Home » Rubriche »Very Important Planet » Frankie Hi-nrg la canta a tutti. “Cultura e ambiente non possono andare al risparmio”:

Frankie Hi-nrg la canta a tutti. “Cultura e ambiente non possono andare al risparmio”

maggio 13, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Un rapper italiano che piace anche ai mostri sacri come Run DMC e Beastie Boys, che lo hanno voluto sul palco per aprire i loro concerti. A Frankie hi-nrg mc, classe 1969, (al secolo Francesco Di Gesù), non serve la pagellina per confermare il suo estro musicale. Un punto di riferimento della scena hip hop italiana, ma aperto alle contaminazioni – una intensa collaborazione con Fiorella Mannoia - e  una forte attenzione ai temi sociali. E ora musica e arte insieme con Artune: 10 musicisti italiani che compongono la prima guida emozionale alle opere dei musei italiani. Una delle sue tante idee originali di cui ci parla in questa intervista.

D Frankie ci spieghi questa iniziativa?

R) E’ una formula di promozione artistica dove una forma d’arte si sposa con un’altra. Abbiamo chiesto a dieci artisti cinque brani a testa e di associare una loro canzone, a piacimento, ad un’opera d’arte. Una guida emozionale con un commento dell’artista che in questo modo introduce lo spettatore alla visione. Hanno aderito al progetto Elisa, Simone Cristicchi, Giuliano Sangiorgi, Paola Turci, Andrea Mirò, Neri Marcorè, Andy Fluon (Bluvertigo), Dario Vergassola, Claudio Coccoluto.

D) L’obiettivo?

R) Aiutare le persone a superare il timore reverenziale per l’arte, il senso d’inadeguatezza che certa scuola ci lascia addosso. Uno spunto, un pretesto per avvicinare tutti alla bellezza. Si devono aiutare le persone in quanto ignoranti. Si può fruire di questa nuova forma di racconto su Spotify, la piattaforma di streaming musicale,  o con lo smartphone davanti alle opere selezionate dagli artisti. Ci si può collegare su www.artune.it.

D) Di quale bellezza parliamo?

R) La ricerca del bello, non del cosiddetto bello. C’è un concetto di bellezza proprio e un altro basato sull’adeguarsi, sull’omologarsi ai gusti imperanti. Ti faccio un esempio: uno dei cosiddetti sex symbol degli anni scorsi era Serena Grandi, ma deve il suo successo a come è stata proposta, c’è dietro un gran lavoro perché fosse considerata una delle donne più belle. Il gusto collettivo è, dunque, andato in quella direzione. E’ necessaria, invece,  la tranquillità di osservare un’opera con il candore del fanciullo, quelli che meglio di tutti si pongono davanti all’arte.

D) I musei educano alla bellezza per come sono gestiti oggi?

R) Con grande difficoltà, si ha più la tutela delle opere che il lavoro di crescita culturale. Sono gestiti spesso da volenterosi operatori culturali che sacrificano tempo e capitali per organizzare eventi mentre il Ministro Franceschini considera il museo come una scatola dove la gente deve pagare per vedere delle opere. Poi ha il coraggio di chiedere di suonare gratuitamente per la “Festa della Musica” quando già si suona a gratis…

D) Vedo che non corre buon sangue con i “piani alti” della cultura nazionale…

R) Gli faccio io una proposta: si smetta di far aspettare 1 anno e 4 mesi per essere pagati dalla pubblica amministrazione! Nel prossimo futuro spero che arrivi un ministro vero

D) Parliamo di ambiente, mi indichi l’emergenza ambientale più grave secondo te?

R) Un’emergenza di natura psicologica che appartiene a tutti noi, non è visibile, c’è l’abbiamo dentro la testa ed è da affrontate molto velocemente. Si tratta di una straordinaria chiusura verso gli altri, verso la novità, la creatività, il belloSento parlare quasi esclusivamente di denaro, il soggetto sono sempre i soldi, questa è l’emergenza ambientale più grave e della quale meno ci accorgiamo.

D) E’ dunque una brutta economia quella che rovina tutto. Vedi altre emergenze che possano essere risolte più nell’immediato?

R) L’inquinamento delle coste, delle falde acquifere, il dissesto idrogeologico. Per fare esempio: Genova ogni anno smottaIl problema è che queste emergenze vengono non affrontate, cioè affrontate al risparmio; ma non si può andare al risparmio su un’eventuale catastrofe! Finché ci sarà, tra virgolette, “voglia di risparmiare” sulle cose necessarie si andrà sempre peggio. E infine, per capirci, quando i soldi ci sono tanti si rubano!

D) Riflessioni importanti sullo stato del pianeta e dell’economia, ma tu cosa fai ogni giorno, nel tuo piccolo, per rispettare l’ambiente?

R) Non rispondo alle provocazioni…

Si chiude così l’intervista con Frankie, che sale sul treno – anche questa è una risposta concreta all’ultima domanda – per andare alla mostra, a Palazzo Madama a Torino, ”Da Poussin agli Impressionisti. Tre secoli di pittura francese”, che ha contributo a rendere più piacevole al pubblico con la forza della musica.

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende