Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Funky Tomato, la filiera del pomodoro bio che integra i migranti:

Funky Tomato, la filiera del pomodoro bio che integra i migranti

febbraio 3, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Si può fare. Produrre conserve di pomodoro biologico nel Meridione senza sfruttamento del lavoro e favorendo l’integrazione degli stranieri. A coniugare lavoro equo e agricoltura bio, recuperando anche varietà antiche di piante, è stata Funky Tomato, una rete di soggetti (privati, associazioni onlus e aziende agricole) attiva dallo scorso anno in Puglia e Basilicata, che distribuisce il prodotto attraverso i gruppi d’acquisto solidale (GAS). “Siamo arrivati a organizzare tutta la filiera della salsa di pomodoro – racconta Giovanni Notarangelo, ingegnere delle energie rinnovabili, tra gli ideatori di Funky tomato – per offrire ai migranti un’alternativa di lavoro, così da andare oltre la mera assistenza. L’obiettivo era creare un progetto interamente etico, sostenibile e solidale”.

Nella zona di Venosa, nel Potentino, tra i casolari sorti nel Dopoguerra con la riforma agraria e oggi ricovero di braccianti stagionali, sono nati percorsi d’integrazione e rivendicazione di diritti, come l’accesso all’acqua o miglioramenti salariali. Prima una scuola d’italiano per migranti, nata 4 estati fa in una chiesa abbandonata. Poi l’assistenza medica di Medici per i diritti umani (MEDU), organizzazione che raccoglie anche dati preziosi per una mappatura della situazione. Così, grazie alle competenze multisettoriali dei soggetti coinvolti – dagli agricoltori all’ingegnere, dai braccianti a un tecnico agrario del pomodoro dell’industria – i fondatori di Funky Tomato sviluppano un piano economico per sostenere il processo produttivo garantendo condizioni dignitose nella retribuzione della manodopera e un prodotto tutto al naturale, senza chimica, dalla raccolta e trasformazione artigianali.

“Con un meccanismo di pre-acquisto, basato essenzialmente sulla fiducia, abbiamo raccolto gli ordini sulla falsariga dei GAS e programmato una certa quantità di prodotto” spiegano dall’organizzazione. Una volta germinati, in condizioni di temperatura e umidità particolari, i semi sono stati piantati nei campi di due aziende agricole lucane aderenti al progetto. Sono state seminate diverse varietà di pomodoro: un tondo, più usato per le conserve, il perino, e il salentino, una varietà simile al ciliegino. Non tutto fila liscio, però. “Il ragnetto rosso è arrivato a infestare le piante. Ma i danni sono stati limitati e abbiamo raccolto circa 150 quintali di pomodori, rispetto all’obiettivo di 200 quintali. E abbiamo comunque soddisfatto gli undicimila vasi di pomodoro ordinati in anticipo realizzando un surplus”.

In totale sono stati 18 mila i vasi prodotti, tra salsa, pelati e pomodoro in pezzi. L’etichetta “trasparente” rivela che dei 3 euro spesi per un barattolo di pomodoro, “il 55 per cento va a retribuire il lavoro, che è tutto lavoro artigianale – specifica Notarangelo – dalla raccolta a mano selezionata alla trasformazione”. Quest’ultima fase è avvenuta presso l’azienda agricola e agriturismo BioAgriSalute sull’Appennino lucano. Nessun costo di pubblicità, data la diffusione col passaparola, un sito web frutto di videomaker volontari e i social network. Quattro le persone che hanno avuto un regolare contratto di lavoro di due mesi e mezzo, a fronte di zone in cui la manodopera è compensata a cottimo e a condizioni miserrime. E tutti i costi sono stati così coperti.

A servire o vendere Funky Tomato ci pensano piccoli ristoranti, cooperative e negozi di Roma, Venezia, Bologna, Genova e Ravenna. Aborrita la grande distribuzione, per i profitti troppo bassi che versa ai produttori.

L’iniziativa, economicamente, si sostiene. Anche se ci sono margini migliorabili, come la proporzione tra il prodotto venduto venduto in pre-acquisto, dal prezzo ribassato, e gli ordini a prodotto inscatolato.

L’obiettivo è ora una diffusione dell’esperienza ad altre realtà, così da garantire agli stagionali, dopo il lavoro nei campi di pomodoro, la continuità occupazionale con la raccolta delle arance in Calabria, dove già opera con analoghi obiettivi SOS Rosarno, o con altri lavori in grado di sottrarli al caporalato. Infine, una ridefinizione del contributo dei volontari e la concentrazione della produzione e trasformazione in luoghi vicini, in modo da rendere ogni azienda agricola autonoma e azzerare il trasporto dei pomodori dai campi alla lavorazione. L’organizzazione “madre”, Funky Tomato, si trasformerebbe così in “incubatore” di altre imprese, limitandosi ad acquistare e rivendere i prodotti.

Obiettivo centrato? “Quasi – ammette Notarangelo – Purtroppo abbiamo scoperto che anche l’industria dei semi cela segmenti di lavoro sfruttato, in India e Cina. E poi per il trasporto dei prodotti finiti, per ora, ci siamo affidati ai corrieri convenzionali. Ma contiamo di riuscire a migliorare anche questi aspetti”.

Riuscirà quest’esperienza ad affermarsi come pratica virtuosa, al di là di quella realtà “protetta” dall’adesione e impegno civile di tante persone, in un lembo di Sud al riparo dalla criminalità organizzata? Certo è che finora non c’è stato nessun riconoscimento o sostegno da parte dello Stato o di Enti locali. Quella di Funky Tomato è per ora una storia che parla di terra, stagioni, lavoro, vita, fatica, migrazione. E’ una storia che parla di Sud, ma con un finale aperto a dignità e speranza.

Cristina Gentile

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Commercio ecologico e solidale contro la crisi: Greeneria e Letsell lanciano il “franchising online” gratuito

marzo 26, 2020

Commercio ecologico e solidale contro la crisi: Greeneria e Letsell lanciano il “franchising online” gratuito

In tempi di restrizioni alla mobilità delle persone e chiusure di esercizi commerciali dovute all’emergenza coronavirus, l’e-commerce sembra essere l’unica modalità per non bloccare totalmente l’economia e le vendite, soprattutto di prodotti non alimentari. Da qui l’idea di due società piemontesi di lanciare il primo “franchising online” in Italia, per offrire a studenti, famiglie e commercianti una [...]

Premio “Mani Tese”: 10.000 euro per inchieste di giornalismo investigativo e sociale

marzo 25, 2020

Premio “Mani Tese”: 10.000 euro per inchieste di giornalismo investigativo e sociale

Dopo il successo della prima edizione torna il Premio Mani Tese per il giornalismo investigativo e sociale, di cui sono ufficialmente aperte le candidature. Il Premio Mani Tese intende sostenere la produzione di inchieste originali su tematiche concernenti gli impatti dell’attività di impresa sui diritti umani e sull’ambiente, in Italia o nei Paesi terzi in cui [...]

Giornata Mondiale del Riciclo: dati positivi per CONAI. “Ma occorre incentivare l’uso di materia riciclata”

marzo 18, 2020

Giornata Mondiale del Riciclo: dati positivi per CONAI. “Ma occorre incentivare l’uso di materia riciclata”

La Giornata Mondiale del Riciclo del 18 marzo 2020 si apre con una nota di ottimismo. «Secondo le prime stime CONAI, nel 2019 l’Italia ha avviato a riciclo il 71,2% dei rifiuti da imballaggio, una quantità superiore a 9 milioni e mezzo di tonnellate. Se pensiamo che la richiesta dell’Europa è quella di raggiungere il 65% entro [...]

500 elettrica, la prima volta di Fiat

marzo 4, 2020

500 elettrica, la prima volta di Fiat

E’ stata presentata oggi a Milano, in anteprima mondiale, la Nuova 500, la prima vettura di FCA nata full electric, che si preannuncia per il marchio Fiat del gruppo, una nuova rivoluzione, dopo quella che negli anni Sessanta ha reso la mobilità a motore alla portata di tutti. Adesso però, spiegano dal quartier generale Fiat, “It’s [...]

Bando CONAI per l’ecodesign: 500.000 euro in palio per le imprese

marzo 3, 2020

Bando CONAI per l’ecodesign: 500.000 euro in palio per le imprese

L’edizione 2020 del Bando CONAI per l’eco-design degli imballaggi è stata annunciata lo scorso 28 febbraio, con l’obiettivo di stimolare una sfida verso una maggiore sostenibilità ambientale. Le aziende italiane si dovranno infatti confrontare a colpi di miglioramento dei propri imballaggi, rivisti in chiave di economia circolare. Nel 2019 i casi virtuosi presentati e ammessi sono [...]

Inchiesta Altroconsumo: 2/3 dei prodotti acquistati online sui principali e-commerce non è sicuro

febbraio 24, 2020

Inchiesta Altroconsumo: 2/3 dei prodotti acquistati online sui principali e-commerce non è sicuro

Sono risultati impressionanti quelli dell’inchiesta condotta da Altroconsumo insieme ad altre organizzazioni di consumatori europee e pubblicati sul numero di marzo della propria rivista: la maggior parte dei prodotti per bambini, ma anche cosmetici, gioielli, dispositivi elettronici e abbigliamento acquistabili sulle principali piattaforme di e-commerce non è sicuro per la salute e/o non a norma di legge. L’analisi [...]

“Green Week”, a Trento la nuova edizione del Festival della Green Economy

febbraio 10, 2020

“Green Week”, a Trento la nuova edizione del Festival della Green Economy

Nel futuro si potrà viaggiare a emissioni zero? È possibile ridurre la chimica in agricoltura? Come gestire i grandi flussi del turismo mondiale? Il “sistema moda” può essere effettivamente sostenibile? Quale impatto avrà la sostenibilità sul mondo della finanza? L’architettura sta affrontando in maniera adeguata le questioni relative al risparmio energetico e all’utilizzo di nuovi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende