizione pubblica?

R) E’ così come l’ho descritta… L’ha presa bene, ma ovviamente ho scritto previa sua autorizzazione!

D) La tua prossima opera, a cosa stai lavorando?

R) Sto preparando un romanzone di 400 pagine per Piemme edizioni. Rientra all’interno di un filone storico, uscirà verso l’autunno, un lavoro a quattro mani con l’avvocato Carlo Augusto Melis e utilizzando un nom de plume. Una sorta di marchio.

D) Con “Mi fido di te”, scritto insieme a Massimo Carlotto, ti sei immerso nel mondo della sofisticazione alimentare. Qualcuno che l’ha letto si è convertito al chilometro zero?

R) Più che chilometro zero, chilometro all’unghia perché dopo averlo letto la domanda è stata “ora cosa mangio? Le unghie?”. Il primo effetto l’ho sperimentato su di me, scriverlo è  stata una presa di coscienza personale. Abbiamo avuto molte richieste di partecipazione a convegni, dibattiti sul cibo, siamo stati invitati pure alla “Sagra della Lumaca di Gesico” (un piccolo paese della provincia di Cagliari, NdR). Partecipare è stato un modo per trasmettere conoscenza. Mi piace essere “amplificatore” di storie e di notizie. Le persone sono interessate a questi temi, quando si parla di aria, acqua, cibo parli della nostra linfa vitale. Solo gli stolti non capiscono…

D) Ma non è l’unico libro dove  scrivi  di ambiente….

R) Proprio recentemente è stato riedito “L’Albero di microchip”, scritto sempre con Massimo, nella svizzera tedesca. Una storia tra Italia e Africa dove  si parla di traffici di rifiuti elettronici e dell’inquinamento che provocano sull’ambiente.

D) Quali sono, secondo te, le urgenze ecologiche prioritarie nel nostro Pianeta?

R) L’inquinamento in ogni sua forma, che va dalla pessima coscienza  delle aziende più grandi al singolo che abbandona la spazzatura per strada. Se guardiamo al mare: dalle petroliere che sversano veleno  in acqua a chi dalla barchetta lancia  bottiglie. Tutto quello che rientra in questa gamma di azioni e comportamenti è una priorità.

D) Tu cosa fai di buono per l’ambiente?

R) Ho rinunciato alla macchina, una scelta consapevole…

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende