Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Fresia Alluminio: primi della classe A per “neociclo” e innovazione:

Fresia Alluminio: primi della classe A per “neociclo” e innovazione

giugno 12, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Investire oggi nell’innovazione, per chi opera in un settore in profonda crisi come quello dell’edilizia, non è certo facile, ma si conferma l’unico paracadute e, in alcuni casi, il volano per lo sviluppo di nuovi segmenti di mercato e per un’internazionalizzazione vincente. A dimostrarlo con i fatti, in questa puntata di “Campioni d’Italia“, è la Fresia Alluminio di Torino, produttore di sistemi per serramenti e facciate continue, prima azienda in Italia ad aver immesso sul mercato una gamma di prodotti nati dal recupero e dalla rigenerazione dell’alluminio, con una filiera certificata da un ente terzo (Bureau Veritas) che consente di conseguire crediti nei protocolli di certificazione della sostenibilità degli edifici LEED® e Itaca.

Abbiamo visitato lo stabilimento di Volpiano, dove avviene gran parte della produzione e della logistica, gestita con un avveniristico magazzino automatizzato di ultima generazione, che offre subito un’immagine tangibile di cosa vuol dire “saper stare sul mercato” facendo green economy: efficienza, sostenibilità, lungimiranza. Ad accogliere i progettisti in visita all’impianto è un grande cartello che racconta, in numeri, l’analisi LCA (Life Cycle Assesment) di prodotto, che l’azienda ha sviluppato, in collaborazione con l’Environment Park di Torino, per attestare l’effettivo impatto ambientale in termini di riduzione di emissioni CO2 ed energia primaria nella produzione dei profilati “neociclati”.

Alla Fresia questo neologismo – da loro coniato – piace di più del tradizionale “riciclato”, che porta con sé un pregiudizio di “scarsa qualità”, quasi si trattasse di materiale scadente, di seconda scelta, quando invece l’alluminio può sopportare infiniti cicli senza perdere le proprie caratteristiche meccaniche. “Se il produttore di billette utilizza, nella fusione, un processo tecnologico che si chiama omogenizzazione, si riescono ad ottenere gli stessi standard qualitativi rispetto all’alluminio primario”, spiega Valentino Fresia, amministratore delegato dell’azienda.

L’azienda decide strategicamente di indirizzare il proprio sviluppo nell’alveo della green economy nel 2006, lanciando una prima serie di serramenti ad alta efficienza energetica che anticipano, di fatto, le richieste del DL 211/2006 sulla certificazione energetica degli edifici e del bonus sulle riqualificazioni del 2008. Scelta non banale per chi produce serramenti in alluminio, un materiale ad alta conducibilità termica, che necessita quindi di essere “stoppata” con barrette di rivestimento in poliammide, secondo uno standard divenuto internazionale.

Per distinguersi dai concorrenti, nel 2009, Fresia chiede però al proprio fornitore di barrette, la Mazzer di Ponte Lambro (CO), di sviluppare un prodotto in poliammide rigenerato che mantenga la stessa resistenza termica di quello vergine. Una richiesta, da committente a fornitore, che ingenera un meccanismo virtuoso di ricerca e sviluppo e porta, nel 2011, ad un risultato finale innovativo e distintivo, che si traduce in vantaggio competitivo. Ma non basta. Fresia individua anche, attraverso la propria controllata AL System e la Technoform di Lainate (MI), la possibilità di utilizzare barrette in poliammide proveniente dall’olio di ricino e pertanto vegetale e biodegradabile al 100%. Una soluzione (si veda l’immagine al fondo dell’articolo) che, pur con un costo superiore del 15% nel prodotto finale, consente di soddisfare le richieste più esigenti del sistema Planet BIO e porta Fresia Alluminio ad essere l’unica azienda in italiana ad offrire entrambe le soluzioni, accoppiate all’utilizzo di alluminio “neociclato”.

I competitors, come spesso accade, iniziano a “rosicare” d’invidia e arrivano le prime accuse di falsa dichiarazione. “Abbiamo quindi deciso di affidare la verifica ad un ente terzo e super partes, che potesse garantire l’oggettività delle nostre dichiarazioni, nella speranza che un giorno i protocolli LEED e Itaca chiedano a tutti una certificazione“, precisa Valentino Fresia. Ecco la ricetta strategica fondamentale, che consente oggi all’azienda, in piena crisi, di proseguire la propria crescita allargandosi verso i mercati internazionali, a partire da quello francese: giocare d’anticipo, sulle normative di settore e sui concorrenti, ricercando l’innovazione, attraverso la propria adesione al Green Building Council Italia, ma anche partecipando ai progetti del Polight, il Polo di Innovazione per l’Edilizia Sostenibile e l’Idrogeno dell’Environment Park, e del Politecnico di Torino.

Domando all’AD cosa vorrebbe chiedere lui al Governo, per aiutare il settore, oggi che tutti chiedono qualcosa. La risposta è stupefacente, soprattutto comparata alla tradizionale “lagna” italica: è fondamentalmente soddisfatto. A partire dal bonus per la riqualificazione energetica recentemente innalzato al 65%, che definisce “il migliore al mondo”. Chiede, semmai, da vero atleta dell’imprenditoria, una cosa sola: che l’asticella della qualità e dell’innovazione venga ulteriormente alzata, così da premiare, meritocraticamente, chi già oggi investe in ricerca, innovazione e certificazione di prodotto. Chapeau!

Andrea Gandiglio


 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende