Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Frigoriferi naturali: una storia di green economy ante litteram:

Frigoriferi naturali: una storia di green economy ante litteram

ottobre 29, 2013 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Una storia di “green economy ante litteram”Per la rubrica “Racconti d’Ambiente“, pubblichiamo oggi un estratto del libro “Caneve e spelonce“, una raccolta di saggi curata da Rech e Serena Turrin, da poco pubblicato da Dbs Zanetti Edizioni. Il volume racconta la cultura alpina attraverso la descrizione di vecchie cantine – veri e propri esempi di edilizia ad alta efficienza energetica – e frigoriferi naturali. Nell’estratto che pubblichiamo, l’autore Francesco Padovani narra la storia di un particolare “stabilimento frigorifero naturale”, la cui fine è stata decretata dall’introduzione dei moderni frigo elettrici.

Grotte, caverne, antri e spelonche, tutte le aperture nella roccia hanno sempre attirato l’interesse umano. Tralasciando i possibili significati psicoanalitici, che risulterebbero qui pericolosamente fuorvianti, non si può dimenticare che esse hanno costituito in epoca preistorica le prime dimore degli umani, per ripararsi dalle intemperie e dalle belve feroci, divenendo anche sede di culti arcaici, come testimoniano le pitture rupestri di Lescaux e Altamira. E Platone non ricorse forse alla similitudine della caverna per rappresentare la condizione di noi umani, che incatenati sul fondo siamo costretti a vedere solo le ombre delle figure che si muovono all’imboccatura? Condannati a vivere di mere apparenze. Ma ci sono stati altri usi pratici degli anfratti naturali, anche in epoca contemporanea. Per esempio, sulle pendici del Grappa all’imbocco delle fógole – particolari aperture carsiche da cui fuoriesce aria a temperatura costante in tutte le stagioni dell’anno – furono costruite le spelónce, semplici fabbricati in pietra a secco, adibiti alla conservazione di latte, burro e formaggio. E poi, c’erano le giazhère appunto destinate alla produzione naturale del ghiaccio, con l’accumulo di neve nelle sale d’accesso, che si scioglieva sotto l’azione dell’aria calda proveniente dall’esterno per poi congelare per effetto dei flussi di aria fredda in salita dalle profondità, producendo così del ghiaccio cristallino.

Ci fu chi pensò di sfruttare imprenditorialmente il sistema, come il feltrino Antonio Celli che, alla metà dell’Ottocento, creò alle pendici del monte Telva, poco sopra l’abitato di Anzù, uno “Stabilimento Frigorifero Naturale” che alla fine del secolo poteva già vantare un cospicuo giro d’affari, esteso a molte città del Nord Italia. Da una vecchia inserzione pubblicitaria si ricava che dopo un Premio di incoraggiamento della Camera Commercio e Arti di Belluno nel 1895, aveva ottenuto nel 1897 una medaglia d’argento dal Regio Istituto di Scienze, Lettere ed Arti di Venezia per conseguire poi una medaglia di bronzo all’Esposizione di Torino del 1898. Specializzato nella “conservazione dei generi alimentari durante la stagione calda”, lo Stabilimento garantiva altresì “la perfetta ibernazione del seme dei bachi”, in un periodo in cui l’allevamento dei bachi da seta era molto diffuso anche nel nostro territorio.

L’azienda feltrina prosperò negli anni in cui si stava espandendo su ampia scala il commercio delle derrate alimentari – soprattutto carne, pesce e latticini – e in cui, altresì, non aveva ancora preso piede il sistema di raffreddamento artificiale, ideato nel 1870 dal tedesco Karl Linde, sfruttando il principio di compressione dei gas. Fu proprio la Fabbrica Birra Pedavena ad introdurre per prima in Italia nel 1905 un impianto refrigerante con condensatore ad ammoniaca, installato dalla casa bavarese Engelhardt,capace di sviluppare 70.000 frigorie e di produrre contemporaneamente cinquanta quintali di ghiaccio in 12 ore . Il destino dello Stabilimento Antonio Centa era ormai segnato.

Francesco Padovani*

*Responsabile del Servizio cultura e Biblioteca del Comune di Pedavena. Ha collaborato ad una dozzina di pubblicazioni di storia locale (fra le ultime “Storia di Conze e di gaburi”, “Montagne di Cibo” e “Speloncie e Giazere”). E’ fondatore e coordinatore dell’Archivio Fotostorico Feltrino, con cui ha raccolto e catalogato oltre 30.000 immagini del territorio, fra cui anche quelle che corredano il suo intervento sulla Giazzèra delle Vette Feltrine.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bologna a tutto “green”: dal G7 Ambiente all’Expo 2019 del florovivaismo e orticoltura

gennaio 25, 2017

Bologna a tutto “green”: dal G7 Ambiente all’Expo 2019 del florovivaismo e orticoltura

Lunedì 23 gennaio, nel giorno stesso in cui, in Prefettura, il sindaco Virginio Merola incontrava il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti per la prima riunione preparatoria del G7 Ambiente (che la città ospiterà l’11 e 12 giugno prossimi), da Bologna arriva la notizia di un’altra importante aggiudicazione: il comitato organizzatore dell’International Horticultural Exposition, l’Expo tematico dedicato [...]

Maledetto telefonino! L’invadenza degli smartphone nella vita quotidiana secondo il report di Deloitte

gennaio 24, 2017

Maledetto telefonino! L’invadenza degli smartphone nella vita quotidiana secondo il report di Deloitte

La società di consulting e advisory Deloitte ha presentato la Global Mobile Consumers Survey 2016, una ricerca che coinvolge 31 Paesi tra i principali al mondo e delinea le tendenze relative alle abitudini e ai comportamenti degli utenti connessi tramite Smartphone e Tablet. Dai dati della survey emerge che, almeno una volta al mese, quasi [...]

Bardonecchia promuove l’Ecoskipass: treno + sci costa meno!

gennaio 23, 2017

Bardonecchia promuove l’Ecoskipass: treno + sci costa meno!

Dal lunedì al venerdì (escluso il periodo di Pasqua dal 24 al 29 marzo) tutti coloro che si recheranno a sciare nella stazione piemontese di Bardonecchia, utilizzando i treni in partenza da Torino potranno ritirare l’”ecoskipass” al prezzo speciale di 26€, anziché 36€. Sarà sufficiente presentare il biglietto del treno all’ufficio skipass di Piazza Europa (proprio di fronte [...]

Air-gun, gli spari che danneggiano fauna marina, pesca e turismo. Consegnata la petizione per ricorso al TAR

gennaio 20, 2017

Air-gun, gli spari che danneggiano fauna marina, pesca e turismo. Consegnata la petizione per ricorso al TAR

Ieri a Roma, presso la sede di rappresentanza della Regione Puglia, la Presidente di Marevivo Rosalba Giugni e il Presidente della Fondazione Univerde Alfonso Pecoraro Scanio, hanno consegnato ufficialmente, al Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il testo della petizione lanciata a dicembre da Marevivo e che ha già raccolto, sulla piattaforma Change.org, 45 mila firme nel [...]

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

gennaio 20, 2017

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

La multinazionale Procter & Gamble ha annunciato ieri che Head & Shoulders, il proprio brand n. 1 al mondo per lo shampoo, produrrà il primo flacone riciclabile al mondo, nel settore hair care, realizzato con una percentuale fino al 25& di plastica proveniente dalla raccolta sulle spiagge. In partnership con gli esperti di TerraCycle – [...]

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

gennaio 17, 2017

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

“Giardini d’Autore“, la mostra di giardinaggio che accoglie i migliori vivaisti italiani rinnova l’appuntamento a Rimini, presso il Parco Federico Fellini, location dal fascino intramontabile, per l’edizione di primavera 2017, in programma dal 17 al 19 marzo. La manifestazione giunge al suo ottavo anno aprendo la stagione delle mostre di giardinaggio in Italia. Un appuntamento [...]

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

gennaio 17, 2017

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

Il Parco Regionale delle Alpi Apuane, in Toscana, è nato nel 1985 in seguito a una proposta di legge di iniziativa popolare per tutelare dagli scempi estrattivi una catena montuosa unica al mondo, impervia e affacciata sul mare, con una biodiversità eccezionale (vede la presenza del 50% delle specie vegetali riconosciute in Italia, 28 habitat [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende