Home » Rubriche »Very Important Planet » Franco Trentalance, il “Peccatore” del vino bio: “diffido delle persone che non amano l’ambiente”:

Franco Trentalance, il “Peccatore” del vino bio: “diffido delle persone che non amano l’ambiente”

aprile 14, 2017 Rubriche, Very Important Planet

Vent’anni di onorata carriera da pornodivo, 400 pellicole da protagonista illuminato dalle luci rosse e poi, alla soglia dei cinquant’anni, arrivederci e grazie. Senza rinnegare nulla. Franco Trentalance, origini molisane ma nato a Bologna, da due mesi ha abbandonato la nudità professionale e iniziato “quattro nuove carriere, per sostituirne una”. Da poche settimane vive di teatro, uno spettacolo che ha fatto sold out, firma fatture come mental coach, ha scritto un libro, ma soprattutto si è dedicato alla terra. Con un’azienda romagnola produce “Il Peccatore“, etichetta con chiaro inchiostro autobiografico, un Sangiovese superiore biologico, presentato nei giorni scorsi al Vinitaly. Perché Franco ama l’ambiente e le sue donne devono superare un test tutto green, lo spiega nell’intervista, per entrare nelle sue grazie.

D)  Franco da due mesi niente set porno,  come occupi il tuo tempo?

R) Mi dedico totalmente alle attività di cui mi occupavo, con meno tempo, anche prima. Quattro carriere nuove per sostituirne una. In particolare teatro, mental coaching, vino e  scrittura.

D) Iniziamo dal teatro, “Trattare con cura” ha fatto il pieno a Bologna. Sold out. Il pubblico apprezza. C’è tanta ironia, tanto di te e del sesso?

R) Le persone, senza distinzione di ceto sociale, mi hanno sempre chiesto come funziona sul set e quindi ho scritto uno spettacolo sul mondo “a tripla x” dove rivelo i retroscena di un pianeta di cui in tanti parlano, ma nessuno conosce bene. Poi l’attrazione uomo/donna, questi due animali che si cercano di continuo con dinamiche diverse nell’approccio, nello sviluppo e nella conclusione del rapporto. Siamo a metà tra tutorial e racconto biografico, ma non fine a stesso. Il 2 maggio sarò  in scena a Milano, un antipasto della stagione teatrale.

D) Calchi il palcoscenico e scrivi. Passione che coltivi da tempo, sei alla terza opera dopo “Trattare con cura” e “Tre giorni di buio”, con Gianluca Versace. Siamo curiosi di conoscere la  tua ultima fatica letteraria…

R) Si tratta di un thriller, partito molto bene. S’ intitola “Il guardiano del parco”,  scritto con Marco Limberti e ambientato nell’Appennino Tosco-Emiliano. Il 25 aprile ci consegneranno un premio al FIPILI Horror Festival, che raduna tutti gli appassionati di film horror. Cosa c’entriamo noi con un libro? Il romanzo nasce da una sceneggiatura, abbiamo realizzato anche delle clip, il film è rimasto in frigorifero ma all’editore è piaciuta l’idea. In questo caso è nato prima il film e poi il libro. Abbiamo un mucchio di materiale foto e video. Per questo siamo stati premiati.

D) Veniamo all’ultima impresa, quella agricola. Sei diventato produttore di vino, con un’etichetta presentata all’ultimo Vinitaly, com’e nata questa idea?

R)  Sono emiliano-romagnolo e grande appassionato di enogastronomia. Ho cercato  un partner per produrre un vino del quale essere orgoglioso, che mi rappresentasse: un Sangiovese superiore biologico. Un rosso, poi usciremo con un bianco. Seguo la politica dei piccoli passi. E’ prodotto nella Tenuta Santa Lucia, a Mercato Saraceno in provincia di Cesena, zona vocata a certi uvaggi. Sono veramente orgoglioso della scelta di produrre con un’azienda biodinamica!

D) L’hai battezzato “Il Peccatore” e non poteva essere diversamente…

R) Chiaro  riferimento al mio percorso, che non rinnegherò mai. Come ha detto San Giovanni “Se diciamo di essere senza peccato, inganniamo noi stessi e la verità non è in noi”… Va da sé che qui il peccato è quello di gola e  in questo senso è bene essere un peccatore.

D) Torniamo al biologico, perché questa scelta?

R) Ha un carattere etico e io adoro la natura. Sono amico di tanti sindaci e quando vedo costruire qualcosa mi arrabbio: diffido un po’ delle  persone che non amano  l’ambiente. Se uno non sta bene nella natura ha qualche problema con la sua personalità. Per stare con una donna faccio un test: prima in discoteca, poi una camminata nel bosco e a tirare con l’arco. Se si rompe le balle parte malissimo. Se è astemia, le fa schifo leggere, non le piace il bosco di cosa parliamo? Anche se fosse una super gnocca, grazie e arrivederci!

D) Pane, eros e natura! Ma quali sono gli oltraggi ambientali che ti fanno più arrabbiare?

R)  L’acqua… Quante bottiglie produciamo? I nostri nonni non ci crederebbero, loro neanche la pagavano. Trasportiamo tonnellate di plastica, non riesco a capirlo. Una follia!

D) Innamorato  e affascinato dalla natura, ma in concreto cosa fai per tutelarla nella vita di tutti i giorni?

R)  Cerco, non per tirchieria, di risparmiare acqua, luce e gas. A Castel Maggiore, dove abito, ho appena donato 8 alberi. Mi piace godere di un viale alberato in cui passerò tante volte nella mia vita e che ti può cambiare la qualità della giornata…

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende