Home » Rubriche »Very Important Planet » Frankie Hi-nrg la canta a tutti. “Cultura e ambiente non possono andare al risparmio”:

Frankie Hi-nrg la canta a tutti. “Cultura e ambiente non possono andare al risparmio”

maggio 13, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Un rapper italiano che piace anche ai mostri sacri come Run DMC e Beastie Boys, che lo hanno voluto sul palco per aprire i loro concerti. A Frankie hi-nrg mc, classe 1969, (al secolo Francesco Di Gesù), non serve la pagellina per confermare il suo estro musicale. Un punto di riferimento della scena hip hop italiana, ma aperto alle contaminazioni – una intensa collaborazione con Fiorella Mannoia - e  una forte attenzione ai temi sociali. E ora musica e arte insieme con Artune: 10 musicisti italiani che compongono la prima guida emozionale alle opere dei musei italiani. Una delle sue tante idee originali di cui ci parla in questa intervista.

D Frankie ci spieghi questa iniziativa?

R) E’ una formula di promozione artistica dove una forma d’arte si sposa con un’altra. Abbiamo chiesto a dieci artisti cinque brani a testa e di associare una loro canzone, a piacimento, ad un’opera d’arte. Una guida emozionale con un commento dell’artista che in questo modo introduce lo spettatore alla visione. Hanno aderito al progetto Elisa, Simone Cristicchi, Giuliano Sangiorgi, Paola Turci, Andrea Mirò, Neri Marcorè, Andy Fluon (Bluvertigo), Dario Vergassola, Claudio Coccoluto.

D) L’obiettivo?

R) Aiutare le persone a superare il timore reverenziale per l’arte, il senso d’inadeguatezza che certa scuola ci lascia addosso. Uno spunto, un pretesto per avvicinare tutti alla bellezza. Si devono aiutare le persone in quanto ignoranti. Si può fruire di questa nuova forma di racconto su Spotify, la piattaforma di streaming musicale,  o con lo smartphone davanti alle opere selezionate dagli artisti. Ci si può collegare su www.artune.it.

D) Di quale bellezza parliamo?

R) La ricerca del bello, non del cosiddetto bello. C’è un concetto di bellezza proprio e un altro basato sull’adeguarsi, sull’omologarsi ai gusti imperanti. Ti faccio un esempio: uno dei cosiddetti sex symbol degli anni scorsi era Serena Grandi, ma deve il suo successo a come è stata proposta, c’è dietro un gran lavoro perché fosse considerata una delle donne più belle. Il gusto collettivo è, dunque, andato in quella direzione. E’ necessaria, invece,  la tranquillità di osservare un’opera con il candore del fanciullo, quelli che meglio di tutti si pongono davanti all’arte.

D) I musei educano alla bellezza per come sono gestiti oggi?

R) Con grande difficoltà, si ha più la tutela delle opere che il lavoro di crescita culturale. Sono gestiti spesso da volenterosi operatori culturali che sacrificano tempo e capitali per organizzare eventi mentre il Ministro Franceschini considera il museo come una scatola dove la gente deve pagare per vedere delle opere. Poi ha il coraggio di chiedere di suonare gratuitamente per la “Festa della Musica” quando già si suona a gratis…

D) Vedo che non corre buon sangue con i “piani alti” della cultura nazionale…

R) Gli faccio io una proposta: si smetta di far aspettare 1 anno e 4 mesi per essere pagati dalla pubblica amministrazione! Nel prossimo futuro spero che arrivi un ministro vero

D) Parliamo di ambiente, mi indichi l’emergenza ambientale più grave secondo te?

R) Un’emergenza di natura psicologica che appartiene a tutti noi, non è visibile, c’è l’abbiamo dentro la testa ed è da affrontate molto velocemente. Si tratta di una straordinaria chiusura verso gli altri, verso la novità, la creatività, il belloSento parlare quasi esclusivamente di denaro, il soggetto sono sempre i soldi, questa è l’emergenza ambientale più grave e della quale meno ci accorgiamo.

D) E’ dunque una brutta economia quella che rovina tutto. Vedi altre emergenze che possano essere risolte più nell’immediato?

R) L’inquinamento delle coste, delle falde acquifere, il dissesto idrogeologico. Per fare esempio: Genova ogni anno smottaIl problema è che queste emergenze vengono non affrontate, cioè affrontate al risparmio; ma non si può andare al risparmio su un’eventuale catastrofe! Finché ci sarà, tra virgolette, “voglia di risparmiare” sulle cose necessarie si andrà sempre peggio. E infine, per capirci, quando i soldi ci sono tanti si rubano!

D) Riflessioni importanti sullo stato del pianeta e dell’economia, ma tu cosa fai ogni giorno, nel tuo piccolo, per rispettare l’ambiente?

R) Non rispondo alle provocazioni…

Si chiude così l’intervista con Frankie, che sale sul treno – anche questa è una risposta concreta all’ultima domanda – per andare alla mostra, a Palazzo Madama a Torino, ”Da Poussin agli Impressionisti. Tre secoli di pittura francese”, che ha contributo a rendere più piacevole al pubblico con la forza della musica.

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende