Home » Impressioni di viaggio »Rubriche »Very Important Planet » From Orlando to Santiago. Intervista a Orlando Manfredi:

From Orlando to Santiago. Intervista a Orlando Manfredi

Un percorso musicale e teatrale nella natura. Un’operazione per invertire, a dispetto della crisi, le dinamiche della produzione culturale. Ma anche un modo diverso di affrontare il viaggio, alla ricerca di un rapporto più genuino con il territorio, con l’ambiente circostante e, in fondo, anche con se stessi.

Sono questi alcuni dei fili che si intrecciano nel progetto «From Orlando to Santiago», che porterà il cantatuore e attore torinese Orlando Manfredi, in arte Duemanosinistra, a percorrere a piedi, a partire da lunedì, il cammino che porta a Santiago di Campostela. L’obiettivo? Realizzare un disco e uno spettacolo per far respirare la vita del viandante e restituire l’atmosfera e le sensazioni dei pellegrini che si muovono solo con le proprie gambe.  Dalla prossima settimana Orlando racconterà ai lettori di Greenews.info le sue esperienze attraverso montagne, valli, pianure e lungo la costa con interventi bisettimanali nella rubrica Impressioni di Viaggio“.

D) Orlando, che cosa ti ha spinto a dare vita a questo progetto?

R) In questo momento di crisi trasversale – economica, sociale, produttiva, culturale – ho sentito l’esigenza di ripartire dalle origini, dal grado zero della scoperta: dal camminare. E ho deciso di farlo con gli strumenti del cantautore per provare a raccontare questa esperienza, per trasmettere il senso che porta moltissime persone a mettersi in marcia e a cercare qualcosa. In questo modo vorrei riconnettere la cultura alla strada, far scendere l’artista dal proprio piedistallo per riportarlo in mezzo alla gente, al contatto con l’altro.

D) Perché hai scelto di seguire proprio il cammino di Santiago?

R) Perché è il cammino simbolico per antonomasia, è un percorso spirituale e di ricerca non solo per quanti lo intraprendono in un’ottica devozionale ma anche per chi ci si accosta in modo laico. Si respira una densità magica che coinvolge tutti, anche chi decide di trascorrere una vacanza diversa o vuole semplicemente provare il piacere del camminare. È un’esperienza che, per forza di cose, solleva domande, e bisogna essere capaci di ascoltarle.

D) In che senso?

R) «Nel senso che il ritmo rallentato del camminare implica un diverso rapporto con il tempo, con le distanze, con il territorio, ma anche con il proprio corpo, con i propri limiti, con la propria fisicità, con la fatica. Mentre si cammina, si libera la mente, ci si lascia alle spalle le beghe quotidiane, e quindi si pensa. Quello del camminare è un tempo denso, rimanda a una dimensione essenziale dell’esistenza, apre la porta a una sorta di innata spiritualità. Ed è questo che vorrei catturare attraverso la musica.

D) Che cosa ci sarà nel tuo bagaglio?

R) Sicuramente, avrò uno zaino con dentro il minimo indispensabile. Poi mi porterò un chitarrino, per poter catturare le sensazioni del viaggio e trasformarle in musica in modo diretto, senza filtri. E avrò con me anche uno smartphone con il quale intendo realizzare video, fotografie e aggiornare in tempo reale il blog in cui racconto il viaggio.

D) Dal viaggio – che racconterai anche su Greenews.info – nasceranno poi uno spettacolo teatrale e un disco…

R) Sì, lo spettacolo sarà presentato in anteprima, a settembre, al Festival Torino Spiritualità e avrà una dimensione più sociale, collettiva. Per il disco invece lavorerò a partire dalle tracce incise durante il cammino e avrà un taglio più personale, autoriale. Dal punto di vista musicale, saranno pezzi poco arrangiati, con un suono scarno e essenziale, nel solco ideale della tradizione che va dai cantastorie ai cantanti folk alla Woody Guthrie. Ma non escludo altri esiti, magari editoriali…

D) Hai già un itinerario definito?

R) La partenza sarà da Saint-Jean-Pied-de-Port in Francia, l’arrivo a Santiago, in Spagna, durante il percorso invece sarò libero di muovermi, di decidere quando e dove fermarmi. L’idea in ogni caso è di stare via per quaranta giorni.

D) Un viaggio a piedi può essere definito anche una forma di attenzione e rispetto per il territorio?

R) Beh, certamente. Dobbiamo scrollarci di dosso quei cubicoli di latta e arbre magique che sono le auto e riscoprire i profumi, gli odori, i colori dell’ambiente: nel mio percorso attraverserò montagne, pianure, la meseta, la costa, ci saranno molti sentieri e poco asfalto. Quando cammini, è l’ambiente a dominare ed è la persona ad adattarsi alle circostanze, alla salite, alle pioggia, al terreno scivoloso. E dopo aver camminato si prova quella stanchezza sana, ben diversa dal nervosismo dell’automobilista. Sicuramente, sarà un viaggio a bassissimo impatto ambientale: anche per dormire sfrutterò i rifugi per pellegrini che ci sono lungo il percorso.

D) Natura e cultura… Quale è dunque la novità rispetto ai meccanismi di produzione culturale?

R) Ultimamente, mi pare che il dibattito sulla cultura si sia polarizzato su un aspetto utilitaristico: se un progetto serve viene finanziato, altrimenti no. Solitamente poi, sono gli enti pubblici che, dall’alto, scelgono su chi investire. Con questo progetto, ribaltiamo il discorso cercando forme di finanziamento collettive attraverso il crowdfunding: l’idea quindi è di coinvolgere una platea ampia di soggetti, disposti a sostenere questa operazione. Questo non in base a un criterio di utilità, ma di significato, di adesione, di condivisione.

Marco Bobbio

E’possibile sostenere il progetto visitando il sito verkami.com. Per seguire il viaggio di Orlando, oltre agli appuntamenti di tema ambientale su Greenews.info, esiste invece il blog fromorlandotosantiago.com e l’account twitter @OrlandoManfredi.

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende