Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Fresia Alluminio: primi della classe A per “neociclo” e innovazione:

Fresia Alluminio: primi della classe A per “neociclo” e innovazione

giugno 12, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Investire oggi nell’innovazione, per chi opera in un settore in profonda crisi come quello dell’edilizia, non è certo facile, ma si conferma l’unico paracadute e, in alcuni casi, il volano per lo sviluppo di nuovi segmenti di mercato e per un’internazionalizzazione vincente. A dimostrarlo con i fatti, in questa puntata di “Campioni d’Italia“, è la Fresia Alluminio di Torino, produttore di sistemi per serramenti e facciate continue, prima azienda in Italia ad aver immesso sul mercato una gamma di prodotti nati dal recupero e dalla rigenerazione dell’alluminio, con una filiera certificata da un ente terzo (Bureau Veritas) che consente di conseguire crediti nei protocolli di certificazione della sostenibilità degli edifici LEED® e Itaca.

Abbiamo visitato lo stabilimento di Volpiano, dove avviene gran parte della produzione e della logistica, gestita con un avveniristico magazzino automatizzato di ultima generazione, che offre subito un’immagine tangibile di cosa vuol dire “saper stare sul mercato” facendo green economy: efficienza, sostenibilità, lungimiranza. Ad accogliere i progettisti in visita all’impianto è un grande cartello che racconta, in numeri, l’analisi LCA (Life Cycle Assesment) di prodotto, che l’azienda ha sviluppato, in collaborazione con l’Environment Park di Torino, per attestare l’effettivo impatto ambientale in termini di riduzione di emissioni CO2 ed energia primaria nella produzione dei profilati “neociclati”.

Alla Fresia questo neologismo – da loro coniato – piace di più del tradizionale “riciclato”, che porta con sé un pregiudizio di “scarsa qualità”, quasi si trattasse di materiale scadente, di seconda scelta, quando invece l’alluminio può sopportare infiniti cicli senza perdere le proprie caratteristiche meccaniche. “Se il produttore di billette utilizza, nella fusione, un processo tecnologico che si chiama omogenizzazione, si riescono ad ottenere gli stessi standard qualitativi rispetto all’alluminio primario”, spiega Valentino Fresia, amministratore delegato dell’azienda.

L’azienda decide strategicamente di indirizzare il proprio sviluppo nell’alveo della green economy nel 2006, lanciando una prima serie di serramenti ad alta efficienza energetica che anticipano, di fatto, le richieste del DL 211/2006 sulla certificazione energetica degli edifici e del bonus sulle riqualificazioni del 2008. Scelta non banale per chi produce serramenti in alluminio, un materiale ad alta conducibilità termica, che necessita quindi di essere “stoppata” con barrette di rivestimento in poliammide, secondo uno standard divenuto internazionale.

Per distinguersi dai concorrenti, nel 2009, Fresia chiede però al proprio fornitore di barrette, la Mazzer di Ponte Lambro (CO), di sviluppare un prodotto in poliammide rigenerato che mantenga la stessa resistenza termica di quello vergine. Una richiesta, da committente a fornitore, che ingenera un meccanismo virtuoso di ricerca e sviluppo e porta, nel 2011, ad un risultato finale innovativo e distintivo, che si traduce in vantaggio competitivo. Ma non basta. Fresia individua anche, attraverso la propria controllata AL System e la Technoform di Lainate (MI), la possibilità di utilizzare barrette in poliammide proveniente dall’olio di ricino e pertanto vegetale e biodegradabile al 100%. Una soluzione (si veda l’immagine al fondo dell’articolo) che, pur con un costo superiore del 15% nel prodotto finale, consente di soddisfare le richieste più esigenti del sistema Planet BIO e porta Fresia Alluminio ad essere l’unica azienda in italiana ad offrire entrambe le soluzioni, accoppiate all’utilizzo di alluminio “neociclato”.

I competitors, come spesso accade, iniziano a “rosicare” d’invidia e arrivano le prime accuse di falsa dichiarazione. “Abbiamo quindi deciso di affidare la verifica ad un ente terzo e super partes, che potesse garantire l’oggettività delle nostre dichiarazioni, nella speranza che un giorno i protocolli LEED e Itaca chiedano a tutti una certificazione“, precisa Valentino Fresia. Ecco la ricetta strategica fondamentale, che consente oggi all’azienda, in piena crisi, di proseguire la propria crescita allargandosi verso i mercati internazionali, a partire da quello francese: giocare d’anticipo, sulle normative di settore e sui concorrenti, ricercando l’innovazione, attraverso la propria adesione al Green Building Council Italia, ma anche partecipando ai progetti del Polight, il Polo di Innovazione per l’Edilizia Sostenibile e l’Idrogeno dell’Environment Park, e del Politecnico di Torino.

Domando all’AD cosa vorrebbe chiedere lui al Governo, per aiutare il settore, oggi che tutti chiedono qualcosa. La risposta è stupefacente, soprattutto comparata alla tradizionale “lagna” italica: è fondamentalmente soddisfatto. A partire dal bonus per la riqualificazione energetica recentemente innalzato al 65%, che definisce “il migliore al mondo”. Chiede, semmai, da vero atleta dell’imprenditoria, una cosa sola: che l’asticella della qualità e dell’innovazione venga ulteriormente alzata, così da premiare, meritocraticamente, chi già oggi investe in ricerca, innovazione e certificazione di prodotto. Chapeau!

Andrea Gandiglio


 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende