Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Frutta Urbana: perché lasciarla marcire per strada?:

Frutta Urbana: perché lasciarla marcire per strada?

ottobre 15, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Mandarini decorativi lungo i viali, olivi nelle aiuole, mandorli, e noci, meli e corbezzoli nei parchi. E ancora nespoli, peri, cachi, limoni, ciliegi. Nonostante sia raramente ricordata per i suoi spazi verdi, la capitale è un grande frutteto diffuso. Perché – si è chiesto un gruppo di architette del paesaggio – lasciar marcire tutto? Alla vigilia della Giornata Mondiale dell’Alimentazione, il “Campione d’Italia” di Greenews.info di questa settimana è dedicato al progetto Frutta Urbana, partito a Roma e oggi in via di sviluppo anche a Milano. Nato proprio da questa domanda. “Se non viene raccolta, la frutta cade sulle strade e i marciapiedi, causando problemi di sporcizia e cattivo odore. Inoltre, lasciarla deteriorare è un vero spreco di risorse”, spiega Michela Pasquali, architetto del paesaggio e docente  di Garden Design allo IED di Torino e al Master Paesaggi Straordinari del Politecnico di Milano e Naba. Con l’associazione Linaria, da lei fondata nel 2011, all’inizio dell’anno ha lanciato il progetto. “La frutta viene raccolta dai volontari dell’associazione benefica RomAltruista e poi distribuita gratuitamente a mense sociali e banchi alimentari. L’altro giorno, per esempio, abbiamo recuperato dagli alberi romani 80 chili di cachi e alcune cassette di mele, e li abbiamo subito portati alle mense con cui collaboriamo”.

L’attività di raccolta è stata preceduta, nei primi mesi dell’anno, da un lavoro di monitoraggio, che ha prodotto una mappa in cui le decine di alberi presenti in città sono collocati con precisione e corredati da immagini e descrizioni. “Il Comune di Roma si è da subito interessato al progetto e quello di Milano ci ha cercato, chiedendoci di farlo partire anche lì. In questo momento stiamo conducendo il monitoraggio, per capire quanti alberi sono presenti. Inoltre, in questo periodo in entrambe le città si sta lavorando al nuovo regolamento del verde e si sta pensando di inserire nel testo anche la possibilità di raccogliere la frutta dagli alberi che si trovano sul suolo pubblico”.

Ma mangiare frutta cresciuta in città, anche se non trattata, è davvero sicuro? “Secondo diversi studi internazionali, in ambienti urbani l’aria inquinata non ha un impatto particolare sui frutti, in cui le concentrazioni di metalli pesanti sono molto basse anche se gli alberi crescono su suoli inquinati”. Molte coltivazioni, del resto, anche in Italia si trovano lungo le autostrade e l’uso di pesticidi comporta spesso la presenza di sostanze dannose per la salute. “Prima di partire con la raccolta, abbiamo comunque fatto analizzare alcuni frutti, e i risultati sono stati molto buoni”, continua Michela Pasquali. Secondo i risultati delle analisi chimiche, pubblicati sul sito, in una prugna fatta analizzare per esempio erano presenti 0,016 mg per kg di piombo e meno di 0,001 mg per kg di cadmio (i limiti massimi europei sono rispettivamente 0,10 e 0,05 mg/kg). “Le polveri sottili, grazie alla buccia, non penetrano dentro la frutta. Prima di mangiarla, basta lavarla bene o sbucciarla”.

Se in Italia quello di Frutta Urbana è un progetto giovanissimo, all’estero, nei Paesi di cultura anglosassone queste pratiche di raccolta in città si sono affermate già da anni. L’obiettivo primario è raccogliere una risorsa che altrimenti andrebbe sprecata, ma il team di Linaria si attende molti altri benefici: “Documentare una parte del patrimonio botanico della città, preservare gli alberi e la biodiversità”, ma anche “creare comunità, rinforzando le connessioni tra le persone e organizzando interventi ed eventi collettivi sulla cura, la raccolta e la conservazione della frutta”. In futuro, infatti, spiega Michela Pasquali, “vorremmo anche occuparci noi degli alberi da frutto, seguendo metodi biologici: per questo puntiamo a organizzare corsi di potatura e cura delle piante”. Un primo passo anche per creare in futuro occupazione.E poi ci sono le ricadute culturali, da non sottovalutare: il progetto permette infatti di “reintrodurre i valori di cui i frutteti sono portatori: saperi agronomici, botanici, gastronomici, di educazione alimentare e di condivisione”.

L’associazione sta lavorando con i Comuni di Torino, Firenze e Roma per trovare finanziamenti e pensa già ai prossimi progetti: “Abbiamo iniziato a realizzare un’App che permetterà a chiunque, dal proprio smartphone, di mappare gli alberi da frutto in tutta Italia e anche nel resto del mondo”. E nel futuro potrebbero anche nascere collaborazioni con i Gruppi d’acquisto solidali e ristoratori.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende