Home » Rubriche »Very Important Planet » Francesco Bonami: “L’arte ecologica non funziona”:

Francesco Bonami: “L’arte ecologica non funziona”

settembre 21, 2012 Rubriche, Very Important Planet

Non una semplice campagna elettorale. Il countdown verso il 4 novembre, data in cui sapremo chi sarà il nuovo presidente degli Stati Uniti d’America, non è certo solo affare d’Oltreoceano. Il mondo intero brama di sapere se sarà Obama o Romney a sedere alla Casa Bianca. Il democratico afroamericano, che per qualcuno non ha mantenuto le promesse del 2008, ma insiste su un futuro “green” o il repubblicano di Detroit, che galvanizza i tycoons e vuole riaprire le concessioni petrolifere e potenziare il nucleare? Questa trepidante attesa è diventata una mostra, curata dal critico d’arte, naturalizzato americano, Francesco Bonami. Alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino, Bonami ha dato forma all’esibizione antologica “For President”, su un’idea del direttore de La Stampa, Mario Calabresi. Un viaggio nel racconto delle elezioni, viste con gli occhi dei media che in America sono ring fondamentale del dibattito politico e dello scontro umano tra i candidati.

Dice Bonami che “di solito è la cultura a chiedere aiuto ai politici. Negli Stati Uniti, quando c’è da diventare presidenti, sono i concorrenti a chiedere soccorso alla cultura”. Attori, divi, volti celeberrimi si spendono per tirare la volata al candidato di turno. L’arte al servizio del futuro governo. Un legame che si rinsalda sempre di più. Non lo stesso si può dire del connubio tra arte e natura, e dei problemi dell’ambiente. Anche se a giudizio del critico, un’opera artistica che si faccia denuncia a tutti i costi “non fa nient’altro che un cattivo servizio al suo fruitore”.

D) Le foto della Magnum, la più famosa agenzia di fotogiornalismo al mondo, e qualche opera  di dimensioni giganti fanno da scheletro all’esposizione. Perché questa mostra sulle cose americane piace così tanto al pubblico italiano?

R) Le esibizioni d’arte contemporanea, di solito, hanno un ritmo di racconto frammentato, oscuro. La nostra è volutamente semplice, con un tema sviluppato chiaramente, che ha l’obiettivo di farci entrare dentro un mondo che conosciamo, magari non alla perfezione, ma con cui abbiamo familiarità. Visitando “For President” non ci troviamo spiazzati, anche se magari non conosciamo a memoria le facce o l’ordine in cui si sono avvicendati i presidenti degli Stati Uniti. Il visitatore si avventura in medias res, prendendo contatto con la galassia Obama, e poi comincia a trovare nuovi sensi man mano che procede. A fare da filo rosso alle foto e alle pagine di giornale, ci sono tre grandi opere d’arte, quella di Vezzoli, di Horowitz e Muntadas che danno peso a tutto l’impianto narrativo.

D) L’impressione, visitandola, è che dagli anni ’60 a oggi quasi nulla sia cambiato. Le elezioni americane sono, ieri come oggi, uno dei grandi appuntamenti del mondo, che si consumano prima di tutto sullo schermo televisivo.

R) L’America è come un film western: sempre uguale, ma sempre diversi i protagonisti. La grandezza di questo stato è l’eccezionale capacità di aver creato una gabbia narrativa che resta la stessa anche se i volti e le storie umane cambiano. C’è una sceneggiatura strutturata che scandisce le elezioni in Usa: un inizio, un momento centrale che parte da un evento che mette in crisi il prescelto, il quale però si prende la sua rivalsa e alla fine vince, sconfiggendo l’avversario, di cui comunque seguiamo vita morte e miracoli senza troppi pregiudizi.

D) Perché secondo lei l’arte è così attratta dalla politica, soprattutto quella che governa le sorti del mondo, mentre ha meno collegamenti con altri problemi cruciali del pianeta, per esempio l’ecologia?

R) L’arte non ha l’obiettivo di dare soluzioni, con le sue denunce. Mostra le cose. L’”arte ecologica” non funziona per definizione, perché vuole avere lo scopo di cambiare qualcosa, mentre dovrebbe solo essere un modo per raccontare qualcosa che succede. Se l’arte pretende di assolvere a questo ruolo diventa cattiva arte”.

D) Non lo stesso si può dire per la letteratura, o per il cinema, dove abbondano i tentativi di ritrarre i grandi temi dell’ambiente. Pensiamo alla letteratura apocalittica, ai tantissimi film millenaristici sulle catastrofi naturali.

R) Letteratura e cinema si dipanano nel tempo, l’arte è uno spot, l’arte visiva deve essere assorbita in un momento, deve essere percepita in un momento. Celebra un istante, ha un rapporto con chi la vede, crea un’emozione fulminea, non una narrazione. È una debolezza e una specificità sua. Avviene nello spazio simbolico della galleria, non nello spazio della nostra testa. La denuncia non può essere monumento a un tema, ma semmai a degli eventi che sono accaduti.

D) Dobbiamo dunque rinunciare a credere che un giorno, oltre a fare vincere le elezioni americane, gli artisti si spenderanno anche per la sensibilizzazione ecologica nei confronti del pianeta?

R) Posso annunciarvi in anteprima che, dopo For President, ho intenzione di provare a mettere in piedi una mostra narrativa sul Pianeta a Milano, nel nuovo spazio del museo culturale Ansaldo di Chiepperfield.

D) Quando inaugurerà?

R) Spero la primavera prossima.

Appuntamento ad aprile, dunque, per la seconda parte dell’intervista…

Letizia Tortello

Sul tema arte & ambiente leggi anche: Andrea Gandiglio, “Recupero di materia: il nuovo mito nell’arte e nel design“, Arte Sera, Settembre – Ottobre 2012

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende