Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Funky Tomato, la filiera del pomodoro bio che integra i migranti:

Funky Tomato, la filiera del pomodoro bio che integra i migranti

febbraio 3, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Si può fare. Produrre conserve di pomodoro biologico nel Meridione senza sfruttamento del lavoro e favorendo l’integrazione degli stranieri. A coniugare lavoro equo e agricoltura bio, recuperando anche varietà antiche di piante, è stata Funky Tomato, una rete di soggetti (privati, associazioni onlus e aziende agricole) attiva dallo scorso anno in Puglia e Basilicata, che distribuisce il prodotto attraverso i gruppi d’acquisto solidale (GAS). “Siamo arrivati a organizzare tutta la filiera della salsa di pomodoro – racconta Giovanni Notarangelo, ingegnere delle energie rinnovabili, tra gli ideatori di Funky tomato – per offrire ai migranti un’alternativa di lavoro, così da andare oltre la mera assistenza. L’obiettivo era creare un progetto interamente etico, sostenibile e solidale”.

Nella zona di Venosa, nel Potentino, tra i casolari sorti nel Dopoguerra con la riforma agraria e oggi ricovero di braccianti stagionali, sono nati percorsi d’integrazione e rivendicazione di diritti, come l’accesso all’acqua o miglioramenti salariali. Prima una scuola d’italiano per migranti, nata 4 estati fa in una chiesa abbandonata. Poi l’assistenza medica di Medici per i diritti umani (MEDU), organizzazione che raccoglie anche dati preziosi per una mappatura della situazione. Così, grazie alle competenze multisettoriali dei soggetti coinvolti – dagli agricoltori all’ingegnere, dai braccianti a un tecnico agrario del pomodoro dell’industria – i fondatori di Funky Tomato sviluppano un piano economico per sostenere il processo produttivo garantendo condizioni dignitose nella retribuzione della manodopera e un prodotto tutto al naturale, senza chimica, dalla raccolta e trasformazione artigianali.

“Con un meccanismo di pre-acquisto, basato essenzialmente sulla fiducia, abbiamo raccolto gli ordini sulla falsariga dei GAS e programmato una certa quantità di prodotto” spiegano dall’organizzazione. Una volta germinati, in condizioni di temperatura e umidità particolari, i semi sono stati piantati nei campi di due aziende agricole lucane aderenti al progetto. Sono state seminate diverse varietà di pomodoro: un tondo, più usato per le conserve, il perino, e il salentino, una varietà simile al ciliegino. Non tutto fila liscio, però. “Il ragnetto rosso è arrivato a infestare le piante. Ma i danni sono stati limitati e abbiamo raccolto circa 150 quintali di pomodori, rispetto all’obiettivo di 200 quintali. E abbiamo comunque soddisfatto gli undicimila vasi di pomodoro ordinati in anticipo realizzando un surplus”.

In totale sono stati 18 mila i vasi prodotti, tra salsa, pelati e pomodoro in pezzi. L’etichetta “trasparente” rivela che dei 3 euro spesi per un barattolo di pomodoro, “il 55 per cento va a retribuire il lavoro, che è tutto lavoro artigianale – specifica Notarangelo – dalla raccolta a mano selezionata alla trasformazione”. Quest’ultima fase è avvenuta presso l’azienda agricola e agriturismo BioAgriSalute sull’Appennino lucano. Nessun costo di pubblicità, data la diffusione col passaparola, un sito web frutto di videomaker volontari e i social network. Quattro le persone che hanno avuto un regolare contratto di lavoro di due mesi e mezzo, a fronte di zone in cui la manodopera è compensata a cottimo e a condizioni miserrime. E tutti i costi sono stati così coperti.

A servire o vendere Funky Tomato ci pensano piccoli ristoranti, cooperative e negozi di Roma, Venezia, Bologna, Genova e Ravenna. Aborrita la grande distribuzione, per i profitti troppo bassi che versa ai produttori.

L’iniziativa, economicamente, si sostiene. Anche se ci sono margini migliorabili, come la proporzione tra il prodotto venduto venduto in pre-acquisto, dal prezzo ribassato, e gli ordini a prodotto inscatolato.

L’obiettivo è ora una diffusione dell’esperienza ad altre realtà, così da garantire agli stagionali, dopo il lavoro nei campi di pomodoro, la continuità occupazionale con la raccolta delle arance in Calabria, dove già opera con analoghi obiettivi SOS Rosarno, o con altri lavori in grado di sottrarli al caporalato. Infine, una ridefinizione del contributo dei volontari e la concentrazione della produzione e trasformazione in luoghi vicini, in modo da rendere ogni azienda agricola autonoma e azzerare il trasporto dei pomodori dai campi alla lavorazione. L’organizzazione “madre”, Funky Tomato, si trasformerebbe così in “incubatore” di altre imprese, limitandosi ad acquistare e rivendere i prodotti.

Obiettivo centrato? “Quasi – ammette Notarangelo – Purtroppo abbiamo scoperto che anche l’industria dei semi cela segmenti di lavoro sfruttato, in India e Cina. E poi per il trasporto dei prodotti finiti, per ora, ci siamo affidati ai corrieri convenzionali. Ma contiamo di riuscire a migliorare anche questi aspetti”.

Riuscirà quest’esperienza ad affermarsi come pratica virtuosa, al di là di quella realtà “protetta” dall’adesione e impegno civile di tante persone, in un lembo di Sud al riparo dalla criminalità organizzata? Certo è che finora non c’è stato nessun riconoscimento o sostegno da parte dello Stato o di Enti locali. Quella di Funky Tomato è per ora una storia che parla di terra, stagioni, lavoro, vita, fatica, migrazione. E’ una storia che parla di Sud, ma con un finale aperto a dignità e speranza.

Cristina Gentile

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende