Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Franco Arminio, il “paesologo” che lavora alla rinascita dei piccoli borghi italiani:

Franco Arminio, il “paesologo” che lavora alla rinascita dei piccoli borghi italiani

dicembre 13, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Alcune case cadono a pezzi, hanno chiuso lo sportello bancario e il postino suona solo due volte la settimana. Hanno anche chiuso l’ospedale  più vicino e cancellato il tempo pieno nella scuola, ormai quasi deserta. Ma nonostante tutto questo – e salvo una guerra nucleare su scala mondiale - i piccoli paesi italiani continueranno ad esistere. Parola di Franco Arminio il paesologo, poeta e scienziato sociale dei piccoli borghi e animatore delle micro comunità abbarbicate alla vita perché “possono morire piccole frazioni con una decina di case, ma non un paese da mille anime. Io non ne ho notizia”.

Stiamo dunque tranquilli: le comunità paesane saranno pure precarie, ma sono dotate di una grossa scorta di resilienza. Si preoccupino invece i metropolitani, sostiene Arminio: “Per i paesi non c’è una tendenza alla scomparsa, anzi si invertirà e si tornerà alle aree interne. Sono più gravi i problemi delle città, è in crisi  il modello urbano per la scarsa qualità dell’aria e delle relazioni sociali“. La ruralità, seppure in piccoli numeri, torna ad essere sexy con i neo-rurali e tutti quelli che scappano dai grandi centri.

C’è da incentivare i migranti verso le “zone interne”. Ne è convinto Arminio:”Ci vorrebbero più incentivi per i giovani che vogliono trasferirsi. Sono pochi per ora, ma è un segnale importante e se la politica volesse incoraggiare queste cose… “. Ma la politica è una macchina energivora di voti, pochi quelli offerti dalle campagne e montagne italiane. Ma qualcosa si può fare, basti pensare alla “Casa della paesologia“, un luogo di socializzazione e d’incontro che attira energie da ogni regione d’Italia:  “Un miracolo di questi tempi di autismo corale e dopo 30 anni di egemonia culturale dell’individualismo. Abbiamo già 208 iscritti, pagano una quota annuale di 30 euro, ed il 2018 non è ancora iniziato”.

Ma cosa si fa e si agita  in questa dimora? “Cantiamo, discutiamo, balliamo. In questo momento c’è un gruppo di musicisti che sta preparando un disco sulle musiche dell’Appennino, sono innovativi”. C’è tanta arte, ma è pure una scelta “politica”. Ricorda forse una comune? Il paragone non dispiace, ma soprattutto il punto, secondo Arminio, è che “in Italia mancano le associazioni di questo tipo, dove progetto politico e poetico vadano insieme. Ho rispetto per le associazioni ambientaliste ma è un lavoro sulle questioni, qui si lavora anche sulle persone“. Il pubblico è privato? Anche questo paragone piace a Franco: “nessuno inventa niente, non usiamo quella formula, ma somiglia ed è inedita per questa stagione seppure sia un’esperienza già fatta  in passato”. Sembra quasi una setta? Questo paragone, invece, non piace perché, dice, “siamo una comunità provvisoria, qui le persone s’incontrano, si conoscono poi magari vanno a fare cose insieme da tutt’altra parte”.

C’è la Casa e c’è anche il Festival della Paesologia, dove si fa il pieno di incontri, laboratori, letture, spettacoli, ma meglio non limitarsi al ruolo di fruitore passivo: “chi viene ad Aliano come semplice spettatore è ben accetto, ma è chiaro che il nostro desiderio è che le persone vengano con l’idea di proporre qualcosa“. La partecipazione, insomma, non è stare sopra un albero.

Il nostro paesologo  è artista, ma si occupa anche di piani di sviluppo per le zone interne. E le due dimensioni si legano: non c’è stacco tra cultura e lavoro. Si può fare tanto per i paesi, ma resta il problema che “non c’è attenzione dalla politica, la legge sui piccoli paesi è insufficiente. Servono politiche decise: a problemi eccezionali, mezzi eccezionali“.

Ma cosa ne pensa Franco di iniziative locali come quella del sindaco di Ollolai, in Sardegna, che dà le case a 1 euro, purché venga riqualificato il centro storico?Se non fai non succede niente, ben venga quindi il dinamismo del sindaco; ma servono politiche nazionali. Serve reinserire scuola, sanità e tutti  i servizi che sono stati tagliati. A qualunque costo, anche se nell’immediato può essere un’operazione in perdita“. E quanto valgono gli eventi, le sagre, tutto quello che si muove oggi intorno ai centri rurali? “Hanno un senso, ma non deve finire tutto il giorno dopo quando si riprende a comprare al supermercato. Bisogna dare una mano ai contadini pagando l’olio 10 e non 2 euro. Non bastano gli incentivi e l’assistenza,  serve la cooperazione, l’alleanza”.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

ottobre 28, 2020

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

La salvaguardia dell’ambiente dagli elementi inquinanti è il tema del quarto appuntamento con “A qualcuno piace Green”, il viaggio in un’Italia sorprendentemente sensibile e innovativa sui temi ambientali con il biologo marino e divulgatore Raffaele Di Placido, in onda giovedì 29 ottobre alle ore 21.10 su laF (Sky 135, on Demand su Sky e su Sky Go). “Salute e benessere” [...]

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

ottobre 20, 2020

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

Pochi sanno che la parola “Ambiente” è stata utilizzata come sostantivo per la prima volta nel trattato “Il Saggiatore” di Galileo Galilei, pubblicato il 20 ottobre 1623. Nel dettaglio al cap. 21, pag. 98, riga 4 dell’edizione originale, come visibile dall’immagine della pagina qui accanto. Dobbiamo dunque al genio italiano, fondatore della scienza moderna, la paternità [...]

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

ottobre 15, 2020

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

“Green Talk”, seconda edizione del convegno firmato 1000 Miglia Green, torna mercoledì 21 ottobre 2020 alle 10.30, in collaborazione con Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che da diversi anni stila il rapporto italiano sulle eccellenze del settore e-mobility. Il Green Talk nasce allo scopo di approfondire le tematiche della sostenibilità, con particolare attenzione e riferimento [...]

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

ottobre 9, 2020

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

L’edizione 2020 di IMAG-E tour non poteva che prendere avvio dai messaggi per la “ripartenza” dopo l’onda lunga del lockdown: più attenzione alla salute e all’ambiente, transizione concreta alla green economy, solidarietà tra i vari settori produttivi e collaborazione tra il pubblico e il privato. Tutte missioni che oggi, grazie anche ai fondi europei previsti [...]

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende