Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Franco Arminio, il “paesologo” che lavora alla rinascita dei piccoli borghi italiani:

Franco Arminio, il “paesologo” che lavora alla rinascita dei piccoli borghi italiani

dicembre 13, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Alcune case cadono a pezzi, hanno chiuso lo sportello bancario e il postino suona solo due volte la settimana. Hanno anche chiuso l’ospedale  più vicino e cancellato il tempo pieno nella scuola, ormai quasi deserta. Ma nonostante tutto questo – e salvo una guerra nucleare su scala mondiale - i piccoli paesi italiani continueranno ad esistere. Parola di Franco Arminio il paesologo, poeta e scienziato sociale dei piccoli borghi e animatore delle micro comunità abbarbicate alla vita perché “possono morire piccole frazioni con una decina di case, ma non un paese da mille anime. Io non ne ho notizia”.

Stiamo dunque tranquilli: le comunità paesane saranno pure precarie, ma sono dotate di una grossa scorta di resilienza. Si preoccupino invece i metropolitani, sostiene Arminio: “Per i paesi non c’è una tendenza alla scomparsa, anzi si invertirà e si tornerà alle aree interne. Sono più gravi i problemi delle città, è in crisi  il modello urbano per la scarsa qualità dell’aria e delle relazioni sociali“. La ruralità, seppure in piccoli numeri, torna ad essere sexy con i neo-rurali e tutti quelli che scappano dai grandi centri.

C’è da incentivare i migranti verso le “zone interne”. Ne è convinto Arminio:”Ci vorrebbero più incentivi per i giovani che vogliono trasferirsi. Sono pochi per ora, ma è un segnale importante e se la politica volesse incoraggiare queste cose… “. Ma la politica è una macchina energivora di voti, pochi quelli offerti dalle campagne e montagne italiane. Ma qualcosa si può fare, basti pensare alla “Casa della paesologia“, un luogo di socializzazione e d’incontro che attira energie da ogni regione d’Italia:  “Un miracolo di questi tempi di autismo corale e dopo 30 anni di egemonia culturale dell’individualismo. Abbiamo già 208 iscritti, pagano una quota annuale di 30 euro, ed il 2018 non è ancora iniziato”.

Ma cosa si fa e si agita  in questa dimora? “Cantiamo, discutiamo, balliamo. In questo momento c’è un gruppo di musicisti che sta preparando un disco sulle musiche dell’Appennino, sono innovativi”. C’è tanta arte, ma è pure una scelta “politica”. Ricorda forse una comune? Il paragone non dispiace, ma soprattutto il punto, secondo Arminio, è che “in Italia mancano le associazioni di questo tipo, dove progetto politico e poetico vadano insieme. Ho rispetto per le associazioni ambientaliste ma è un lavoro sulle questioni, qui si lavora anche sulle persone“. Il pubblico è privato? Anche questo paragone piace a Franco: “nessuno inventa niente, non usiamo quella formula, ma somiglia ed è inedita per questa stagione seppure sia un’esperienza già fatta  in passato”. Sembra quasi una setta? Questo paragone, invece, non piace perché, dice, “siamo una comunità provvisoria, qui le persone s’incontrano, si conoscono poi magari vanno a fare cose insieme da tutt’altra parte”.

C’è la Casa e c’è anche il Festival della Paesologia, dove si fa il pieno di incontri, laboratori, letture, spettacoli, ma meglio non limitarsi al ruolo di fruitore passivo: “chi viene ad Aliano come semplice spettatore è ben accetto, ma è chiaro che il nostro desiderio è che le persone vengano con l’idea di proporre qualcosa“. La partecipazione, insomma, non è stare sopra un albero.

Il nostro paesologo  è artista, ma si occupa anche di piani di sviluppo per le zone interne. E le due dimensioni si legano: non c’è stacco tra cultura e lavoro. Si può fare tanto per i paesi, ma resta il problema che “non c’è attenzione dalla politica, la legge sui piccoli paesi è insufficiente. Servono politiche decise: a problemi eccezionali, mezzi eccezionali“.

Ma cosa ne pensa Franco di iniziative locali come quella del sindaco di Ollolai, in Sardegna, che dà le case a 1 euro, purché venga riqualificato il centro storico?Se non fai non succede niente, ben venga quindi il dinamismo del sindaco; ma servono politiche nazionali. Serve reinserire scuola, sanità e tutti  i servizi che sono stati tagliati. A qualunque costo, anche se nell’immediato può essere un’operazione in perdita“. E quanto valgono gli eventi, le sagre, tutto quello che si muove oggi intorno ai centri rurali? “Hanno un senso, ma non deve finire tutto il giorno dopo quando si riprende a comprare al supermercato. Bisogna dare una mano ai contadini pagando l’olio 10 e non 2 euro. Non bastano gli incentivi e l’assistenza,  serve la cooperazione, l’alleanza”.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende