Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Franco Arminio, il “paesologo” che lavora alla rinascita dei piccoli borghi italiani:

Franco Arminio, il “paesologo” che lavora alla rinascita dei piccoli borghi italiani

dicembre 13, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Alcune case cadono a pezzi, hanno chiuso lo sportello bancario e il postino suona solo due volte la settimana. Hanno anche chiuso l’ospedale  più vicino e cancellato il tempo pieno nella scuola, ormai quasi deserta. Ma nonostante tutto questo – e salvo una guerra nucleare su scala mondiale - i piccoli paesi italiani continueranno ad esistere. Parola di Franco Arminio il paesologo, poeta e scienziato sociale dei piccoli borghi e animatore delle micro comunità abbarbicate alla vita perché “possono morire piccole frazioni con una decina di case, ma non un paese da mille anime. Io non ne ho notizia”.

Stiamo dunque tranquilli: le comunità paesane saranno pure precarie, ma sono dotate di una grossa scorta di resilienza. Si preoccupino invece i metropolitani, sostiene Arminio: “Per i paesi non c’è una tendenza alla scomparsa, anzi si invertirà e si tornerà alle aree interne. Sono più gravi i problemi delle città, è in crisi  il modello urbano per la scarsa qualità dell’aria e delle relazioni sociali“. La ruralità, seppure in piccoli numeri, torna ad essere sexy con i neo-rurali e tutti quelli che scappano dai grandi centri.

C’è da incentivare i migranti verso le “zone interne”. Ne è convinto Arminio:”Ci vorrebbero più incentivi per i giovani che vogliono trasferirsi. Sono pochi per ora, ma è un segnale importante e se la politica volesse incoraggiare queste cose… “. Ma la politica è una macchina energivora di voti, pochi quelli offerti dalle campagne e montagne italiane. Ma qualcosa si può fare, basti pensare alla “Casa della paesologia“, un luogo di socializzazione e d’incontro che attira energie da ogni regione d’Italia:  “Un miracolo di questi tempi di autismo corale e dopo 30 anni di egemonia culturale dell’individualismo. Abbiamo già 208 iscritti, pagano una quota annuale di 30 euro, ed il 2018 non è ancora iniziato”.

Ma cosa si fa e si agita  in questa dimora? “Cantiamo, discutiamo, balliamo. In questo momento c’è un gruppo di musicisti che sta preparando un disco sulle musiche dell’Appennino, sono innovativi”. C’è tanta arte, ma è pure una scelta “politica”. Ricorda forse una comune? Il paragone non dispiace, ma soprattutto il punto, secondo Arminio, è che “in Italia mancano le associazioni di questo tipo, dove progetto politico e poetico vadano insieme. Ho rispetto per le associazioni ambientaliste ma è un lavoro sulle questioni, qui si lavora anche sulle persone“. Il pubblico è privato? Anche questo paragone piace a Franco: “nessuno inventa niente, non usiamo quella formula, ma somiglia ed è inedita per questa stagione seppure sia un’esperienza già fatta  in passato”. Sembra quasi una setta? Questo paragone, invece, non piace perché, dice, “siamo una comunità provvisoria, qui le persone s’incontrano, si conoscono poi magari vanno a fare cose insieme da tutt’altra parte”.

C’è la Casa e c’è anche il Festival della Paesologia, dove si fa il pieno di incontri, laboratori, letture, spettacoli, ma meglio non limitarsi al ruolo di fruitore passivo: “chi viene ad Aliano come semplice spettatore è ben accetto, ma è chiaro che il nostro desiderio è che le persone vengano con l’idea di proporre qualcosa“. La partecipazione, insomma, non è stare sopra un albero.

Il nostro paesologo  è artista, ma si occupa anche di piani di sviluppo per le zone interne. E le due dimensioni si legano: non c’è stacco tra cultura e lavoro. Si può fare tanto per i paesi, ma resta il problema che “non c’è attenzione dalla politica, la legge sui piccoli paesi è insufficiente. Servono politiche decise: a problemi eccezionali, mezzi eccezionali“.

Ma cosa ne pensa Franco di iniziative locali come quella del sindaco di Ollolai, in Sardegna, che dà le case a 1 euro, purché venga riqualificato il centro storico?Se non fai non succede niente, ben venga quindi il dinamismo del sindaco; ma servono politiche nazionali. Serve reinserire scuola, sanità e tutti  i servizi che sono stati tagliati. A qualunque costo, anche se nell’immediato può essere un’operazione in perdita“. E quanto valgono gli eventi, le sagre, tutto quello che si muove oggi intorno ai centri rurali? “Hanno un senso, ma non deve finire tutto il giorno dopo quando si riprende a comprare al supermercato. Bisogna dare una mano ai contadini pagando l’olio 10 e non 2 euro. Non bastano gli incentivi e l’assistenza,  serve la cooperazione, l’alleanza”.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende