Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Fresh-App: dalle bucce di mele e arance nasce a Napoli una bevanda innovativa:

Fresh-App: dalle bucce di mele e arance nasce a Napoli una bevanda innovativa

novembre 11, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Bucce di mele e arance, creatività partenopea e una tecnologia che permette di estrarre in poche ore oli essenziali e sostanze benefiche dai vegetali, mantenendone inalterata la qualità. Fresh-App, la bevanda creata all’Università Federico II di Napoli e vincitrice un mese fa della medaglia d’argento al concorso europeo di eco-innovazione alimentare Ecotrophelia, nasce dalla combinazione sapiente di pochi ingredienti.

Ora, mentre nel capoluogo campano è in fase di costituzione lo spin-off che dovrà occuparsi della produzione e distribuzione, Fresh-App si prepara ad arrivare sul mercato. “E’ una bevanda dissetante, leggermente gassata, a bassa gradazione alcolica, adatta anche per gli aperitivi, sia da sola, sia miscelata con altre per ottenere cocktail”, spiega il docente Daniele Naviglio, che ha lavorato al progetto insieme ai colleghi Pierpaolo Scarano, Carla Manfredi e Monica Gallo e a un team di neolaureati e ricercatori (Emmanuele Parisi, Davide Luglio, Simona Giacobbe, Laura Le Grottaglie, Manuela Vitulano, Mario Raiola, Lorenzo Aletta, Christian Pepe, Ilaria Sorrentino, Fulvio Ventuno, Sabato Volino).

Tutto è cominciato nei laboratori di Chimica analitica del Dipartimento di Chimica di Monte Sant’Angelo, dove si lavora molto sul recupero di scarti alimentari da produzioni industriali. “Quando siamo venuti a conoscenza del concorso, avevamo già iniziato a mettere a punto questa bevanda partendo da scarti di lavorazione che prima erano considerati rifiuti”.

Decisiva è stata la tecnologia brevettata nel 1998 dallo stesso Naviglio e già utilizzato anche nel settore dell’erboristeria e nella produzione di liquori: “E’ un sistema che, attraverso l’alternanza di cicli di pressione e depressione, consente l’estrazione dei composti colorati e aromatici dalla matrice alimentare senza alterare le caratteristiche chimiche. Rispetto ai normali processi di macerazione, che durano settimane, tutto avviene in poche ore: grazie al ridotto contatto tra parte solida e parte liquida, i composti si mantengono integri, senza ossidazioni o degradazioni. Per utilizzare le bucce di mela questo era l’unico metodo possibile, perché nella macerazione tendono a ossidarsi facilmente”.

Oltre al sapore gradevole e al carattere ecologico, ad attirare l’attenzione sul prodotto è stato anche il contenuto di sostanze benefiche: “Gli oli essenziali degli agrumi hanno molte proprietà, tra cui quelle espettoranti, mentre dalle bucce di mela vengono polifenoli, antociani e antiossidanti, utili nel contrasto allo stress e ai radicali liberi conseguenza dell’invecchiamento”. Per il packaging, il team ha scelto di utilizzare delle bottiglie di alluminio che, spiegano dall’università, “uniscono un aspetto giovane e gradevole a caratteristiche tecnologiche interessanti. Infatti, oltre a preservare il prodotto dalla luce e dai gas esterni, l’alluminio è riciclabile all’infinito e facile da compattare”.

Fresh-App ha ottenuto la medaglia d’argento nella competizione europea dopo essersi classificata al primo posto a livello nazionale, davanti ad altre cinque idee imprenditoriali presentate dall’università di Parma, dall’università di Modena e Reggio Emilia e dalla Seconda Università degli Studi di Napoli, che hanno proposto una pasta a base di canapa (Canapella), una pasta a base di farina di grillo (CrickEat), uno snack a base di gocce di miele (Honey Drops), un biscotto a base di quinoa (Quindì) e uno snack legato alle tipicità agronomiche territoriali delle diverse regioni italiane (Vorticella). Nella finale europea, il team napoletano ha dovuto competere con quelli di altri 15 Paesi europei.

Dopo il buon risultato ottenuto, continua Naviglio, “sono già arrivate diverse manifestazioni di interesse da parte di aziende alimentari e nei primi taste panel abbiamo ottenuto percentuali di gradimento che superano l’80%”. Per poter bere Fresh-App all’ora dell’aperitivo non bisognerà aspettare molto: “Il prodotto sarebbe già pronto per la commercializzazione. Adesso stiamo lavorando alla costituzione della società, che per i primi anni avrà la forma di uno spin-off universitario”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende