Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Fresia Alluminio: primi della classe A per “neociclo” e innovazione:

Fresia Alluminio: primi della classe A per “neociclo” e innovazione

giugno 12, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Investire oggi nell’innovazione, per chi opera in un settore in profonda crisi come quello dell’edilizia, non è certo facile, ma si conferma l’unico paracadute e, in alcuni casi, il volano per lo sviluppo di nuovi segmenti di mercato e per un’internazionalizzazione vincente. A dimostrarlo con i fatti, in questa puntata di “Campioni d’Italia“, è la Fresia Alluminio di Torino, produttore di sistemi per serramenti e facciate continue, prima azienda in Italia ad aver immesso sul mercato una gamma di prodotti nati dal recupero e dalla rigenerazione dell’alluminio, con una filiera certificata da un ente terzo (Bureau Veritas) che consente di conseguire crediti nei protocolli di certificazione della sostenibilità degli edifici LEED® e Itaca.

Abbiamo visitato lo stabilimento di Volpiano, dove avviene gran parte della produzione e della logistica, gestita con un avveniristico magazzino automatizzato di ultima generazione, che offre subito un’immagine tangibile di cosa vuol dire “saper stare sul mercato” facendo green economy: efficienza, sostenibilità, lungimiranza. Ad accogliere i progettisti in visita all’impianto è un grande cartello che racconta, in numeri, l’analisi LCA (Life Cycle Assesment) di prodotto, che l’azienda ha sviluppato, in collaborazione con l’Environment Park di Torino, per attestare l’effettivo impatto ambientale in termini di riduzione di emissioni CO2 ed energia primaria nella produzione dei profilati “neociclati”.

Alla Fresia questo neologismo – da loro coniato – piace di più del tradizionale “riciclato”, che porta con sé un pregiudizio di “scarsa qualità”, quasi si trattasse di materiale scadente, di seconda scelta, quando invece l’alluminio può sopportare infiniti cicli senza perdere le proprie caratteristiche meccaniche. “Se il produttore di billette utilizza, nella fusione, un processo tecnologico che si chiama omogenizzazione, si riescono ad ottenere gli stessi standard qualitativi rispetto all’alluminio primario”, spiega Valentino Fresia, amministratore delegato dell’azienda.

L’azienda decide strategicamente di indirizzare il proprio sviluppo nell’alveo della green economy nel 2006, lanciando una prima serie di serramenti ad alta efficienza energetica che anticipano, di fatto, le richieste del DL 211/2006 sulla certificazione energetica degli edifici e del bonus sulle riqualificazioni del 2008. Scelta non banale per chi produce serramenti in alluminio, un materiale ad alta conducibilità termica, che necessita quindi di essere “stoppata” con barrette di rivestimento in poliammide, secondo uno standard divenuto internazionale.

Per distinguersi dai concorrenti, nel 2009, Fresia chiede però al proprio fornitore di barrette, la Mazzer di Ponte Lambro (CO), di sviluppare un prodotto in poliammide rigenerato che mantenga la stessa resistenza termica di quello vergine. Una richiesta, da committente a fornitore, che ingenera un meccanismo virtuoso di ricerca e sviluppo e porta, nel 2011, ad un risultato finale innovativo e distintivo, che si traduce in vantaggio competitivo. Ma non basta. Fresia individua anche, attraverso la propria controllata AL System e la Technoform di Lainate (MI), la possibilità di utilizzare barrette in poliammide proveniente dall’olio di ricino e pertanto vegetale e biodegradabile al 100%. Una soluzione (si veda l’immagine al fondo dell’articolo) che, pur con un costo superiore del 15% nel prodotto finale, consente di soddisfare le richieste più esigenti del sistema Planet BIO e porta Fresia Alluminio ad essere l’unica azienda in italiana ad offrire entrambe le soluzioni, accoppiate all’utilizzo di alluminio “neociclato”.

I competitors, come spesso accade, iniziano a “rosicare” d’invidia e arrivano le prime accuse di falsa dichiarazione. “Abbiamo quindi deciso di affidare la verifica ad un ente terzo e super partes, che potesse garantire l’oggettività delle nostre dichiarazioni, nella speranza che un giorno i protocolli LEED e Itaca chiedano a tutti una certificazione“, precisa Valentino Fresia. Ecco la ricetta strategica fondamentale, che consente oggi all’azienda, in piena crisi, di proseguire la propria crescita allargandosi verso i mercati internazionali, a partire da quello francese: giocare d’anticipo, sulle normative di settore e sui concorrenti, ricercando l’innovazione, attraverso la propria adesione al Green Building Council Italia, ma anche partecipando ai progetti del Polight, il Polo di Innovazione per l’Edilizia Sostenibile e l’Idrogeno dell’Environment Park, e del Politecnico di Torino.

Domando all’AD cosa vorrebbe chiedere lui al Governo, per aiutare il settore, oggi che tutti chiedono qualcosa. La risposta è stupefacente, soprattutto comparata alla tradizionale “lagna” italica: è fondamentalmente soddisfatto. A partire dal bonus per la riqualificazione energetica recentemente innalzato al 65%, che definisce “il migliore al mondo”. Chiede, semmai, da vero atleta dell’imprenditoria, una cosa sola: che l’asticella della qualità e dell’innovazione venga ulteriormente alzata, così da premiare, meritocraticamente, chi già oggi investe in ricerca, innovazione e certificazione di prodotto. Chapeau!

Andrea Gandiglio


 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende