Home » Rubriche »Very Important Planet » Francesco Bonami: “L’arte ecologica non funziona”:

Francesco Bonami: “L’arte ecologica non funziona”

settembre 21, 2012 Rubriche, Very Important Planet

Non una semplice campagna elettorale. Il countdown verso il 4 novembre, data in cui sapremo chi sarà il nuovo presidente degli Stati Uniti d’America, non è certo solo affare d’Oltreoceano. Il mondo intero brama di sapere se sarà Obama o Romney a sedere alla Casa Bianca. Il democratico afroamericano, che per qualcuno non ha mantenuto le promesse del 2008, ma insiste su un futuro “green” o il repubblicano di Detroit, che galvanizza i tycoons e vuole riaprire le concessioni petrolifere e potenziare il nucleare? Questa trepidante attesa è diventata una mostra, curata dal critico d’arte, naturalizzato americano, Francesco Bonami. Alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino, Bonami ha dato forma all’esibizione antologica “For President”, su un’idea del direttore de La Stampa, Mario Calabresi. Un viaggio nel racconto delle elezioni, viste con gli occhi dei media che in America sono ring fondamentale del dibattito politico e dello scontro umano tra i candidati.

Dice Bonami che “di solito è la cultura a chiedere aiuto ai politici. Negli Stati Uniti, quando c’è da diventare presidenti, sono i concorrenti a chiedere soccorso alla cultura”. Attori, divi, volti celeberrimi si spendono per tirare la volata al candidato di turno. L’arte al servizio del futuro governo. Un legame che si rinsalda sempre di più. Non lo stesso si può dire del connubio tra arte e natura, e dei problemi dell’ambiente. Anche se a giudizio del critico, un’opera artistica che si faccia denuncia a tutti i costi “non fa nient’altro che un cattivo servizio al suo fruitore”.

D) Le foto della Magnum, la più famosa agenzia di fotogiornalismo al mondo, e qualche opera  di dimensioni giganti fanno da scheletro all’esposizione. Perché questa mostra sulle cose americane piace così tanto al pubblico italiano?

R) Le esibizioni d’arte contemporanea, di solito, hanno un ritmo di racconto frammentato, oscuro. La nostra è volutamente semplice, con un tema sviluppato chiaramente, che ha l’obiettivo di farci entrare dentro un mondo che conosciamo, magari non alla perfezione, ma con cui abbiamo familiarità. Visitando “For President” non ci troviamo spiazzati, anche se magari non conosciamo a memoria le facce o l’ordine in cui si sono avvicendati i presidenti degli Stati Uniti. Il visitatore si avventura in medias res, prendendo contatto con la galassia Obama, e poi comincia a trovare nuovi sensi man mano che procede. A fare da filo rosso alle foto e alle pagine di giornale, ci sono tre grandi opere d’arte, quella di Vezzoli, di Horowitz e Muntadas che danno peso a tutto l’impianto narrativo.

D) L’impressione, visitandola, è che dagli anni ’60 a oggi quasi nulla sia cambiato. Le elezioni americane sono, ieri come oggi, uno dei grandi appuntamenti del mondo, che si consumano prima di tutto sullo schermo televisivo.

R) L’America è come un film western: sempre uguale, ma sempre diversi i protagonisti. La grandezza di questo stato è l’eccezionale capacità di aver creato una gabbia narrativa che resta la stessa anche se i volti e le storie umane cambiano. C’è una sceneggiatura strutturata che scandisce le elezioni in Usa: un inizio, un momento centrale che parte da un evento che mette in crisi il prescelto, il quale però si prende la sua rivalsa e alla fine vince, sconfiggendo l’avversario, di cui comunque seguiamo vita morte e miracoli senza troppi pregiudizi.

D) Perché secondo lei l’arte è così attratta dalla politica, soprattutto quella che governa le sorti del mondo, mentre ha meno collegamenti con altri problemi cruciali del pianeta, per esempio l’ecologia?

R) L’arte non ha l’obiettivo di dare soluzioni, con le sue denunce. Mostra le cose. L’”arte ecologica” non funziona per definizione, perché vuole avere lo scopo di cambiare qualcosa, mentre dovrebbe solo essere un modo per raccontare qualcosa che succede. Se l’arte pretende di assolvere a questo ruolo diventa cattiva arte”.

D) Non lo stesso si può dire per la letteratura, o per il cinema, dove abbondano i tentativi di ritrarre i grandi temi dell’ambiente. Pensiamo alla letteratura apocalittica, ai tantissimi film millenaristici sulle catastrofi naturali.

R) Letteratura e cinema si dipanano nel tempo, l’arte è uno spot, l’arte visiva deve essere assorbita in un momento, deve essere percepita in un momento. Celebra un istante, ha un rapporto con chi la vede, crea un’emozione fulminea, non una narrazione. È una debolezza e una specificità sua. Avviene nello spazio simbolico della galleria, non nello spazio della nostra testa. La denuncia non può essere monumento a un tema, ma semmai a degli eventi che sono accaduti.

D) Dobbiamo dunque rinunciare a credere che un giorno, oltre a fare vincere le elezioni americane, gli artisti si spenderanno anche per la sensibilizzazione ecologica nei confronti del pianeta?

R) Posso annunciarvi in anteprima che, dopo For President, ho intenzione di provare a mettere in piedi una mostra narrativa sul Pianeta a Milano, nel nuovo spazio del museo culturale Ansaldo di Chiepperfield.

D) Quando inaugurerà?

R) Spero la primavera prossima.

Appuntamento ad aprile, dunque, per la seconda parte dell’intervista…

Letizia Tortello

Sul tema arte & ambiente leggi anche: Andrea Gandiglio, “Recupero di materia: il nuovo mito nell’arte e nel design“, Arte Sera, Settembre – Ottobre 2012

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

febbraio 20, 2017

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

Dopo il successo della prima edizione a Locarno, nel 2016, con circa 10.000 visitatori, Tisana, la ventennale fiera svizzera del benessere olistico, del vivere etico e della medicina naturale, torna al Palexpo Fevi dal 3 al 5 marzo 2017. In mostra le eccellenze del mercato internazionale in un percorso ispirato a 9 aree tematiche: Armonia, [...]

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

febbraio 14, 2017

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

Il Comitato Ecolabel Ecoaudit e l’ISPRA, in concomitanza con l’assegnazione dell’EMAS Award 2017 indetto dalla Commissione Europea, intendono dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS premiando quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e, soprattutto, raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con questo riconoscimento [...]

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

febbraio 14, 2017

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

E’ allarme rosso per la vaquita, la più piccola focena del mondo. L’SOS arriva dal Comitato Internazionale per il Recupero della Vaquita (che fa capo allo IUCN), secondo il quale ne resterebbero appena 30 individui in natura, visto che la già risicatissima popolazione stimata lo scorso anno è ormai dimezzata. Endemica del Nord del Golfo della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende