Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Frutta Urbana: perché lasciarla marcire per strada?:

Frutta Urbana: perché lasciarla marcire per strada?

ottobre 15, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Mandarini decorativi lungo i viali, olivi nelle aiuole, mandorli, e noci, meli e corbezzoli nei parchi. E ancora nespoli, peri, cachi, limoni, ciliegi. Nonostante sia raramente ricordata per i suoi spazi verdi, la capitale è un grande frutteto diffuso. Perché – si è chiesto un gruppo di architette del paesaggio – lasciar marcire tutto? Alla vigilia della Giornata Mondiale dell’Alimentazione, il “Campione d’Italia” di Greenews.info di questa settimana è dedicato al progetto Frutta Urbana, partito a Roma e oggi in via di sviluppo anche a Milano. Nato proprio da questa domanda. “Se non viene raccolta, la frutta cade sulle strade e i marciapiedi, causando problemi di sporcizia e cattivo odore. Inoltre, lasciarla deteriorare è un vero spreco di risorse”, spiega Michela Pasquali, architetto del paesaggio e docente  di Garden Design allo IED di Torino e al Master Paesaggi Straordinari del Politecnico di Milano e Naba. Con l’associazione Linaria, da lei fondata nel 2011, all’inizio dell’anno ha lanciato il progetto. “La frutta viene raccolta dai volontari dell’associazione benefica RomAltruista e poi distribuita gratuitamente a mense sociali e banchi alimentari. L’altro giorno, per esempio, abbiamo recuperato dagli alberi romani 80 chili di cachi e alcune cassette di mele, e li abbiamo subito portati alle mense con cui collaboriamo”.

L’attività di raccolta è stata preceduta, nei primi mesi dell’anno, da un lavoro di monitoraggio, che ha prodotto una mappa in cui le decine di alberi presenti in città sono collocati con precisione e corredati da immagini e descrizioni. “Il Comune di Roma si è da subito interessato al progetto e quello di Milano ci ha cercato, chiedendoci di farlo partire anche lì. In questo momento stiamo conducendo il monitoraggio, per capire quanti alberi sono presenti. Inoltre, in questo periodo in entrambe le città si sta lavorando al nuovo regolamento del verde e si sta pensando di inserire nel testo anche la possibilità di raccogliere la frutta dagli alberi che si trovano sul suolo pubblico”.

Ma mangiare frutta cresciuta in città, anche se non trattata, è davvero sicuro? “Secondo diversi studi internazionali, in ambienti urbani l’aria inquinata non ha un impatto particolare sui frutti, in cui le concentrazioni di metalli pesanti sono molto basse anche se gli alberi crescono su suoli inquinati”. Molte coltivazioni, del resto, anche in Italia si trovano lungo le autostrade e l’uso di pesticidi comporta spesso la presenza di sostanze dannose per la salute. “Prima di partire con la raccolta, abbiamo comunque fatto analizzare alcuni frutti, e i risultati sono stati molto buoni”, continua Michela Pasquali. Secondo i risultati delle analisi chimiche, pubblicati sul sito, in una prugna fatta analizzare per esempio erano presenti 0,016 mg per kg di piombo e meno di 0,001 mg per kg di cadmio (i limiti massimi europei sono rispettivamente 0,10 e 0,05 mg/kg). “Le polveri sottili, grazie alla buccia, non penetrano dentro la frutta. Prima di mangiarla, basta lavarla bene o sbucciarla”.

Se in Italia quello di Frutta Urbana è un progetto giovanissimo, all’estero, nei Paesi di cultura anglosassone queste pratiche di raccolta in città si sono affermate già da anni. L’obiettivo primario è raccogliere una risorsa che altrimenti andrebbe sprecata, ma il team di Linaria si attende molti altri benefici: “Documentare una parte del patrimonio botanico della città, preservare gli alberi e la biodiversità”, ma anche “creare comunità, rinforzando le connessioni tra le persone e organizzando interventi ed eventi collettivi sulla cura, la raccolta e la conservazione della frutta”. In futuro, infatti, spiega Michela Pasquali, “vorremmo anche occuparci noi degli alberi da frutto, seguendo metodi biologici: per questo puntiamo a organizzare corsi di potatura e cura delle piante”. Un primo passo anche per creare in futuro occupazione.E poi ci sono le ricadute culturali, da non sottovalutare: il progetto permette infatti di “reintrodurre i valori di cui i frutteti sono portatori: saperi agronomici, botanici, gastronomici, di educazione alimentare e di condivisione”.

L’associazione sta lavorando con i Comuni di Torino, Firenze e Roma per trovare finanziamenti e pensa già ai prossimi progetti: “Abbiamo iniziato a realizzare un’App che permetterà a chiunque, dal proprio smartphone, di mappare gli alberi da frutto in tutta Italia e anche nel resto del mondo”. E nel futuro potrebbero anche nascere collaborazioni con i Gruppi d’acquisto solidali e ristoratori.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

febbraio 14, 2017

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

Il Comitato Ecolabel Ecoaudit e l’ISPRA, in concomitanza con l’assegnazione dell’EMAS Award 2017 indetto dalla Commissione Europea, intendono dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS premiando quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e, soprattutto, raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con questo riconoscimento [...]

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

febbraio 14, 2017

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

E’ allarme rosso per la vaquita, la più piccola focena del mondo. L’SOS arriva dal Comitato Internazionale per il Recupero della Vaquita (che fa capo allo IUCN), secondo il quale ne resterebbero appena 30 individui in natura, visto che la già risicatissima popolazione stimata lo scorso anno è ormai dimezzata. Endemica del Nord del Golfo della [...]

Verso il SUV “ecologico”? Ford punta ai Millenials e annuncia il primo modello 100% elettrico entro il 2020

febbraio 13, 2017

Verso il SUV “ecologico”? Ford punta ai Millenials e annuncia il primo modello 100% elettrico entro il 2020

Motivata da una forte coscienza sociale, predisposta a esperienze di possesso on demand, e con una grande apertura alla condivisione di beni e servizi propria della sharing economy, la generazione dei Millennials (i nati tra il 1980 e il 2000) sta cambiando il modo con cui le aziende – tra cui i costruttori di automobili [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende