Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Frutta Urbana: perché lasciarla marcire per strada?:

Frutta Urbana: perché lasciarla marcire per strada?

ottobre 15, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Mandarini decorativi lungo i viali, olivi nelle aiuole, mandorli, e noci, meli e corbezzoli nei parchi. E ancora nespoli, peri, cachi, limoni, ciliegi. Nonostante sia raramente ricordata per i suoi spazi verdi, la capitale è un grande frutteto diffuso. Perché – si è chiesto un gruppo di architette del paesaggio – lasciar marcire tutto? Alla vigilia della Giornata Mondiale dell’Alimentazione, il “Campione d’Italia” di Greenews.info di questa settimana è dedicato al progetto Frutta Urbana, partito a Roma e oggi in via di sviluppo anche a Milano. Nato proprio da questa domanda. “Se non viene raccolta, la frutta cade sulle strade e i marciapiedi, causando problemi di sporcizia e cattivo odore. Inoltre, lasciarla deteriorare è un vero spreco di risorse”, spiega Michela Pasquali, architetto del paesaggio e docente  di Garden Design allo IED di Torino e al Master Paesaggi Straordinari del Politecnico di Milano e Naba. Con l’associazione Linaria, da lei fondata nel 2011, all’inizio dell’anno ha lanciato il progetto. “La frutta viene raccolta dai volontari dell’associazione benefica RomAltruista e poi distribuita gratuitamente a mense sociali e banchi alimentari. L’altro giorno, per esempio, abbiamo recuperato dagli alberi romani 80 chili di cachi e alcune cassette di mele, e li abbiamo subito portati alle mense con cui collaboriamo”.

L’attività di raccolta è stata preceduta, nei primi mesi dell’anno, da un lavoro di monitoraggio, che ha prodotto una mappa in cui le decine di alberi presenti in città sono collocati con precisione e corredati da immagini e descrizioni. “Il Comune di Roma si è da subito interessato al progetto e quello di Milano ci ha cercato, chiedendoci di farlo partire anche lì. In questo momento stiamo conducendo il monitoraggio, per capire quanti alberi sono presenti. Inoltre, in questo periodo in entrambe le città si sta lavorando al nuovo regolamento del verde e si sta pensando di inserire nel testo anche la possibilità di raccogliere la frutta dagli alberi che si trovano sul suolo pubblico”.

Ma mangiare frutta cresciuta in città, anche se non trattata, è davvero sicuro? “Secondo diversi studi internazionali, in ambienti urbani l’aria inquinata non ha un impatto particolare sui frutti, in cui le concentrazioni di metalli pesanti sono molto basse anche se gli alberi crescono su suoli inquinati”. Molte coltivazioni, del resto, anche in Italia si trovano lungo le autostrade e l’uso di pesticidi comporta spesso la presenza di sostanze dannose per la salute. “Prima di partire con la raccolta, abbiamo comunque fatto analizzare alcuni frutti, e i risultati sono stati molto buoni”, continua Michela Pasquali. Secondo i risultati delle analisi chimiche, pubblicati sul sito, in una prugna fatta analizzare per esempio erano presenti 0,016 mg per kg di piombo e meno di 0,001 mg per kg di cadmio (i limiti massimi europei sono rispettivamente 0,10 e 0,05 mg/kg). “Le polveri sottili, grazie alla buccia, non penetrano dentro la frutta. Prima di mangiarla, basta lavarla bene o sbucciarla”.

Se in Italia quello di Frutta Urbana è un progetto giovanissimo, all’estero, nei Paesi di cultura anglosassone queste pratiche di raccolta in città si sono affermate già da anni. L’obiettivo primario è raccogliere una risorsa che altrimenti andrebbe sprecata, ma il team di Linaria si attende molti altri benefici: “Documentare una parte del patrimonio botanico della città, preservare gli alberi e la biodiversità”, ma anche “creare comunità, rinforzando le connessioni tra le persone e organizzando interventi ed eventi collettivi sulla cura, la raccolta e la conservazione della frutta”. In futuro, infatti, spiega Michela Pasquali, “vorremmo anche occuparci noi degli alberi da frutto, seguendo metodi biologici: per questo puntiamo a organizzare corsi di potatura e cura delle piante”. Un primo passo anche per creare in futuro occupazione.E poi ci sono le ricadute culturali, da non sottovalutare: il progetto permette infatti di “reintrodurre i valori di cui i frutteti sono portatori: saperi agronomici, botanici, gastronomici, di educazione alimentare e di condivisione”.

L’associazione sta lavorando con i Comuni di Torino, Firenze e Roma per trovare finanziamenti e pensa già ai prossimi progetti: “Abbiamo iniziato a realizzare un’App che permetterà a chiunque, dal proprio smartphone, di mappare gli alberi da frutto in tutta Italia e anche nel resto del mondo”. E nel futuro potrebbero anche nascere collaborazioni con i Gruppi d’acquisto solidali e ristoratori.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ecotessitrici della Sardegna, un filo che arriva fino all’arcipelago giapponese di Okinawa

giugno 28, 2017

Ecotessitrici della Sardegna, un filo che arriva fino all’arcipelago giapponese di Okinawa

Un legame stretto, nonostante 10 mila chilometri di distanza, tra la Sardegna e l’arcipelago di Okinawa in Giappone. Isole che condividono la lunga aspettativa di vita, sono tra le popolazioni  più longeve del mondo. Merito di uno stile di vita semplice e sano. Ma un altro filo che unisce  è la custodia di antiche tradizioni, come  la [...]

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

giugno 27, 2017

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

Bellezze naturali e attrazioni turistiche: sono numerosi i punti di interesse che anche quest’anno cicloturisti e trekker potranno raggiungere grazie al TrenoBus delle Dolomiti, il servizio intermodale che offre ai ciclisti e agli amanti del trekking la possibilità di percorrere le piste ciclabili dell’intero anello dolomitico e di passeggiare nel cuore dei numerosi punti di [...]

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende